Infopoverty, un convegno a Milano

Il 13 maggio si farà il punto sul gap tecnologico che divide intere popolazioni e su come risolverlo


Roma – L’attuale evoluzione delle tecnologie e delle telecomunicazioni approfondisce il gap tra le popolazioni che possono utilizzare la rivoluzione digitale per lo sviluppo della propria società e quelle che ne sono private. Per questo, per parlare di “Infopoverty:from possibile solutions to action”, a Milano il 13 maggio alle 9 presso l’Aula Magna dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Largo Gemelli, 1 a Milano si terrà un convegno su questa questione “chiave” dell’oggi tecnologico.

“Il Convegno – si legge in una nota – promosso dall’Occam e dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, in parternariato con il Parlamento Europeo e con istituzioni internazionali, nazionali e locali, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana e con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha come obiettivo quello di mettere a fuoco lo stato attuale nella lotta all’Infopovertà e l’individuazione critica di concrete soluzioni”.

Nell’occasione saranno presenti tra gli altri: Roberto Formigoni, Presidente della Regione Lombardia; Ombretta Colli; Presidente Provincia di Milano; Mario Baccini, Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri; Bendik Rugaas, Direttore Generale per la Cultura al Consiglio d’Europa; Massimo Baldini, Sottosegretario Ministero della Comunicazione; Sergio Zaninelli, Magnifico Rettore dell’Università Cattolica di Milano; Staffan De Mistura, Rappresentante Personale del Segretario Generale dell’ONU; Mario Mauro, Vice Presidente Commissione Cultura e Media Parlamento Europeo e Pierpaolo Saporito, Presidente Occam.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    La proposta di Onnivora arriva in parlamento
    http://www.onnivora.net
  • Anonimo scrive:
    Niente internet niente pedofili...?!?!
    Sembra quasi che sia nata prima internete poi la pedofilia...il problema vero e` la latitanza dello statoin certe zone d'Italia che provocaenormi problemi dei quali la pedofiliae` solo uno dei tanti;se la legge c'e` ma non la si fa rispettarediventa conveniente essere fuorilegge,e questo vale per tutti i reati.________________________.___ ThE rEal SpAtaTraC! /_|___ Chi usa outlook infetta anche te, digli@----@-' di smettere
Chiudi i commenti