Intel premia dieci giovani geniacci

Si è conclusa la competizione lanciata dal colosso dei microchip che ha consentito ad alcuni scienziati in erba di mettersi in mostra sulla ribalta dell'hi-tech

Washington (USA) – Sono 530mila i dollari che Intel ha distribuito in borse di studio e materiali didattici ai vincitori della competizione Intel Science Talent Search , un concorsone seguitissimo negli ambienti scolastici americani perché porta sotto i riflettori alcune delle più brillanti menti scientifiche giovanili.

Il primo dei dieci premi lo ha vinto Ryan Patterson (nella foto in questa pagina), un 18enne del Colorado, che si è portato a casa un finanziamento di 100mila dollari per il progetto denominato “Il traduttore del linguaggio dei segni americano”. Si tratta di un guanto hi-tech capace di convertire il linguaggio dei segni in testo scritto su un display portatile.
Il primo premio consentirà a Patterson di continuare a dedicarsi ai propri progetti scientifici e lo pone naturalmente in pole position per l’inserimento nei più importanti laboratori di ricerca statunitensi.

Patterson e il suo guanto Il secondo premio, che vale 75mila dollari di borsa di studio, è stato vinto dal 17enne Jacob Licht del Connecticut, capace di presentare il progetto matematico dal titolo: la “Rainbow Ramsey Theory: Rainbow Arithmetic Progressions and Anti-Ramsey Results.” Licht ha aggiunto una serie di varianti alla teoria originale Rainbow Ramsey.

Il terzo premio da 50mila dollari è andato ad un’altra ricerca matematica portata a termine dalla 17enne Emily Riehl, Illinois, che ha lavorato sulle teorie del matematico francese Jacques Tits.

A tutti i vincitori, cioè ai primi dieci più altri 30 finalisti, verrà consegnato, oltre a 5mila dollari di borsa di studio, anche un personal computer dell’ultima generazione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    I PIRATI BANDITI SIETE VOI AL GOVERNO
    tangentisti corruttori corrotti e condannatiVOI dite a me "pirata" ?BHUAHUAHAHAHUAHU :o)))
  • Anonimo scrive:
    Chi ci perde?
    Per abbattere la pirateria si devono ABBATTERE i prezzi dei software e dei CD musicali. Un utente che copia un CD o un software, non è detto che, se non lo potesse fare, comprerebbe l'originale. Semplicemente non comprerebbe niente! Perchè costa troppo.
  • Anonimo scrive:
    Abbattimento dei prezzi
    Sia per quanto riguarda i software o i cd musicali, mi sembra che i costi siano veramente troppo elevati.Parlando di CD musicali, mi pare che 20,21 o 22 euro (dipende dai negozi) siano veramente troppi.Come si può pensare di far decollare la musica ( nel nostro caso italiana) comprando CD.Con questi prezzi i giovani ne comprano uno ogni tanto, e solo se varamente interessati, gli altri li scaricano da Internet o comprano quelli pirata.Abbattete i costi e fate in modo che non ci sia così tanta differenza. Io non so quanto costa un CD pirata, ma se costasse per esempio 5 euro, fate in modo che un CD originale ne costi al masimo 8, o al massimo 10 e probabilmente nessuno comprerà quelli pirata ma quelli originali.Voi tutti sapete meglio di me quali sono i costi per la produzione di un CD.Costo del CDPubblicitàSiaePromozioneCasa discograficagrossistaNegozianteIVAe probabilmente altre cose.Se in ognuna delle fasi venissero tagliti dei piccoli guadagni, alla fine il costo sarebbe decisamente inferiore.Però è chiaro che ci vuole la volontà di ognuno di guadagnare un pelino di meno, a vantaggio però di vedere molti più CD originali venduti.Vi ringrazio dell'attenzione e scusate se in qualche momento sono stato un pò confuso
    • Anonimo scrive:
      Re: Abbattimento dei prezzi
      - Scritto da: jack 500
      Sia per quanto riguarda i software o i cd
      musicali, mi sembra che i costi siano
      veramente troppo elevati.
      Parlando di CD musicali, mi pare che 20,21 o
      22 euro (dipende dai negozi) siano veramente
      troppi.
      Come si può pensare di far decollare la
      musica ( nel nostro caso italiana) comprando
      CD.
      Con questi prezzi i giovani ne comprano uno
      ogni tanto, e solo se varamente interessati,
      gli altri li scaricano da Internet o
      comprano quelli pirata.
      Abbattete i costi e fate in modo che non ci
      sia così tanta differenza. Io non so quanto
      costa un CD pirata, ma se costasse perCostano a Napoli £ 6000 (devono ancora fare la conversione)
      esempio 5 euro, fate in modo che un CD
      originale ne costi al masimo 8, o al massimo
      10 e probabilmente nessuno comprerà quelli
      pirata ma quelli originali.A patto che non siano protetti, altrimenti non li comprerebbe nessuno neanche a parità di prezzo
      Voi tutti sapete meglio di me quali sono i
      costi per la produzione di un CD.
      Costo del CDCirca £ 2000 fra supporto, masterizzazione, etichettatura
      PubblicitàDipende dal CD, quanto viene reclamizzato
      SiaeSoldi sprecati
      PromozioneIdem con pubblicità
      Casa discograficaé la fetta più grossa, di fronte ad un servizio ormai inutile. Oggi per avere una sala di incisione di livello professionale basta un investimento di 5- 10 mila euro
      grossistainutile
      Negoziantesta divenendo sempre meno utile, in futuro la distribuzione avverà esclusivamente via internet
      IVA
      e probabilmente altre cose.
      Se in ognuna delle fasi venissero tagliti
      dei piccoli guadagni, alla fine il costo
      sarebbe decisamente inferiore.
      Però è chiaro che ci vuole la volontà di
      ognuno di guadagnare un pelino di meno, a
      vantaggio però di vedere molti più CD
      originali venduti.
      Vi ringrazio dell'attenzione e scusate se in
      qualche momento sono stato un pò confuso
      In definitiva un calcolo equo prevede di dare £ 3000 all'artista (oggi per ogni CD venduto ne prende di meno), £ 2000 per la produzione del CD, e al massimo altre £ 4000- 5000 per le altre spese.Saltando la rete di distribuzione tradizionale, via internet dovrebbe essere possibile vendere i 16 brani di un CD ad un prezzo complessivo di £ 5000.
  • Anonimo scrive:
    FORZA ITALIA
    Chi e' senza peccato scagli la prima pietra, e certro da quella parte non puoi partire.....
  • Anonimo scrive:
    Non è pirateria, è violazione di copyright
    Una piccola precisazione sul corretto uso delle parole: La pirateria (marittima) è un crimine violento ancora oggi praticato in alcune parti del mondo, che spesso ha come conseguenza la morte delle vittime. I pirati non sono quelle figure romantiche della cultura popolare. Sono gente diabolica che preda il lavoro duro ed il sudore altrui. Il loro unico interesse è il profitto a scapito degli altri. I pirati sono il nemico di tutti i marinai e non dovrebbero MAI essere romanticizzati. La pratica a cui ci si riferisce qui è la violazione di copyright, che non ha mai avuto come conseguenza la morte di nessuno.
  • Anonimo scrive:
    Un medico
    Sarebbe interessante discutere con il nostro medico a proposito dei brevetti delle case farmaceutiche, del problema dei farmaci generici, etc. tanto per sapere cosa ne pensa. Poi bisognerebbe chiedergli qualcosa a proposito della produzione del software medicale, che è tanto importante ma anche tanto costoso...
  • Anonimo scrive:
    Ma chi è?
    Chi è il senatore di Forza Italia Gaetano Fasolino?Qualcuno è in grado di pubblicare su questo forum il suo curriculum vitae?Dove è stato eletto?I suoi elettori lapensano come lui?Sembra di ascoltare uno spot della BSA...!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi è? (prime notizie)
      Regione di elezione: Campania - Collegio: 20 (Eboli - Battipaglia) Nato il 16 aprile 1937 a Roccapiemonte (Salerno) Residente a Capaccio (Salerno) Medico di medicina generaleElezione in data 13 maggio 2001Proclamazione in data 21 maggio 2001Comp.comit.dir. del gruppo FIMembro della 12ª Commissione permanente (Igiene e sanita')Membro del Commissione parlamentare per l'infanzia
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma chi è? (prime notizie)
        E CHE ca@#@ ne capisce di pirateria?!?! son sicuro che non sa neanche accendere 1 pc ! LOL :D
  • Anonimo scrive:
    Forzidioti all'attacco
    Non mi stupisce che il partito dei ladri difenda l'associazione a delinquere piu' ricca del mondo, la BSA.
  • Anonimo scrive:
    Diciamo le cose come stanno
    Avete mai letto la licenza d'uso della Microsoft (solo per fare un esempio)??? Fatelo e poi neriparliamo su chi commette reati. L'utente offreuna generosa somma per non comprare niente! Averesolo il permesso di usare il LORO software e a determinate condizioni, il piu` delle volte scandalose. Diciamo pure che la Microsoft e` una tassa, bisogna pagarla e basta, senza aspettarsiniente in cambio.Perche` non posso essere libero di comprare un portatile senza pagare la licenza di Windows anchese Windows non lo voglio??? Perche` non fanno unainterrogazione parlamentare su questo i magnificiForzaItalia.
  • Anonimo scrive:
    [OT] B'asta con qui coregie li altri
    In fondo li erori orto grafici cappitano ha tuti, no? Chuindi perciè pren d'erselat anto? Lim port t'ante è capiscere kuelllo che si scirve.capito?
  • Anonimo scrive:
    Sono un pirata pentito
    Mi rilasceranno?
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono un pirata pentito
      - Scritto da: Barbanera
      Mi rilasceranno?Di norma qui da noi i "pentiti" sono tutti liberi e mantenuti dalle tasse della comunità, salvo qualcuno ogni tanto cui capita un "incidente" di percorso proveniente dal suo passato di galantuomo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono un pirata pentito
      - Scritto da: Barbanera
      Mi rilasceranno?Non penso basti pentirsi per poter essere rilasciati da un manicomio.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sono un pirata pentito
      - Scritto da: Barbanera
      Mi rilasceranno?solo se dichiari che con te c'erano berlusconi e dell'utri:D
  • Anonimo scrive:
    Soluzione
    La soluzione definitiva a questo annoso e persistente problema è quella di risolvere totalmente il "peccato originale" del software.Cioè la pessima e purtroppo consolidata abitudine di permettere a chiunque di vendere programmi senza l'obbligo di fornire i sorgenti truffando -perchè praticamente di truffa si tratta- in questo modo gli utenti finali.Quindi per risolvere il problema alla radice basta introdurre una legge che obblighi i produttori di software commerciale a distribuire -assieme ai compilati- sempre e senza nessuna eccezione anche i sorgenti.Nel caso di non rispetto di questo punto il software dovrebbe essere ritirato dalla vendita e l'azienda distributrice denunciata per truffa.L'utente come minimo dovrebbe avere il diritto di consultazione e di verifica di rispondenza dei binari.Per i limiti di utilizzo e copia, può andare bene quello che indica l'azienda produttrice.Mi sembra che poi tutto il resto sarebbe molto in discesa ...1) Finalmente si potrebbe verificare se ci sono backdoors in giro2) I formati dei files diverrebbero tutti comprensibili3) Il funzionamento delle applicazioni sarebbe trasparente permettendo la facile realizzazione di prodotti alternativi compatibiliecc. ...Gano
    • Anonimo scrive:
      Re: Soluzione - precisazione

