Intercettazioni, Italia in testa

Si parla ancora dello studio di un autorevole istituto tedesco secondo cui in Europa in nessun altro paese come in Italia le forze dell'ordine intercettano le comunicazioni tra cittadini


Roma – E’ un ben triste primato quello assegnato all’Italia dall’ Istituto di Legge criminale internazionale Max Planck , secondo cui nel nostro paese si effettuano più intercettazioni nelle comunicazioni tra cittadini di quante se ne effettuino in qualsiasi altro paese dell’Europa occidentale.

EDRI-Gram nel suo ultimo numero torna sullo studio prodotto dall’autorevole centro di ricerca ricordando che in Italia vengono effettuate 72 intercettazioni ogni 100mila abitanti . Si tratta di un numero non molto superiore a quanto avviene in Olanda (62) ma molto superiore a quel che succede in Svizzera, terza nella lista e “ferma” a 32 intercettazioni ogni 100mila persone. Per la cronaca, il paese dell’Europa occidentale con il minor numero di incursioni poliziesche nelle comunicazioni è l’Austria (9 intercettazioni).

Il rapporto Rechtswirklichkeit und Effizienz der Uberwachung der Telekommunikation si occupa anche degli Stati Uniti, dove l’indicatore scende ad un mero 0,5 . Raffrontare questo dato a quello italiano è persino imbarazzante. Bisogna però specificare che il rapporto non si occupa di creature come Echelon o Carnivore , potenti sistemi di intercettazione automatica di origine statunitense di cui Punto Informatico si è dovuto spesso occupare.

