Intel, è l'ora delle class action per i super-bug delle CPU

La corporation americana ha rivelato di essere impegnata a fronteggiare più di 30 cause legali riguardanti Meltdown e Spectre, con eventuali danni finanziari attualmente impossibili da stimare

Roma – Meltdown e Spectre invadono le cronache informatiche da mesi, ormai, e Intel ha ora confermato che i super-bug delle CPU avranno conseguenze significative sul business oltre che sull’esperienza di computing degli utenti finali. Nel prossimo futuro, il colosso dei processori dovrà affrontare decine di cause legali – la totalità delle quali mosse con l’obiettivo di raggiungere lo status di class action.

La rivelazione arriva con il rapporto presentato da Intel presso l’autorità finanziaria statunitense (Security Exchange Commission o SEC): Chipzilla è già stata chiamata in causa da ben 32 potenziali class action, tutte concordi nell’inchiodare l’azienda alle proprie responsabilità sulla gestione dell’affaire Meltdown+Spectre.

In particolare, trenta di queste cause legali riguardano la presunta comunicazione incorretta fornita da Intel sulle vulnerabilità, con Meltdown a rappresentare un problema esclusivo delle CPU della corporation e Spectre riguardante più in generale tutti i processori moderni. Gli utenti si lamentano altresì – a mezzo avvocati – di dover subire riduzioni di performance sensibili dopo l’installazione delle patch pensate per neutralizzare i bug.

Le altre due class action , infine, riguardano l’andamento degli stock azionari di Intel fra il 27 luglio 2017 e il 4 gennaio 2018, e in questo caso la corporation avrebbe fornito informazioni incorrette o false sui suoi prodotti con conseguenze finanziarie significative.

Intel ha prevedibilmente confermato l’intenzione di “difendersi vigorosamente” dalle accuse delle class action, anche se l’azienda è stata costretta a mettere in conto di poter subire perdite ed effetti negativi sul business dei processori ancora tutti da quantificare.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti