In volo dentro Google Earth

Non c'è solo Google Sky nell'ultima versione del software di BigG. Un simpatico easter egg preannuncia un flight simulator, per un'applicazione sempre più in bilico tra geografia ed intrattenimento - il video

Roma – L’ha scoperto un giovane studente sudafricano il piccolo grande segreto dell’ultima versione di Google Earth rilasciata pochi giorni fa: un vero e proprio simulatore di volo, comprendente due velivoli molto diversi tra loro come l’ F-16 e il più modesto aereo da turismo SR22 , che consente letteralmente di volare attraverso le mappe satellitari raccolte e messe a disposizione da BigG.

Con una semplice combinazione di tasti ( Ctrl + Alt + A su Windows, Cmd + Opt + A su Mac – occhio alla lettera maiuscola) si accede ad una finestra di dialogo, che permette di scegliere velivolo da usare e da dove partire : per iniziare è consigliabile optare per il più maneggevole SR22 e dare lentamente manetta con il tasto Pagina Su per decollare. Si può anche optare per iniziare il volo dal punto di osservazione dove ci si trovava prima di richiamare il simulatore. La lista completa dei comandi da usare è disponibile qui .

Un'immagine.. al volo L’esperienza è piuttosto realistica , completa di tutte le funzioni di un vero aeroplano: carrello, flap, timone ed alettoni. Manca l’audio, ma sarebbe aspettarsi davvero troppo da quella che in fondo non è altro che una sorta di “technology preview”: un esempio di quella che potrebbe essere una funzione integrata ufficialmente nella prossima versione di Google Earth , e che aggiungerebbe un altro soldato alla guerra dichiarata da BigG a Microsoft nel campo del software.

Oltre al simulatore di volo, nella versione 4.2 di Google Earth ha fatto il suo debutto un’altra funzione: Google Sky . Una volta raggiunta la località desiderata, basta un semplice clic su una icona della barra degli strumenti per iniziare l’esplorazione del cielo così come sarebbe visibile da quella latitudine e logitudine. Il programma si avvale delle immagini di Hubble Space Telescope e del celebre strumento di Monte Palomar per illustrare le meraviglie dello spazio profondo, grazie alla presenza dei riferimenti per i principali cataloghi degli oggetti celesti.

E se sembra intollerabile a questo punto fare a meno di Google Earth quando si è lontani da un accesso alla rete.. niente paura: un ingegnere egiziano ha inventato Voyager , un’applicazione disponibile solo per piattaforma Windows che consente di scaricare da Google Earth le informazioni inerenti la zona da visitare in maniera sistematica, direttamente nella cache del programma. Le istruzioni per l’utilizzo del software sono disponibili qui .

In questo modo Google Earth può trasformarsi in un vero e proprio navigatore stradale , a patto di dotare il proprio PC di una antenna GPS, con il vantaggio di impiegare autentiche mappe fotografiche satellitari che illustrino il territorio. Di seguito un video che illustra le principali caratteristiche di Google Sky:

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e cognome scrive:
    Re: Progettazione contestabile
    Cerca qualche foto on line: sono dei cumuli di schede madri con degli xeon, ram e schede di rete infilati dentro degli armadi (e no non intendo deigli armadietti pieni di 1U).Non so cosa intendi per poverta': ma lo scopo e' massima capacita' di calcolo per euro speso.Non e' un mainframe o una super cpu da coccolare, ma un cluster di macchine economiche in cui la quantita' e' la chiave.
    • ... scrive:
      Re: Progettazione contestabile
      Già ma se monti un coso che a scelta si spacca perchè acchiappa tutto il calore di una scheda messa sotto (o magari prodotto dalla stessa cpu rovesciata - ci sarà un motivo se nessun case le monta a testa in giù) o perchè la polvere non ha problemi a passare non so quale quantità vuoi difendere...Lì sarebbe bastato montare le schede in verticale, sigillare tutto e lasciare aperto solo lo spazio per un set di ventole da 120 filtrate all'inverosimile.Un parallelepipedo dove le pareti interne tengono le schede madri ed i due piani un set di 4 ventole sopra e sotto da 120 che creano una colonna d'aria che va ad abbattersi sui dissipatori spingendo in alto e fuori quella calda
      • dadex scrive:
        Re: Progettazione contestabile
        Beh ma infatti a nessuno è vietato fare quello che dici per preservare i componenti e non penso che un case ermetico e ventialto progettato ad hoc per un cluster "da poveri" faccia lievitare il prezzo di molto... Non per niente questo è un PROTOTIPO. Cmq non c'è niente di rivoluzionario nell'assemblaggio dell'hardware (ce la facevo anche io a montare 4 mobo una sull'altra in quel modo)il vero dato interessante è che SOLO GRAZIE A GNU/LINUX E ALL'ALGORITMO DI CLUSTERING LIBERO E' STATA POSSIBILE UNA COSA DEL GENEREQuesto dovrebbe essere una lezione per chi osteggia il pinguino
  • xadu scrive:
    e le ps3? stessa potenza del cluster
    ma sbaglio o l'altro giorno c'era un articolo sui cluster PS3??? in pratica se ti compri la console della Sony hai gia' la stessa potenza... che c'è bisogno che ti fai il cluster????
    • claudio scrive:
      Re: e le ps3? stessa potenza del cluster
      è vero con 600 euro hai 2 TFlop, non c'è proprio paragone di prezzo, certo occorre trovare il modo di installarci linux
      • sconosciuto scrive:
        Re: e le ps3? stessa potenza del cluster
        - Scritto da: claudio
        è vero con 600 euro hai 2 TFlop, non c'è proprio
        paragone di prezzo, certo occorre trovare il modo
        di installarci
        linuxil modo per installare linux c'è già..Addirittura in america la vendono volendo con Yellow Dog linux già installato.
        • Pluto2 scrive:
          Re: e le ps3? stessa potenza del cluster
          Sì e dimmi che ci fai con 256 mega di memoria da spartire tra sistema operativo, programmi e dati. Pong o Space invaders?
          • ... scrive:
            Re: e le ps3? stessa potenza del cluster
            finalmente uno che usa il cervellobravo!
          • xadu scrive:
            Re: e le ps3? stessa potenza del cluster
            - Scritto da: Pluto2
            Sì e dimmi che ci fai con 256 mega di memoria da
            spartire tra sistema operativo, programmi e dati.
            Pong o Space
            invaders?se avvii un cluster di cpu non certo lo fai per la quantita' di memoria ma solo per la potenza di calcolo... 256mb sono piu' che sufficienti...
          • icy scrive:
            Re: e le ps3? stessa potenza del cluster
            Se avvii un cluster di cpu non ci fai niente se non hai hard disk e ram a sufficienza. La potenza di calcolo, a meno che non ti serva per trovare un solo numero (ovvero per casi particolari come determinare la primalitá di un numero o cose del genere), non serve a molto se non hai anche ram e spazio su disco. Le simulaizoni che si fanno di solito prevedono un output di dati imenso per (si parla di terabyte di dati al secondo), la simulazione degli effetti sul clima da parte del riscaldamento globale per esempio prevedono di simulare l'intero pianeta e salvare ogni passo della simulazione. Senza ram e disco non vai lontano.
  • Ricky scrive:
    reciclare...