Secondo gli studiosi tedeschi dell’Istituto, l’alto tasso di intercettazione in Italia va attribuito alla legislazione antimafia, che permette di procedere ad intercettazioni senza un ordine del magistrato, sebbene quando ciò accada i materiali raccolti non possano essere usati come prova in tribunale. Secondo EDRI non è chiaro quanto questa enorme quantità di intercettazioni sia utile ai fini investigativi e processuali oltre a rappresentare un problema tutt’altro che secondario per il diritto alla riservatezza.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Un anno fa lo dicevamo
    - Scritto da: Anonimo
    Hai ragione.
    Magari ci fosse la sinistra che
    tecnologicamente è così avanti
    e così tanto ha fatto per il paese
    negli ultimi anni.In effetti, destra o sinistra la storia è la stessa. Chi vuole modernizzare l'economia italiana in entrambi gli schieramenti viene subito messo in disparte. Qualcuno prova a far circolare certe idee però: http://www.societa-aperta.org
    Cosa credi che possa fare il governo con la
    Telecom?E' proprio questo il punto di tutta la faccenda. E' molto impegnativo approfondire le informazioni e andare oltre i servizi sul caldo d'estate e freddo d'inverno che ci propinano i telegiornali. Se non si forma una "coscienza comune" dei benefici della concorrenza di mercato il governo e i grandi industriali continueranno a fare quello che gli pare senza porsi il problema di perdere consenso.
    Putroppo non siamo in America dove una
    grande azienda può finire male o
    comunque venire besantemente limitata appena
    odora di monopolio.Accade perchè in Italia il sistema è talmente asfittico che non ci sono forze economiche o di opinione che possano contrastare quelle già affermate che chiudono ogni possibilità alla concorrenza.Tempo fa su punto informatico c'era un esempio di multinazionali americane che avversavano le leggi fatte approvare dalla RIAA. In Italia non c'è nessuno che va contro la SIAE ad armi pari, finchè paga pantalone va tutto bene.
  • Anonimo scrive:
    E io che ci speravo..
    Tristezza..
  • Anonimo scrive:
    Re: Telecom non lo permettera' mai...
    - Scritto da: Anonimo
    Come da oggetto, telecom non lascera' andare
    il suo monopolio tanto facilmente.Beh, finchè si continua a chiederglielo gentilmente di sicuro non si ottiene molto. Speriamo che l'Antitrust faccia finalmente qualcosa.
  • Anonimo scrive:
    [O.T.] Ma non troppo sui monopoli.....
    Sempre a proposito di monopoli, ho letto ora la notizia su Repubblica:http://www.repubblica.it/2004/g/sezioni/scienza_e_tecnologia/lindows/lindows/lindows.html:(:(:(:'(:'(:'(:'(:'(:'(:'(Se un monopolista del calibro M$ fa così, è normale che anche gli altri si sentano autorizzati a comportarsi nello stesso modo!Non mi vengono commenti: mi si sono itrecciate le dita...:'(:'(:'(
  • Anonimo scrive:
    Re: Un anno fa lo dicevamo
    Hai ragione.Magari ci fosse la sinistra che tecnologicamente è così avanti e così tanto ha fatto per il paese negli ultimi anni.E poi è risaputo che tutti i governi di sinistra sono i precursori della tecnologia e del progresso mentre le destre sono arretrate.E' vero come è vero che i comunisti mangiano i bambini e si diventa ciechi a farsi le pugnette.Appunto sono tutte pugnette.Cosa credi che possa fare il governo con la Telecom?Putroppo non siamo in America dove una grande azienda può finire male o comunque venire besantemente limitata appena odora di monopolio.Non è il governo il problema, è la Telecom e i consumatori che continuano a pagare senza dire un cavolo se non un piccolissima minoranza.Ancora a rompere i maroni con sto governo come se fosse la causa di tutti i mali quando, oltre che essere nel periodo più buoi a livello europeo degli ultimi decenni, ha ereditato tutto ciò che era stato fatto (anzi non fatto) dai governi precedenti.Dai allora, facciamo governare l'Italia da Bertinotti così tutti avremo una ADSL, a poco prezzo, al massimo a 2k al minuto.Tutti a sta male nello stesso modo.
  • Shurizen scrive:
    Io vado in galera
    Io condivido una connessione ADSL attraverso un cortile via Wi-Fi... che faccio, preparo le valigie per la galera?Comunque si aiutano sempre i soliti noti... o siamo noi che siamo bastardi e ci ostiniamo a non volere la suoneria Hit del Mese e di Miss Sagem ci interessa solo la parte vicino al cellulare?Consumare e tacere.
  • Anonimo scrive:
    E in casa si pagha.....
    Niente Adsl,niente Utms solo un 56k ! :sMa visti i tempi... è meglio cosi! 8)Wi-fi domestico cmq ve lo immaginate?Fior e fior di persone che si lamentano per quei 2,5 Ghz chiamandolo "inquinamento elettromagnetico" mentre ogni santo giorno respiriamo la cacca grazie ai tubi di scappamento delle macchine e quello che le industrie mettono in atmosfera!Ma scusate lo sfogo:meriteremmo di fare la fine dell'Argentina!Non mi sento per niente italiano! :s
    • Anonimo scrive:
      Re: E in casa si pagha..... continua
      - Scritto da: Anonimo
      Niente Adsl,niente Utms solo un 56k !
      :s
      Ma visti i tempi... è meglio cosi! 8)
      Wi-fi domestico cmq ve lo immaginate?
      Fior e fior di persone che si lamentano per
      quei 2,5 Ghz chiamandolo "inquinamento
      elettromagnetico" mentre ogni santo giorno
      respiriamo la cacca grazie ai tubi di
      scappamento delle macchine e quello che le
      industrie mettono in atmosfera!
      Ma scusate lo sfogo:meriteremmo di fare la
      fine dell'Argentina!
      Non mi sento per niente italiano! :sGuardate che il mio sfogo riguarda anche l'Ict in generale, e le schifose leggi del mercato che stanno uccidendo l'informatica!
    • Anonimo scrive:
      Re: E in casa si pagha.....

