Informatica Umanistica difesa dai docenti

Con una lettera al ministro all'Istruzione Letizia Moratti 150 docenti spiegano perché nell'era digitale è indispensabile una riflessione umanistica sull'informatica
Con una lettera al ministro all'Istruzione Letizia Moratti 150 docenti spiegano perché nell'era digitale è indispensabile una riflessione umanistica sull'informatica


Roma – Sta acquisendo sempre più spessore l’iniziativa “Informatica umanistica: una disciplina importante” voluta dai docenti italiani che ritengono indispensabile nell’era digitale una forte presenza delle discipline umanistiche nell’informatica, “cuore pulsante” delle nuove tecnologie.

L’iniziativa, già sottoscritta da più di 160 docenti, si avvale di un sito sul quale è possibile leggere il testo della lettera inviata al ministro all’Istruzione Letizia Moratti e una serie di altri materiali.

“Nei mesi scorsi – si legge in una nota diffusa dal sito – la stampa aveva attribuito al Ministro qualche perplessità sulla previsione dei nuovi corsi di laurea in informatica umanistica. Ebbene: secondo i firmatari dell’appello, nell’era della società dell’informazione c’è un disperato bisogno di editor, bibliotecari, archivisti, filologi, storici, filosofi, linguisti, ecc. che sappiano utilizzare in modo innovativo gli strumenti informatici, e sappiano riflettere sulle loro caratteristiche e le loro potenzialità, anche in ambito umanistico. Ciò che le facoltà umanistiche rivendicano è insomma la loro capacità di analizzare, gestire ed elaborare – in maniera certo non esclusiva, ma con un ruolo specifico e rilevante – anche le nuove forme della conoscenza”.

Secondo i firmatari dell’appello, l’inserimento dell’informatica umanistica fra le materie di insegnamento e fra i corsi di laurea specialistica introduce anche nei curricula universitari italiani “una metodologia d’avanguardia, in una prospettiva di integrazione formativa europea”. Di conseguenza auspicano “concrete iniziative a sostegno di progetti innovativi, che offrono a studenti e studentesse di ambito umanistico una formazione più aggiornata e qualificata, e maggiori opportunità di inserimento nel mondo del lavoro”.

Il testo della lettera al Ministro è disponibile qui .

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 08 2002
Link copiato negli appunti