    Il mio modesto parere e' che con "cose vecchie" si puo' comunque arrivare a calcolare molto,questo comporta 2 cose buone:1)reciclo,rendendo ancora usabili vecchi materiali evitiamo la rincorsa a quelli nuovi e quindi il continuo formarsi di SCARTI INDUSTRIALI MOLTO DANNOSI per tutti.2)Questi pc sono SENZA TRUSTED COMPONENT e ci liberano dal dover PER FORZA usare hardware nuovo per reggere i prodotti e gli applicativi sempre piu' esosi.3)non e' detto che in futuro non possano essere ancora piu' performanti e meno costosi e per di piu' magari anche modulari quindi piu' longevi.
    • Billo scrive:
      Re: reciclare...
      - Scritto da: Ricky
      Il mio modesto parere e' che con "cose vecchie"
      si puo' comunque arrivare a calcolare
      molto,questo comporta 2 cose
      buone:Nell'articolo non si parla di riciclo ma dell'utilizzo di hardware nuovo per ottenere quello che fa un computer standard.
      1)reciclo,rendendo ancora usabili vecchi
      materiali evitiamo la rincorsa a quelli nuovi e
      quindi il continuo formarsi di SCARTI INDUSTRIALI
      MOLTO DANNOSI per
      tutti.Se devo consumare 4 volte la corrente che consuma un computer normale, non parlerei proprio di riciclo, direi che si tratta di spreco!
      2)Questi pc sono SENZA TRUSTED COMPONENT e ci
      liberano dal dover PER FORZA usare hardware nuovo
      per reggere i prodotti e gli applicativi sempre
      piu' esosi.Questo discorso centra poco con il caso di cui si discute.
      3)non e' detto che in futuro non possano essere
      ancora piu' performanti e meno costosi e per di
      piu' magari anche modulari quindi piu'
      longevi.E' meno costoso un computer quad core già pronto.
      • Ricky scrive:
        Re: reciclare...
        Pare proprio che tu abbia risposte a tutto,allora dimmi peche' hanno speso soldi per fare questo progetto.Non recicla,non risparmia,non ha potenza,non ha un basso impatto ambiantale non ha sbocchi e non serve a nessuno.Ma che bel progettone...e' un esame per diventare politico?Se riesci a fare la cosa piu' inutle e costosa e senza alcun bonus VINCI?E ricorda,parlare del TPM e dei trusted pc HA SEMPRE SENSO...
        • Billo scrive:
          Re: reciclare...
          - Scritto da: Ricky
          Pare proprio che tu abbia risposte a tutto,allora
          dimmi peche' hanno speso soldi per fare questo
          progetto.Che senso ha il "modding" dei case? Eppure un sacco di ragazzini ci spendono un sacco di soldi. A dimostrazione dei geni che sono i tizi che hanno realizzato questo microcoso, invece di utilizzare un solo alimentatore ne hanno installati quattro con spreco di soldi, spazio e corrente, per non parlare del rumore!
          Non recicla,non risparmia,non ha potenza,non ha
          un basso impatto ambiantale non ha sbocchi e non
          serve a nessuno.Infatti. Aggiungi che è brutto a vedersi e non è gestibile da chi lo usa per la prima volta in una parola è improduttivo.
          Ma che bel progettone...e' un esame per diventare
          politico?Ma quale progettone, è un'idea che è venuta a molti, compresi amici studenti e il sottoscritto. Qualsiasi persona sana di mente però.. abbandona queste idee dopo essersi fatti un pò di conti per rendersi conto che si possono spendere quei soldi per una workstation già pronta.
          Se riesci a fare la cosa piu' inutle e costosa e
          senza alcun bonus VINCI?Si! Un articolo su PI, per far capire al mondo quanto sei pirla.
          E ricorda,parlare del TPM e dei trusted pc HA
          SEMPRE SENSO...Fino ad ora non mi è capitato un solo computer che non mi permettesse di farci quello che mi pare. Il resto è noia..
          • Nome e cognome scrive:
            Re: reciclare...
            La (sola?) cosa interessante dell'esperienza e' la ricerca di mercato che hanno fatto per scegliere CPU e MB che offrono il miglior rapporto watt/Gflop.Tutto il resto e' qualcosa che qualsiasi cacciavitaro magari fanatico di BOINC ( http://boinc.berkeley.edu/ ) e del calcolo distribuito non sappia fare e non abbia gia fatto.Basta che cerchi "stomp monster" su google immagini:http://images.google.it/imgres?imgurl=http://seti-teamartbell.com/Gallery/stomp_monster.jpg&imgrefurl=http://seti-teamartbell.com/Gallery/index.php&h=534&w=400&sz=209&hl=it&start=1&um=1&tbnid=Xj3o7HYdGWXaqM:&tbnh=150&tbnw=112&prev=/images%3Fq%3D%2522stomp%2Bmonster%2522%26svnum%3D10%26um%3D1%26hl%3Dit%26client%3Dfirefox-a%26channel%3Ds%26rls%3Dorg.mozilla:it:official%26sa%3DNciao
