Intel allarga Centrino, taglia i prezzi

Il chipmaker ha lanciato alcuni nuovi modelli di Pentium M, i processori a basso consumo alla base della piattaforma wireless Centrino. Con l'occasione ha ribassato i prezzi di tutti i modelli precedenti
Il chipmaker ha lanciato alcuni nuovi modelli di Pentium M, i processori a basso consumo alla base della piattaforma wireless Centrino. Con l'occasione ha ribassato i prezzi di tutti i modelli precedenti


Santa Clara (USA) – Intel ha introdotto sul mercato tre nuovi processori della famiglia Pentium M, la stessa che è alla base della piattaforma wireless Centrino. Con l’occasione il chipmaker ha abbassato il prezzo dei precedenti modelli fino al 34%.

Centrino può ora contare su di un nuovo Pentium M a 1,70 GHz, una versione Low Voltage a 1,20 GHz e una Ultra Low Voltage a 1 GHz. Il prezzo dei tre modelli, che oltre al processore comprende il chipset 855 e il modulo PRO/Wireless 2100, è rispettivamente di 694$, 341$ e 319$ per ordini di 1.000 unità. Intel ha specificato che i processori possono anche essere acquistati a parte: questa scelta consente ai produttori di adottare i Pentium M in una più vasta gamma di prodotti, fra cui quei dispositivi che non prevedono il supporto alle connessioni wireless.

Facendo spazio ai nuovi chip, Intel ha tagliato il prezzo dei modelli a 1,6 GHz, 1,5 GHz e 1,4 GHz, rispettivamente diminuiti del 34%, del 31% e del 18%. I bundle basati su Centrino e basati su questi chip sono scesi di un fattore compreso fra il 14% e il 31%.

Nel corso del mese Intel intende inoltre fornire un aggiornamento del software di networking che, oltre a correggere alcuni problemi emersi di recente, offre un ulteriore supporto per le funzioni di sicurezza concepite per proteggere le informazioni trasmesse durante la connessione wireless alla rete.

Intel ha spiegato che questo aggiornamento, chiamato Intel PRO Network Connection V7.1, fornisce un supporto ai più recenti miglioramenti apportati alla sicurezza delle WLAN, quali ad esempio il WPA (Wi-Fi Protected Access), e la certificazione da parte della Wi-Fi Alliance.

In occasione di tali annunci Intel ha snocciolato un po’ di numeri. Se al momento dell’introduzione della tecnologia Centrino, a marzo, i sistemi basati sulla propria tecnologia senza fili erano 34, oggi il chipmaker afferma che i produttori di PC di tutto il mondo distribuiscono 58 modelli differenti. I formati dei sistemi vanno dai Tablet PC ai design sottili e leggeri con schermi di grandi dimensioni fino ai sistemi ultra-mobili con un peso inferiore a un chilogrammo e mezzo. Intel afferma che, in alcuni casi, questi sistemi offrono una durata della batteria superiore a cinque ore con un’unica carica. Il big di Santa Clara sostiene poi di aver verificato la compatibilità di Centrino con oltre 14.000 hot spot in tutto il mondo.

Pochi giorni fa Intel ha ammesso l’esistenza di un bug nel software che accompagna Centrino che, in alcuni casi, può causare il crash dei notebook utilizzati in concomitanza con una virtual private network (VPN). Intel ha affermato di essere a conoscenza del problema già da diverso tempo e di aver rilasciato un fix ai produttori di PC all’inizio di marzo, dunque in concomitanza con il rilascio dei primi prodotti Centrino.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 06 2003
Link copiato negli appunti