      Cioè la pessima e purtroppo consolidata
      abitudine di permettere a chiunque di
      vendere programmi senza l'obbligo di fornire
      i sorgenti truffando* -perchè praticamente di
      truffa si tratta- in questo modo gli utenti
      finali.* la truffa, non è proprio una truffa, ma consiste nel fatto che un fornitore vende un prodotto creando una affiliazione che impedisce all'acquirente di non potersi liberare da un fornitore se non perdendo tutti i suoi dati o dovendo riscrivere totalmente le sue procedure.Questo, oltre a caricare sull'utente finale inutili costi aggiuntivi, sfavorisce la concorrenza ed il libero mercato.Un esempio materiale di questo è quello di acquistare un'auto dove ho praticamente tutte le parti sigillate (motore, ecc.).Se rompo i sigilli (reverse engineering) e mi beccano vado in galera.Non posso neppure portare l'auto per riparazione, manutenzione o "elaborazione" da qualcuno diverso da chi l'ho comprata.Inoltre, visto che non si tratta di un'auto, tutto il lavoro svolto nel periodo di possesso è memorizzato in un modo che solo il produttore (e neppure io che sono l'utente) può interpretare.Stando così le cose, vi faccio notare che i diritti degli utenti sono estremamente lesi.E la maggior parte delle persone non se ne è ancora resa conto.Gano
      • Anonimo scrive:
        Re: Soluzione - precisazione
        Ritengo che non si debba impedire agli utenti di acquistare sw proprietari, chiusi e forse bacati.Casomai si deve diffondere l'utilizzo di prodotti aperti (GPL) e sara' poi il mercato a decidere.Chi acquista un sw "chiuso" e ha i dati blindati ed e' vincolato ad un fornitore ha fatto una scelta commerciale, a mio avviso sbagliata, ma e' pur sempre una scelta.Quindi: se uno vuole una soluzione aperta si affidi a sw GPL, chi vuole una soluzione chiusa se la compri. Lo stato dovrebbe favorire lo sviluppo di software libero, non impedire lo sviluppo di sw proprietario.http://www.fsf.org/
    • Anonimo scrive:
      Re: Soluzione
      - Scritto da: Gano
      La soluzione definitiva a questo annoso e
      persistente problema è quella di risolvere
      totalmente il "peccato originale" del
      software.
      Cioè la pessima e purtroppo consolidata
      abitudine di permettere a chiunque di
      vendere programmi senza l'obbligo di fornire
      i sorgenti truffando -perchè praticamente di
      truffa si tratta- in questo modo gli utenti
      finali.Scusa, per curiosità, mi dici dove stanno gli estremi della truffa ?

      Quindi per risolvere il problema alla radice
      basta introdurre una legge che obblighi i
      produttori di software commerciale a
      distribuire -assieme ai compilati- sempre e
      senza nessuna eccezione anche i sorgenti.Si, perfetto. E io passo mesi a sviluppare un software (con i costi che ciò comporta) e aslla fine ti regalo tutto il mio lavoro. Eliminiamo il concetto di diritto d'autore già che ci siamo....
      Nel caso di non rispetto di questo punto il
      software dovrebbe essere ritirato dalla
      vendita e l'azienda distributrice denunciata
      per truffa.
      L'utente come minimo dovrebbe avere il
      diritto di consultazione e di verifica di
      rispondenza dei binari.Allora quando vado a comprare una macchina ho diritto ad avere tutti i progetti (miliardi di investimenti) per accertarmi che sia conforme, sicura ecc... ecc... ma perfavoreeeeeeee !!!!!!!!

      Per i limiti di utilizzo e copia, può andare
      bene quello che indica l'azienda
      produttrice.

      Mi sembra che poi tutto il resto sarebbe
      molto in discesa ...
      1) Finalmente si potrebbe verificare se ci
      sono backdoors in giroChe non sono fatti tuoi. Tu paghi un sw per fare le funzioni che il costruttore dichiara di fare. Stop.
      2) I formati dei files diverrebbero tutti
      comprensibiliSi torna lì. Come difendo quindi il mio lavoro ?
      3) Il funzionamento delle applicazioni
      sarebbe trasparente permettendo la facile
      realizzazione di prodotti alternativi
      compatibili
      ecc. ...Leggi: copiando la mia idea. Un progetto sw deve partire dall'ingengo di un programmatore, non da come ne funziona un'altro...

      Gano
      • Anonimo scrive:
        Re: Soluzione
        - Scritto da: The Maty

        Si, perfetto. E io passo mesi a sviluppare
        un software (con i costi che ciò comporta) e
        aslla fine ti regalo tutto il mio lavoro.
        Eliminiamo il concetto di diritto d'autore
        già che ci siamo....Cosa c'entra il fatto di regalare il lavoro?Mica lo scrivi perche` non hai altro da fare, piuttosto te l'avra` commissionato un clientee questo ti paghera` il lavoro in un caso comenell'altro.Dimentichiamoci il modello di commercializzazionedel software della MS, e` destinato a morire.Lo sviluppo del software oggi ha un costoaltissimo e il principale motivo e` che ogni progetto e` fatto da zero. Nel modello opensourceognuno aggiunge un mattoncino su una struttura gia`esistente e questo mattoncino puo` essere pagatodirettamente dal cliente senza bisogno di doverricorrere al modello Software per le grandi masse.



        Mi sembra che poi tutto il resto sarebbe

        molto in discesa ...

        1) Finalmente si potrebbe verificare se ci

        sono backdoors in giro

        Che non sono fatti tuoi. Tu paghi un sw per
        fare le funzioni che il costruttore dichiara
        di fare. Stop.Appunto si compra il software per fare SOLAMENTEcio` per cui si paga. Se tu compri una macchinacon i sedili imbottiti di droga e il secondo finedi chi te la vende e` farti trasportare la drogada una "concessionaria" all'altra non lo considereresti molto corretto.


        2) I formati dei files diverrebbero tutti

        comprensibili

        Si torna lì. Come difendo quindi il mio
        lavoro ?Non devi difendere niente dal momento in cui ti seigia` fatto pagare.


        3) Il funzionamento delle applicazioni

        sarebbe trasparente permettendo la facile

        realizzazione di prodotti alternativi

        compatibili

        ecc. ...

        Leggi: copiando la mia idea. Un progetto sw
        deve partire dall'ingengo di un
        programmatore, non da come ne funziona
        un'altro...Altro concetto preistorico e motivo principaleper cui lo sviluppo di software oggi ha costialtissimi.Forse ce ne vorra` di tempo, ma in futuro siaffermera` il modello opensource come unico modelloefficiente e produttivo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Soluzione

          Cosa c'entra il fatto di regalare il lavoro?
          Mica lo scrivi perche` non hai altro da
          fare, piuttosto te l'avra` commissionato un
          cliente
          e questo ti paghera` il lavoro in un caso
          come
          nell'altro.Quindi io guadagno solo dalla prima o unica copia. Ergo dovrebbe costare milioni (di ?)....E' come se uno scrive un libro e guadagna solo sulla prima copia.... il diritto d'autore nasco proprio per avere un riconoscimento piccolo su ogni copia che vendi. E puiò andarti bene come male...
          Dimentichiamoci il modello di
          commercializzazione
          del software della MS, e` destinato a morire.
          Lo sviluppo del software oggi ha un costo
          altissimo e il principale motivo e` che ogni
          progetto e` fatto da zero. Nel modello
          opensource
          ognuno aggiunge un mattoncino su una
          struttura gia`
          esistente e questo mattoncino puo` essere
          pagato
          direttamente dal cliente senza bisogno di
          dover
          ricorrere al modello Software per le grandi
          masse.Appunto. Arrivo io bello bello metto il mio mattoncino su quello che tu hai già fatto e ci guadagno quanto te. Tu non t'incazzi ? Io si....

          Appunto si compra il software per fare
          SOLAMENTE
          cio` per cui si paga. Se tu compri una
          macchina
          con i sedili imbottiti di droga e il secondo
          fine
          di chi te la vende e` farti trasportare la
          droga
          da una "concessionaria" all'altra non lo
          considereresti molto corretto.
          Hai ragione, ma cosa c'entra ?

          Non devi difendere niente dal momento in cui
          ti sei
          gia` fatto pagare.Diritto d'autore. Vedi sopra.

          Altro concetto preistorico e motivo
          principale
          per cui lo sviluppo di software oggi ha costi
          altissimi.

          Forse ce ne vorra` di tempo, ma in futuro si
          affermera` il modello opensource come unico
          modello
          efficiente e produttivo.Dai guadagni bassisimi però.... e chi ci si butterà più in un business poco renumerativo ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Soluzione
            - Scritto da: The Maty

            Dai guadagni bassisimi però.... e chi ci si
            butterà più in un business poco renumerativo
            ?Appunto, non buttartici. Non abbiamo alcun bisogno del tuo contributo. Sei fatto per altri lavori, magari di tipo speculativo. Se la molla che ti spinge a programmare non è la soluzione degli algoritmi ma la speculazione lucrativa non potrai che proporre prodotti mediocri.E in gran parte copiati.Quindi il tuo diritto d'autore è l'ultimo dei problemi, credimi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Soluzione


            Appunto, non buttartici. Non abbiamo alcun
            bisogno del tuo contributo. Sei fatto per
            altri lavori, magari di tipo speculativo. Se
            la molla che ti spinge a programmare non è
            la soluzione degli algoritmi ma la
            speculazione lucrativa non potrai che
            proporre prodotti mediocri.Scusa, ma tu sviluppi software per fare accademia o per business ? Se no parliamo di due cose diverse.Una cosa è l'hobby, un'altra è il lavoro.Ah! Ho smesso di fare il programmatore proprio per la miseria di renumerazione....
          • Anonimo scrive:
            Re: Soluzione
            - Scritto da: The Maty
            Ah! Ho smesso di fare il programmatore
            proprio per la miseria di renumerazione....
            Appunto
        • Anonimo scrive:
          Re: Soluzione
          - Scritto da: Giggio
          - Scritto da: The Maty



          Si, perfetto. E io passo mesi a sviluppare

          un software (con i costi che ciò
          comporta) e

          aslla fine ti regalo tutto il mio lavoro.