      Ma visti i tempi... è meglio cosi! 8)
      Wi-fi domestico cmq ve lo immaginate?
      Fior e fior di persone che si lamentano per
      quei 2,5 Ghz chiamandolo "inquinamento
      elettromagnetico" mentre ogni santo giornoNon penso, le potenze d'uscita del wi-fi 2,4 GHz sono limitate a 100 milliWatt e le antenne si installano sui tetti di solito, considerando che alcuni telefonini escono con 1Watt direi che l'inquinamento radio frequenza è l'ultimo dei problemi.
      • paulatz scrive:
        Re: E in casa si pagha.....
        - Scritto da: Anonimo
        Non penso, le potenze d'uscita del wi-fi 2,4
        GHz sono limitate a 100 milliWatt e le
        antenne si installano sui tetti di solito,
        considerando che alcuni telefonini escono
        con 1Watt direi che l'inquinamento radio
        frequenza è l'ultimo dei problemi.Vallo a spiegare alla casalinga di Voghera!
      • Anonimo scrive:
        Re: E in casa si pagha.....
        Ci sono monti sui quali sono installati i ripetitori delle radio dove puoi fare accendere una lampada al neon solo tenendola in mano, o generare corrente gratuita solo avvolgendo qualche spira di filo di rame. Sai cosa significa? Che l'etere è saturo di onde radio che creano degli abbattimenti di segnale che costringono le emittenti stesse ad utilizzare potenze ancora più elevate.Parliamo di potenze dell'ordine delle decine e centinaia di Kilowatt!!! Però le emittenti generano fior di quattrini che vengono intascati anche dallo stato.Liberalizzando così... senza una bella supertassa sul wi-fi, considerando le potenzialità (su una rete ip trasferisci qualsiasi cosa, radio, tv, telefono, dati, praticamente tutto), hai idea in quanto tempo tutta l'Italia sarebbe cablata da una miriade di mini reti cooperative free gestite dai privati e sulle quali transiterebbe praticamente di tutto? Hai idea di quanti soldi non entrerebbero più nelle casse dei leader? Ti hanno mai raccontato di che fine abbia fatto l'inventore della macchina a idrogeno negli anni '70? Avete un nome per questa cosa?
  • warrior666 scrive:
    curiosità..
    Se mi metto d'accordo con i ragazzi del mio quartiere per creare una rete di computer collegati via wifi tra di loro e magari uno tramite un'accesso adsl fornisse anche la connettività internet al resto della rete.. sarebbe illegale???
    • Sandro kensan scrive:
      Re: curiosità..
      - Scritto da: warrior666
      Se mi metto d'accordo con i ragazzi del mio
      quartiere per creare una rete di computer
      collegati via wifi tra di loro e magari uno
      tramite un'accesso adsl fornisse anche la
      connettività internet al resto della
      rete.. sarebbe illegale???Sono in tanti ad averlo pensato, pure io ci ho scritto qualche cosa un anno fa ma il decreto del ministro delle telecomunicazioni ci ha fregato tutti, probabilmente imboccato dalle varie telecom e gestori umts ha piazzato un decreto che vieta di usare fuori di casa tua le onde elettromagnetiche dell'hotspot che hai.Il ministro è un tal Gasparri che ha fatto pure la leggina per salvare rete4.
      • warrior666 scrive:
        Re: curiosità..
        Aspetta, nn sono pratico del funzionamento wifi, suppongo che per due computer bastino due schede di rete wifi appunto per scambairsi dati, per più di due bisognerà utilizzare un router wifi? Cosa c'entra l'hot spot? Nel senso io vorrei fare una rete via wifi tra amici e condividere la connessione adsl di uno per tutta la rete..Mi pare di capire che è illegale utilizzare frequenze per trasmettere e ricevere al di fuori delle mura domestiche..giusto? Però tutti quei telefonini in giro che si scambiano informazioni cosa fanno allora? Qualche chiarimento in proposito?ciao grazie
        • Anonimo scrive:
          Re: curiosità..
          I telefonini e quindi le compagnie di telefonia mobile hanno le licenze per trasmettere, quindi è un discorso un po' diverso. Anche perchè li c'è lo scopo di lucro.Per una connessione wifi tra diversi amici del quartiere con accesso Adsl condiviso i problemi sono i seguenti:1)solitamente un singolo accesso Adsl non è condivisibile tra più di X computer a seconda del contratto: non si capisce il perchè, ma se in teoria telecom (o chi per essa) scopre che hai attaccato più di X PC potrebbe sospenderti il contratto.Ma questa è superabilissima con i giusti accorgimenti.2)trasmettere con il wifi fuori da casa è illegale per legge. Inoltre con i normali apparecchi in commercio è un po' dura fare più di 50-60 metri in linea d'aria. Considerando che qualche muro in mezzo c'è di sicuro. Servono antenne un po' speciali (ma si trovano).Cmq anche questa si risolve:premetto che ogni scheda wireless è un hot spot (non è come la scheda classica 10/100 che ci attacchi un solo PC). Cioè ad una scheda wireless ci attacchi anche 20-30 e più dispositivi (quindi anche PC) dipende dalle specifiche tecniche.Trovare una rete wireless è facile, ma identificare fisicamente i nodi non è così immediato, poichè è necessario triangolare il punto di provenienza del segnale. A quanto so la polpost non è ancora in grado di farlo. Tuttavia metti che impara....Non so che dirti. Di cose illegali se ne fanno tante. Poi ogni tanto qlc1 lo beccano. Certo che se abitate in palazzi quasi adiacenti i rischi mi sembrano minimi. Se invece dovete coprire anche +di 1Km io non mi fiderei.
