Intel lancia gli eco-Xeon

Sono i primi quattro processori Xeon ad essere totalmente privi di alogeni, elementi considerati molto pericolosi per la salute. Il modello low voltage è in grado di consumare fino a tre volte meno delle versioni standard

Santa Clara (USA) – Intel ha ulteriormente ampliato la propria gamma di processori a 45 nanometri introducendo quattro nuovi modelli di Xeon, i primi che BigI dichiara totalmente privi di sostanze alogene tossiche.

La gamma dei nuovi Xeon è composta da tre modelli quad-core, l’L5430, l’X5470 e l’X5492, e da un modello dual-core, l’X5270. L’L5430, che gira a 2,66 GHz di clock e a 1333 MHz di front-side bus, si contraddistingue per un thermal design power (TDP) di soli 50 watt, ossia 12,5 watt per ciascun core. Questo chip si rivolge in modo particolare ai server blade.

L’X5470 condivide con l’L5430 un FSB a 1333 MHz, ma il suo clock è di 3,33 GHz e il suo TDP di 120 watt. Di poco superiore il clock e il consumo dell’X5492, pari rispettivamente a 3,4 GHz e 150 watt: ciò che più lo distingue dal fratello minore è la frequenza dell’FSB, di 1600 MHz.

Il modello dual-core, lo Xeon X5270, ha invece un clock di 3,5 GHz, un FSB a 1333 MHz e un TDP di 80 watt.

Intel afferma che i nuovi Xeon si rivolgono alle workstation hi-end, ai server mainstream e, per quel che riguarda i modelli con TDP inferiore ai 100 watt, ai server ultradensi.

Tra i maggiori produttori di computer ad aver già annunciato sistemi basati sui nuovi Xeon vi sono Asus, Dell, Fujitsu-Siemens, Gigabyte, HP, IBM, NEC, Sun e Supermicro.

Per i prezzi all’ingrosso dei quattro chip si veda la tabella qui sotto.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MeX scrive:
    questa é la dimostrazione...
    ...che aver paura di usare la carta di credito online (foraggiando quelle s****ate di Poste Pay e similari) é una cosa infondata, e che é moooolto piú pericoloso usarla quotidianamente... perché non puoi fidarti di chi maneggia la carta o comunque non puoi sapere se il POS é stato manomesso nottetempo da qualche mascalzone...
    • Zago scrive:
      Re: questa é la dimostrazione...
      - Scritto da: MeX
      ...che aver paura di usare la carta di credito
      online (foraggiando quelle s****ate di Poste Pay
      e similari) é una cosa infondata, e che é
      moooolto piú pericoloso usarla quotidianamente...
      perché non puoi fidarti di chi maneggia la carta
      o comunque non puoi sapere se il POS é stato
      manomesso nottetempo da qualche
      mascalzone...e come mai postepay et similia sarebbero stronzate? illuminami
      • Redfoxy scrive:
        Re: questa é la dimostrazione...
        primo tra tutti non hai controllo diretto dei movimenti, ne storico, ne assicurazione sul denaro
        • anon scrive:
          Re: questa é la dimostrazione...
          Si, però perdi solo i soldi che hai versato sulla carta prepagata
          • Peco scrive:
            Re: questa é la dimostrazione...
            Tanto la banca risarcisce! Cosa che credi che una carta di credito che ti costa 70 euro l'anno non sia assicurata?
          • 0verture scrive:
            Re: questa é la dimostrazione...
            Sinceramente la parola "assicurazione" mi induce a pensare di tutto, meno che alla certezza del rimborso. Me li vedo mentre studiano una via, una scappatoia per non dare niente, un modo per dimostrare che te non hai difeso abbastanza bene la tua carta e che quindi non meriti rimborso
          • MARCO scrive:
            Re: questa é la dimostrazione...
            - Scritto da: 0verture
            Sinceramente la parola "assicurazione" mi induce
            a pensare di tutto, meno che alla certezza del
            rimborso.

