Intel in fuga da Itanium?

Alcune fonti parlano di un progetto, un'architettura ibrida a 32/64 bit, da mettere in campo nel caso Itanium si rivelasse un flop


Santa Clara (USA) – Secondo quanto riportato da alcune fonti vicine ad Intel, il colosso di Santa Clara starebbe lavorando ad un progetto che, a detta degli esperti, avrebbe tutta l’aria di un piano di fuga nel caso Itanium si riveli un buco nell’acqua.

Su Prescott, questo il nome del progetto “misterioso”, si vociferava già da diverso tempo: si sarebbe trattato di una nuova CPU a 32 bit della famiglia Pentium. I piani di Intel ora parlerebbero invece di un processore in grado di eseguire sia istruzioni a 32 bit che a 64 bit, una caratteristica che lo accomunerebbe alla futura famiglia di chip Hammer di AMD.

Un portavoce di Intel non ha confermato il progetto nello specifico ma ha però ammesso che Intel avrebbe “un certo numero di piani b”, sottolineando poi come Itanium sia “alla base di un’architettura che abbraccerà più di due decenni”. Questa dichiarazione suona un po’ come una giustificazione al fatto che Itanium, il primo chip a 64 bit di Intel, non stia incontrando grande attenzione da parte del mercato, tanto che alcuni analisti lo hanno già etichettato come un flop.

In realtà è ancora presto per dire se l’architettura EPIC sviluppata da HP e Intel per l’Itanium ed i suoi successori sia o no un fallimento. È probabile che Itanium rappresenti solo una sorta di test su strada dell’architettura a 64 bit di Intel, e che questa tecnologia delegherà buona parte delle sue reali potenzialità al successore di Itanium: McKinley .

Riguardo a Prescott, nessuno può ancora dire se questo progetto si concretizzerà effettivamente in un prodotto commerciale o rimarrà un’idea sulla carta. Piuttosto che una via di fuga da Itanium, Prescott potrebbe ben rappresentare una sorta di ponte fra la piattaforma di Intel a 32 bit e quella a 64 bit.

Uno dei maggiori investimenti iniziali per le aziende che intendono passare a Itanium/McKinley è rappresentato infatti proprio dalla necessità di dover cambiare, in una sola volta, tutto il proprio parco software: una CPU in grado di mantenere la compatibilità anche con le applicazioni a 32 bit esistenti consentirebbe invece alle aziende di transitare verso la nuova piattaforma in modo più progressivo e meno traumatico.

È poi evidente come Prescott potrebbe altresì costituire il piano B di Intel nel caso l’architettura ibrida 32/64 bit di AMD, Hammer, dovesse incontrare una buona accoglienza da parte del mercato: in questo caso, infatti, il colosso di Santa Clara potrebbe non avere il tempo di attendere il decollo dei suoi chip a 64 bit, perché rischierebbe di consegnare una grossa fetta del mercato business nelle mani della rivale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    In Ferrari col limite di velocita'
    Chiedo scusa per l'opinione che sto per esprimere, perche' non mi posso considerare un esperto e magari le mie idee sono sbagliate, ma che senso ha comprare/vendere ancora dopo tutto questo tempo processori Celeron che (per quanto veloci) hanno un bus (sarebbe la velocita' di accesso alle periferiche) lento, 4 volte piu' lento di un P4???E' come comprare una Ferrari viaggiando su strade che non permettono di superare gli 80 chilometri all'ora. Quando sento nominare i processori Celeron penso sempre ad una cosa Vecchia... ma come mai continuano a sfornarne di piu' veloci visti i limiti evidenti???
  • Anonimo scrive:
    mapperforza!!
    Tanto sono tutti uguali!!!oramai sparano i gigahertz come peti inodori :))che tristezza ineleganteperò dobbiamo tutti dare una mano a intel, per cui compriamo perlomeno una motherboard ogni 2 mesi per non farli morire di fame!!!
  • Anonimo scrive:
    Dual 1GHz (1+1) G4 PowerMac da Apple
    Che ne dite della rinnovata linea Apple G4 (15GigaFlops) conscheda video nVidiaGeForce4 ?http://www.apple.com/it
  • Anonimo scrive:
    Il miraggio di Celeron 1,2 GHz e 1,3 GHz
    I signori della Intel hanno abbassato i prezzi, ma non si trova un solo processore 1,2 o 1,3 in tutt'Italia. Se vuoi ti danno volentieri il vecchio 1,1 a Lire 250.000 più iva. Bello scherzo. Vediamo se qualche pezzo grosso Intel si scomoda per dirci quando, come e dove gli utenti finali potranno approvvigionarsi dei processori. E sopratutto a che prezzo. Salutoni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il miraggio di Celeron 1,2 GHz e 1,3 GHz
      Non preoccuparti:in un regime di MONOPOLIO, NON PUOI RISPARMIARE !!L'unica cosa che ti consiglio è di girarti abbassandoti le braghe, oppure optare per altrimonopolisti, leggi AMD, che in realta' monopolisti non sono ma vorrebbero tanto diventarlo !!!!!!!!!F.- Scritto da: giba34
      I signori della Intel hanno abbassato i
      prezzi, ma non si trova un solo processore
      1,2 o 1,3 in tutt'Italia. Se vuoi ti danno
      volentieri il vecchio 1,1 a Lire 250.000 più
      iva. Bello scherzo. Vediamo se qualche pezzo
      grosso Intel si scomoda per dirci quando,
      come e dove gli utenti finali potranno
      approvvigionarsi dei processori. E
      sopratutto a che prezzo. Salutoni.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il miraggio di Celeron 1,2 GHz e 1,3 GHz
        Signor Fottuto Dottor Bill, mi dica subito se lei è un dirigente Intel. Se lo fosse la sua risposta è chiara: siamo tutti fottuti, ma pochissimi Bill. :) Ciao.
Chiudi i commenti