          • Anonimo scrive:
            Re: curiosità..
            - Scritto da: Anonimo
            Per una connessione wifi tra diversi amici
            del quartiere con accesso Adsl condiviso i
            problemi sono i seguenti:
            1)solitamente un singolo accesso Adsl non
            è condivisibile tra più di X
            computer a seconda del contratto: non si
            capisce il perchè, ma se in teoria
            telecom (o chi per essa) scopre che hai
            attaccato più di X PC potrebbe
            sospenderti il contratto.
            Ma questa è superabilissima con i
            giusti accorgimenti.qualche esempio ?
            2)trasmettere con il wifi fuori da casa
            è illegale per legge. qua si puo dissentire rileggiti meglio la legge...Inoltre con i
            normali apparecchi in commercio è un
            po' dura fare più di 50-60 metri in
            linea d'aria. Considerando che qualche muro
            in mezzo c'è di sicuro. Servono
            antenne un po' speciali (ma si trovano).non speciali, solo piu potenti (ma sempre nei termini di legge) e direttive
            Cmq anche questa si risolve:
            premetto che ogni scheda wireless è
            un hot spot (non è come la scheda
            classica 10/100 che ci attacchi un solo PC).
            Cioè ad una scheda wireless ci
            attacchi anche 20-30 e più
            dispositivi (quindi anche PC) dipende dalle
            specifiche tecniche.come risolvi i problemi di overlapping per piu di 20-30 utenti ?
            Trovare una rete wireless è facile,
            ma identificare fisicamente i nodi non
            è così immediato,
            poichè è necessario
            triangolare il punto di provenienza del
            segnale. non per disilluderti ma la localizzazione degli apparati e' cosa ben facile con un gps e un paio di tool...
            A quanto so la polpost non è
            ancora in grado di farlo. Tuttavia metti che
            impara....Cosa ne sapresti della poltel ?
            Non so che dirti. Di cose illegali se ne
            fanno tante. Poi ogni tanto qlc1 lo beccano.Non per questo bisogna incentivarne delle altre no ?
            Certo che se abitate in palazzi quasi
            adiacenti i rischi mi sembrano minimi. Se
            invece dovete coprire anche +di 1Km io non
            mi fiderei.Ciaoinformati meglio
        • Sandro kensan scrive:
          Re: curiosità..
          - Scritto da: warrior666
          Aspetta, nn sono pratico del funzionamento
          wifi, suppongo che per due computer bastino
          due schede di rete wifi appunto per
          scambairsi dati, per più di due
          bisognerà utilizzare un router wifi?
          Cosa c'entra l'hot spot?Da quel poco che so io l'hot spot è un dispositivo a cui attacchi l'adsl e che ti permette di avere coperto 50-100 metri di spazio intorno allo spot. Con una schedina sui pc vicini puoi raccogliere il segnale e fare una rete. Se ti accontenti di connessioni lente puoi anche raggiungere "elevate" distanze, forse puoi arrivare a 100 metri di raggio ma dipende dal numero di muri in cemento armato che separano l'hotspot e il client.In pratica con una adsl normale puoi coprire un condominio, il numero di client collegabili wireless non lo conosco ma è scritto nelle specifiche tecniche dell'hotspot.
          Nel senso io vorrei fare una rete via wifi
          tra amici e condividere la connessione adsl
          di uno per tutta la rete..
          Mi pare di capire che è illegale
          utilizzare frequenze per trasmettere e
          ricevere al di fuori delle mura
          domestiche..giusto? Però tutti quei
          telefonini in giro che si scambiano
          informazioni cosa fanno allora?
          Qualche chiarimento in proposito?E' illegale contravvenire al decreto Gasparri, se cerchi kensan hotspot su google trovi il mio sito e un articolo sugli hot spot e sul decreto. discuto di questo:"Il presente provvedimento fissa le condizioni per il conseguimento dell'autorizzazione generale per la fornitura, attraverso le applicazioni Radio LAN nella banda 2,4 GHz o nelle bande 5 G1-17, dell'accesso dei pubblico alle reti e ai servizi di telecomunicazioni, in locali aperti al pubblico o in aree confinate a frequentazione pubblica quali aeroporti, stazioni ferroviarie e marittime e centri commerciali"ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: curiosità..
        - Scritto da: Sandro kensan