          Eliminiamo il concetto di diritto d'autore

          già che ci siamo....

          Cosa c'entra il fatto di regalare il lavoro?
          Mica lo scrivi perche` non hai altro da
          fare, piuttosto te l'avra` commissionato un
          cliente
          e questo ti paghera` il lavoro in un caso
          come
          nell'altro.Spesso mi sono ritrovato nella condizione di dover fornire anche il sorgente del mio programma.Soprattutto quando ho avuto a che fare con grossi clienti (mica si fanno ricattare da me ...).Però ci ho guadagnato e siamo stati tutti contenti.The Maty che avrebbe fatto ? Non avrebbe accettato il lavoro ?Infatti io non indicavo che non fosse possibile applicare una licenza diversa dalla GPL ma solo che il codice sorgente DEVE seguire sempre l'eseguibile.Perchè una grossa azienda si può permettere di avere questo diritto ed io no ?Gano
          • Anonimo scrive:
            Re: Soluzione


            Spesso mi sono ritrovato nella condizione di
            dover fornire anche il sorgente del mio
            programma.Perché ? Ne eri obbligato dal contratto ? Chiedo per curiosità....
            Soprattutto quando ho avuto a che fare con
            grossi clienti (mica si fanno ricattare da
            me ...).
            Però ci ho guadagnato e siamo stati tutti
            contenti.

            The Maty che avrebbe fatto ? Non avrebbe
            accettato il lavoro ?Vedi, è un discorso di trattativa commerciale. Avrei accettato il lavoro, ma sicuramente per i sorgenti avrei chiesto un'altra cifra....Sono questi il bene più prezioso del mio lavoro, no ?? Beh, ci avrei trattato moooolto.....

            Infatti io non indicavo che non fosse
            possibile applicare una licenza diversa
            dalla GPL ma solo che il codice sorgente
            DEVE seguire sempre l'eseguibile.
            Perchè una grossa azienda si può permettere
            di avere questo diritto ed io no ?Vedi, è proprio quel "DEVE" che non mi piace...
      • Anonimo scrive:
        Re: Soluzione
        - Scritto da: The Maty
        Leggi: copiando la mia idea. Un progetto sw
        deve partire dall'ingengo di un
        programmatore, non da come ne funziona
        un'altro...Ma che perché sei così bugiardo? Oppure ingenuo? Vuoi dirmi che il tuo bellissimo software non si basa su formati, funzioni e sequenze già in uso in altre applicazioni e in parte già inventato da altri? Le migliorerà, certamente, ma di sicuro non può partrire da zero.Il progresso umano si è sempre basato sull'esatto contrario di quello che tu sostieni. Ognuno contribuisce a migliorare ciò che è stato fatto da chi lo ha preceduto, soprattutto nel campo delle invenzioni scientifiche. Così è nella musica, così è nella letteratura. Viviamo in una comunità, forse non te ne sei mai accorto, avvolto da TV e monitor come probabilmente sei...Quello che conta è il vantaggio della comunità (e dei tuoi e dei miei figli, in ultima analisi), se tu riesci a dare un contributo, tanto meglio. Ma non pretendere di guadagnarci sopra più del dovuto. E' lo stesso ragionamento di quelli che producono la pastiglia per curare l'AIDS: la vendono a 20 volte il prezzo di produzione, tanto è più forte il loro diritto d'autore rispetto al diritto alla vita di centinaia di migliaia di malati che quella medicina non se la possono permettere.E se proprio non ci stai, se proprio la tua programmazione e così preziosa che non ritieni giusto darla in mano a cani e porci, cambia pure lavoro. Qualcun altro lo farà per te, e forse meglio.
        • Anonimo scrive:
          Re: Soluzione

          Ma che perché sei così bugiardo? Oppure
          ingenuo? Vuoi dirmi che il tuo bellissimo
          software non si basa su formati, funzioni e
          sequenze già in uso in altre applicazioni e
          in parte già inventato da altri? Le
          migliorerà, certamente, ma di sicuro non può
          partrire da zero.E' vero, hai ragione. Ma vedi, è il concetto dell'uovo di colombo. O del meccanico che ti chiede 50.000£ per ripararti la macchina con una martellata; quella in cui la martellata costa 10£, e il resto per "sapere dove dare la martellata"....

          Il progresso umano si è sempre basato
          sull'esatto contrario di quello che tu
          sostieni. Ognuno contribuisce a migliorare
          ciò che è stato fatto da chi lo ha
          preceduto, soprattutto nel campo delle
          invenzioni scientifiche. Così è nella
          musica, così è nella letteratura. Viviamo in
          una comunità, forse non te ne sei mai
          accorto, avvolto da TV e monitor come
          probabilmente sei...Mi spiace contraddirti, ma ti sbagli. Non sono avvolto solo da monitor e TV. Ma una cosa (te l'ho scritto altrove) è fare le cose x passione, n'altra per lavoro (leggi: guadagno).

          Quello che conta è il vantaggio della
          comunità (e dei tuoi e dei miei figli, in
          ultima analisi), se tu riesci a dare un
          contributo, tanto meglio. Ma non pretendere
          di guadagnarci sopra più del dovuto.Viviamo in una società capitalistica, te ne sei accorto ? Il modello "statalista" è morto da un pezzo. Può piacere o non piacere, ma se queste sono le regole, mi adeguo....E' lo
          stesso ragionamento di quelli che producono
          la pastiglia per curare l'AIDS: la vendono a
          20 volte il prezzo di produzione, tanto è
          più forte il loro diritto d'autore rispetto
          al diritto alla vita di centinaia di
          migliaia di malati che quella medicina non
          se la possono permettere.Questo paragone, scusami, c'entra come il cavolo a merenda....
          • Anonimo scrive:
            Re: Soluzione
            - Scritto da: The Maty
            E' vero, hai ragione. Ma vedi, è il concetto
            dell'uovo di colombo. O del meccanico che ti
            chiede 50.000£ per ripararti la macchina con
            una martellata; quella in cui la martellata
            costa 10£, e il resto per "sapere dove dare
            la martellata"....esistono altri meccanici
            Mi spiace contraddirti, ma ti sbagli. Non
            sono avvolto solo da monitor e TV. ci siamo avvolti tutti, non ti preoccupareMa una
            cosa (te l'ho scritto altrove) è fare le
            cose x passione, n'altra per lavoro (leggi:
            guadagno).Ma una cosa è fare le cose per guadagno (congruo), l'altra per lucro (dannoso per tutti perché limita lo sviluppo, anche e soprattutto quello capitalistico)
            Viviamo in una società capitalistica, te ne
            sei accorto ? Il modello "statalista" è
            morto da un pezzo. Può piacere o non
            piacere, ma se queste sono le regole, mi
            adeguo....Il modello statalista non c'entra nulla (proprio come il cavolo a merenda da te citato). Qui si parla di efficienza, di velocità di ottenimento certi risultati. Esattamente come si fa, ad esempio, utilizzando in parallelo la memoria di molti computer in rete per calcoli che richiedono estrema potenza. Si chiama condivisione, questa. Ognuno il suo pezzetto. Il modello a cui ti adeegui (fai pure, se pensi che ti procuri dei vantaggi) è semplicemente l'utilizzo privato di risorse ex-condivise, e non fa altro che rallentare la crescita e impedire lo sviluppo.
            Questo paragone, scusami, c'entra come il
            cavolo a merenda....Mi spiace che tu non riesca a capirlo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Soluzione
      - Scritto da: Gano
      Cioè la pessima e purtroppo consolidata
      abitudine di permettere a chiunque di
      vendere programmi senza l'obbligo di fornire
      i sorgenti truffando -perchè praticamente di
      truffa si tratta- in questo modo gli utenti
      finali.Non sono d'accordo. Quando compro una macchina, la casa (giustamente) non e` oblligata a consegnarmi tutti i disegni, cosi` come la Coca-Cola non mi ha mai dato la lista completa degli ingredienti della sua bevanda. Va anche detto che nessuno sano di mente puo` vietarmi di smontare la mia macchina o analizzare la Coca-Cola, cosa che e` invece prassi comune con il software.
      2) I formati dei files diverrebbero tutti
      comprensibiliEcco, questo e` il punto dolente. I formati proprietari sono, a mio parere, una grossa minaccia alla libera concorrenza e per lo sviluppo del settore. Basta vedere la situazione di Microsoft Word.Mi sembra alquanto bizzarro che si parli di "software in affitto" come se fosse la cosa piu` naturale del mondo, quando questo si tradurrebbe in "paga *me* per utilizzare i *tuoi* dati".Sarei favorevole ad una legislazione che possa imporre la divulgazione delle specifiche dei formati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Soluzione
        dei disegni non hai bisogno se puoi smontare l'automobile e la coca copla e' tenuta a fornire la lista completa di TUTTI gli ingredienti, ma scherzi? un prodotto gastronomico deve avere sempre disponibile la lista di quello di cui e' composto se non il procedimento con cui ottenerlo.
  • Anonimo scrive:
    SITO PIRATA!!!
    www.tailot.cjb.net aiutacci a crescere
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT] SITO PIRATA!!!
      - Scritto da: TAILOT
      www.tailot.cjb.net aiutacci a crescereSbagliare il 33% delle parole non è cosa da poco, anche X uno spammer
  • Anonimo scrive:
    Maddai
    Quelli che scrivono a favore di FI sembrano tutti sgrammaticati... mi sa che qui qualcuno fa troppo il furbo (anche se ci godo lo stesso un sacco... ;-)
  • Anonimo scrive:
    Guerra alla pirateria
    Guerra alla pirateria: finalmente un'iniziativa seria sensata e puntualesperiamo che attuino l'iniziativa con le perquisizioni a tappeto accettino soffiate anonime ed introducano qualche legge che come per il terrorismo permetta di accelerare il giudizio e fornisca la giusta pena a queste persone senza coscienzatroppi qui in italia ritengono che copiare non sia un reato e che abbiano tutto il diritto di farloè l'idea strampalata degli hacker e dello stallato che è completamente assurda e diseduca il mondo verso la corretta legalitàse non hai i soldi niente software è un concetto chiaro e semplice nella sua normalità e semplicitàperchè devi usare un'imitazione o copia del mio software senza pagarmelo ?qualche anno di galera dura farà sicuramente cambiare idea a chi infrange questa semplice leggela copia è ne più ne meno un furtoe deve essere punita con le stesse pene del furto e della ricettazionelo stesso dovrebbe essere applicato su chi realizza e spaccia un software contraffatto soprattutto se open source ottenuto tramite imitazione di un software commerciale con una buona diffusioneinfatti non occorre fermare la diffusione del software pirata e contraffatto è sufficiente incrementare i controlli e le perquisizioni e dare una giusta e pesante pena a questi hacker piraticomunque noto con piacere che ci stiamo muovendo nella direzione giustail solito MCSE che è in regola
    • Anonimo scrive:
      Re: Guerra alla pirateria
      Per le aziende sono del tuo stesso parere ma se un ragazzo ancora studente vuole smanettare con programmi costosissimi senza trarne profitto benvengano le copie!Mi ricordo i bei tempi del vecchio Amiga quando avevo 12 anni e possedevo una collezzione di 300 e passa giochi piratati...se fossero costati meno li prendevo ...Ora son cresciuto e ho una azienda e dato che non mi mancano + i soldi piano piano (a seconda delle disponibilitá) mi son comprato le licenze di tutto il software che utilizzo; non sono peró contento del prezzo di esso...se uno apre una azienda spende minimo a pc 1000 euro di programmi e non tutti possono permettersi sta spesa...tu dirai allora non apra l´azienda ma questi programmi sono imposti dal mercato ed é giusto anche averli a prezzo normale e non da sanguisuga!Sta MICROSOFT é una azienda che lucra sui poveri specialmente per comprarsi office etc....poi passiamo alla Adobe..e alla Macromedia praticamente uno che apre é gia in perdita solo per i programmi
      • Anonimo scrive:
        Re: Guerra alla pirateria
        - Scritto da: un imprenditore
        Ora son cresciuto e ho una azienda e dato
        che non mi mancano + i soldi piano piano (a
        seconda delle disponibilitá) mi son comprato
        le licenze di tutto il software che
        utilizzo; non sono peró contento del prezzo
        di esso...se uno apre una azienda spende
        minimo a pc 1000 euro di programmi e non
        tutti possono permettersi sta spesa...Un consiglio da amico: anticipa i tempi e installaLinux con pacchetti come StarOffice, non ha nientein meno della controparte MS, soprattutto in ufficio.Con quello che ti risparmi in licenze spendilo informazione e in personale qualificato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Guerra alla pirateria
      - Scritto da: MCSE
      speriamo che attuino l'iniziativa con le
      perquisizioni a tappeto accettino soffiate
      anonime ed introducano qualche legge che
      come per il terrorismo permetta di
      accelerare il giudizio e fornisca la giusta
      pena a queste persone senza coscienzaIdee anacronistiche le tue. E` funzionato cosi`fino ad oggi (vedi guardia di finanza).

