Intel assaggia il super Wi-Fi

I labs del chipmaker californiano hanno messo a punto un chip capace di supportare, oltre agli attuali standard Wi-Fi, anche la futura specifica 802.11n. Il chippetto potrà essere integrato in un ampio numero di componenti


Kyoto (Giappone) – Sebbene i chipset all-in-one che integrano gli standard 802.11a/b/g siano in circolazione ormai da tempo, negli scorsi giorni Intel ha mostrato il prototipo di un primo ricevitore radio Wi-Fi capace di supportare tutti gli standard succitati più la futura specifica 802.11n.

Il futuro standard Wi-Fi è ancora in fase di sviluppo presso l’802.11 Working Group dell’ IEEE (Institute of Electrical and Electronics Engineers) e, stando ai ben informati, non sarà finalizzato prima del 2007. La specifica 802.11n incrementerà sia la velocità di trasferimento dati, che dovrebbe superare i 100 Mbit/s, sia l’estensione della portata radio. Una delle tecnologie chiave alla base del futuro standard sarà MIMO (Multiple Input, Multiple Output), che permette di ampliare la banda trasmissiva attraverso l’impiego simultaneo di più canali di comunicazione e l’uso di più antenne: questa tecnica viene già impiegata su quei dispositivi Wi-Fi che, tramite estensioni proprietarie, permettono di spingere la velocità massima oltre i canonici 54 Mbit/s di 802.11a/g.

“La parte più difficile nel costruire il chip sta nel fatto che 802.11n non esiste ancora”, ha detto Manny Vara, technology strategist degli R&D Labs di Intel. “Stiamo tuttavia lavorando a stretto contatto con le aziende che sono impegnate nello sviluppo della specifica”.

Krishnamurthy Soumyanath, director del Communications Circuits Research Lab di Intel, ha tuttavia spiegato che la caratteristica più interessante del nuovo chippetto wireless è quella di essere costruito con lo stesso processo CMOS (Complementary Metal Oxide Semiconductor) che Intel utilizza per fabbricare i suoi processori e chipset per PC: ciò non solo riduce i costi di produzione dei componenti radio ma li rende anche facilmente integrabili in altri chip, come ad esempio la cache L2 di un processore.

“Oggi i dispositivi mobili contengono generalmente un chip per ogni tipo di connessione wireless supportato”, ha spiegato il chipmaker. “La ricerca di Intel sta guardando ad un futuro in cui i dispositivi utilizzeranno delle antenne “intelligenti” e dei ricevitori radio CMOS riconfigurabili che saranno in grado di adattarsi istantaneamente a vari tipi di rete. L’obiettivo perseguito è quello di permettere connessioni ad ogni rete, in ogni momento, in ogni luogo e da ogni device”.

Il colosso ha fabbricato il prototipo di chip con un processo a 90 nanometri, ma è probabile che le prime versioni commerciali verranno fabbricate utilizzando un processo a 130 nm. Il chippetto funziona a 1,4 volt, una tensione sensibilmente inferiore a quella tipicamente utilizzata dai chipset wireless attualmente sul mercato.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Il Bit Torrent di Microsoft !?
    Oh mio Dio, ci risiamo con le solite genialate di casa Microsoft ! (anonimo) (idea) MS Straroflt 1.0 (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) Onecare, l'Anstispyware ,Acrylic ......poi ? @^
  • Anonimo scrive:
    Sara' bellissimo
    ... vedere i file personali e riservati sparsi per internet a causa di tonnellate di security bug acclusi all'ennesima beta for ever release MS spacciata per 'il software top'.Auguri...
  • Anonimo scrive:
    Ma l'OSS non copiava e basta?
    Ma non dicevate che l'OpenSource si limita a copiare i prodotti commerciali? che MS&c sono quelli che investono e quei fricchiettoni del software libero copiano e basta le idee?Bene, questo e' un chiaro esempio di come sia vero il contrario.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma l'OSS non copiava e basta?
      Taci tu, linaro! Microsoft ha sempre ragione, anche quando ha torto, e tu sei un fricchettone da centro sociale e non capisci niente. Solo il software proprietario e' buono, il resto e' monnezza e non funziona. Per quello io uso solo quello, lo compro dal marocchino giu' all'ufficio :-P
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma l'OSS non copiava e basta?
      - Scritto da: Anonimo