        - Scritto da: warrior666

        Se mi metto d'accordo con i ragazzi del
        mio

        quartiere per creare una rete di
        computer

        collegati via wifi tra di loro e magari
        uno

        tramite un'accesso adsl fornisse anche
        la

        connettività internet al resto
        della

        rete.. sarebbe illegale???

        Sono in tanti ad averlo pensato, pure io ci
        ho scritto qualche cosa un anno fa ma il
        decreto del ministro delle telecomunicazioni
        ci ha fregato tutti, probabilmente imboccato
        dalle varie telecom e gestori umts ha
        piazzato un decreto che vieta di usare fuori
        di casa tua le onde elettromagnetiche
        dell'hotspot che hai.

        Il ministro è un tal Gasparri che ha
        fatto pure la leggina per salvare rete4.Se leggi bene il decreto, ti consente di utilizzare la rete anche attraversando suolo pubblico, purchètu metta in collegamento due o piu fondi di tua proprietà,previa invio di documentazione di richiesta al ministero(con tacito assenso entro 30 giorni dall'invio dei documenti)a patto però di non erogare servizi al pubblico e di rispettare le potenze emissive di legge.Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: curiosità..
          Se abitate nello stesso palazzo non c'è problema.Se abitate in palazi attigui non c'è problema (servono un paio di antenne).Puoi liberamente decidere se non criptare il segnale e quindi chiunque potrebbe attacarsi.Tu mica puoi controllare tutti 8)
  • Mechano scrive:
    Re: Troppi interessi
    - Scritto da: Anonimo
    Ragazzi ci sono troppi interessi in ballo.
    La tecnologia wireless è come il
    combustibile all'idrogeno!Lo credo anch'io.Era necessario bloccarla!http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=692986--Ciao. Mr. Mechano
  • Mechano scrive:
    Ecco la notizia
    Ecco la notizia:http://punto-informatico.it/p.asp?i=44457Ed eccoli la' i colpevoli.Non glien'e' fregato niente delle condizioni tecnologiche in cui hanno fatto cadere il paese.Tanto per loro la larga banda la gente la userebbe per scaricare i pornazzi e rubare film e musica.All'estero se un pc portatile o un PDA non ha il WiFi non vale niente, qua da noi e' piu' importante il Bluetooth per dover ancora usare il cellulare GPRS o UMTS a costi altissimi.Non siamo connessi, non possiamo comunicare e lavorare liberamente.Ci sarebbe un mondo di applicazioni rivoluzionarie ma questi individui ci hanno castrato.Io ho in cantiere programmi rivoluzionari che migliorerebbero la vita di alcuni settori della Pubblica Amministrazione e sono totalmente inutili a causa dell'assenza della cosa piu' importante la connettivita'.Non si puo' stare collegati con un magazzino, non si possono ricevere e trasmettere informazioni in tempo reale da qualsiasi parte della citta' e provincia ci si trovi, non si possono istruire e controllare i lavoratori che fanno attivita' sul territorio perche' non c'e' connettivita'. Perche' costa troppo cara, perche' e' lenta, perche' e' macchinosa da realizzare.Non si sviluppano applicazioni wireless, non si aprono nuovi orizzonti dell'informatica, non si sviluppano servizi.E tutto solo perche' questi individui hanno fatto i loro interessi e quelli dei grandi operatori TLC.E stanno a lamentarsi della mancata crescita economica, culturale e tecnologica del paese.Ma a chi prendono per il culo!!!--Ciao. Mr. Mecano
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco la notizia
      si scrive:"Io ho in cantiere programmi rivoluzionari che migliorerebbero la vita di alcuni settori della Pubblica Amministrazione "si legge:licenziamenti ..per questo in italia andiamo a rilento
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco la notizia

