Intel prepara il dual-core mobile

Emergono i primi dettagli sulla CPU Yonah e sulla piattaforma Napa, eredi rispettivamente del Pentium M e dell'attuale versione di Centrino. Yonah punta su una architettura dual-core con cache condivisa


San Francisco (USA) – Ad una conferenza sul wireless e la mobilità tenutasi a San Francisco, Intel ha fornito nuovi dettagli sul successore dual-core del Pentium M.

Chiamato con il nome in codice Yonah , il nuovo chip dovrebbe fare la sua apparizione sul mercato durante il primo trimestre del 2006 come componente di Napa , la piattaforma mobile che rimpiazzerà l’attuale Sonoma (anche nota come Centrino 2 ).

Yonah sarà il primo processore mobile di Intel ad avvalersi di un’architettura dual-core,della tecnologia di processo a 65 nanometri e di 2 MB di cache L2 condivisa tra i due core. Sebbene gli attuali modelli di CPU dual-core dispongano già di un simile quantitativo di cache di secondo livello, ciascun core può accedere soltanto ad 1 MB di memoria cache dedicata: in Yonah questa barriera verrà a cadere e i due core, attraverso un bus dedicato, potranno accedere dinamicamente alle risorse di memoria disponibili. Il chip supporterà le istruzioni multimediali estese SSE1/2/3, la Virtualization Technology (VT, prima nota come Vanderpool ) e l’Active Management Technology (AMT), inoltre includerà una più avanzata unità per il calcolo in virgola mobile e un decoder capace di gestire più istruzioni SSE in parallelo: Intel si riferisce a tali migliorie con il nome di Digital Media Boost .

L’erede dual-core del Pentium M si avvarrà di un nuovo sistema per la gestione dei consumi, detto Dynamic Power Co-ordination , che sincronizzerà le funzionalità Enhanced SpeedStep di ciscun core e contribuirà a ridurre ulteriormente il consumo energetico. Intel sostiene che questa caratteristica, unita alle minori dimensioni del chip, permetterà ai produttori di costruire notebook fino al 31% più compatti rispetto ai modelli attualmente sul mercato. L’obiettivo del gigante dei chip è quello di fornire, nel 2008, una piattaforma mobile capace di garantire almeno 8 ore di autonomia con una singola ricarica della batteria.

Ciò che mancherà a Yonah, almeno inizialmente, sarà il supporto ai 64 bit: Intel ha spiegato che al momento attuale l’inclusione della tecnologia EM64T incrementerebbe l’assorbimento di corrente senza portare reali benefici agli utenti.

Insieme a Yonah faranno parte della piattaforma Napa il chipset grafico Calistoga , che promette performance di livello desktop, e il modulo Wi-Fi Golan , in grado di supportare gli standard 802.11a/b/g e, in futuro, l’imminente specifica 802.11n.

La grande importanza acquisita in questi ultimi anni dalle CPU mobili, e dalla piattaforma Centrino in particolare, assegnerà a Yonah un ruolo centrale nelle future strategie di Intel. Basti pensare che già oggi il 30% di tutti i processori venduti dal chipmaker di Santa Clara sono di classe mobile: per il primo trimestre del 2006 il colosso si attende che almeno un terzo dei suoi processori verrà incorporato in una piattaforma mobile.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ho imparato a vedere la X rossa.
    io l'ho rimosso, e vedo dei molto-poco-fastidiosi quadrati con la x rossa e ogni tanto un avviso della mancanza del flash player.vivo lo stesso, evito tutta la fuffa.non avete idea di quanti siti automaticamente vengano scartati da me :)e non mi perdo nulla, proprio nulla.
    • Anonimo scrive:
      Re: ho imparato a vedere la X rossa.
      Già, i siti in flash sono belli, ma prima di vederli o hai una adsl o ci fai notte !!! :s
      • Anonimo scrive:
        Re: ho imparato a vedere la X rossa.
        - Scritto da: Anonimo
        Già, i siti in flash sono belli, ma prima di
        vederli o hai una adsl o ci fai notte !!! :sQuesto non è affatto vero, dipende come sono fatti. Se non hanno l'audio li scarichi in fretta.La grafica vettoriale è molto più leggera in termini di dimensioni di quella raster. Provare per credere.
        • Anonimo scrive:
          Re: ho imparato a vedere la X rossa.