      Ma non dicevate che l'OpenSource si limita a
      copiare i prodotti commerciali? che MS&c sono
      quelli che investono e quei fricchiettoni del
      software libero copiano e basta le idee?
      ma da quanto l'open source ha inventato il p2p?
      Bene, questo e' un chiaro esempio di come sia
      vero il contrario.vatti a studiare un po' di storia, oh mio linaro, che a forza di stare chiuso in cantina a farti le pippe ad ogni ricompilazione del kernel, ti si sta atrofizzando il cervello
  • TurboWilly scrive:
    Hanno dimenticato un particolare
    nessuno ha detto che quel coso verrà incluso in ogni distribuzione di Windows e verrà avviato facendo click su Start-
    Cerca nuovi file in reteE magari in tanti abboccano e lasciano perdere la roba valida:(
    • an0nim0 scrive:
      Re: Hanno dimenticato un particolare
      Mah, vedremo. Intanto c'e' una causa contro Grokster che, se finisce male, impedira' a Microsoft di agire in tal senso.
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno dimenticato un particolare
        In alcune news dicevano che se ne sarebbe sapute di piu' oggi, pero' negli usa viaggiano con alcune ore di ritardo.Bisognera' vedere alle ore piccole o domani se ci sono novita'.
  • Anonimo scrive:
    E cosa ci si può scambiare?! niente
    "prevede l'utilizzo di sistemi di digital right management per impedire che venga utilizzato per la condivisione non autorizzata del download di materiale protetto da diritto d'autore"allora se vogio passare una cartella zippata con le foto della mia comunione che faccio? la invio a bill la controlla e poi mi dice che posso scambiarla con un mio amico?M$ è furba sa che il suo programma P2P sarà forato altro che DRM e potranno passare file di qualsiasi genere.. tanto a lei interessa solo che noi usiamo il suo sw e vediamo i banner pubblicitari che esso avrà integrato nell'interfaccia..
    • IppatsuMan scrive:
      Re: E cosa ci si può scambiare?! niente
      - Scritto da: Anonimo
      "prevede l'utilizzo di sistemi di digital right
      management per impedire che venga utilizzato per
      la condivisione non autorizzata del download di
      materiale protetto da diritto d'autore"

      allora se vogio passare una cartella zippata con
      le foto della mia comunione che faccio? la invio
      a bill la controlla e poi mi dice che posso
      scambiarla con un mio amico?Potrò mettere in condivisione le iso di linux ? (aspetto qualcuno che si lamenti perchè condivido iso di linux da win) O dei programmi free per scrivere documenti latex? O GIMP? Papà Bill si arrabbierà?Boh, per adesso uso Azureus e ne sono felice, dono molto volentieri la mia banda.
    • Anonimo scrive:
      Re: E cosa ci si può scambiare?! niente
      non ci si scambia niente ....ma c'è
      • Anonimo scrive:
        Re: E cosa ci si può scambiare?! niente
        Dipende, le informazioni fornite sono poche e suppongo che ci sara' la possibilita' di filtrare il materiale ammesso che gli utenti lo possano inserire.In quest'ultimo caso deve esserci un controllo del materiale che gira con la possibilita' di fermare o non approvare la circolazione del materiale, il drm permetterebbe invece di determinare i limiti di funzionamento del materiale protetto ed eventualmente usare questo client per il management a chi lo ha scaricato.E poi faccio notare che di bittorrent alla fine potrebbe avere solo il nome........
    • Anonimo scrive:
      Re: E cosa ci si può scambiare?! niente