      E tutto solo perche' questi individui hanno
      fatto i loro interessi e quelli dei grandi
      operatori TLC.è la stessa vecchia storia..... ci vogliono mangiare su....lo abbiamo visto con le radio libere, poi con le tv libere, e mo' era il turno della connessione liberasiamo delle merde. ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Assoprovider...da ridere.
    Ma hai capito di cosa si sta parlando?
  • Mechano scrive:
    Re: Un anno fa lo dicevamo
    - Scritto da: Anonimo
    E' brutto da dirsi ma...
    Occhio Mr. Meckano a scrivere così
    allegramente quello che pensi... :|Perche' non e' la verita' che quell'individuo ambiguo del ministero delle tlc ha portato indietro il paese tecnologicamente indietro di un'era geologica?Non e' forse vero che s'e' focalizzato su quello che voleva il suo padrone l'8vo nano da Arcore per incentivare l'inutilita' delle inutilita': il digitale terrestre e fare rapidamente una legge sulle frequenze TV?Per fare gli interessi di chi ha un grande potere economico e politico Tronchetti Provera. E sbattersene i cosiddetti delle continue ammonizioni del collega del ministero dell'innovazione. Che pero' poi ha dimostrato anche lui grande lungimiranza quando si e' trovato a decantare troppo l'opensource e dopo ha fatto marcia indietro per non scontentare i grandi del mondo closed (M$ e Oracle?)Tutti questi politici (tra l'altro sempre del solito partito di destra) hanno fatto gli interessi economici del loro portafogli e delle solite grandi aziende dell'informazione e della comunicazione.E i disoccupati tecnologici italiani ringraziano!Ringraziano che la connettivita' e i servizi li venda sempre la stessa azienda. Ringraziano che le pubbliche amministrazioni comprino sempre gli stessi software della stessa azienda, ringraziano che l'occupazione ICT non cresca anzi ci siano fior di tecnici ed esperti per strada o costretti ad emigrare.E te mi dici che mi devo stare zitto ed avere paura?E che altro ci posso togliere?--Saluti. Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Re: Assoprovider...da ridere.
    - Scritto da: Anonimo
    Sarebbe più onesto da parte loro fare
    cordate con gli utenti e le loro
    associazioni per la liberalizzazione di una
    tecnologia che, ad esempio, in USA, ha
    permesso un vero sviluppo perchè oggi
    Internet è disponibile ad ogni angolo
    di strada, in ogni locale ed in ogni parco.

