Incontri/ Software e brevetti

A Roma


Roma – Si terrà il 24 giugno dalle 17 presso l’Aula magna della LUMSA (Libera Università degli studi “Maria S.S Assunta” di Roma) un incontro-dibattito pubblico sul tema Software: diritto d’autore e brevetto .

All’incontro, organizzato da LUMSA, CDTI (Club Dirigenti Tecnologie dell’Informazione di Roma) e l’associazione senza fini di lucro Inforav, parteciperanno secondo una nota “economisti, giuristi e qualificati professionisti del settore, vuole trattare la tematica della brevettazione del software, anche alla luce delle ultime normative emesse in sede europea, con l’obiettivo di contribuire al dibattito in atto sulle protezioni del software senza compromettere le libertà di ideazione e imprenditoriale, tra diritto d’autore e brevettazione”.

Ulteriori informazioni sono disponibili qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    proprio adesso che è nella bufera
    Ora che Emergency è nella bufera per l'Iraq e lo Sheraton di Amman, questi qui vanno a sbandierare la pubblicità gratis!Ma per fare beneficenza bisogna dirlo? Risposta: sì, per scaricarla (di chi è Ad Maiora? la risposta cercatevela da soli).
  • Anonimo scrive:
    pubblicita' a costo zero
    se l'avessero voluto fare veramente per uno scopo nobile, non l'avrebbero sbandierato, ma avrebbero offerto gratis e nel silenzio il loro servizio ad emergencyfatto in questo modo e' solo un volgare scambio per ottenere pubblicita' gratuita
    • Attila Xihar scrive:
      Vero, ma...
      - Scritto da: Anonimo
      se l'avessero voluto fare veramente per uno
      scopo nobile, non l'avrebbero sbandierato,
      ma avrebbero offerto gratis e nel silenzio
      il loro servizio ad emergency
      fatto in questo modo e' solo un volgare
      scambio per ottenere pubblicita' gratuitaD'accordo con te sui fatti, non sul giudizio morale.Ad Maiora non è un ente pubblico, nè di beneficienza. Questa iniziativa, pur essendo anche promozionale, mi pare ugualmente lodevole.
      • Anonimo scrive:
        Re: Vero, ma...
        - Scritto da: Attila Xihar

        - Scritto da: Anonimo

        se l'avessero voluto fare veramente per
        uno

        scopo nobile, non l'avrebbero
        sbandierato,

        ma avrebbero offerto gratis e nel
        silenzio

        il loro servizio ad emergency

        fatto in questo modo e' solo un volgare

        scambio per ottenere pubblicita'
        gratuita

        D'accordo con te sui fatti, non sul giudizio
        morale.

        Ad Maiora non è un ente pubblico,
        nè di beneficienza. Questa
        iniziativa, pur essendo anche promozionale,
        mi pare ugualmente lodevole.e' un semplice scambio di favori....chi ci guadagna di piu' e' admaiora e non di certo emergency...
Chiudi i commenti