            Me li vedo mentre studiano una via, una
            scappatoia per non dare niente, un modo per
            dimostrare che te non hai difeso abbastanza bene
            la tua carta e che quindi non meriti
            rimborsoEvitiamo le cagate.Le carte di credito sono tutte assicurate e se ne denunci il furto sono in genere rimbarsati almeno tutti gli acquisti contestati avvenuti 24 ore prime e 24 ore dopo la denuncia.Sputare merda solo per farlo è una cosa che odio, siamo proprio un paese del terzo mondo
  • SpaghettiNetwork scrive:
    Ma...
    è così facile?insomma anche un tizio di 15 anni c'è riuscito, per quanto sveglio ha sempre 15 anni, cosa può fare un adulto?le carte di credito ed i bancomat sono una tecnologia non sicura.
    • zuzzurellon e scrive:
      Re: Ma...
      Non so come funzioni in Australia, ma qui se non firmi la ricevuta/scontrino (in caso di acquisto in negozio) o non dai il codice di sicurezza (in caso di acquisto online) nessuno accetta il pagamento o, in caso, puoi "tranquillamente" contestare la spesa.Falsificare la firma avendo un solo campione è un po' dura e comunque la carta dev'essere presentata al negoziante; per scopiazzarsi il codice di sicurezza il ladro dovrebbe avere un poco di tempo per controllare bene la carta.Ad ogni modo ritengo che la soluzione migliore sia ancora la CC "ricaricabile" :D
      • anonimo scrive:
        Re: Ma...
        ma te te le inventi le cose ahahhasisi devono controllare.... ma nessuno controlla la firma :D
        • Paolino scrive:
          Re: Ma...
          Verissimo che nessuno controlla, ma non ci vai di mezzo tu possessore della carta. Se succede una cosa del genere e si vede che la firma non è la mia, la banca mi deve rifondere. Poi sono affari del negoziante che non ha controllato.
      • The Raptus scrive:
        Re: Ma...
        A me non risulta quello che dici.SPesso faccio benzina con la CC di mio cognato (alla sua auto!). La mia cc non l'ho mai firmata perchè - solo così - mi chiedono il documento. Certo chi me la ruberà la firmerà ma ...In un'occasione non ho nepure firmato la ricevuta (il gestore mi ha detto "va bene così": mi conosceva ed era imegnato, io stavo perdendo l'aereo ...).Che sia una tecnologia poco sicura sono perfettamente daccordo. Certo che se non chiedono mai un documento è ancora più facile!
      • SpaghettiNetwork scrive:
        Re: Ma...
        - Scritto da: zuzzurellon e
        Non so come funzioni in Australia, ma qui se non
        firmi la ricevuta/scontrino (in caso di acquisto
        in negozio) o non dai il codice di sicurezza (in
        caso di acquisto online) nessuno accetta il
        pagamento o, in caso, puoi "tranquillamente"
        contestare la
        spesa.HA-HA-HAal massimo se il lettore chiede il PIN devi inserirlo, per il resto nè le carte vengono firmate nè gli scarabocchi che la gente fa in piedi sugli scontrini vengono controllati a fornte della firma originale.
        Falsificare la firma avendo un solo campione è un
        po' dura e comunque la carta dev'essere
        presentata al negoziante; per scopiazzarsi il
        codice di sicurezza il ladro dovrebbe avere un
        poco di tempo per controllare bene la
        carta.per clonare un bancomat basta leggerne la banda magnetica con un lettore e riscriverlo su una altra, la banda magnetica è come quella delle vecchie audiocassette.
        Ad ogni modo ritengo che la soluzione migliore
        sia ancora la CC "ricaricabile"
        :Dio invece credo che le card come ad Hong Kong siano la soluzione migliore, non offrono più possibilità di controllo sociale allo stato/banche di quanto non facciano già le carte attuali ma neppure non si copiano con un mangiacassette e serve per forza la carta fisica per fare l'acquisto, non bastano i numeri.http://en.wikipedia.org/wiki/Octopus_card#Technologycerto nessuna tecnologia è sicura, ma alcune lo sono più di altre.
        • zuzzurellon e scrive:
          Re: Ma...