      troppi qui in italia ritengono che copiare
      non sia un reato e che abbiano tutto il
      diritto di farlo
      è l'idea strampalata degli hacker e dello
      stallato che è completamente assurda e
      diseduca il mondo verso la corretta legalità
      se non hai i soldi niente software è un
      concetto chiaro e semplice nella sua
      normalità e semplicità
      perchè devi usare un'imitazione o copia del
      mio software senza pagarmelo ?
      qualche anno di galera dura farà sicuramente
      cambiare idea a chi infrange questa semplice
      leggeSe proprio devi sbattere in galera qualcuno sareiriconoscente se fossero mafiosi, omicidi, killer ecc.Se poi vuoi fermare la pirateria ferma il businessche c'e` dietro. Non arrestare chi usa software copiato (che male c'e`?), piuttosto becca chi vendei CD piratati sottraendo il denaro all'autore.Ma la soluzione principe sarebbe un drastico abbattimeno del costo del software ottenibile a mioparere solamente con l'open source. In questo modoaddio pirateria (chi spende 10 Euro in un softwarepiratato quando quello ufficiale ti costa 15?).

      la copia è ne più ne meno un furto
      e deve essere punita con le stesse pene del
      furto e della ricettazioneLa copia non e` un furto, smettiamola con ladistorsione della realta`. Puoi considerarla unreato ma non e` un furto.

      lo stesso dovrebbe essere applicato su chi
      realizza e spaccia un software contraffatto
      soprattutto se open source ottenuto tramite
      imitazione di un software commerciale con
      una buona diffusioneQui non ci siamo proprio. Scrivere un softwareche si comporta come un altro (imitazione?) non e`reato altrimenti Bill Gates sarebbe in prigione daanni, e l'open source andrebbe incentivato non certo represso.
      infatti non occorre fermare la diffusione
      del software pirata e contraffatto è
      sufficiente incrementare i controlli e le
      perquisizioni e dare una giusta e pesante
      pena a questi hacker piratiUn hacker e` un hacker. Un pirata e` un pirata,smettiamola con la confusione. In inglese il piratainformatico viene anche chiamato cracker, ma l'hacker non ha niente a che fare. L'hacker e` unapersona che cerca di capire e studiare il funzionamento di un software o un sistema operativo e in questo non vi e` nulla di illegale.

      comunque noto con piacere che ci stiamo
      muovendo nella direzione giusta
      il solito MCSE che è in regolaCi stiamo muovendo verso la repressione, che non hamai riportato buoni frutti, altrimenti il ventenniofascista sarebbe ricordato per altri motivi...
      • Anonimo scrive:
        Re: Guerra alla pirateria
        Ma che fai rispondi ad una palese trollata?Forse nemmeno il presidente della BSA riuscirebbe a sostenere senza ridere queste idee... :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Guerra alla pirateria
      Sarebbe interessantissimo fare un tracciamento come si deve così da capire una volta per tutte chi si nasconde dietro questo NIC. Perchè è chiaro, deve essere chiaro, che la tolleranza ha un limite.
      • Anonimo scrive:
        Re: Guerra alla pirateria
        E vabbè ! Non te la prendere: faccio tanto per scherzare !Cmq, ebbene sì hai indovinato, ce la metto tutta ad immedesimarmi nella parte (cosa non facile perchè sono idee che non condivido per niente) ... però c'è anche qualcuno che prende queste affermazioni sul serio../..
  • Anonimo scrive:
    FASOLINO VAI A CAGARE......
    Ci stiamo avvicinando alle leggi di merda dell'amministrazione Bush dove si condannano all'ergastolo i crimini informatici?Si ... perchè l'Italia non è mai stata capace di risolvere i propri problema da sola ed ha sempre visto giusto copiare le cazzate degli altri!Il terrore non è mai stata un'arma vincente e non lo sarà mai.Anzi siamo noi che dovremo fare in modo che le cazzate che stanno facendo in america non si ripetano quà.
  • Anonimo scrive:
    Proposta di Legge
    Proposta di legge, da Mr.Wolf, webmaster di www.hackerzine.org.Legge contro la pirateria.Art 1. : Vietato far pagare i CD audio più di 15 Euro, vietato far pagare a prezzi impossibili i CD software.LEGGE FINITA.Se approvano una legge così in parlamento, nel giro di 6 mesi, la pirateria cala del 30%, almeno per quanto mi riguarda.Mr.Wolfwww.hackerzine.org
    • Anonimo scrive:
      Re: Proposta di Legge
      - Scritto da: MrWolf
      Proposta di legge, da Mr.Wolf, webmaster di
      www.hackerzine.org.

      Legge contro la pirateria.

      Art 1. : Vietato far pagare i CD audio più
      di 15 Euro, vietato far pagare a prezzi
      impossibili i CD software.

      LEGGE FINITA.