          - Scritto da: Anonimo

          Già, i siti in flash sono belli, ma prima di

          vederli o hai una adsl o ci fai notte !!! :s

          Questo non è affatto vero, dipende come sono
          fatti. Se non hanno l'audio li scarichi in
          fretta.Sicuro? Prova con un 56K :D
          La grafica vettoriale è molto più leggera in
          termini di dimensioni di quella raster. Provare
          per credere.Se voglio vedere un film vado al cinema non su internet :D
          • s0r4 scrive:
            Re: ho imparato a vedere la X rossa.
            Ma tutto questo astio verso flash proprio non lo capisco...nei filmati iniziali c'è sempre uno "skip intro", mentre per il resto dei siti (ign.com ad esempio) si riesce a navigare anche con un 56k
          • Anonimo scrive:
            Re: ho imparato a vedere la X rossa.
            - Scritto da: s0r4
            Ma tutto questo astio verso flash proprio non lo
            capisco...
            nei filmati iniziali c'è sempre uno "skip intro",
            mentre per il resto dei siti (ign.com ad esempio)
            si riesce a navigare anche con un 56ksi xo' dei filmati iniziali chi naviga non per cazzeggio ne fa serenamente a meno - da sviluppatore ti dico che io uso flash il meno possibile e solo quando ha senso xk magari devi fare una cosa che in html non puoi o ci vuole molto + tempo (tipo cartine interattive, o giochi o altre cose fortemente dinamiche) - non faccio flash movies alla guarda-come-so'-bravo xk e' solo tempo perso
          • Anonimo scrive:
            Re: ho imparato a vedere la X rossa.

            Sicuro? Prova con un 56K :D


            La grafica vettoriale è molto più leggera in

            termini di dimensioni di quella raster. Provare

            per credere.
            Se voglio vedere un film vado al cinema non su
            internet :DGuarda... quando l'ADSL ancora non esisteva usavano tutti l'analogico (o i più fortunati l'ISDN) e si scaricavano lo stesso...... uomini nati nella bambagia...
        • Anonimo scrive:
          Re: ho imparato a vedere la X rossa.

          Questo non è affatto vero, dipende come sono
          fatti.E'vero, è vero, un calcio nelle palle non è che fa male, dipende come è dato!
      • Anonimo scrive:
        Re: ho imparato a vedere la X rossa.
        - Scritto da: Anonimo
        Già, i siti in flash sono belli, ma prima di
        vederli o hai una adsl o ci fai notte !!! :sil fatto è che la soluzione sarebbe aumentare la velocità delle linee e portare l'adsl in tutta italia e a prezzi più contenuti..piuttosto che eliminare il flash da tutti i siti..questo ci fa rimanere indietro come paese (ed è una questione di velocità e disponibilità dei collegamenti internet non solo di flash)
        • Anonimo scrive:
          Re: ho imparato a vedere la X rossa.
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          Già, i siti in flash sono belli, ma prima di

          vederli o hai una adsl o ci fai notte !!! :s

          il fatto è che la soluzione sarebbe aumentare la
          velocità delle linee e portare l'adsl in tutta
          italia e a prezzi più contenuti..

          piuttosto che eliminare il flash da tutti i siti..

