Informazioni genetiche, troppe in rete

Lo dicono gli esperti


Roma – Secondo una Commissione della UE che si occupa di etica nella scienza e nelle tecnologie in rete con troppa facilità arrivano informazioni personali sui test genetici, informazioni che sono frequentemente ingannevoli o incomplete. Una situazione che secondo gli esperti ha risvolti “etici, sociali e legali”.

Gli strali sono rivolti soprattutto al mercato dei test di paternità basati sul DNA e quelli relativi alla predisposizione a patologie di varia natura. Tutte informazioni che secondo gli esperti non sono garantite e possono produrre anche lesioni alla privacy dell’individuo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    L'infante faccia..........
    ....l'infante e non ci scassi l'anima con il suo voler andare su internet. Tanto non ci capisce una sega!Giochi con le macchinine che è meglio !
Chiudi i commenti