Intelligence italiana e link bucati

Il sito dei Servizi di Informazione e Sicurezza cambia URL ma il Ministero dell'Interno non se ne accorge. Per non parlare dei risultati fantasma nei motori di ricerca. L'intelligence italiana online c'è e non c'è. Dov'è?


Roma – Cosa succede alla presenza su web dei Servizi di Informazione e Sicurezza Italiani, cioè l’intelligence nostrana? Viene da chiederselo visto la situazione piuttosto caotica dei link al sito dei Servizi e le contraddizioni proposte dai motori di ricerca.

Fino a qualche tempo fa, come noto, i Servizi risiedevano a questa URL: http://www.serviziinformazionesicurezza.it . Se ci si reca ora, si può vedere come la vecchia home page sia stata modificata. Sotto il logo appare una breve indicazione:

“Il Sito dei Servizi di Informazione e Sicurezza della Repubblica Italiana ha cambiato indirizzo, siete pregati di aggiornare i vostri bookmarks puntando al seguente nuovo indirizzo.
www.serviziinformazionesicurezza.gov.it
Questa pagina tra 5 secondi vi porterà automaticamente al nuovo indirizzo”.

Trovare il nuovo indirizzo non è però semplicissimo. Se si va su un motore di ricerca come Yahoo.it e si cerca “servizi intelligence italiani” il link che viene proposto è una URL ancora diversa:
http://www.serviziinformazionesicurezza.it/pdcweb.nsf/homepage?OpenView&Start=1&ExpandView
Una pagina decisamente spartana e dai curiosi scarni contenuti gestiti da un celebre applicativo, una pagina che permette con un clic di recarsi sulla vecchia home e di lì, finalmente, arrivare in automatico a quella nuova.

Inutile dire che se si ricercano quelle stesse tre parole su Google.it , né la nuova né la vecchia URL dei Servizi appaiono tra i primi risultati. Non solo, il primo risultato “a tema” che appare non solo propone la URL vecchia ma come titolo della pagina offre un laconico “ControllaHomepage” anziché “Servizi di Informazione Italiani”. Inutile poi cercare tracce dei Servizi attraverso Virgilio.it, che propone un unico risultato ancora diverso e in nessun modo legato all’attività dell’intelligence di casa nostra.

Ma del cambio della URL soprattutto non si è accorto il Ministero dell’Interno. Nella pagina dedicata ai Servizi di Informazione e sicurezza, infatti, il link riportato è ancora una volta quello “vecchio”. Qualcuno, al Ministero, si è dimenticato di aggiornare il bookmark. Qualcun altro ha proposto di regalare al ministero un software di gestione dei collegamenti ipertestuali.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    viva Giovanni Prignano!
    Complimenti davvero....Giovanni....Trovi ancora una volta una società che premierà il tuo valoroso impegno lavorativo, il tuo spiccato senso della gestione del personale e quella tua aria da manager, che chi meglio di te potrebbe ricoprire....AUGURI !!!ASSONET, complimenti davvero per la scelta !!Personalmente vorrei Giovanni Prignano alla guida del governo italiano,....e forse chissà, visto che fa l'imprenditore da quando aveva 18 anni...non si sa mai...!Giovanni io ti voterò !Continua cosi e apri un fan club !!Mi iscrivo io per primo !Un fan !
  • Anonimo scrive:
    41 anni, imprenditore dal 79??
    Si sta dicendo che questo era imprenditore da quando aveva 18 anni!!E chi è? Mandrake!
Chiudi i commenti