Intel lancia i chipset per l'E-PC

Il chipmaker presenta la propria prima linea di chipset con supporto a PCI Express e alle ormai prossime CPU x86 a 64 bit e dual-core. I nuovi chipset al centro di una nuova generazione di PC tagliati su misura per la casa digitale
Il chipmaker presenta la propria prima linea di chipset con supporto a PCI Express e alle ormai prossime CPU x86 a 64 bit e dual-core. I nuovi chipset al centro di una nuova generazione di PC tagliati su misura per la casa digitale


New York (USA) – “La più importante piattaforma degli ultimi 12 anni”. Così e nientemeno Bill Siu, general manager dell’ Intel Desktop Platforms group, ha definito la nuova famiglia di chipset e processori per PC che, proprio oggi, fa il suo debutto ufficiale sul mercato.

I due componenti chiave della nuova piattaforma sono i nuovi chipset 915 Express (Grantsdale) e 925 Express (Alderwood), rispettivamente dedicati ai PC desktop di fascia alta e alle workstation. Figli di quella strategia con cui Intel intende accelerare la convergenza fra computing, comunicazione e media, i nuovi chipset sono stati progettati per integrare quasi tutto ciò che serve ad un PC: grafica 2D/3D, audio di qualità home theater, controller RAID, controller Fast Ethernet e, entro la fine dell’anno, supporto a Wi-Fi.

Intel sostiene che la sua nuova piattaforma rappresenta la base di una nuova generazione di PC desktop capaci di fornire maggiori prestazioni un po’ in tutti i comparti: audio, video, grafica, bus, networking. Questo miglioramento è dovuto all’introduzione del supporto di un certo numero di tecnologie di ultima generazione, tra cui la tecnologia di bus PCI Express , l’interfaccia d’interconnessione Serial ATA , le memorie DDR2 SDRAM , una nuova versione del motore grafico Graphics Media Accelerator (GMA) con supporto alle DirectX 9, la tecnologia audio High Definition Audio con supporto al suono surround 7.1 e la tecnologia RAID Storage Matrix. Queste novità si sposeranno, entro la fine dell’anno, con i processori x86 di Intel a 64 bit e, nel 2005, con quelli a doppio core.

Sebbene PCI Express sia destinato a mandare definitivamente in pensione il bus PCI, inizialmente verrà utilizzato come sostituto della porta grafica AGP: non è un caso che ATI abbia già lanciato le prime schede grafiche PCI Express e, come Nvidia , si stia preparando a portare questa tecnologia anche nei notebook.

Secondo quanto riportato da EETimes.com, la prima generazione di prodotti PCI Express utilizzerà una modalità di funzionamento compatibile con PCI: questo darà modo ai maggiori sistemi operativi di supportare nativamente tutte le funzionalità offerte dalla nuova tecnologia d’interconnessione.

Grantsdale viene prodotto nelle versioni “P” e “G”: quest’ultima, a differenza della prima che ne è priva, integra una sezione grafica basata sulla nuova revisione del motore GMA. I chipset 915 e 925 hanno funzionalità simili, ma il secondo fornisce maggiori performance e, a differenza di Grantsdale, non prevede alcun modello con grafica integrata: queste caratteristiche, secondo Intel, lo rendono particolarmente adatto agli appassionati di videogiochi e ai progettisti.

La nuova piattaforma di Intel rivestirà un ruolo chiave anche nel settore della casa digitale, dove promette PC più economici e dal design più compatto. Grantsdale entrerà nei salotti a cavallo dei così chiamati Entertainment PC (E-PC), computer in formato set-top box studiati per connettersi al televisore e fornire le tipiche funzionalità di un hub digitale e di un media center. Questi PC dovrebbero includere anche una tecnologia wireless che gli consentirà di operare come un vero e proprio access point Wi-Fi: tale funzionalità, che avrebbe dovuto accompagnare sul mercato Grantsdale, verrà introdotta in futuri modelli di questo chipset.

Sia i chipset 915x che il 925 supportano un nuovo socket a 775 pin, chiamato LGA-775, già alla base dei nuovi Pentium 4 che Intel ha introdotto sul mercato in congiunzione con Grantsdale e Alderwood. Il nuovo package sarà anche alla base delle future CPU x86 a 64 bit e dual-core.

I cinque nuovi modelli di P4 con socket LGA-775 includono 1 MB di cache L2 e, similmente ai più recenti Pentium M e Celeron, adottano il nuovo schema di denominazione basato su tre cifre: la loro frequenza di clock varia fra i 2,8 GHz e i 3,6 GHz e il loro numero di modello va da 520 a 560. Intel dovrebbe anche rilasciare, a breve, una versione a 775 pin del P4 Extreme Edition.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 06 2004
Link copiato negli appunti