Informatica Umanistica difesa dai docenti

Con una lettera al ministro all'Istruzione Letizia Moratti 150 docenti spiegano perché nell'era digitale è indispensabile una riflessione umanistica sull'informatica


Roma – Sta acquisendo sempre più spessore l’iniziativa “Informatica umanistica: una disciplina importante” voluta dai docenti italiani che ritengono indispensabile nell’era digitale una forte presenza delle discipline umanistiche nell’informatica, “cuore pulsante” delle nuove tecnologie.

L’iniziativa, già sottoscritta da più di 160 docenti, si avvale di un sito sul quale è possibile leggere il testo della lettera inviata al ministro all’Istruzione Letizia Moratti e una serie di altri materiali.

“Nei mesi scorsi – si legge in una nota diffusa dal sito – la stampa aveva attribuito al Ministro qualche perplessità sulla previsione dei nuovi corsi di laurea in informatica umanistica. Ebbene: secondo i firmatari dell’appello, nell’era della società dell’informazione c’è un disperato bisogno di editor, bibliotecari, archivisti, filologi, storici, filosofi, linguisti, ecc. che sappiano utilizzare in modo innovativo gli strumenti informatici, e sappiano riflettere sulle loro caratteristiche e le loro potenzialità, anche in ambito umanistico. Ciò che le facoltà umanistiche rivendicano è insomma la loro capacità di analizzare, gestire ed elaborare – in maniera certo non esclusiva, ma con un ruolo specifico e rilevante – anche le nuove forme della conoscenza”.

Secondo i firmatari dell’appello, l’inserimento dell’informatica umanistica fra le materie di insegnamento e fra i corsi di laurea specialistica introduce anche nei curricula universitari italiani “una metodologia d’avanguardia, in una prospettiva di integrazione formativa europea”. Di conseguenza auspicano “concrete iniziative a sostegno di progetti innovativi, che offrono a studenti e studentesse di ambito umanistico una formazione più aggiornata e qualificata, e maggiori opportunità di inserimento nel mondo del lavoro”.

Il testo della lettera al Ministro è disponibile qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    trovata commerciale, nient'altro
    ditemi se il ragionamento fila:mi butto fuori corel sui miei computer cosi la gente che non ama ms dice che sono fico, faccio notizia e mi puntano i riflettori sopra .. e magari microsoft un domani mi sborsa qualche soldino "in beneficenza" perche' io reinstalli office sui miei pc ..e' gia' successa una cosa del genere con un governo che dopo aver minacciato di adottare linux si e' visto arrivare da ms grandi offerte a prezzi speciali se sceglievan i loro prodotti..altro si che falsi ideali o buoni propositi del tipo "corel fa prodotti migliori" .. li tutto gira in funzione di un tasto della tastiera: $bye
    • Anonimo scrive:
      Re: trovata commerciale, nient'altro
      sicuro, l'articolo parte col dire che hp ha il 50% del mercato e questo fa pensare a chissà cosa.però non dice che questo 50 e' occupato in gran parte dai pc per ufficio e negli home solo dalla compaq e che la serie pavillon di hp probabilmente verrà ritirata dal mercato, come tutte le altre serie hp dopo la fusione con compaq.quindi la storia sa un pò di pc in magazzino e per sbolognarli un pò velocemente ci vuole una trovata commerciale, tipo corel office preinstallato..alla ms sta bene, tanto gli utenti home notoriamente non acquistano ms office, se ce l'hanno e' piratato. va anche bene entrare nella fascia home a basso costo con un prodotto che in buona parte è suo, vista la sua quota di azioni in corelpoi basta un bel comunicato stampa che PI riporta generosamente come notiziona..l'effetto immediato (come di vede nei primi commenti alla notizia) è l'entusiasmo degli ignari utenti che appena vedono qualcosa pro o contro MS si entusiasmanoche bello il marketing :)
  • Anonimo scrive:
    Corel e M$
    M$ possiede buona parte del pacchetto azionariodi Corel.
    • Anonimo scrive:
      Re: Corel e M$
      forse hanno comprato anche i redattori di PI. ti fanno credere che corel è concorrente a ms, così gli anti ms son contenti ed il billone ha sempre i boresellino pieno..
      • Anonimo scrive:
        Re: Corel e M$
        - Scritto da: Amon
        forse hanno comprato anche i redattori di
        PI. ti fanno credere che corel è concorrente
        a ms, così gli anti ms son contenti ed il
        billone ha sempre i boresellino pieno..mi sa che te non hai capito cos'e' office e che il punto non e' il successo di corel...
        • Anonimo scrive:
          Re: Corel e M$

          mi sa che te non hai capito cos'e' office el'office nemmeno l'ho citato, però puoi sempre pensare che non so cosa sia office se ti fa piacere :)
          che il punto non e' il successo di corel...corel l'ho citata, ma il punto del mio commento è che l'articolo si azzarda a prevedere cosa MS dovrà fare in futuro per fare concorrenza ad una ditta che in buona parte le appartiene.
  • Anonimo scrive:
    Questo numero di PI è memorabile.
    Che notizie figata!ah no ... quella degli mp3 è una merda.però trutto sommato è una buona notizia per OGG!
    • Anonimo scrive:
      Re: Questo numero di PI è memorabile.
      Talmente una bella notizia che non interessa ha nessuno forse saranno ancora tutti in ferie?
      • Anonimo scrive:
        Re: Questo numero di PI è memorabile.
        nah! e che con una news come questa non si puo' flammare! ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Questo numero di PI è memorabile.
          - Scritto da: Skaven
          nah! e che con una news come questa non si
          puo' flammare! ;)Questa è da "Virgolette"... ;-
        • Anonimo scrive:
          Re: Questo numero di PI è memorabile.
          - Scritto da: Skaven
          nah! e che con una news come questa non si
          puo' flammare! ;)Infatti nn credo ke possa esserci qualcuno non contento della notizia! La concorrenza porta prodotti migliori e ad un prezzo notevolmente più basso.Anche OpenOffice, che sta per diventare uno strumento potente nell'ambito del groupware, non dovrebbe arrivare a soppiantare prodotti commerciali tipo M$ o Corel. Sparirebbe la concorrenza!!Saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Questo numero di PI è memorabile.
            è arrivato l'altro fresco fresco...ma che vi fumate la mattina?
      • Anonimo scrive:
        Re: Questo numero di PI è memorabile.
        - Scritto da: Fantamen
        [..] interessa ha nessuno forse [...]-----------------^^^^^^--------COMPLIMENTONI!!!
  • Anonimo scrive:
    lol
    vedreai che quando MS office non lo usera + nessuno lo integreranno gratis in windoz (rigorosamente NON disinstallabile) cosi torneranno a usarlo tutti! deeeheeehee :)
    • Anonimo scrive:
      Re: lol
      Anche secondo me... già ora lo uso e mi trovo bene. Unica pecca è il prezzo. Ecco per Windows XP Pro io pagherei 150 euro mentre per OfficeXP 60/70 euro.
Chiudi i commenti