      Se approvano una legge così in parlamento,
      nel giro di 6 mesi, la pirateria cala del
      30%, almeno per quanto mi riguarda.
      Mr.Wolf
      www.hackerzine.orgNe sei sicuro ??Rispondimi al post sotto....
    • Anonimo scrive:
      Re: Proposta di Legge
      Dì la verità... sei un comico...
  • Anonimo scrive:
    ma va bene cosi'.....
    .... in fondo e' la prima proposta del governo che colpisce tutti.... ma proprio tutti.....
  • Anonimo scrive:
    Facciamo come per MANIPULITE!!!
    Propongo al nostro beneamato governo la seguente strategia: è illegare copiare il software? BASTA CAMBIARE LE LEGGI e depenalizzare il reato. Semplice, efficace e (come dimostrato in questi ultimi mesi) fattibilissimo. Chi è d'accordo com me lo urli a pieni polmoni, chi non la pensa come me .... PAZIENZA.Ciao a tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
      Scusa, a parte il fatto che i magistrati milanesi hanno sempre deciso di colpire reati che rispondessero a precise topologie: eseguiti da persone di elevato ceto sociale (anche per 10 Mli di lire) e eseguiti da 1 o poche persone. Hanno deciso altresì di non colpire reati eseguiti da persone di medio ceto sociale, reati eseguiti in gruppo di numero consistente, reati di finanziamento politico, anche estero, destinati e consumati al solo partito.Tò guarda caso la 1° topologia corrisponde a tanti partiti della 1° Repubblica, la 2° al PCI-DS, quando si dice la combinazione!Mi spieghi che dovremmo fare con i reati sulle pensioni, anche quelle rubate dai sindacati e dai partiti di SX con la legge Mosca del 76, con i reati di finanziamento russo al PCI, con le case pubbliche assegnate quasi in prevalenza ad esponenti della SX, con i reati fiscali delle COOP?Dovremmo fare come i magistrati di Milano che hanno detto che non sono importanti i reati della 2° topologia (di Pietro, che viene dalla DX sociale di cultura, da buon populista neanche li considera reati: disse ad un "Porta a Porta" che si fece durante lo scandalo delle case pubbliche alla SX, che la SX non aveva nessun reato), e si concentrano esclusivamente sui primi con uomini (magistrati, finanzieri, carabinieri, etc.)?Ti ricordo che nel n.s. parlamento nei banchi della SX siedono gente che con la legge Mosca ha riscattato pensioni perchè era in età lavorativa dalla tenera età di 5 anni (come del Turco a 14), che Cossutta ha pubblicamente ammesso di aver ricevuto finanziamenti dall'ex URSS e che lo sapevano e ricevevano altri esponenti di SX, sempre per giornali, partiti, etc. d'ispirazione comunista.Si potrebbero vedere in galera gli autori di questi reati o a piede libero? Visto che sono reati molto più importanti!Invece di fare ironia, protesta perchè cambi la cultura della magistratura attuale che vede solo la 1° topologia di reati, non tutti come prevede il codice. E i magistrati che sono andati contro questo verbo populista dei magistrati milanesi, si sono ritrovati i colleghi contro, e la loro azione esaurita (ti ricordi l'indagine per l'alta velocità che vedeva anche Prodi ed altri esponenti di quella che ora è la Margherita implicati? Bè quello che non riesce a chi si scontra con i magistrati milanesi lì è riuscito: sono riusciti a far cambiare procura, verso una interessata, ed a insabbiarla).Va bene, lo sfogo è finito 8forse un pò troppo per quell'esile ironia).
      • Anonimo scrive:
        Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
        A parte che intendevo proprio topologia di reati, non tipologia in senso giuridico, perchè quella la si applica ai termini descritti dal codice penale e/o civile; la distinsione di reati che ho fatto, come fanno i magistrati milanesi e altri, non è basata sul codice penale o civile, sarebbe illegale infatti, come lo è.A parte ciò, non volevo passare come quello che difende i reati dei ricchi a danno dei poveri (diciamo meno ricchi, è meglio), o come quello che sprona per i reati dei rappresentanti delle classi sociali meno abbienti; solo che vorrei quello che tu hai detto alla fine: che tutti i reati vengano perseguiti.Poi, tra ricevere finanziamenti da un paese nemico URSS e uno amico, vi è una differenza di reato; ed avendo gli USA ee alleati vinto la guerra fredda, i finanziamenti illeciti provenienti dall'ex URSS e diretti al PCI si possono facilmente provare, quelli provenienti dagli USA no. Solo che ai magistrati ciò non deve interessare, mica è una partita e si deve pareggiare; se possono perseguire un reato lo devono fare.
        • Anonimo scrive:
          Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
          - Scritto da: .........................
          Poi, tra ricevere finanziamenti da un paese
          nemico URSS e uno amico, vi è una differenzaCi risiamo, alle solite. I buoni da una parte e icattivi dall'altra. Hai guardato troppi film americani ultimamente???? Guardacaso i buoni sonogli americani (gli stessi di Ustica, del Cernis eHiroshima e Nagasaki) e i cattivi invece mangiano i bambini. E dovremmo accettare lezioni di storia dapersone come te?E se ci tieni a saperlo non sono comunista... o nomi avevi gia` iscritto nella lista nera!
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
            Gli americani non saranno buoni ma la maggioranza degli Italiani di ora e prima li ha scelti come paese amico, l'URSS come paese nemico. Ed i magistrati non devono interpretare ciò ma accettarlo, ergo il reato di finanziamento illecito da parte di un paese nemico è più grave.Informati.
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
            - Scritto da: .........................
            Gli americani non saranno buoni ma la
            maggioranza degli Italiani di ora e prima li
            ha scelti come paese amico, l'URSS come
            paese nemico.Scusa ma quando si è votato per dichiarare guerraall'URSS ero malato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
            Ma smettetela tutti quanti !! Mi fate ridere.Ce l'avete tutti con il nuovo governo, ma se sono 50 anni che tutti quelli che si sono seduti li hanno rubato e fatto i loro porci comodi !!Ma non avete ancora capito che chiunque arrivi al governo fa il suo interesse e vi piglia tutti per il culo, che sia di destra , di centro o di sinistra !!! ...... e voi vi scaldate così !!Fatevi una flebo di tranquillanti !!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
            Infatti quelli che ci sono adesso appartengono alla stessa famiglia di quelli che ci hanno portato allo sfacello di adesso ... Ti dice niente l'equazione : Forza Italia = Democrazia Cristiana ?Il cambiamento c'era stato ... è durato poco .... poi il lavaggio di cervello fatto da Dorian Gray ha prevalso .....chissa dove andremo a finire .... regime dittatoriale ? ....
      • Anonimo scrive:
        Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
        - Scritto da: .........................
        Scusa, a parte il fatto che i magistrati
        milanesi hanno sempre deciso di colpire
        reati che rispondessero a precise topologie:
        eseguiti da persone di elevato ceto sociale
        (anche per 10 Mli di lire) e eseguiti da 1 o
        poche persone. Hanno deciso altresì di non
        colpire reati eseguiti da persone di medio
        ceto sociale, reati eseguiti in gruppo di
        numero consistente, reati di finanziamento
        politico, anche estero, destinati e
        consumati al solo partito.Si`, proprio come Robin Hood... stavi scherzando o hai fumato qualcosa che non e` tabacco?
        • Anonimo scrive:
          Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
          La n.s. legislazione, consente alla magistratura di scegliere nell'arco dei reati di prestare maggiore attenzione e di conseguenza uomini e mezzi ai reati che la procura ed il sostituto procuratore, ritiene più importante; se la magistratura di Milano (e non solo) ha scelto un tipo di reati l'ha scelto perchè lo ritengono (nella loro mentalità di giustizialismo sociale) più importante di altri (da notare che io non sono daccordo con questa scelta).Quando Craxi disse di voler esternare ai magistrati di Milano i reati di cui era a conoscenza sulle COOP rosse, gli stessi magistrati gli risposero che se voleva collaborare, doveva confessare su reati veramente importanti, quelli che lo riguardavano.Poi, lo stesso Borelli, allora a capo della procura, tolse i finanzieri alla Parenti (allora collega dei magistrati di Milano) ed al suo collega quelli impegnati in indagini non ritenute importanti (COOP ed simila) e solo quelli, per destinarli ad indagini che la procura riteneva più importanti. I magistrati di Milano (e non solo) hanno sempre ammesso di destinare le energie sui reati che ritengono più importanti, dovendo scegliere; solo che il loro metro non va bene, è troppo orientato al sociale!
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
            Dimenticavo, hanno dettto di destinare gli uomini alle indagini che ritengono più importanti, proprio per rispondere alle obiezioni di esponenti di FI sulla parzialità dei reati interessati dalle indagini della procura milanese.
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
            - Scritto da: .......................
            La n.s. legislazione, consente alla
            magistratura di scegliere nell'arco dei
            reati di prestare maggiore attenzione e di
            conseguenza uomini e mezzi ai reati che la
            procura ed il sostituto procuratore, ritiene
            più importante;MA TI SEI BEVUTO IL CERVELLO!!!!mA SANKAZINCANTO!!!L'OBBLIGATORIETà DELL'AZIONE PENALE CHE VIGE NEL NOSTRO ORDIANMENTO NON PERMETTE PER NIENTE AI MAGISTRATI CHE REATO SCEGLIERE...E PROPRIO BERLUSCONI VOLEVA (VUOLE) ABOLIRLA PERCHè SCOMODA... COSì SI SI POTRà SCEGLIERE CHE REATI PERSEGUIRE... QUESTA è LA GIUSTIZIA CHE SI PORTA DIETRO IL NOSTRO BENEAMATO GOVERNO ATTUALE!!!!DISINFORMACIJA...ECCO QUELLO CHE FAI...
      • Anonimo scrive:
        Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
        TIZIO è stato beccato mentre rubava.Si difende dicendo: "Sì, d'accordo ma allora perché non prendete anche CAIO?"Anche CAIO viene beccato mentre rubava.Si difende dicendo: "Sì, d'accordo ma allora perché non prendete anche SEMPRONIO?"E' lo stesso ragionamento di chi difende i Tangentopolisti: sì però quelli là prendevano i soldi dall'URSS.E' lo stesso ragionamento dei fascisti: certo, Hitler ha fatto morire per sadismo criminale milioni di persone, però anche Stalin.Ma perchè la DX usa sempre e a sproposito queste trite e ritrite TOPOLOGIE?Forse le mancano gli argomenti?
        • Anonimo scrive:
          Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
          Non è solo il Centro DX italiano a chiedere che venghino interessati tutti i reati (che non sono solo i finanziamenti illeciti dall'ex URSS), se vai nei paesi anglosassoni è normale, sopratutto negli USA.Prova ad andare negli USA e a dire che la magistratura deve interessarsi principalmente di reati individuali, dei ceti sociali più alti (e male poi, perchè il potere di quest'ultimi non permette di fare una giustizia piena nel campo); che deve scartare finanziamenti illeciti interessanti un gruppo ampio, che bisogna scartare i reati dei ceti meno abbienti; provaci e vedrai che ti rispondono.I magistrati di Milano hanno speso Mli delle vecchie lire, centinaia, per condannare un imprenditore per tg di 10 Mli in lire. Per condannare migliaia di sindacalisti e di esponenti del Centro SX che hanno abusato della legge Mosca sulle pensioni (doveva servire per 8000 persone, ne serve quasi 100.000), rivalutando in piena sfacciataggine di aver lavorato per il sindacato - partito anche dalla tenera età di 5 anni, basta la spesa di una raccomandata all'INPS con la relativa richiesta di materiale.Ma si sà gli uomini sono impegnati in indagini più importanti, e più costose.
    • Anonimo scrive:
      Re: Facciamo come per MANIPULITE!!!
      - Scritto da: Ascao
      Propongo al nostro beneamato governo la
      seguente strategia: è illegare copiare il
      software? BASTA CAMBIARE LE LEGGI e
      depenalizzare il reato. Semplice, efficace e
      (come dimostrato in questi ultimi mesi)
      fattibilissimo. Io e altri stiamo cercado di creare una base per un movimento atto alla raccolta delle firme, per contatto e' stato aperto il seguente NG su yahoohttp://it.groups.yahoo.com/group/computer_sequestri/
  • Anonimo scrive:
    Poche idee ma confuse
    Dopo che hanno lanciato la guerra contro le prostitute aprono il fornte contro la pirateria: per l'amor di Dio, tutto lecito ma ero convito che i veri problemi italiani fosse Mafia e Camorra, dioccupazione, tenore di vita al limite della sopravvivenza di sempre più persone, ecc ecc..E' come se al pronto soccorso si presentasse un uomo con un pugnale conficcato nel cuore ed un unghia incarnita e i medici cominiciassero a soccorrerlo curandoli il dito!Quasi quasi facci fare il politico anche al mio gatto, se non altro i felini sono animali intelligenti.Ciao CiaoAiace
  • Anonimo scrive:
    Domandona....
    ...scusate, ma mi chiedo una cosa: Se Office, Win, Acrobat, Norton ecc... fossero a prezzi più bassi, quanta gente smetterebbe di copiare veramente ??E' la stessa storia degli mp3. Potendoli ottenere gratis, quanti li pagherebbero anche 50 cent l'uno ?Il Norton AV, ad esempio, costa 30/40 ?; francamente non mi sembra un prezzo proibitivo !!! (non voglio entrare nel merito della qualità del programma, non mi interessa in questo ragionamento)Eppure se devo scegliere (e mi ci metto io per primo) probabilmente lo copierei.Credo che la risposta vada cercata nella classica mentalità italica dello scrocco e del "volemose bene".... finché non la smettiamo di ragionare come bottegai, questi discorsi lasceranno sempre il tempo che trovano....Io comunque farei una distinzione, comunque, tra sw uso-azienda e uso-privato.Nel primo caso sono strumenti di produzione, ed è giusto pagarli (così come ti compri i mobili, le scrivanie, i PC, gli impianti ecc...). Forse non ci rendiamo conto che dietro un programma ci sono centinaia di ore di lavoro di persone che -alla fine- costano. E non poco !Dall'altra parte si potrebbe pensare a creare delle licenze ad uso "casalingo", laddove non sono strumenti di produzione. Peraltro qualcosa c'è già!! La suite di Works, ad esempio, costa molto meno di Office, ed è più che sufficiente per scrivere le lettere all'amministratore di condominio.... :-) Allora, quindi, si rientra nel discorso di cui sopra.... copiare per il gusto di avere ... (o a vere per il gusto di copiare ??)Che ne pensate ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Domandona....
      - Scritto da: The Maty
      Peraltro qualcosa c'è già!! La suite di
      Works, ad esempio, costa molto meno di
      Office, ed è più che sufficiente per
      scrivere le lettere all'amministratore di
      condominio.... :-)E StarOffice costa ancora meno!Linux costa meno di Windows e funziona anche meglio. Ora che lo sai userai Linux o continueraia copiare Windows??
  • Anonimo scrive:
    prezzi...
    ma cosa credono .. che TUTTI quelli che copiano sw lo facciano per il gusto di farlo?spesso e volentieri i prezzi dei sw sono proibitivi e non e' un segreto che anche molte grandi softwarehouse, soprattutto in passato (ora c'e' la moda del limite di tempo), hanno favorito la pirateria di loro sw per crearsi un bacino d'utenza maggiore dei loro concorrenti
  • Anonimo scrive:
    prezzi...
    ma cosa credono .. che TUTTI quelli che copiano sw lo facciano per il gusto di farlo?spesso e volentieri i prezzi dei sw sono proibitivi e non e' un segreto che anche molte grandi softwarehouse, soprattutto in passato (ora c'e' la moda del limite di tempo), hanno favorito la pirateria di loro sw per crearsi un bacino d'utenza maggiore dei loro concorrenti
    • Anonimo scrive:
      Re: prezzi...
      - Scritto da: Abbassoosx
      ma cosa credono .. che TUTTI quelli che
      copiano sw lo facciano per il gusto di
      farlo?

      spesso e volentieri i prezzi dei sw sono
      proibitivi Anche una Ferrari costa un occhio...che significa che sono autorizzato a rubarla ??PD
      • Anonimo scrive:
        Re: prezzi...