      "prevede l'utilizzo di sistemi di digital right
      management per impedire che venga utilizzato per
      la condivisione non autorizzata del download di
      materiale protetto da diritto d'autore"

      allora se vogio passare una cartella zippata con
      le foto della mia comunione che faccio? la invio
      a bill la controlla e poi mi dice che posso
      scambiarla con un mio amico?
      Io lavoro in un posto dove fanno spot per la Tvpoter distribuire ai clienti delle rpeview o delle demo senza il rischio che le veda qualcun altro e' un ottima cosaper ora si usano email o ftpuna cosa cosi e' molto piu' efficentenon esistono solo p2p o divx al mondo
  • Anonimo scrive:
    Digital RESTRICTION Management
    Chiamiamolo con il suo vero nome, cosi' magari la gente comune puo' farsi un idea di cosa ha tra le mani...
  • Anonimo scrive:
    arrivano sempre dopo ...
    ... poi diranno che l'hanno inventato loro
  • Anonimo scrive:
    Avalanche e MSN
    Cosi come M$ è riuscita a convincere gli utonti che MSN è il migliore istantmessanger al mondo (icq è superiore) con un bombardamento mediatico da paura, riuscirà anche a convincere gli utonti che Avalanche sia il vero p2p, il migliore. E tutti gli utonti lo useranno. IHMO meglio! almeno ci saranno meno leech sui tracker.
  • Anonimo scrive:
    Non è Open Source? E chi lo vuole?
    Si è vista la fine fatta dai protocolli non Open Source. eXeem è morto agonizzante. E tutti i tentativi di imporre standard alle comunità sono falliti, perchè le comunità sanno che prima o poi in un progetto closed ci si infilerà, potete contarci, qualche spyware per racimolare quei due tre milioni di dollari che si fanno oggi giorno vendendo info sui potenziali clienti. P2P = Open Source o fregatura.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è Open Source? E chi lo vuole?
      - Scritto da: Anonimo
      P2P = Open Source o fregatura.Non credo mettano gli spyware, per me a loro interessa avere questo protocollo per vendere direttamente contenuti multimediali. Oppure offrire nuovi soluzioni server a chi deve vendere contenuti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è Open Source? E chi lo vuole?
        Una distribuzione intelligente dei grossi contenuti serve anche alle aziende che devono distribuire file a molte filiali....Non esiste solo il p2p al mondo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è Open Source? E chi lo vuole?
      Share e' un esempio di close source destinato ad avere successo, pero' sono diverse le motivazioni e il tipo di utenza; la scelta e' dovuta dalla necessita' di proteggerne gli autori che potrebbero altrimenti subire la sorte di Kaneko (prima il carcere e ora il processo nonostante un'imputazione inizialmente non formulata alla faccia della loro costituzione).per questo share oltre a lavorare sull'anonimato dell'utenza dispone della sua homepage e area download solamente da freenet.E' positivo su questo punto che qualcuno stia facendo da apripista per la prossima generazione di p2p.
  • Kudos scrive:
    ERESIA
    ma come vi permettete di dire che microsoft si ispira a bittorrent? :|ma siete matti? il sistema L'HANNO INVENTATO LORO!bittorrent è solo una copa mal riuscita e chiunque sostenga il contrario sarà denunciato per violazione del copyright :@affettuosamente vostro, Steve Ballmer.(troll4)(troll4)
    • francescor82 scrive:
      Re: ERESIA

      ma come vi permettete di dire che microsoft si
      ispira a bittorrent? :|

      ma siete matti? il sistema L'HANNO INVENTATO LORO!
      bittorrent è solo una copa mal riuscita e
      chiunque sostenga il contrario sarà denunciato
      per violazione del copyright :@Hai perfettamente ragione! Salvo quando parli di copyright. Copyright? Ma stai scherzando? Quelli di BitTorrent hanno violato brevetti, altro che copyright! :@
      affettuosamente vostro, Steve Ballmer.Ciao Steve, a quando la prossima esibizione su un palco?
      (troll4)(troll4)Eheheh
      • Kudos scrive:
        Re: ERESIA

        Hai perfettamente ragione! Salvo quando parli di
        copyright. Copyright? Ma stai scherzando? Quelli
        di BitTorrent hanno violato brevetti, altro che
        copyright! :@pofferbacco, HAI RAGIONE! che refuso imperdonabile :|
  • Anonimo scrive:
    Mi sembra un'ottima cosa
    Permette a chi deve vendere contenuti col drm di avere un forte risparmio di banda.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sembra un'ottima cosa
      - Scritto da: Anonimo
      Permette a chi deve vendere contenuti col drm di
      avere un forte risparmio di banda. Giusto, morti di fame due volte.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sembra un'ottima cosa
      Cioè non solo vogliono vendere la loro cacca ma pure col la banda degli utenti? certo che il mondo è pieno di idioti pronto a portarti i dindi in cambio di nastrini.
      • an0nim0 scrive:
        Re: Mi sembra un'ottima cosa
        Lavorare con le licenze Microsoft ... Dio ci scampi!Passi pure il DRM, ma almeno non proprietario!Una follia. Chissa' se sara' integrato in longhorn ...
        • IppatsuMan scrive:
          Re: Mi sembra un'ottima cosa
          - Scritto da: an0nim0
          Passi pure il DRM, ma almeno non proprietario!

          Una follia. Chissa' se sara' integrato in
          longhorn ...Insieme al Palladium *grin*"Inoltre obbligò tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi, a farsi mettere un marchio sulla mano destra o sulla fronte. Nessuno poteva comprare o vendere se non portava il marchio, cioè il nome della bestia o il numero che corrisponde al suo nome" (Apocalisse 13:16-17)Ci tatueremo tutti "MS" sulla mano?(Non prendetemi troppo sul serio, grazie :) )
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra un'ottima cosa
            - Scritto da: IppatsuMan

            - Scritto da: an0nim0

            Passi pure il DRM, ma almeno non proprietario!



            Una follia. Chissa' se sara' integrato in

            longhorn ...

            Insieme al Palladium *grin*

            "Inoltre obbligò tutti, piccoli e grandi, ricchi
            e poveri, liberi e schiavi, a farsi mettere un
            marchio sulla mano destra o sulla fronte. Nessuno
            poteva comprare o vendere se non portava il
            marchio, cioè il nome della bestia o il numero
            che corrisponde al suo nome" (Apocalisse
            13:16-17)

            Ci tatueremo tutti "MS" sulla mano?

            (Non prendetemi troppo sul serio, grazie :) )Il futuro è quello e pretendere di capirlo adesso è pretenzioso, certo è che ultimamente molti segnali vanno in quella direzione :|
  • Anonimo scrive:
    RE-encoding ?
    Dunque, uno scarica un film pagato fior di quattrini grazie al drm. Questo film gira supponiamo in due formati diversi di diversa qualità. Ora io non sono un genio dell'encoding video ma mi sembra che la qualità di un media (video,img, suono che sia) non possa mai venire aumentata ma al massimo interpolata. Ora supponiamo che le parti di questo film che chiamerò A per il primo file e B per il secondo per formare il file completo ricodificato che verrà chiamato C si debbvano disporre così:AAABABABBBABABBAAABBBBAAABABABABAED IO DOVREI PAGARE PER VEDERE UN FILM CON LA QUALITA' A SCALE ? :@
    • Anonimo scrive:
      Re: RE-encoding ?
      - Scritto da: Anonimo
      Dunque, uno scarica un film pagato fior di
      quattrini grazie al drm. Questo film gira
      supponiamo in due formati diversi di diversa
      qualità. Ora io non sono un genio dell'encoding
      video ma mi sembra che la qualità di un media
      (video,img, suono che sia) non possa mai venire
      aumentata ma al massimo interpolata.
      Ora supponiamo che le parti di questo film che
      chiamerò A per il primo file e B per il secondo
      per formare il file completo ricodificato che
      verrà chiamato C si debbvano disporre così:

      AAABABABBBABABBAAABBBBAAABABABABA

      ED IO DOVREI PAGARE PER VEDERE UN FILM CON LA
      QUALITA' A SCALE ? :@hai capito proprio tutto tu
      • Anonimo scrive:
        Re: RE-encoding ?
        Divertiti a pagare per vedere i film in qualità schifosa
        • Anonimo scrive:
          Re: RE-encoding ?
          ma chi ha parlato di film e di perdita di qualità nell'articolo?
          • Anonimo scrive:
            Re: RE-encoding ?
            Cioè se l'articolo non scrive cosa bisogna pensare, il neurone si mette in ferie ?:sRipeto così anche i vostri neuroni connettono (meglio tardi che mai)Se si riuniscono tante parti di un file si fa quello che da sempre è alla portata del muloSe si ricodifica un file visto che non esiste miracolo per cui dal nulla si possa creare qualcosa che non sia composto dall'interazione di due o più parti già in possesso (e se è possibile allora adesso scrivo "photoshop" sul blocco note e mi aspetto il miracolo di vedermelo apparire) bisogna basarsi su parti già ottenute e se queste non hanno la stessa qualità il risultato nn potrà che essere pessimo.La matematica non è un'opinione
    • Di-Gi scrive:
      Re: RE-encoding ?
      Meglio che tu vada a dormire ora...Domani con calma ti rileggi l'articolo, e magari lo comprendi per il giusto verso.
    • r0n1n scrive:
      Re: RE-encoding ?
      Solo un piccolo appunto...Se i file A e B sono due versioni di un film con codifica diversa i file A e B sono diversi a prescindere dal contenuto (diversa dimensione, diversa disposizione di bit per cui diverso checksum) !!!Quindi essendo A e B diversi non si possono tra loro "mescolare" ...
    • Anonimo scrive:
      Re: RE-encoding ?
      - Scritto da: Anonimo
      In sostanza il re-encoding prende le varie parti
      di un file e le ricodifica di modo che le nuove
      parti siano combinazioni di quelle originali. Ni.In pratica la situazione è "PAR meets BitTorrent". Il formato PAR permette di recuperare l'intero file a fronte di pezzi mancanti. E' un programma usatissimo sui newsgroups binari, proprio percheè a volte di perdono "pezzi per strada".Avalanche sembra fare la stessa cosa: con il blocco ti bechi pure un pezzo di "PAR" e se hai sufficienti blocchi PAR potresti ricostruire i blocchi mancanti, rendendo quindi più spedita "l'esperienza".3 mesi al massimo e bittorrent avrà PAR2 integrato ;)Buona lettura: http://www.quickpar.org.uk
      • an0nim0 scrive:
        Re: RE-encoding ?
        Rispetto a PAR, quello di Microsoft sembra piu' spinto, ovvero PAR riesce a recuperare un blocco solo se si hanno quasi tutti gli altri, la soluzione Microsoft aumenta la ridondanza ma anche la capacita' di recuperare blocchi che poi sarebbero subito riimmessi nel circuito.Certo va capita se rimane l'indispensabile proprieta' di poter effettuare un'anteprima del download, come ad esempio consente di fare il mulo.
        • Anonimo scrive:
          Re: RE-encoding ?
          - Scritto da: an0nim0
          Certo va capita se rimane l'indispensabile
          proprieta' di poter effettuare un'anteprima del
          download, come ad esempio consente di fare il
          mulo.Mah, questa non mi sembra una questione importante, date le modalità di utilizzo. Microsoft ha un grosso problema: spingere gli aggiornamenti a più clienti nel minor tempo possibile. Questo è lo scopo primario di Avalanche. Poi ci sono le sciocchezze sul DRM. Sono fermamente convinto che solo prodotti firmati da DRM potranno essere scaricati (sai, è una questione di sicurezza, devi sapere da dove arriva un pacchetto, altrimenti potresti scaricarti un trojan... vedi come siamo bravi in M$?).Quindi, in un mondo blindato dal DRM, a che ti serve l'anteprima?
        • Anonimo scrive:
          Re: RE-encoding ?
          - Scritto da: an0nim0
          Rispetto a PAR, quello di Microsoft sembra piu'
          spinto, ovvero PAR riesce a recuperare un blocco
          solo se si hanno quasi tutti gli altri, la
          soluzione Microsoft aumenta la ridondanza ma
          anche la capacita' di recuperare blocchi che poi
          sarebbero subito riimmessi nel circuito.intendi par2?il sito eventualmente e' lo stesso indicato piu' sopra?
          • Anonimo scrive:
            Re: RE-encoding ?
            Scusa, era affermativo, il quickpar gestisce anche i par2, dato che la dimensione dei blocchi la decidi tu puoi decidere se farla uguale a quelli trasferiti o se un blocco trasferito male non e' completamente inutilizzabile allora usare blocchi ancora piu' piccoli.
Chiudi i commenti