          questo ci fa rimanere indietro come paese (ed è
          una questione di velocità e disponibilità dei
          collegamenti internet non solo di flash)Secondo me il problema non risiede nella lentezza, ma nell'inutilità di falsh.Io realizzo siti di professione (libero professionista) e mi trovo a lavorare con un'ampia tipologia di "strumenti software": dal codice HTML, PHP, CSS, Photoshop per la grafica, Apache, Debian per il server, MySQL ecc... Ogni "strumento software" utilizzato ha una funzione specifica che mi aiuta nel raggiungimento degli obiettivi concordati con il cliente, attraverso la realizzazione di siti Internet, Intranet ecc...L'utilità dell'HTML è chiara.L'utilità di un database è chiara.L'utilizzo dei Fogli di Stile (CSS) è chiaro per chi li utilizza.So usare anche Flash. Le uniche utilità che trovo sono:- eccellente nella realizzazione di piccoli filmati (es. spiegare velocemente come funziona una nuova tecnologia o una reazione chimica, mappe interattive, giochi ecc...)- scroccare qualche spicciolo in più ai clienti ignoranti (e sono la maggior parte) che pensano a quanto sono importanti ad avere "un sito che si muove" (parole loro) piuttosto che uno che "serva a fare qualcosa".Credo che il punto sia questo: immagine contro utilità.Internet è utilizzata perchè è utile non come contenitore di spot pubblicitari. Le sue potenzialità le esprime quando è un "servizio" reso all'utente (informazione, comunicazione, maggior supporto reso dalle aziende ai propri prodotti, riduzione dei costi aziendali ecc...).I siti che "funzionano", e le statistiche lo dimostrano, non sono quelli in flash. Ammetto che è divertente usare flash, non lo nego, però nella stragrande maggioranza dei casi è inutile, dispendioso (tempo, soldi) e controproducente (si perdono utenti, basti pensare al ranking sui motori di ricerca).Secondo me il problema legato alla velocità del download è un falso problema: se il servizio reso fosse utile allora la velocità sarebbe solo un fastidio. La domanda è: per quale masochistica ragione devo guardare un sito in flash?! Carino il menù che si muove tutto quando clicco, ma al secondo click mi sono già rotto! Perchè devo regalare il mio tempo a chi vuole "tirarsela" (me lo concedete?) perchè vorrebbe impressionare gli utenti? Non ha ancora capito che di siti così ce ne sono comunque a iosa? Ma un'azienda chi vorrabbe impressionare? Forse solo chi internet non l'ha mai vista!Navigo con Fastweb, la velocità non mi manca di certo. Quando comincia a caricare un sito in flash esco subito, non è l'attesa, è che già so cosa mi aspetta!
      • Anonimo scrive:
        Re: ho imparato a vedere la X rossa.
        - Scritto da: Anonimo
        Già, i siti in flash sono belli, ma prima di
        vederli o hai una adsl o ci fai notte !!! :sSei un barbone!!!Marco Ranzani
    • gix scrive:
      Re: ho imparato a vedere la X rossa.
      - Scritto da: Anonimo
      io l'ho rimosso, e vedo dei molto-poco-fastidiosi
      quadrati con la x rossa e ogni tanto un avviso
      della mancanza del flash player.

      vivo lo stesso, evito tutta la fuffa.io vivo anche meglio ... con flashblock ;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: ho imparato a vedere la X rossa.
        Non tiratevela trppo: siete solo degli ignoranti un che credono che Flash serva solo per fare animazioncine...Esistono sistemi di gestione dati fatturazione aziendali (erp) o per il monitoraggio dei titoli azionari che realizzati con il frontend MMFLASH pesano un decimo di qualsiasi altra soluzione conosciuta (a partire da quella merda di java), con una perfomance e una capacità di gestioni dati puri (perché girano solo i dati puri in xml in tempo reale) strabiliante. Il tutto con un miglioramento dell'usabilità del sistema che non è ottenibile con nessuna altra tecnologia al momento disponibile. Il tutto totalmente cross-browser e cross-platform.Forse, ajax ci va vicino ma con tonnellate di problemi.Ma, ovviamente, credo che molti pivelli tra voi voi manco sappiano cosa sono queste cose.
        • Anonimo scrive:
          Re: ho imparato a vedere la X rossa.