          al massimo se il lettore chiede il PIN devi
          inserirloNon mi è mai capitato di vedere carte di credito con il "PIN"
          per il resto nè le carte vengono
          firmate nè gli scarabocchi che la gente fa in
          piedi sugli scontrini vengono controllati a
          fornte della firma
          originale.In caso di contestazione, il negoziante deve rifondere la banca e, a sua volta, questa rifonderà il risparmiatore.Questo, almeno, secondo legge.
          per clonare un bancomatStiamo parlando di carte di credito...
          certo nessuna tecnologia è sicura, ma alcune lo
          sono più di
          altre.Si, ma l'errore umano (leggasi come "idiota che non guarda cosa sta facendo il ragazzino con la sua carta di credito") è sempre in agguato.
    • marco fi scrive:
      Re: Ma...
      Esatto, se incroci la tua strada con uno intenzionato ad usufruire della tua carta, ben poco puoi fare. Io lavoravo in un supermercato ed ho fatto sia l'addetto alle vendite che il cassiere. A parte che in 3 anni è successo più volte che qualcuno si sia fatto chiudere la notte nel super per mettere nei pos un apparecchio per registrare i codici delle carte (è sempre stata scoperta poi la cosa, ma non so con quanto ritardo). Poi anche come cassiere prova a chiedere il documento quando ti danno una carta, 90 volte su 100 ti guardano male e le altre 10 si oppongono o non hanno documenti. Ed infine se solo avessi voluto, lo sai quanti codici di carte mi sarei potuto prendere (con nominativo, codice davanti e dietro).... lasciamo perdere va....
    • Redfoxy scrive:
      Re: Ma...
      si gia' nello scontrino del pos c'e' il 90% delle informazioni (numero della carta e scadenza) e poi seguendo la norma che la carta va riconsegnata girata sotto sopra per la verifica firma, uno si legge i 3 numeri di sicurezza e li segna sullo scontrino del pos... E addio carta!
  • Vecchio Scarpone scrive:
    dai, è solo un bambino
    Bah, a me sembra una ragazzata, come tante se ne fanno a quell'età. solo che ora ci sono altri mezzi, è questo che cambia.Il processo mi sembra una cosa assurda e altrettanto la galera, a quell'età i bambini devono pensare a divertirsi e giocare mica a finire in tribunale.secondo me sarebbe bastata una bella ramanzina e via, vedrai che non lo faceva più.
    • 0verture scrive:
      Re: dai, è solo un bambino
      Eh si è solo una ragazzata... il povero tatino mica sapeva quello che stava facendo... ignorava del tutto che era illegale... ma certo... del resto rubava solo dalle carte di credito di altri quindi vai pure di perdono... certo... che se avesse rubato dalla tua... ci sarebbe voluta la sedia elettrica...
      • gatsu99 scrive:
        Re: dai, è solo un bambino
        vero vero e non dimentichiamo che visto che è ingenuo edinnocente ha ANCHE aperto delle società fantasma ... è soloun boccia vero ???dagli 5 anni e diventa Berlusconi
      • zuzzurellon e scrive:
        Re: dai, è solo un bambino
        Quoto in toto ed aggiungo: da quando in qua un quindicenne è considerato un bambino? Ossia totalmente incapace d'intendere e volere?
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: dai, è solo un bambino
          - Scritto da: zuzzurellon e
          Quoto in toto ed aggiungo: da quando in qua un
          quindicenne è considerato un bambino? Ossia
          totalmente incapace d'intendere e
          volere?Dalla legge di stampo anglosassone che lo giudica non in grado di acconsentire all'attività sessuale.In Italia e nella stragrande maggioranza del mondo, l'età del consenso e quella della responsabilità penale o coincidono oppure quella della responsabilità penale è più alta di quella del consenso. Negli USA e nei Paesi col diritto anglosassone (Australia compresa) è il contrario.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 settembre 2008 21.27-----------------------------------------------------------
    • Pippo scrive:
      Re: dai, è solo un bambino
      - Scritto da: Vecchio Scarpone
      Bah, a me sembra una ragazzata, come tante se ne
      fanno a quell'età. solo che ora ci sono altri
