Intel porta il quad-core nell'embedded

BigI ha lanciato due nuovi processori quad-core pensati per i server blade e per le soluzioni embedded che necessitano di maggiore potenza di calcolo. Svelato anche un nuovo system-on-chip e un server di rete

Santa Clara (USA) – Nella famiglia Xeon 5300, in cui lo scorso novembre hanno debuttato le prime CPU quad-core di Intel , fanno il loro ingresso due nuovi processori dedicati alle soluzioni embedded ad elevate performance, quali server blade e rack, dispositivi per le telecomunicazioni, sistemi per lo storage di rete e apparecchiature mediche per l’elaborazione delle immagini.

I due nuovi Xeon 5300 sono l’E5335, con clock di 2 GHz, e l’E5345, con clock di 2,33 GHz . Entrambi i chip sono dotati di quattro core di calcolo, 8 MB di cache e un front-side bus a 1.333 MHz.

Il thermal design power dei nuovi chip è invece di 80 watt , un assorbimento che potrebbe apparire eccessivo per il settore embedded. Doug Davis, vice president and general manager dell’Embedded and Communications Group di Intel, ha spiegato che queste CPU sono indirizzate alle soluzioni embedded particolarmente affamate di potenza di calcolo, come i dispositivi tomografici in medicina e i server blade delle piattaforme ATCA (Advanced Telecom Computing Architecture), che dispongono generalmente di alimentatori da 200 watt: sufficienti, secondo Davis, per alimentare CPU, chipset, memoria e disco fisso.

Nel catalogo di Intel esistono versioni embedded anche di Core 2 Duo, Pentium e Celeron, processori che coprono segmenti di mercato quale quello dei chioschi interattivi, dei dispositivi di rete e sicurezza, delle console da gioco e dei controlli industriali.

Il big di Santa Clara ha anche annunciato lo sviluppo di un nuovo sistem-on-chip (SOC) che, con consumi compresi fra i 15 e i 75 watt, ha per target computer di bordo, stampanti, scanner industriali e altri dispositivi embedded a medio consumo.

Intel ha infine svelato un nuovo server di rete , l’NSC2U, che utilizza due processori Xeon 5300 per gestire applicazioni come quelle di intrusion prevention, IPTV, video on demand e gateway VPN. Il sistema arriverà sul mercato a luglio.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • markoer scrive:
    Solo la versione Windows ha il problema
    Quella Mac non ce l'ha. Il problema è con i bellissimi MS ActiveX
    • Anonimo scrive:
      Re: Solo la versione Windows ha il probl
      - Scritto da: markoer
      Quella Mac non ce l'ha. Il problema è con i
      bellissimi MS
      ActiveXTanto per cambiare ;)Ma potevamo avere dei dubbi? :@
      • markoer scrive:
        Re: Solo la versione Windows ha il probl
        - Scritto da:

        - Scritto da: markoer

        Quella Mac non ce l'ha. Il problema è con i

        bellissimi MS

        ActiveX

        Tanto per cambiare ;)

        Ma potevamo avere dei dubbi? :@Beh non l'ho detto per partito preso, non sono anti-MS. Mi sono semplicemente allarmato perché lo uso sotto Mac, e volevo solo riportare la scoperta, visto che l'articolo è impreciso e non fa alcuna distinzione - su QUESTO purtroppo avevo meno dubbi... sic!Cordiali saluti
  • Anonimo scrive:
    ma chi lo usa?
    boh!
Chiudi i commenti