In una workstation batte un cuore Cell

Sony e IBM mettono a nudo la prima macchina basata su quei singolarissimi processori che, sviluppati in collaborazione con Toshiba, faranno girare la prossima PlayStation. La via è già segnata
Sony e IBM mettono a nudo la prima macchina basata su quei singolarissimi processori che, sviluppati in collaborazione con Toshiba, faranno girare la prossima PlayStation. La via è già segnata


Armonk (USA) – Sony e IBM hanno tolto i veli ad una workstation basata su quel processore, Cell, che si troverà sotto al cofano della PlayStation 3 .

Nato dagli sforzi congiunti di Sony, IBM e Toshiba , Cell verrà adottato in una vasta gamma di dispositivi, sia consumer che aziendali, tra cui le workstation. Come il prototipo appena mostrato, queste ultime verranno indirizzate alla realizzazione di contenuti digitali destinati al cinema, alla televisione e ai videogiochi.

Big Blue sostiene che una workstation basata su di un rack di processori Cell raggiungerà performance di calcolo di 16 teraflops, una potenza oggi superata soltanto dai quattro supercomputer più veloci al mondo. Questo sarà possibile formando cluster di processori Cell che potranno essere utilizzati come un’unica e potentissima unità di calcolo oppure, via software, suddivisi in più gruppi, ognuno dei quali destinato ad un differente task.

Le tre partner hanno confermato alcuni dei dettagli tecnici di Cell già emersi in questi anni, svelando inoltre alcune informazioni inedite. I processori Cell sono chip multicore costruiti con un processo a 90 nanometri e basati sulla tecnologia Power a 64 bit. Tali chip integrano un’interfaccia di I/O ad alta velocità e un bus con un’elevata ampiezza di banda, inoltre supportano le applicazioni real-time, il risparmio energetico e un sistema per la protezione delle proprietà intellettuali: quest’ultimo rivestirà particolare importanza nei dispositivi consumer, quali console da gioco e set-top box.

IBM ha pianificato l’avvio della produzione dei processori Cell durante la prima metà del 2005, mentre Sony prevede di lanciare i primi server domestici per la condivisione di contenuti multimediali e le prime set-top box HDTV nel corso del 2006. Questo è anche l’anno in cui Toshiba prevede di introdurre sul mercato diverse applicazioni per Cell e alcune home appliance basate su tale chip.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

29 11 2004
Link copiato negli appunti