INAIL, moduli solo in sw proprietario

Qualche polemica sulla scelta dell'Istituto di mettere a disposizione moduli scaricabili da internet in un formato chiuso. Si poteva almeno proporre il viewer gratuito


Roma – C’è qualche polemica che sta sorgendo in rete, come già accaduto in passato in altre occasioni, sulla scelta dell’INAIL, l’Istituto Nazionale Assicurazioni contro gli Infortuni sul Lavoro, di proporre su alcune delle proprie pagine dei moduli da scaricare per l’inoltro di pratiche, moduli che sono però proposti in un formato di software proprietario.

Sulla pagina dei “modelli di denuncia nominativa dei lavoratori parasubordinati”, infatti, appare un comodo file “zippato” che può essere facilmente scaricato da web. Nello zip, però, il modulo fornito è in formato Microsoft Excel.

Per poter fruire del modulo, da stampare e riempire, occorre dunque disporre del software Microsoft. Oppure scaricare il visualizzatore gratuito distribuito da Microsoft , che però non viene neppure citato nella pagina dell’INAIL. Sebbene si tratti di un visualizzatore che non è disponibile per tutte le piattaforme.

In passato, accese polemiche aveva suscitato un’analoga scelta del ministero dell’Economia e delle Finanze.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    morte di unix???
    ma linux è uno unix! riscritto da capo e con una filosofia diversa, ma lo è!e freebds? e openbsd?
  • Anonimo scrive:
    Sarà poi vero?
    Se leggete l'articolo al link http://www.informationweek.com/story/IWK20030102S0003 sembrerebbe che in realtà il momento di Linux stia rallentando.Che si stia assestando intorno al suo share definitivo?3dots
  • Anonimo scrive:
    [OT] IBM OS/2
    Premessa: no flame please! Chi postera' una risposta a questo messaggio tentando di causare flame sara' premiato con il "rinco d'oro!". :)Volevo solo dire che oggi ho buttato in cassonetto tutta la "roba" che conservavo su OS/2 (manuali, floppy, cd-rom, etc. etc.)......chi l'avrebbe mai detto che sarebbe finita così nel '95? Io no! E che avrebbe scommesso su Linux a quel tempo? Io no! E sul fatto che apple avrebbe crato macosx? Io no! Mi chiedo quindi come si faccia a fare previsioni in informatica :(
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] IBM OS/2
      - Scritto da: Anonimo
      Premessa: no flame please! Chi postera' una
      risposta a questo messaggio tentando di
      causare flame sara' premiato con il "rinco
      d'oro!". :)

      Volevo solo dire che oggi ho buttato in
      cassonetto tutta la "roba" che conservavo su
      OS/2 (manuali, floppy, cd-rom, etc.
      etc.)...
      ...chi l'avrebbe mai detto che sarebbe
      finita così nel '95? Io no! E che avrebbe
      scommesso su Linux a quel tempo? Io no! E
      sul fatto che apple avrebbe crato macosx? Io
      no! Mi chiedo quindi come si faccia a fare
      previsioni in informatica :(Gli appositi istituti privati addetti alle previsioni (Gartner Group, etc) le fanno anche relativamente all'informatica.Come funzionano? Chi paga entra a far parte delle previsioni, chi non paga svanisce.Se, invece che affidarsi ai soloni delle previsioni, si osserva il mercato per quello che e` si scopre che l'informatica professionale e` un po' diversa da quello che vorrebbe Microsoft. E IBM l'ha capito.
  • Anonimo scrive:
    no flame please!
    Sia da parte dei linuxari che dei windosauri invito tutti (almeno per questa volta) di evitare flame!Gli argomenti di discussione sono triti e ritriti, e ognuno ha le sue ragioni e i suoi torti!byeZ!
  • Anonimo scrive:
    Finalmente
    una ipotesi che mi sembra valida e sensata, altre strade per Linux io attualmente non le vedo sopratutto (ma non solo) per il mercato desktop e SOHO.Naturalmente è una mia idea e sottolineo l' "attualmente" utilizzato nel periodo precedente.CIAO!!
  • Anonimo scrive:
    Ancora nessun commento ?
    Strano....
Chiudi i commenti