        Anche una Ferrari costa un occhio...che
        significa che sono autorizzato a rubarla ??
        PDNo, ma se riesci a farne una copia lasciando la sua al legittimo proprietario, nessuno ti dira' nulla... :P
      • Anonimo scrive:
        Re: prezzi...
        - Scritto da: PD
        Anche una Ferrari costa un occhio...che
        significa che sono autorizzato a rubarla ??
        PDBSA anyone?? Ancora con questo stupido parallelo fra il mondo reale e quello digitale del riproducibile all'infinito. Mi chiedo se certa gente abbia la segatura al posto del cervello se sostiene teorie tanto ottuse quanto insulse. Questa frase sembra estrapolata da un ipotetico manuale "Il nostro concetto di copyright: come spiegarlo in due parole a plebei e mentecatti - by BSA and Microsoft". Magari fosse come dicono loro! In questo caso basterebbe "duplicare" il grano per sfamare il terzo mondo e duplicare diamanti per farci fare bellissimi gioielli a 10 euro. Invece le cose non stanno cosi': ogni Ferrari che viene prodotta e venduta e' stata "fabbricata" usando materie prime che un giorno si esauriranno. Se la rubi la rubi a qualcuno, ergo, lo privi della proprieta' di un bene. La copia di un programma non implica necessariamente alcuna perdita per la software house produttrice, ne' priva qualcuno della sua legittima proprieta', quindi non si puo' definire furto. Non e' un furto perche' non rubo ne' il supporto (a meno di non rubare l'originale con tutta la scatola in negozio) ne' il codice (al massimo lo sto usando, senza licenza). Non causo necessariamente danno economico per mancato guadagno ai produttori perche' NULLA puo' dimostrare che, in mancanza del programma copiato, avrei comprato sicuramente l'originale. Ergo, tutta questa teoria e' largamente confutabile, una vera invenzione che i nostri politici si sono bellamente bevuti. Ma loro sono informaticamente analfabeti: vogliamo abbassarci al loro livello?Alberto Scala
  • Anonimo scrive:
    berlusconi non è Bill Gates :-))
    Il senatore di Forza Italia Gaetano Fasolino, farà sicuramente breccia nel governo quando berlusconi acquisterà una softer house :-)) per il momento meglio depenalizzare il falso in bilancio, approvare una legge truffa sul conflitto d'interessi e scarcerare i mafiosi...tutto normale, dopo il mega bottino di voti che forza italia a preso in Sicilia, cosa volevamo aspettarci l'arresto di Provenzano?increeeeedibile....uhaaaaa
    • Anonimo scrive:
      Re: berlusconi non è Bill Gates :-))

      normale, dopo il mega bottino di voti che
      forza italia a preso in Sicilia, cosa
      volevamo aspettarci l'arresto di Provenzano?

      increeeeedibile....uhaaaaa "ha preso" e non "a preso"..Se è questo il livello della tua cultura, allora si comprende molto bene il senso del tuo intervento..COMPLIMENTI!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: berlusconi non è Bill Gates :-))
        a preso!! ....hai ragione azzurrino acculturato, in verità ha pagato!! mi scappa un'h e ti accorgi quanto vale la tua cultura, ma da buon pirla difendi il tuo padrone. Vai a scuola di vita...e capirai che l'H è un optional quando mancano le parole per descrivere la vergogna che ti porti dietro.
  • Anonimo scrive:
    Basta con i pirati
    Bella cosa l'interese per i pirati informatici, ma per i pirati dei bilanci che cosa hanno fatto? In pratica depenalizzato il falso in bilancio. Vogliamo proprio essere condizionati da chi ha fatto della truffa la sua arma?
  • Anonimo scrive:
    Falso in bilancio, pirateria ed open source
    Vi ricordo che questi sono i signori che hanno tolto il falso in bilancio come reato ed impediscono che l'open source sia utilizzato nella P.A.
    • Anonimo scrive:
      Re: Falso in bilancio, pirateria ed open source
      Invece con i governi precedenti era Linux a go-go.Ma ragionate quando parlate.....sembrano interventi con lo stampino...dimenticatevi degli slogan che sentite ai vostri bei collettivi e ragionate con la testa vostra ogni tanto.OJ- Scritto da: WJ
      Vi ricordo che questi sono i signori che
      hanno tolto il falso in bilancio come reato
      ed impediscono che l'open source sia
      utilizzato nella P.A.
      • Anonimo scrive:
        Re: Falso in bilancio, pirateria ed open source
        - Scritto da: OJ
        Invece con i governi precedenti era Linux a
        go-go.
        Ma ragionate quando parlate.....sembrano
        interventi con lo stampino...dimenticatevi
        degli slogan che sentite ai vostri bei
        collettivi e ragionate con la testa vostra
        ogni tanto.
        OJma scusa, abbiamo al governo al peggior banda di ladri e farabutti di ogni sorta da quando esiste la repubblica italiana, e vai a dire a degli italiani di ragionare? a degli italiani? bwoahahahaahaahahah, ma suvvia, dai... e queste cose che ci succedono sono solo l'inizio...vedremo poi...io per intanto mi sto leggendo attentamente i resoconti storici delle cose che succedevano prima del ventennio... magari dateci un occhio anche voi, chissà che non si trovino delle DIVERTENTI (non educative, non sia mai!) analogie.QI
  • Anonimo scrive:
    Ergastolo ai pirati
    ...e liberiamo i mafiosi che hanno ucciso Falcone.Forse c'e' qualcosa che non va?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ergastolo ai pirati
      - Scritto da: andossa
      ...e liberiamo i mafiosi che hanno ucciso
      Falcone.

      Forse c'e' qualcosa che non va?
      Mi sa che in questa italia non molte cose non vanno e cercano di attaccarsi alle cazzate. Continua così italia e tutti insieme gridiamo forza italia ahahahhahaw il belusca ahahahhahahama andate a morì ammazzati tutti coglioni che poi basta che un mafioso si dichiara pentito (io non ci credo, se uno nasce mafioso morirà anche mafioso) e lo lasciano libero dopo le stragi.. il problema qua è uno secondo me: Lo stato in tutti i sensi.. Se continua così fra un paio di anni....
  • Anonimo scrive:
    Vero problema: prezzi alti
    Per l'utente casalingo non esiste di spendere oltre 200 mila lire per il sist. operativo e oltre 500 mila lire per office. Per le aziende OK, ma finche' i prezzi non scendono sotto le 30.000 lire a programma, se lo scordano di cancellare la pirateria, anzi l'aumentano!Dato de facto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vero problema: prezzi alti
      - Scritto da: fgh
      Per l'utente casalingo non esiste di
      spendere oltre 200 mila lire per il sist.
      operativo e oltre 500 mila lire per office.
      Per le aziende OK, ma finche' i prezzi non
      scendono sotto le 30.000 lire a programma,
      se lo scordano di cancellare la pirateria,
      anzi l'aumentano!
      Dato de facto.Usa linux, per l'utenza casalinga (games a parte) va bene e fa le stesse cose di windowse spendi zero........a prova di padre 60 enne....
    • Anonimo scrive:
      Re: Vero problema: prezzi alti
      Questo e' un dato di fatto in questa Italia dove a parole son tutti moralisti e nei fatti ognuno fa come meglio gli conviene. Se ci fosse un po di serieta' l'utente casalingo spenderebbe quel che costa cio che gli serve, oppure non se lo compra; non stiamo parlando di pane e vivande, ma di un optional, come l'aria condizionata.- Scritto da: fgh
      Per l'utente casalingo non esiste di
      spendere oltre 200 mila lire per il sist.
      operativo e oltre 500 mila lire per office.
      Per le aziende OK, ma finche' i prezzi non
      scendono sotto le 30.000 lire a programma,
      se lo scordano di cancellare la pirateria,
      anzi l'aumentano!
      Dato de facto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Vero problema: prezzi alti
        - Scritto da: rutten
        - Scritto da: fgh

        Per l'utente casalingo non esiste di

        spendere oltre 200 mila lire per il sist.

        operativo e oltre 500 mila lire per
        office.

        Per le aziende OK, ma finche' i prezzi non

        scendono sotto le 30.000 lire a programma,

        se lo scordano di cancellare la pirateria,

        anzi l'aumentano!

        Dato de facto.

