Innovazione, se ne parla a Forum P.A.

Convegno

Roma – L’8 maggio in occasione del Forum P.A. in corso alla Fiera di Roma in questi giorni si terrà un convegno promosso da AITech-Assinform interamente dedicato all’innovazione e alla situazione del mercato dell’informatica e delle TLC in Italia.

Al convegno parteciperanno, tra gli altri, Ennio Lucarelli (pres. AITech-Assinform), Linda Lanzillotta (Margherita), Beatrice Magnolfi (DS), Lucio Stanca (Forza Italia), Maurizio Beretta (dir.gen. Confindustria), Alberto Tripi (pres. Federcomin e Fita).

Forum P.A. è qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Invece di studiare Urania...
    Facciamo un bello studio del TC comparato all'economia e troviamo una risposta a questa domanda.Se il TC diventasse uno standard su tutti gli Hw del mondo (già qui ci sarebbe da discutere su come sarà possibile visto che le società che fanno parte di quel consorzio non sono tutte le società che producono hw informatico nel mondo)Se il TC diventasse una necessità indispensabile che taglierà fuori, chi non lo possiederà, da cose tipo internet stessa (di nuovo è richiesta una seria discussione su come sarebbe possibile sovvertire ordini precostituiti e riconosciuti a livello mondiare come l'ISO che mai e poi mai accetterebbe come standard una cosa imposta da un manipolo di società private)e Se il TC facesse veramente tutte le cose che vengono terrorizzate quasi si parlasse di un libro di fantascienza anni 70 con società impossibili e tutti supinamente assoggettatiNon nascerebbe il dubbio che intere masse di persone senza aver mai sentito parlare di TC e no1984 ecc. scatenerebbe un vero e proprio crollo del mercato dell'informatica basato su restituzioni di massa di prodotti considerati difettosi o lesivi della privacy con conseguente perdita di fiducia anche nei marchi più grandi e famosi e fallimenti in massa ?Questo che il TC diventi pienamente operativo da subito o a fasi ?Non nasce il dubbio che la massa per quanto supina e burina sa di avere dei diritti (reali ed acquisiti di fatto) e che a questi non rinuncerà ?Non nasce il dubbio che se il TC fosse veramente inattaccabile (quindi niente modchip o scelta se navigare o meno sulla rete, ricordatevi che il diritto alla comunicazione è uno dei diritti basilari dell'uomo) chi lo avrebbe acquistato lo restituirebbe con le buone o le cattive e tutti gli altri non lo compreranno più facendo crollare anni di progetti certosini ?Infine non nasce il dubbio che una società commerciale punta ad aumentare il profitto e non ad affossarlo quindi il TC non verrà mai messo a pieno regime proprio per evitare quanto sopra ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Invece di studiare Urania...

      Non nasce il dubbio che la massa per quanto
      supina e burina sa di avere dei diritti (reali ed
      acquisiti di fatto) e che a questi non rinuncerà
      ?Stai forse parlando degli stessi pirla che spendono più soldi in suonerie che in cd ?Sei un grande ottimista :D
      • Alessandrox scrive:
        Re: Invece di studiare Urania...
        - Scritto da:

        Non nasce il dubbio che la massa per quanto

        supina e burina sa di avere dei diritti (reali
        ed

        acquisiti di fatto) e che a questi non rinuncerà

        ?
        Stai forse parlando degli stessi pirla che
        spendono più soldi in suonerie che in cd
        ?
        Sei un grande ottimista :D Si spendono piu' in suonerie che in CD e poi scaricano i brani dal P2P. l colmo dell' Idiozia (con la I maiuscola). Le multinazionali e le Majors possono stare tranquille.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 maggio 2006 17.40-----------------------------------------------------------
      • Anonimo scrive:
        Re: Invece di studiare Urania...
        DoH !(ghost)
Chiudi i commenti