Intel incrocia il Celeron col Pentium M

Il chipmaker lancia senza clamori un nuovo modello di Mobile Celeron dedicato ai Tablet PC basato sulla stessa tecnologia del Pentium M. Il rappresentante dei nuovi chip mobili a basso costo


Santa Clara (USA) – Fornendo ai produttori di Tablet PC un assaggio tecnologico della sua prossima generazione di chip a basso consumo, Intel ha introdotto sul mercato un nuovo modello di Celeron Ultra Low Voltage (ULV) a 800 MHz basato, primo della sua famiglia, sulla tecnologia Banias del Pentium M.

Il nuovo chip è destinato ad essere prodotto in quantità limitate, tuttavia desta interesse il fatto che esso rappresenti l’inizio di quella transizione che, a partire dal prossimo anno, farà sì che i Celeron a basso consumo condividano la stessa architettura e lo stesso processo produttivo dei Pentium M. Una mossa, questa, attraverso cui Intel potrà, da un lato, tagliare i costi di produzione, e dall’altro mandare definitivamente in pensione la tecnologia Pentium III adottata dai PIII-M e da diversi modelli di Mobile Celeron.

Il nuovo Mobile Celeron ULV verrà adottato da alcuni produttori di Tablet PC, fra cui Motion Computing, come alternativa più efficiente del PIII-M e più economica del Pentium M; un processore, quest’ultimo, con cui la nuova versione del Mobile Celeron condivide la velocità del bus di sistema, pari a 400 MHz, e i chipset di supporto.

Rispetto ad un Pentium M, che ha una frequenza di clock compresa fra 1,3 e 1,7 GHz ed è dotato di 1 MB di cache, il Celeron di ultima generazione gira a frequenze sensibilmente inferiori e adotta 512 KB di cache.

Ufficialmente i Celeron basati sul core dei Pentium M dovrebbero essere lanciati durante il primo trimestre del prossimo anno, probabilmente poco dopo il debutto dei nuovi Pentium M ” Dothan “.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MadiC scrive:
    non ho capito una cosa su lindows
    ma visto che lindows e' basato su una marea di codice GPL, come mai non permettono di scaricare nulla?mi sono perso qualcosa sulla GPL o sul loro sito (da cui non sono riuscito a trovare la distro o i sorgenti)
    • Anonimo scrive:
      Re: non ho capito una cosa su lindows
      Tu hai capito bene: guarda che siamo alle solite sul pro e contro gli Unix_derivati, definiti impropriamente "free". Linux è il classico esempio di come - sul lavoro di migliaia di appassionati/volontari/smanettoni/etc - solo poche multinazionali (IBM in testa) fanno una paccata di soldi. Altro che Zio Bill!!! Almeno lui dichiara che il profitto serve ANCHE a pagare gli sviluppatori. Ciao
      • MadiC scrive:
        Re: non ho capito una cosa su lindows
        - Scritto da: Anonimo
        Tu hai capito bene: guarda che siamo alle
        solite sul pro e contro gli Unix_derivati,
        definiti impropriamente "free". Linux è il
        classico esempio di come - sul lavoro di
        migliaia di
        appassionati/volontari/smanettoni/etc - solo
        poche multinazionali (IBM in testa) fanno
        una paccata di soldi. Altro che Zio Bill!!!
        Almeno lui dichiara che il profitto serve
        ANCHE a pagare gli sviluppatori. Ciaoehm... non mi hai risposto :)cmq, forse non ti e' chiara la GPL.Linux non e' di nessuno ed e' di tutti.Puoi farlo anche tu di farti i soldi con linux, basta (si fa per dire) fare assistenza. Quindi TUTTI i linux-competenti possono usare linux per fare soldi.Molte delle funzionalita' che Linux attualmente ha sono dovute alle esigenze di aziende che hanno pagato per avere un driver di una tale scheda sotto linux, un gruppo di programmatori...ma per la GPL questo lavoro e' di tutti, in quanto tutto il resto delle funzionalita' la suddetta azienda le avute aggratis.Ah, altra cosa: puoi anche vendere delle tue distro. nessuno te lo vieta.chiaro?
        • Anonimo scrive:
          Re: non ho capito una cosa su lindows
          Scusa, in effetti sono andato fuori tema: il fatto è che proprio oggi, leggendo la notizia, ho voluto chiamare la Questar, al loro numero verde, dopo avere visionato il loro sito. La domanda che volevo fare era praticamente la tua, poiché mi sono trovato davanti un bel listino di 2 kilometri con dei bei prezzi (circa la metà di un WinXP Agg.to), senza alcun link a scaricamenti aggratis. Non mi ha risposto nessuno. La GPL non l'ho letta, mi interessa il sistema: in compenso ti riporto quanto scritto dal RIVENDITORE:LindowsOS 4.0Rivoluzionario sistema operativo alternativo per il desktop. Facile da installare, veloce da utilizzare, economico per l'acquisto. Compralo oggi e ricevi LindowsCD, per un valore di ?29,90, gratuitamente. Comunità:LinuxOnline: progetto ufficiale dell'associazione Openlabs, ha l'obiettivo di far conoscere il mondo del Software Libero e GNU/Linux, con la pubblicazione di news, howto, eventi a livello nazionale e altro.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: non ho capito una cosa su lindows