          Esistono sistemi di gestione dati fatturazione
          aziendali (erp) o per il monitoraggio dei titoli
          azionari che realizzati con il frontend MMFLASH
          pesano un decimo di qualsiasi altra soluzione
          conosciuta (a partire da quella merda di java),
          con una perfomance e una capacità di gestioni
          dati puri (perché girano solo i dati puri in xml
          in tempo reale) strabiliante. Il tutto con un
          miglioramento dell'usabilità del sistema che non
          è ottenibile con nessuna altra tecnologia al
          momento disponibile.
          Il tutto totalmente cross-browser e
          cross-platform.
          Forse, ajax ci va vicino ma con tonnellate di
          problemi.

          Ma, ovviamente, credo che molti pivelli tra voi
          voi manco sappiano cosa sono queste cose.Esistono anche applicazioni Flash per la gestione delle informazioni spaziali (il GIS, cartografie, mappe,...). I concorrenti principali, di solito, JSP e interi framework Javascript + HTML (!?!). Ajax( sul quale si basa google map, tanto per fare un esempio) è un'implementazione di questo tipo. E' vero, nessuno di questi raggiunge l'usabilità di Flash con lo stesso sforzo implementativo. Infatti per queste cose esiste uno standard w3c fresco fresco, adatto per la maggior parte delle applicazione per cui è rivolto Flash (ad esempio Oracle lo utilizza per la visualizzazione delle statistiche e delle performance in real time dei suoi database: tecnologicamente non molto diverso dalle info di borsa). Si chiama SVG. IP
        • Anonimo scrive:
          Re: ho imparato a vedere la X rossa.
          - Scritto da: Anonimo
          Non tiratevela trppo: siete solo degli ignoranti
          un che credono che Flash serva solo per fare
          animazioncine...

          Esistono sistemi di gestione dati fatturazione
          aziendali (erp) o per il monitoraggio dei titoli
          azionari che realizzati con il frontend MMFLASH
          pesano un decimo di qualsiasi altra soluzione
          conosciuta (a partire da quella merda di java),ok siamo d'accordo su java e tutto il resto ma le stesse cose le puoi fare in modo molto meno pomposo con del semplice html e php/mysql sul lato server con costi sia di software che tempi di sviluppo + bassi ma si sa qui in italia quello che conta e' piu' il fumo negli occhi che la sostanza...
        • Anonimo scrive:
          Re: ho imparato a vedere la X rossa.