      mezzi, è questo che
      cambia.
      Il processo mi sembra una cosa assurda e
      altrettanto la galera, a quell'età i bambini
      devono pensare a divertirsi e giocare mica a
      finire in
      tribunale.
      secondo me sarebbe bastata una bella ramanzina e
      via, vedrai che non lo faceva
      più.Un bambino...tu a 15 se ti davano del bambino non ti saresti incazzato????
      • attonito scrive:
        Re: dai, è solo un bambino
        ma una bella sequela di calci in culo, una settimana in cella con qualche ergastolano, no, eh? tanto per dargli un bel "tieniamente" che la prossima volta finisci male.
        • krane scrive:
          Re: dai, è solo un bambino
          - Scritto da: attonito
          ma una bella sequela di calci in culo, una
          settimana in cella con qualche ergastolano, no,
          eh? tanto per dargli un bel "tieniamente" che la
          prossima volta finisci male.Qui potrebbe iniziare una brillante carriera politica.
          • attonito scrive:
            Re: dai, è solo un bambino
            hai letto bene? e' australiano, non italiano.
          • krane scrive:
            Re: dai, è solo un bambino
            - Scritto da: attonito
            hai letto bene? e' australiano, non italiano.Ha letto bene ? Ho scritto "Qui potrebbe" : http://it.wikipedia.org/wiki/Periodo_ipotetico
          • sarkoVSscie ntology scrive:
            Re: dai, è solo un bambino
            Le ipotesi sono molteplici.............uhauhauha
    • HomoSapiens scrive:
      Re: dai, è solo un bambino
      a 15 anni solo un bambino? Sempre di criminale si tratta. E' questo buonismo all'italiana che non sopporto (e che secondo me ha anestetizzato gli italiani quando il parlamento ha votato l'indulto)
    • gatsu99 scrive:
      Re: dai, è solo un bambino
      se non avete letto bene sono 33 capi d'accusa e 300.000 dollari di giro d'affari !!!!! e lui ha 15 anni ok ne ha incassati molto meno ma ... per causa della suaingenuità o per merito di sistemi di sicurezza ????Lo ribadisco nel caso non fosse chiaro NON VA PERDONATO !!!
    • Faistone scrive:
      Re: dai, è solo un bambino
      - Scritto da: Vecchio Scarpone
      Bah, a me sembra una ragazzata, come tante se ne
      fanno a quell'età. solo che ora ci sono altri
      mezzi, è questo che
      cambia.
      Il processo mi sembra una cosa assurda e
      altrettanto la galera, a quell'età i bambini
      devono pensare a divertirsi e giocare mica a
      finire in
      tribunale.
      secondo me sarebbe bastata una bella ramanzina e
      via, vedrai che non lo faceva
      più.Si dai, è solo un bambino dai, allora faciamogli rubare altro e di piu, dai... è solo una ragazzata.Vediamo se toccava i tuoi soldi cosa facevi...dai è solo una ragazzata dai......è con il buonismo che il mondo va in malora, specialmente in ItaliaCiao
    • Gian scrive:
      Re: dai, è solo un bambino
      ahahahtroll! :D
    • Paolino scrive:
      Re: dai, è solo un bambino
      Non è che ci cascate e rispondete a sto troll?
    • SpaghettiNetwork scrive:
      Re: dai, è solo un bambino
      - Scritto da: Vecchio Scarpone[yt]SHcGEXgKHEk[/yt]
    • Olmo scrive:
      Re: dai, è solo un bambino
      Proprio per la sua giovanissima età va reintegrato con urgenza e va rieducato. Deve arrivare ai 18 con la piena coscienza di quanto valgono 300.000 e di cosa sia l'equità e la giustizia. Chiaramente non va punito come un adulto: ma l'azione legale (volta alla rieducazione) ci deve essere.
      • 0verture scrive:
        Re: dai, è solo un bambino
        Se lo facessero lavorare come un mulo tutti i giorni dell'anno e lo pagassero a fine mese una miseria obbligandolo a mantenersi solo con quella, vedi che capisce in fretta il valore del denaro
    • Peco scrive:
      Re: dai, è solo un bambino
      Spero che un ragazzino faccia la ragazzata di fregarti 13mila euro dal conto. Contaci che li riavrai indietro con "la ramanzina".
    • trilli scrive:
      Re: dai, è solo un bambino
      Vecchio Scarpone, basta sparare cazzate!
Chiudi i commenti