        Questo e' un dato di fatto in questa Italia
        dove a parole son tutti moralisti e nei
        fatti ognuno fa come meglio gli conviene. Se
        ci fosse un po di serieta' l'utente
        casalingo spenderebbe quel che costa cio che
        gli serve, oppure non se lo compra; non
        stiamo parlando di pane e vivande, ma di un
        optional, come l'aria condizionata.

        ben dettose uno non si può permettere il software, non se lo compranon perchè voglio imparare ad usare un automobile sono giustificato a rubarne unaè bene rendersi conto che la copia di un software è un furto e fornirlo a terzi è atutti gli effetti ricettazionequindi se uno non ha i soldi e non và a rubare in banca perchè invece si deve sente giustificato a rubare il software ?questo luogo comune non lo capirò maitanto vedrai che dopo la prima volta che lo hanno beccato e si è snocciolato qualche anno in galera dopo cambia ideail solito integerrimo MCSE
    • Anonimo scrive:
      Re: Vero problema: prezzi alti
      - Scritto da: fgh
      Per l'utente casalingo non esiste di
      spendere oltre 200 mila lire per il sist.
      operativo E allora perchè non si spende i 5 ? di Una distro Linux, *BSD o QNX o Beos?
      e oltre 500 mila lire per office.E allora perchè non si installa OpenOffice o Abi o Lotus SS?
  • Anonimo scrive:
    Un dovere morale: appalti pubblici senza mazzette
    ...se veramente fanno entrare l'opensource nella Pubblica Amministrazione la prossima volta li voto anche io.Pino Silvestre
  • Anonimo scrive:
    Bill Gates e' il primo pirata
    Per sviluppare i suoi sistemi operativi usa Yacc e Bison.. che sono software liberi... sviluppati da gente libera...Ma da dove e' uscito questo senatore?Forse farebbe meglio a documentarsi....William Gates III ha spazzato dal mercato ditte come Netscape.. rilasciando ai "concorrenti" librerie come le Winsock non conformi hai suoi Book... In un TechEd Microsoft ho sentito con le mie orecchie una signora targata Microsoft, che lo dichiarava espressamente. Disassemblando i codici, risulta vero quanto detto... alla faccia della concorrenza.Chi e' allora il pirata?
    • Anonimo scrive:
      Re: Bill Gates e' il primo pirata
      - Scritto da: LB rilasciando ai
      come le Winsock non conformi hai suoi Book... non conformi ai suoi book...Bisognerebbe mettere un correttore ortografico nel forum di PI...
      • Anonimo scrive:
        Re: Bill Gates e' il primo pirata
        - Scritto da: kysymys
        - Scritto da: LB
        rilasciando ai

        come le Winsock non conformi hai suoi
        Book...

        non conformi ai suoi book...
        Bisognerebbe mettere un correttore
        ortografico nel forum di PI...Ma il correttore ortografico non riuscirebbe a capire che "hai" è un errore.. cmq la gente rileggere il messaggio anziché scrivere tutto in fretta e furia
      • Anonimo scrive:
        Re: Bill Gates e' il primo pirata
        - Scritto da: kysymys
        non conformi ai suoi book...
        Bisognerebbe mettere un correttore
        ortografico nel forum di PI...eccheccavolo..... e ovio che s'è uno scirve su di hun chuadratino sulo skermo senza vedere tutt oi ltesto è s'Enza correggere qualcie erore gl iscappa pero lim portante hè che si capiscia il senzo, ono?
  • Anonimo scrive:
    Un buon office xp originale anche per te
    Il giorno che sua maestà $ilvio 1° farà in modo da abbassare i prezzi dei programmi morirà la pirateria.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un buon office xp originale anche per te
      Si perche' e' il governo che ne decide i prezzi.....buona questa.- Scritto da: Graziano
      Il giorno che sua maestà $ilvio 1° farà in
      modo da abbassare i prezzi dei programmi
      morirà la pirateria.
  • Anonimo scrive:
    Un impegno preciso: meno tasse per tutti
    Ce l'ho ancora via il santino del berlusca dove sosteneva che il Italia c'era molta evasione fiscale perchè le tasse erano troppo alte e ognuno si arrangiava come poteva.La soluzione secondo lui era che per far emergere il sommerso bisognava ridurre la tassazione.Mi domando come mai il medesimo principio non valga per l'aspetto in questione.Se i prezzi dei SO fossero inferiori credo che la pirateria diventi un problema notevolmente minore (e credo che i produttori incassino anche di più).Ma probabilmente è più importante detassare chi fa rientrare in Italia qualche miliardata illegale dall'estero, partendo dal presupposto che è molto meglio farsi amico un miliardario piuttosto che uno straccione (magari comunista) che non ha il centomila per comprarsi una licenza originale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un impegno preciso: meno tasse per tutti
      - Scritto da: Stefano
      Ce l'ho ancora via il santino del berlusca
      dove sosteneva che il Italia c'era molta
      evasione fiscale perchè le tasse erano
      troppo alte e ognuno si arrangiava come
      poteva.
      La soluzione secondo lui era che per far
      emergere il sommerso bisognava ridurre la
      tassazione.premettendo che non sono filo berlusca, non è "secondo lui"; ci sono _degli studi_ che hanno dimostrato questo
      Mi domando come mai il medesimo principio
      non valga per l'aspetto in questione.
      Se i prezzi dei SO fossero inferiori credo
      che la pirateria diventi un problema
      notevolmente minore (e credo che i
      produttori incassino anche di più).Non hai chiara una cosa forse. Le tasse _possono_ essere fissate dallo stato. _I Prezzi_ dei prodotti sono decisi dalle aziende che li fissano in base al mercato
      Ma probabilmente è più importante detassare
      chi fa rientrare in Italia qualche
      miliardata illegale dall'estero, partendo
      dal presupposto che è molto meglio farsi
      amico un miliardario piuttosto che uno
      straccione (magari comunista) che non ha il
      centomila per comprarsi una licenza
      originale.
      Prima di "cimentarti" in argomenti di questo tipo Ti consiglio di leggere un buon libro di economia. Anche un bignami può bastare nel Tuo caso.Ripeto *NON SONO* filoberlusca, ma le cose insensate fanno effetto a tutti no?
      • Anonimo scrive:
        Re: Un impegno preciso: meno tasse per tutti

        premettendo che non sono filo berlusca, non
        è "secondo lui"; ci sono _degli studi_ che
        hanno dimostrato questoLA cosa è ovvio. Se riduci il costo del lavoro, aumenti il lavoro. Bella forza.Peccato che riducendo il costo del lavoro, le entrate dello stato diminuiscono.Allora o riduci le spese o tassi altre cose.Ecco quindi, tagli alla scuola, tagli alla sanità.Questo perchè è più importante che le imprese assumano gente invece che il cittadino possa contare su una buona istruzione o su un'assistenza sanitaria decente.In pratica, togli le tasse alle imprese, e le metti sulle spalle di tutti i cittadini.Così ci saranno molti più lavoratori, che con il loro stipendio potranno foraggiare le cliniche provate e le scuole private, perchè quelle pubbliche, non avendo contributi adeguati, non saranno in grado di fornire i servizi in modo adeguato.Questo è l'Italia che LUI ha in mente. Ovviamente ho esagerato..... ma non eccessivamente.
        Non hai chiara una cosa forse. Le tasse
        _possono_ essere fissate dallo stato. _I
        Prezzi_ dei prodotti sono decisi dalle
        aziende che li fissano in base al mercatoNO! Ci sono delle condizioni che devono essere rispettate per poter applicare le leggi del mercato.Infatti:1) DEVE esserci mercato2) Ci deve essere concorrenza CORRETTA.Tali ipotesi non sono soddisfatte in quanto in un regime di monopolio non valgono le normali leggi di mercato, e in più, depenalizzando il falso in bilancio, anche la concorrenza non segue i fondamenti, ma viene "drogata" da comportamenti non leciti.Quindi, se vuoi applicare le leggi del libero mercato, deve appunto esserci questo libero mercato.
        Prima di "cimentarti" in argomenti di questo
        tipo Ti consiglio di leggere un buon libro
        di economia. Anche un bignami può bastare
        nel Tuo caso.

        Ripeto *NON SONO* filoberlusca, ma le cose
        insensate fanno effetto a tutti no?Se sul bignami ci sono delle teorie economiche che tengono conto anche delle leggi che regolano il mercato in presenza di:a) aziende con monopoliob) possibilità di violare la leggeallora lo compero anch'io
        • Anonimo scrive:
          Re: Un impegno preciso: meno tasse per tutti


          Non hai chiara una cosa forse. Le tasse

          _possono_ essere fissate dallo stato. _I

          Prezzi_ dei prodotti sono decisi dalle

          aziende che li fissano in base al mercato
          NO! Ci sono delle condizioni che devono
          essere rispettate per poter applicare le
          leggi del mercato.
          Infatti:
          1) DEVE esserci mercato
          2) Ci deve essere concorrenza CORRETTA.qua hai ragione, niente da dire, ma non dipende da berlusca.
  • Anonimo scrive:
    Ma non vi vergognate ???
    Forse non vi rendete conto di appartenere al partito di Silvio Berlusconi ???
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma non vi vergognate ???
      - Scritto da: BuDdy
      Forse non vi rendete conto di appartenere al
      partito di Silvio Berlusconi ???Faresti bene ad iniziare tu..
  • Anonimo scrive:
    Due pesi e due misure
    Ma come! Tanto spreco di forze parlamentari per salvare chi sappiamo con la vergognosa legge sulle rogatorie internazionali e con la volgare legge sul conflitto d'interessi, e poi ce la prendiamo con gli spacciatori di CD pirata?Forza, Italia, forza.....E poi, se si vuole veramente far risparmiare la PA, invece di dare fiato alla voce del padrone (BSA), perché non provano a sperimentare una maggiore autonomia da M$ magari finanziando un bel pacchetto Office europeo con standard internazionali affidandolo alle Università e promuovendone la diffusione a costo zero?O forse si sono già fatti pagare in anticipo gli spot dai grossi produttori di software?
    • Anonimo scrive:
      Re: Due pesi e due misure
      In merito alla legge sulle rogatorie internazionali, leggete quella che gli USA hanno stipulato con la Svizzera, è ferma agli anni 70 e riparlate poi.Le garanzie richieste sono molte di più di quella nuova italiana (per inciso la vecchia legge ammetteva anche fotocopie di qualunque natura, anche illeggibili,e francamente mi sembra troppo).
      • Anonimo scrive:
        Re: Due pesi e due misure
        Scusami, pensavo che fossimo in europa e che, quindi, dovessimo avere leggi simili nei diversi stati che compongono l'UE....Stiamo riuscendo, invece, a diventare il rifugio di chi sta scappando per reati finanziari...Visto il tuo ragionamento direi di adottare anche la pensa di morte dagli Usa...- Scritto da: .........................
        In merito alla legge sulle rogatorie
        internazionali, leggete quella che gli USA
        hanno stipulato con la Svizzera, è ferma
        agli anni 70 e riparlate poi.
        Le garanzie richieste sono molte di più di
        quella nuova italiana (per inciso la vecchia
        legge ammetteva anche fotocopie di qualunque
        natura, anche illeggibili,e francamente mi
        sembra troppo).
  • Anonimo scrive:
    Redistribuzione del reddito.
    La pirateria, almeno quella esercitata dai piccoli consumatori, non e' altro che una compensazione. Una redistribuzione del reddito che in parte attenua gli squilibri delle economie capitalistiche avanzate e permette anche ai meno abbienti di avere una qualita' della vita decente.Che poi i servi delle multinazionali debbano sostenere il punto di vista dei loro padroni, beh, questo e' nell'ordine delle cose. Il sentire comune e' altro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Redistribuzione del reddito.
      sarebbero ? E' tardi
    • Anonimo scrive:
      Re: Redistribuzione del reddito.

