Intel rimpiazzerà Nehalem a fine anno

Entro il 2011 Intel è pronta ad avviare la produzione in volumi dei sui processori di nuova generazione, basati sull'architettura Sandy Bridge. Integreranno un core grafico sullo stesso die della CPU

Roma – Nel corso dell’Intel Developer Forum ( IDF ) di Pechino, in programma dal 13 al 14 aprile, Intel ha rivelato qualche dettaglio in più sulla roadmap della sua microarchitettura di prossima generazione, chiamata in codice Sandy Bridge .

I nuovi chip saranno indirizzati ai PC desktop e ai notebook, e la loro produzione in volumi dovrebbe iniziare entro la fine di quest’anno: ciò significa che i primi PC basati su Sandy Bridge potrebbero arrivare nei negozi già per Natale o all’inizio del 2011.

Sandy Bridge si baserà su una evoluzione dell’attuale architettura Nehalem, ed utilizzerà la tecnologia di processo High-K metal gate a 32 nanometri di seconda generazione. Il nuovo processore includerà 4 o più core general purpose, un controller di memoria, due livelli di cache e un core grafico di sesta generazione. A differenza dei processori Westmere, in Sandy Bridge il core grafico sarà integrato nello stesso silicio (die) del processore anziché sul package: questo stesso design verrà impiegato anche da AMD in Fusion.

I processori Sandy Bridge saranno i primi ad implementare le istruzioni Advanced Vector Extension (AVX), un’estensione delle attuali istruzioni SSE concepita per accelerare i calcoli intensivi in virgola mobile utilizzati in ambiti quali l’elaborazione di video, audio e immagini, la modellazione 3D, il calcolo ingegneristico, le simulazioni scientifiche e l’analisi finanziaria. Le istruzioni AVX saranno affiancate dalle AES New Instructions (AES-NI), capaci di accelerare le operazioni relative alla cifratura dei dati.

Una buona sintesi di tutte le informazioni ufficiali e le indiscrezioni relative a Sandy Bridge è fornita in questo articolo di Wikipedia .

Stando all’attuale roadmap di Intel, Sandy Bridge sarà rimpiazzata verso la fine del 2011 da Ivy Bridge , la prima microarchitettura di Intel basata su una tecnologia a 22nm.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • barra78 scrive:
    Ridicolo
    Non perdo nemmeno tempo a leggere assurde menate di estremisti del free software. IBM è una delle aziende che hanno dato tanto all'opensource, forse più di quando ha invece ricevuto. Lamentatevi pure di IBM, quando restaranno solo MS e Apple sarete felici del vostro piccolo, sconosciuto, non supportato OS 100% free
    • Sgabbio scrive:
      Re: Ridicolo
      I brevetti software sono una mina vagante negli stati uniti è può essere un bel problema per il software libero.
      • barra78 scrive:
        Re: Ridicolo
        Si ma stiamo parlando di IBM. Prova a vedere quanti di questi brevetti software sono poi diventati parte di prodotti opensource. Per le aziende americane ora brevettare è una necessità (almeno finchè esisterà questo schifo di legge), altrimenti uno potrebbe sviluppare una soluzione, venderla e un concorrente potrebbe invece brevettarla al suo posto, con il rischio di cause lunghe anni e 1000 XXXXXX.
    • CCC scrive:
      Re: Ridicolo
      - Scritto da: barra78
      Non perdo nemmeno tempo a leggere assurde menate
      di estremisti del free software.

      IBM è una delle aziende che hanno dato tanto
      all'opensource, forse più di quando ha invece
      ricevuto. se è per questo IBM ha pure dato tanto al nazismo ed all'imperialismo USA nel mondo...non mi pare proprio un gran esempio di benefattore dell'umanità
      • barra78 scrive:
        Re: Ridicolo
        E il vaticano è responsabile dei morti delle crociate e bayern uccide mosche e zanzare grazie agli esperimenti fatti sugli esseri umani durante la seconda guerra mondiale...Suvvia, non facciamo di tutta l'erba un fascio. Gli attuali amministratori della santa sede, di IBM e Bayern non possono considerarsi responsabili di un passato così lontano.Oggi IBM sviluppa tecnologie come nessun'altra azienda al mondo ed è anche uno dei principali contributori nel mondo dell'opensource, mi sembra eccessivo attaccare un'azienda per un unica situazione che potrebbe essere "controversa".
Chiudi i commenti