          Non tiratevela trppo: siete solo degli ignoranti
          un che credono che Flash serva solo per fare
          animazioncine...Ci sono anche degli "ignoranti che credono che activex serva solo per prendersi dei virus e non è vero.O meglio, sono vere entrambe le cose.Se normalmente l'utente vede flash usato per tirarsela con insulse introduzioni, chiaro che nella sua realtà faccia benissimo a filtrarlo, poi se si troverà ad usare un frontend interessante con quella tecnologia l'abiliterà.Perchè, ma perchè, bisogna fare di tutta l'erba un fascio e dire che una cosa è fighissima perchè ci si fanno ANCHE (per chi è capace) cose fighissime? Specie quando girare supportando tutte le varie tecnologie sempre abilitate non è sempre una buona idea e quando nella stragrande maggioranza dei casi si troverà l'insulsisssimo filmino?BTW, google e wikipedia danno ottimi servizi e si basano su tecnologie completamente diverse... sarà un caso?
        • TADsince1995 scrive:
          Re: ho imparato a vedere la X rossa.
          Ascolta, il flash usato per piccole decorazioni di un sito per me è adorabile, ma un intero sito in flash è, secondo me, inaccettabile, tranne in casi particolari come quelli che hai citato tu e che sono sicuramente molto interessanti.Il problema è che il flash spesso viene usato come intro dei siti aziendali, fastidiose e inutili intro che molto spesso non sono altro che letterine rotanti accompagnate da qualche jingle musicale pacchiano scaricato chissà dove. Io ho una 4 Mbit/s ma nonostante tutto appena apro un sito e mi si presenta la solita intro flash con la scritta "loading" lo chiudo all'istante e passo ad altro, specialmente se manca il link "skip intro" (forse il link più cliccato di molti siti! :D )TAD
    • Anonimo scrive:
      Re: ho imparato a vedere la X rossa.
      Il problema è un altro.La tecnologia flash sta radicalmente cambiando e di conseguenza deve cambiare l'approccio al giudizio.Tutto quello che leggo ha senso rispetto a quello che è stato flash negli ultimi ed all'utilizzo che ne è stato fatto, ma c'è bisogno di un pò di diponibilità ad andare a guardare cosa sta diventando. Avete provato la piataforma Flex di Macromedia ?Avete provato a scrivere delle applicazioni in Flex (che usa il plug-in di Flash) ?Vi assicuro che il tempo di connessione è l'ultimo dei problemi visto che quello che viaggia è poco di più di un file xml.Si parla tanto di smart client, rich client (vedi appunto Eclipse) e Macromedia sta andando in quella direzione.Concordo con il fatto che Flash all'inzio è stato principalmente usato da grafici per la realizzazione colpi di scena dalla discutibile utilità, ma provate a pensarlo come interfaccia applicativa client insieme all'utilizzo di Flex sul vostro application server e forse qualchegiudizio cambierà.Come spesso accade, il problema non è nel prodotto, ma nell'uso che ne viene fatto e quando il prodotto in questione cmbia radicalmente nel corso degli anni bisogna avere la capacità di riaprire gli occhi.......forse si scopre qualcosa d'interessante.Ciao a tutti;)
      • Kudos scrive:
        Re: ho imparato a vedere la X rossa.
        - Scritto da: Anonimo
        Il problema è un altro.
        La tecnologia flash sta radicalmente cambiando e
        di conseguenza deve cambiare l'approccio al
        giudizio.

        Tutto quello che leggo ha senso rispetto a quello
        che è stato flash negli ultimi ed all'utilizzo
        che ne è stato fatto, ma c'è bisogno di un pò di
        diponibilità ad andare a guardare cosa sta
        diventando.
        Avete provato la piataforma Flex di Macromedia ?
        Avete provato a scrivere delle applicazioni in
        Flex (che usa il plug-in di Flash) ?
        Vi assicuro che il tempo di connessione è
        l'ultimo dei problemi visto che quello che
        viaggia è poco di più di un file xml.

        Si parla tanto di smart client, rich client (vedi
        appunto Eclipse) e Macromedia sta andando in
        quella direzione.

        Concordo con il fatto che Flash all'inzio è stato
        principalmente usato da grafici per la
        realizzazione colpi di scena dalla discutibile
        utilità, ma provate a pensarlo come interfaccia
        applicativa client insieme all'utilizzo di Flex
        sul vostro application server e forse
        qualchegiudizio cambierà.

        Come spesso accade, il problema non è nel
        prodotto, ma nell'uso che ne viene fatto e quando
        il prodotto in questione cmbia radicalmente nel
        corso degli anni bisogna avere la capacità di
        riaprire gli occhi.......forse si scopre qualcosa
        d'interessante.

        Ciao a tutti

        ;)quoto in pieno. io personalmente ritengo che flash potrebbe evolversi con successo in un linguaggio di programmazione a tutti gli effetti. certo, non pretendo che diventi un concorrente del C o in generale della piattaforma delphi, ma sicuramente non avrebbe nulla da invidiare a Visual basic. personalmente non ho mai usato flash per creare contenuti internet, ma solo per piccole applicazioni, presentazioni e utilità di vario genere, orientate più al codice che alla grafica...Una simulazione dedicata all'effetto Doppler mi ha fruttato un bel 10 e lode in fisica.==================================Modificato dall'autore il 08/06/2005 14.07.12
  • Anonimo scrive:
    Più bloat di così...
    ... gli effetti dell'acquisizione da parte di Adobe si fanno sentire :D:'(:'(:'(
Chiudi i commenti