India, se il copyright oscura il web

L'Alta Corte di Madras obbliga i principali provider a bloccare gli accessi a siti come Vimeo, DailyMotion, Isohunt. Ma anche a Pastebin e The Pirate Bay. Bisogna fermare la proliferazione illecita di materiale cinematografico

Roma – L’ordinanza è stata diramata da un giudice dell’Alta Corte di Giustizia nella città di Madras, accogliendo le richieste della società di produzione indiana Copyrightlabs dopo la proliferazione selvaggia del film romantico-adolescenziale 3 sulle principali reti di file sharing del web.

E questa volta non è stata la sola The Pirate Bay a finire nel mirino del giudice indiano. Gli avvocati di Copyrightlabs hanno chiesto alla corte di impedire la distribuzione di qualsiasi materiale illecito legato alla nuova pellicola . Parlando di clip, trailer, singole scene, backstage che circolano senza autorizzazione.

L’Alta Corte di Giustizia ha dunque obbligato i principali provider locali – Reliance Communications per primo, poi a ruota anche Airtel – a bloccare gli accessi ai grandi siti del video sharing, da Vimeo a DailyMotion . Nel testo dell’ordinanza sono finiti anche Pastebin e il motore di ricerca BitTorrent Isohunt.

Secondo il giudice, i provider indiani dovranno impedire la circolazione di parti dell’opera tirata in ballo da Copyrightlabs . Dunque evitando che gli utenti possano connettersi a piattaforme tradizionali del web come Vimeo o Pastebin. Che di certo non hanno intenzione di lucrare sulla condivisione di piccole parti di un film giovanilistico indiano.

Pronta la ritorsione da parte del collettivo Anonymous, che ha lanciato una serie di attacchi DDoS contro il sito ufficiale della Corte Suprema e dell’Indian National Congress . Anche il sito di Copyrightlabs è al momento “fuori uso per manutenzione”. L’ Operazione India ha puntato il dito contro le autorità di Nuova Delhi per quella che viene vista come una forma di censura.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    84 GWh / anno
    Però da noi c'è ancora qualcuno convinto che il FV non conviene, produce un'inezia, che suo cuggino gli ha detto che pensava di rientrare nell'investimento in due mesi e invece -ma guarda!- ci va qualche anno...Vada a spiegarlo a GOOG e AAPL, che stanno sbagliando tutto.
  • iii scrive:
    Celle?
    "Apple utilizzerà inoltre celle alimentate esclusivamente a combustibile biologico."Celle? E cosa sarebbero? Intendete centrali? O magari fuel cell (dubito)?
    • Paolo T. scrive:
      Re: Celle?
      Ma è così. La nuova centrale in Carolina del Nord sarà alimentata a "bio-gas fuel-cells". In California e in altri stati se ne fa già uso da un po' di anni.
      • Supertroll scrive:
        Re: Celle?
        - Scritto da: Paolo T.
        Ma è così. La nuova centrale in Carolina del Nord
        sarà alimentata a "bio-gas fuel-cells". In
        California e in altri stati se ne fa già uso da
        un po' di
        anni.Si, il bio-gas frutto delle flatulenze dei vari Ruppolo, Bertuccia, Mex e Pompeo, assunti come genetatori di energia...
  • iome scrive:
    Apple un passo avanti!
    ecco come riutilizzare i cinesi in sovrannumero di foxxcon: cyclette e vai di ricarica! Un lavoro di gruppo, all'aria aperta e non ci sono neanche palazzi da cui saltare per suicidarsi. E le azioni si impennano!
  • Paolo T. scrive:
    Ottima mossa
    Beh, SunPower ha le tecnologie più innovative, quindi è un'ottima mossa. Ma mi aspetto dai residenti proteste per le centrali a biomasse (a meno che i grandi spazi del Nord America non permettano di piazzarle in zone isolate).Mi stupisce che non abbiano deciso anche loro di installare un data center nel Baltico o nel Mare del Nord. Ma forse stanno davvero perseguendo l'obiettivo di tornare un'azienda prevalentemente americana.
Chiudi i commenti