      ma visto che lindows e' basato su una marea
      di codice GPL, come mai non permettono di
      scaricare nulla?Nella GPL non si cita il modo in cui deve essere dato il sorgente, da nessuna parte c'è scritto che devono essere disponibili su un sito. Se compri Lindows, ti vengono dati i sorgenti. Allo stesso modo, se tu fai un programma sotto GPL, non significa che questo deve avere i sorgenti online, l'importante è che tu rendi disponibili i sorgenti (nella forma che TU ritieni opportuna), a chi dai il programma (indifferentemente che tu lo regali o lo vendi).CiaoGianni
    • il_guru scrive:
      Re: non ho capito una cosa su lindows
      sapevo che nella versione 3 non avevano ancora reso disponibili i sorgenti per problemi di non so quale natura e che avrebbero dovuto farlo nelle successive versioni... ora però non so se ci siano o no
    • Anonimo scrive:
      Re: non ho capito una cosa su lindows

      ma visto che lindows e' basato su una marea
      di codice GPL, come mai non permettono di
      scaricare nulla?

      mi sono perso qualcosa sulla GPL o sul loro
      sito (da cui non sono riuscito a trovare la
      distro o i sorgenti)La gpl dice che il sorgente deve essere dato assieme al codice, e che si può modificare e usare liberamente, non che tutto deve essere scaricabile gratuitamente da internet. Se compri lindows ti daranno anche i sorgenti e tutto, li potrai modificare e ridistribuire, ma nessuno li obbliga a distribuirli via internet se non vogliono. E non vogliono.
      • Anonimo scrive:
        Re: non ho capito una cosa su lindows

        La gpl dice che il sorgente deve essere dato
        assieme al codice, e che si può modificare e
        usare liberamente,
        Se compri lindows ti daranno anche i sorgenti e
        tutto, li potrai modificare e ridistribuire,
        ma nessuno li obbliga a distribuirli via
        internet se non vogliono. E non vogliono.quindi secondo te potrei comprare lindows, ottenere i sorgenti, modificarlo per fare il caffè rinomiralo Lind00wz e ridistribuirlo sotto GPL a mia volta con i sorgenti? :)
  • Anonimo scrive:
    Lindows............
    ........... è carne oppure pesce?????????????????
  • zanac scrive:
    centrino?
    ma i driverloader di linuxant (gli unici che permettono di usare la wi-fi intel 2100 inclusa nei centrino) saranno inclusi o si devono pagare a parte?p.s. speriamo che intel rilasci qualcosa, altrimenti aspetto ndiswrapper e li mando in mona! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: centrino?
      - Scritto da: zanac
      ma i driverloader di linuxant (gli unici che
      permettono di usare la wi-fi intel 2100
      inclusa nei centrino) saranno inclusi o si
      devono pagare a parte?

      p.s. speriamo che intel rilasci qualcosa,
      altrimenti aspetto ndiswrapper e li mando in
      mona! :DE fai bene! (a mandarli in m...) per il resto ci stiamo lavorando e si incomincia a intravedere la luce in fondo al tunnell!A presto! ;-)
Chiudi i commenti