      • den2k scrive:
        Re: reciclare...
        bello, compro un Dual/Quad/Giga/Teracore tutto assemblato in un unica macchina, così se ho bisogno di più potenza di calcolo (pensate al rendering di film 3D o a simulazioni di realtà virtuale) butto via tutto e compro un nuovo PC preassemblato.... ricordate che stiamo parlando di contesti operativi in cui è molto importante la scalabilità, se ho bisogno di maggiori performance aggiungo un componente al cluster e il gioco è fatto!
  • Enjoy with Us scrive:
    Complimenti!?!
    Cioe' la potenza di un Core 2 Duo, figuriamoci un Quad.Va bene che sono passati alcuni mesi, macon gli stessi soldi si puo' allora ottenere la stessa potenza di calcolo ma ricorrendo a sistemi piu' convenzionali, un normale PC !!!
  • nome e cognome scrive:
    Re: Dove sta la novita'
    la novita dovrebbe essere che 'sti qua hanno scoperto che si possono fare dei cluster con le schede di rete e senza case...O meglio: e' ufficiale che questo per il mondo accademico sia una novita'.(che e' falso per fortuna: ricordo a scuola da me un cluster di un 15 pc almeno 4 anni fa, mosix mi sembra)
  • marco.jj scrive:
    usare le GPU
    Intel Core 2 DUO = 25 GFlopsGPU ATI = 375 GFlopsVedi:http://ati.amd.com/technology/streamcomputing/consumer.html ohttp://developer.nvidia.com/object/cuda.html Ciao
    • cazzo spari scrive:
      Re: usare le GPU
      Sì ma le GPU sono RISCquindi hai un set di istruzioni limitato
      • fante76 scrive:
        Re: usare le GPU
        Io ricordo che i processori RISC sono MOOLTO meglio degli Intel x86 come architettura. Di fatti, se non erro, gli athlon hanno il core che è un RISC e poi hanno uno strato di conversione da x86 a RISC per la compatibilità.Quindi l'idea di usare le GPU non è malaccio, quando ovviamente non vuoi usarle per la grafica 3D...
        • Axxxx scrive:
          Re: usare le GPU
          Si ma le gpu non hanno un interfaccia col sistema pensata per questa tipologia di utilizzo, dunque penso che se facessi eseguire delle istruzioni alla ATI ci sarebbe un grosso collo di bottiglia sullo scambio di dati
        • cazzo spari scrive:
          Re: usare le GPU
          - Scritto da: fante76
          Io ricordo che i processori RISC sono MOOLTO
          meglio degli Intel x86 come architettura. Di
          fatti, se non erro, gli athlon hanno il core che
          è un RISC e poi hanno uno strato di conversione
          da x86 a RISC per la
          compatibilità.
          Quindi l'idea di usare le GPU non è malaccio,
          quando ovviamente non vuoi usarle per la grafica
          3D...Incredibile...Quindi usiamo x86 solo perchè quello è lo standard,mentre con architetture RISC potremmo avere maggiori preformance?
          • riddler scrive:
            Re: usare le GPU
            Non e' esattamente cosi' ma hai afferrato il concetto, l'architettura x86 non e' certamente la migliore al mondo, anzi...
          • Julio scrive:
            Re: usare le GPU
            Be', questo è abbastanza assodato.http://it.wikipedia.org/wiki/Reduced_instruction_set_computer
        • HAL scrive:
          Re: usare le GPU
          Da molto tempo le cpu x86 non sono più veramente cisc. L'esecuzione di codice risc è molto più veloce, pur anche col microcode di traduzione. la parte cisc è sempre stata mantenuta per compatibilità
    • Damix scrive:
      Re: usare le GPU
      In effetti un'altra possibilità ancora potrebbe essere usare NVIDIA Tesla C870 o qualcosa del genere; non è flessibile come può esserlo un cluster Linux basato su TCP/IP, però dicono che oltrepassi i 500 GFlops come capacità di calcolo, ovvero quasi 20 volte quella di Microwulf, costando approssimativamente uguale.Figo :-D
    • Genio scrive:
      Re: usare le GPU
      Ma forse non l'hai capito che l'eccezionalità sta nei costi di costruzione?? Certo perchè non mettiamo due belle 1950gtx a fare i calcoli?...solo 1000 dollari se ne vanno in gpu!
    • codroipo scrive:
      Re: usare le GPU
      - Scritto da: marco.jj
      Intel Core 2 DUO = 25 GFlops
      GPU ATI = 375 GFlops


