Inquinamento, ora in una mappa, domani in un clic

Vulcan Project mostra in dettaglio le emissioni di diossido di carbonio statunitensi; rispetto alle analisi del passato si evidenzia l'importanza delle correnti d'aria
Vulcan Project mostra in dettaglio le emissioni di diossido di carbonio statunitensi; rispetto alle analisi del passato si evidenzia l'importanza delle correnti d'aria

Washington – Gli Stati Uniti sono la nazione con il più alto tasso di emissione di anidride carbonica, il 20% del totale. Quindi, come sostengono numerosi scienziati, anche i maggiori responsabili del cosiddetto effetto serra – considerando la non adesione al Protocollo di Kyoto – e del conseguente riscaldamento globale . Ora, dopo anni di ricerche, gli scienziati del Vulcan Project , che raccoglie alcuni dei più prestigiosi accademici statunitensi, hanno realizzato una prima mappa nazionale delle emissioni di CO2. Un progetto unico dai molti risvolti.

Grazie alla collaborazione di NASA e Dipartimento dell’Energia e all’utilizzo di tecnologie sviluppate per questo obiettivo è stato finalmente possibile mettere in correlazione i dati numerici del 2002 con le correnti d’aria e gli elementi climatici. La situazione è parsa preoccupante. “Sapevamo che le considerazioni sulle emissioni di carburanti fossili non erano precise, ma siamo rimasti sconcertati da quanto fossero lontane dalla realtà”, ha dichiarato Kevin Gurney, ricercatore della Purdue University e leader del progetto.

Apparentemente la mappa mostra una certa correlazione fra emissioni e densità delle popolazione, ma come sottolineano alcuni, un’analisi più attenta è capace di svelare altro. Ad esempio che nelle zone semi-rurali del Sud-Est vi sono delle anomale concentrazioni di CO2, generate dallo spostamento delle imprese che hanno abbandonato il Nord-Est e il Midwest. Come a dimostrare che gli agglomerati urbani generano sì diossido di carbonio, ma anche che le imprese vantano qualche responsabilità nel computo finale. Tesi per altro molto sostenute in Europa, ma piuttosto ridimensionate oltreoceano dal Governo Bush.

Il software sviluppato dai ricercatori mostra come le emissioni si spostino dal Sud della California per andare nel Pacifico lungo il Messico e dalla costa orientale verso l’Atlantico. Le tempeste e le correnti ovviamente sono responsabili di questi movimenti. Sarebbe interessante, poi, capire quanto delle emissioni statunitensi giunga in Europa e Africa. “Se potessimo mostrare la realtà delle emissioni e gli effetti dell’acquisto di auto ibride e dell’istallazione di strutture isolanti nelle case, sarebbe un bel modo per interagire con i consumatori”, ha dichiarato Gurney. Il prossimo passo infatti è quello di utilizzare i dati provenienti dal satellite Orbital Carbon Observatory , che sarà lanciato in orbita a dicembre per monitorare la presenza di biossido di carbonio nell’atmosfera.

Ogni sforzo sarà poi concentrato su Hestia Project , uno dei più ambiziosi progetti di divulgazione scientifica legati al clima. “Vogliamo rendere il tutto più dettagliato, a livello di edificio, e mostrarlo in 3D, tipo Google Earth, in modo che le persone possano zoomare dappertutto”, ha aggiunto il ricercatore. “I numeri di una tabella non attirano le persone. Ma se potessero vedere il mondo e la propria casa, in modalità foto realistica, allora sì che il tutto avrebbe a che fare con la loro vita”.

“Hestia Project partirà in via sperimentale a maggio con il tracking della città di Indianapolis”. Ci vorrà del tempo per completare il lavoro. Poi, forse, la Politica cercherà di correre ai ripari.

Legambiente ha già qualche idea su cosa ci aspetta. Il suo ultimo dossier ” 2108 la Terra che verrà “, tra le altre cose, sembra ritrarre un’Italia non in particolare difficoltà.

Dario d’Elia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 04 2008
Link copiato negli appunti