      Per uno che e' appassionato di computer (o
      magari videogiochi) la privazione di cio'
      che lo puo' divertire o soddisfare secondo
      me si traduce in diminuzione della qualita'
      della vita.
      Insomma, io metto i divertimenti e le
      soddisfazioni nel "paniere" della qualita'
      della vita, xche' secondo me hanno pieno
      diritto di appartenere a questa categoria.Logica impareggiabile.Io sono appassionato di Ferrari, champagne, viaggi e belle donne.Domani me ne faccio rubare/rapire un po' su commissione perchè sennò sono infelice non potendo pagare, ecchecavolo... lavorare, guadagnare? nah, si fa fatica... meglio "la redistribuzione del reddito" alle spese di chi i soldi ce li ha già.Vivere compatibilmente con le proprie possibilità mai eh? Smetterla di trovare scuse idiote per giustificare la pirateria nemmeno vero? Tanto hai un PC da 2-3 milioni, un cellulare, una macchina, come il 99% della gente che può connettersi ad Internet... hai piratato anche quelli? Eppure in proporzione costano MOLTO più del software.La realtà è che c'e' una fetta di utenza Internet che trova auto-compiacimento nel rubare, non pagare e farla franca, per il puro gusto di farlo e crogiolarsi nell'onanismo delle 10-12 ore al giorno di connessione... qualcosa dovrai pur fare inq uel tempo no? Cosa meglio se non scaricare di ogni? E molti ci fanno su pure del bel business (i Twilight mica si fanno da soli...)Almeno abbiate la dignità di tacere.
      • Anonimo scrive:
        Re: Redistribuzione del reddito.

        Logica impareggiabile.
        Io sono appassionato di Ferrari, champagne,
        viaggi e belle donne.
        Domani me ne faccio rubare/rapire un po' su
        commissione perchè sennò sono infelice non
        potendo pagare, ecchecavolo... lavorare,
        guadagnare? nah, si fa fatica... meglio "la
        redistribuzione del reddito" alle spese di
        chi i soldi ce li ha già.Opinioni. "Rubare" ai ricchi lo trovo molto meno immorale che fottere con l'appoggio delle leggi i soldi a chi ne ha meno. Peraltro, se riuscissi a duplicare la ferrari lo farei, tanto mica la sottrarrei al proprietario. In poche parole, il paragone tra beni materiali e software e' un attimo campato x aria...
        Vivere compatibilmente con le proprie
        possibilità mai eh?No. La tua logica classista andra' bene per te, per me no. Mi basta la mia morale x sapere cosa fare e cosa non fare x migliorare il mio tenore di vita. Le tue leggi tienile per te.Smetterla di trovare
        scuse idiote per giustificare la pirateria
        nemmeno vero?Non sono scuse idiote. Semplice conflitto di interessi. Io scelgo gli interessi di chi ha meno soldi. Tu scegli gli interessi di chi vuoi tu. Tanto hai un PC da 2-3
        milioni, un cellulare, una macchina, come il
        99% della gente che può connettersi ad
        Internet... hai piratato anche quelli?
        Eppure in proporzione costano MOLTO più del
        software.Come no... E mi spieghi come si calcola questa proporzione? A me, a naso, verrebbe da dire esattamente il contrario, come al 99% delle persone.
        La realtà è che c'e' una fetta di utenza
        Internet che trova auto-compiacimento nel
        rubare, non pagare e farla franca, per il
        puro gusto di farlo e crogiolarsi
        nell'onanismo delle 10-12 ore al giorno di
        connessione... qualcosa dovrai pur fare inq
        uel tempo no? Cosa meglio se non scaricare
        di ogni?Ognuno colleziona cio' che gli pare. Tanto e' roba che in ogni caso non sarebbe mai stata acquistata, quindi non vedo danni. Se poi non viene nemmeno usata, non c'e' nemmeno l'"ingiusto arricchimento" che i tuoi amici hanno inventato nella loro legge. E molti ci fanno su pure del bel
        business (i Twilight mica si fanno da
        soli...)I Robin Hood olandesi...? (Scherzo! Su questo hai ragione)
        Almeno abbiate la dignità di tacere.No. E non tacere nemmeno tu xche' amo scambiare opinioni con gente che la pensa diversamente :)
  • Anonimo scrive:
    Sedia elettrica
    Avrei un'idea per il senatore di FI: ripristiniamo la pena di morte e introduciamo la sedia elettrica per chi copia.Attualmente c'e' una legge che punisce chi copia software con la reclusione da 2 a 8 anni e una multa che... lasciamo perdere. Cosa altro diavolo vorranno i produttori di software? Ancora si servono di cotali pappagalli parlamentari per esprimere le loro lamentele per i presunti mancati introiti?D'altraparte, lo dice lui stesso nel suo question time "i consumatori fanno uso di software copiato e non lo percepiscono come un grave reato". Ebbene, se la stragrande maggioranza della popolazione non percepisce un "grave reato" come tale ALLORA NON E' UN REATO, ma un illecito amministrativo e come tale va punito: non lo dico io, e' uno dei tanti principi del Diritto. Comunque, che tristezza, vedere i nostri politici del tutto in balia delle multinazionali.Alberto
    • Anonimo scrive:
      Re: Sedia elettrica
      - Scritto da: Alberto Scala
      ... lo dice lui stesso nel suo
      question time "i consumatori fanno uso di
      software copiato e non lo percepiscono come
      un grave reato"...Mi ricordo Craxi che disse la stessa cosa per i finanziamenti illeciti ai partiti.Solo che lui sosteneva che se un reato viene commesso da troppe persone, questo cessa di essere un reato e diviene un fatto da non punire.Mi chiedo perchè un suo seguace fa proprie le parole del maestro per ribaltare il concetto....Probabilmente soffriva perchè non aveva la visibilità di altri suoi colleghi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sedia elettrica
        - Scritto da: Stefano
        Mi ricordo Craxi che disse la stessa cosa
        per i finanziamenti illeciti ai partiti.Veramente questo "senatore" stava dicendo il contrario, ossia che ANCHE se nessuno lo percepisce come reato, in realta' e' un grave reato. Quanto a Craxi, non e' che il concetto lo abbia inventato lui, sta scritto sui libri di diritto, eppoi non vorrei confondere la copiatura di software con i finanziamenti illeciti, sono due cose talmente diverse, e nel caso del software la sussistenza del reato e' una pura invenzione giurisprudenziale basata sul concetto tanto caro alla BSA secondo cui se copi un software allora lo hai rubato.Alberto Scala
        Solo che lui sosteneva che se un reato viene
        commesso da troppe persone, questo cessa di
        essere un reato e diviene un fatto da non
        punire.

        Mi chiedo perchè un suo seguace fa proprie
        le parole del maestro per ribaltare il
        concetto....

        Probabilmente soffriva perchè non aveva la
        visibilità di altri suoi colleghi.



        • Anonimo scrive:
          Re: Sedia elettrica
          e nel caso del software la
          sussistenza del reato e' una pura invenzione
          giurisprudenziale basata sul concetto tanto
          caro alla BSA secondo cui se copi un
          software allora lo hai rubato.
          Se diamo un'occhiata alle licenze vediamo che il prodotto è e rimane della casa produttrice. Noi acquistiamo solo il diritto d'utilizzo entro i limiti stabiliti dalla suddetta licenza.Ora, se nn ho i sorgenti (che equivalgono alla natura stessa del prodotto e quindi, nel caso dei software propietari, della sua unicità) dov'è il furto?Il reato, quindi, non sussiste. Altrimenti come spiegate che molti tribunali finiscono con l'assolvere o al massimo infliggono una sanzione pecuniaria agli imputati per i suddetti reati?
    • Anonimo scrive:
      Re: Sedia elettrica
      Hai perfettamente RAGIONE !Ma come sempre "LA RAGION DEL DANARO PREVALE SU TUTTO...ANCHE I BUONI IDEALI E PROPOSITI " !.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Mi spiace, ma le opere dell'ingegno...
    non sono tangibili, e in quanto tali, dato che non si possono proteggere con sicurezza, non hanno valore commerciale, a meno che non siano vendute in un unico esemplare (da cui non e` importante quante copie si facciano).Questa e` la verita` di fondo.
  • Anonimo scrive:
    Combattete la pirateria!
    Usate e diffondete SOLO Software Libero:Linux, FreeBSD, GNU Hurd, copiateli liberamente e diffondeteli: e' un vostro sacrosanto diritto.Che bello se Ballmer ritirasse veramente windows dal mercato...Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Combattete la pirateria!
      - Scritto da: Marina
      Usate e diffondete SOLO Software Libero:
      Linux, FreeBSD, GNU Hurd, copiateli
      liberamente e diffondeteli: e' un vostro
      sacrosanto diritto.Dimenticavo: un diritto garantito per legge da tutte le licenze libere riportate sul sito della Free Software Foundation (FSF) e da tutte le licenze Open Source riportate sul sito della Open Source Iniziative (OSI)In questi casi: copiare software e' un vostro diritto e BSA non potra' farvi nullama BSA lo sa, dato che sui suoi server usa Free BSD e Apache come server webCiao!

      Che bello se Ballmer ritirasse veramente
      windows dal mercato...


      Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Combattete la pirateria!
      La copia non autorizzata di software è sempre stata largamente tollerata dai più grossi produttori, MS in testa, come veicolo di diffusione delle proprie piattaforme. Anche la pubblicità costa, così come costa lasciar copiare, ma entrambi possono rendere molto in ritorno. Se si cominciasse ad applicare più severità in questo senso, e molte più persone fossero finalmente obbligate a pagare le relative licenze, sarebbe un incentivo non indifferente per favorire una migrazione nel senso che tu auspichi. Forza BSA!
    • Anonimo scrive:
      Re: Combattete la pirateria!
      Hi,Unix and such OSes are good, ok but not for everyone.... furthermore Windows is the most compatible platform ever created. You want it, you pay for it or look for scene releases which give it for try purposes.Regards,The Emperor & R!sc- Scritto da: Marina
      Usate e diffondete SOLO Software Libero:
      Linux, FreeBSD, GNU Hurd, copiateli
      liberamente e diffondeteli: e' un vostro
      sacrosanto diritto.

      Che bello se Ballmer ritirasse veramente
      windows dal mercato...


      Ciao
  • Anonimo scrive:
    Forza Italia, basta con i pirati!
    Giustissimo! Cosa ci fanno in Parlamento?
    • Anonimo scrive:
      Re: Forza Italia, basta con i pirati!
      - Scritto da: Italiano
      Giustissimo! Cosa ci fanno in Parlamento?Evitano che imbecilli come te vadino in parlamento... Semplice!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Forza Italia, basta con i pirati!
      Li abbiamo votati
    • Anonimo scrive:
      Re: Forza Italia, basta con i pirati!
      scrive ciauz censurato (ma io gliela toglierei, questa censura):
      Evitano che imbecilli come te vadino in parlamento... Semplice!!!!!Certo che se sono tutti del tuo stampo... Ma mi facci il piacere!
Chiudi i commenti