      Vedi:
      http://ati.amd.com/technology/streamcomputing/cons

      o

      http://developer.nvidia.com/object/cuda.html

      CiaoA parte i valori di gigaflop sbagliati di quasi un ordine di grandezza, non è così semplice, le gpu afaik hanno poche/nessuna istruzione di flusso, possono processare molto velocemente stream di dati paralleli ma la cosa si conclude lì. Può darsi che nelle nuove gpu qualcosa abbiano aggiunto, per renderle gpgpu, ma credo che comunque analizzare i gigaflops senza considerare il contesto operativo possa portare a delusioni.
  • Billo scrive:
    quad core..
    Ma allo stesso prezzo, uno non potrebbe comprarsi un Mac Pro Quad Core?
    • ba1782 scrive:
      Re: quad core..
      Sono 4 dual core, a 2.0ghz, quindi dovremmo parlare (credo) di due quad core (per uguagliare il numero dei "core")... Ma a quel punto non so più coi gigaflops come siamo messi :D
    • io me scrive:
      Re: quad core..
      mah..ma il "vecchio quad g5" non aveva già 76 gflops?http://www.macworld.it/showPage.php?template=notizie&id=9949
  • ... scrive:
    Re: Progettazione contestabile

    C'è anche da domandarsi una cosa: quante
    applicazioni comuni sarebbero realmente in grado
    di sfruttare cotanta potenza di calcolo e
    soprattutto quali tipi di applicazioni
    ?Sei fuori strada: gli applicativi vengono scritti ad-hoc per sfruttare appieno la potenza di calcolo. Di certo non usano il mini-mostro per farci girare powerpoint ...
    • ...(1) scrive:
      Re: Progettazione contestabile
      Ma neanche un programma di cad serio perchè lì il cluster "mette insieme" solo la potenza delle cpu mentre ne servirebbe uno per le gpu (quello sì che sarebbe un cluster da avere)
      • Axxxx scrive:
        Re: Progettazione contestabile
        Le GPU in cluster gia ci sono... le nuove schede video si possono collegare in copia e anche in quadriglia...
        • ... scrive:
          Re: Progettazione contestabile
          Solo con schede madri su misura (Sli e Dual Sli, insomma quad come certe Asus e Apple) invece io vorrei fosse possibile fare lo stesso con due schede madri economiche con rete gigabit come si fa per le cpu
  • Fabrizio scrive:
    curiosità
    Scusate, ma non sono molto familiare ocn questa cosa dei gigaflops... così ho fatto un minimo di ricerca e mi sono imbattuto in questo articolo... http://www.hwupgrade.it/articoli/skvideo/1750/nvidia-tesla-gpu-g80-per-elaborazioni-gpgpu_5.html(lo so che è la concorrenza... scusatemi!)In quell'articolo si dice che una scheda grafica oggi ha qualche centinaio di gigaflops... immagino che sia io a fare della confusione, ma qualcuno può chiarirmi?Grazie!
    • ... scrive:
      Re: curiosità

      In quell'articolo si dice che una scheda grafica
      oggi ha qualche centinaio di gigaflops...
      immagino che sia io a fare della confusione, ma
      qualcuno può
      chiarirmi?Le schede grafiche sono eccezionali in termini di prestazioni. Ma essendo progettate per scopi precisi raramente e' possibile sfruttarle in altro modo.Ad esempio la precisione non e' all'altezza e hanno grossissimi problemi nell'elaborare grosse quantita' di dati.
      • Fabrizio scrive:
        Re: curiosità
        Grazie, molto esauriente!Per caso sai quanti gigaflops ha mediamente una cpu oggi?
        • nome e cognome scrive:
          Re: curiosità
          un terzo di quel cluster :P
          • ba1782 scrive:
            Re: curiosità
            Direi 1/4 visto che sono 4 cpu :P
          • cazzo spari scrive:
            Re: curiosità
            - Scritto da: ba1782
            Direi 1/4 visto che sono 4 cpu :PSi ma sono cpu superate, quindi stimava 1/3 imho
          • ba1782 scrive:
            Re: curiosità
            - Scritto da: cazzo spari
            - Scritto da: ba1782

            Direi 1/4 visto che sono 4 cpu :P

            Si ma sono cpu superate, quindi stimava 1/3 imhoMa superate de che?! Ho usato un X2 3800+ fino a 2 mesi fa!E poi hanno 1 anno e mezzo di vita quelle lì... dai non sono così vecchie..!
          • Nome e cognome scrive:
            Re: curiosità
            - Scritto da: ba1782
            Direi 1/4 visto che sono 4 cpu :PUno fara' bene il master!
  • Redmond 2007 scrive:
    Che roba cantinara
    Solo i linari possono eccitarsi per quattro pezzi di silicio saldati insieme e con un pinguino ficcato dentro.Ma del resto basta guardare la faccia del tizio... :( :((win)(apple)
    • anonimo scrive:
      Re: Che roba cantinara
      - Scritto da: Redmond 2007
      Solo i linari possono eccitarsi per quattro pezzi
      di silicio saldati insieme e con un pinguino
      ficcato
      dentro.

      Ma del resto basta guardare la faccia del
      tizio... :(
      :(

      (win)(apple)Qualcuno ha forse detto "batteria di MacMini + Xgrid?"
    • nome e cognome scrive:
      Re: Che roba cantinara
      - Scritto da: Redmond 2007
      Solo i linari possono eccitarsi per quattro pezzi
      di silicio saldati insieme e con un pinguino
      ficcato
      dentro.

      Ma del resto basta guardare la faccia del
      tizio... :(
      :(

      (win)(apple)He mi ricordo i bei cluster di xbox di un tempo...Quelli si che erano forti
    • nome e cognome scrive:
      Re: Che roba cantinara
      Buaaaa!he tocca dilettarsi col calcolo massivo ai linari non potendo partecipare ai 2 temi piu' eccitanti della evoluzione informatica in campo winzozz:- Capire come cavolo hanno implementato il client dhcp in sVista- Far funzionare l'ultimo sparatutto in widescreen...
Chiudi i commenti