    Ridicoli: piangono perchè non possono
    attaccarsi sotto la pancia dello squalo per
    nutrirsi degli scarti.

    Buffoni.Ma che cacchio scrivi?Proprio come dici grazie ai piccoli provider negli USA ogni angolo di strada ha una connessione.Perche' sarebbero buffoni operatori che fanno anchi i tuoi interessi?L'Assoprovider vuole cio' che vuoi anche te, una maggiore pluralita'. Concorrenza e poter vivere tutti anche loro con la connettivita' e i servizi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Siamo sicuri che
    - Scritto da: Anonimo
    Ma il documento di cui si dice è
    firmato da assoprovider, in cui se non erro
    c'è dentro anche telecom. Quindi
    telecom che fa, il gioco dei due piedi in
    una scarpa?Ahahaha che ignoranza!Assoprovider e' nata proprio per i provider piu' piccoli associarsi e poter contrastare i ricatti di Telecom e qua arriva uno che dice che Telecom fa parte di un'associazione nata soprattutto per poterla far rigare dritto...E come se GreenPeace accettasse associati dalle industrie del petrolio o della caccia alle balene...Ahahah che igoranza!
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo sicuri che
      Scusa l'ignoranza, ma non lo sapevo. Sbagliando si impara. Infatti ho espressamente detto "se non erro", proprio perchè non ero sicuro. In tal caso i conti tornano perfettamente. Ovvio che telecom si metterà di traverso o cmq remerà contro.
  • Mechano scrive:
    Un anno fa lo dicevamo
    Me le ricordo come fossero di ieri, le notizie che il governo e in particolare Gasparri hanno voluto regolamentare pesantemente l'etere per darlo in mano ai soliti noti delle TLC e soprattutto Telecom.Lo scopo era proprio quello, impedire liberta' nell'etere che si stava sviluppando tanto velocemente. na tecnologia economicissima per connettere tutto e tutti ovunque ci si trovi.Fornire concessioni multiple e naturalmente molto costose solo ai grandi ed in particolare Telecom Italia, schiacciare quella che sarebbe stata una splendida concorrenza che avrebbe portato larga banda wireless a tutto il paese, e lasciare tutto come sta, un monopolio di fatto.Che schifo l'Italia. Da un lato Rodota' chiedere broad band per tutti e dall'altro il suo collega del settore piu' importante prende mazzette e appone lucchetti alle tecnologie piu' importanti.Il paese si dice che non crescera' senza larga banda per tutti e dall'altro pero' meglio non toccare Telecom e lasciare l'Italia indietro di ere geologiche in questo settore.--Ciao. Mr. Mechano
    • Anonimo scrive:
      Re: Un anno fa lo dicevamo
      E' brutto da dirsi ma...Occhio Mr. Meckano a scrivere così allegramente quello che pensi... :|
  • Anonimo scrive:
    Re: Scusate ma allora questo come fà?
    - Scritto da: Anonimo
    www.wireless-italia.com/modules.php?name=Nuke

    Non credo che a questi abbiano fatto un
    errore così macroscopico, qualcosa di
    permesso ci sarà.Se la tecnologia e' in affitto da Telecom e lei fa da reseller...
  • Anonimo scrive:
    Re: Perchè GRATIS ???
    Si infatti da noi l'UMTS sta iniziando solamente adesso a muovere i primi passi a causa dei costi delle licenze... naturalmente xò i gestori dovevano recuperare e allora hanno aumentato le utenze GSM (mentre IPSE 2000 che non aveva utenti GSM da spennare è fallita).In Finlandia e in Giappone invece dove le licenze son state concesse GRATUITAMENTE il mercato è già avanti xchè gli operatori si son potuti già lanciare ... e lo Stato ci guadagna cmq xchè riceve una percentuale sui guadagni... il cosiddetto gain sharing.E pensare che all'epoca c'è stato anche qualcuno che si è lamentato xchè le aste hanno fruttato SOLO 27 miliardi di vecchie lire!L'Open spectrum è l'unica soluzione anche per noi utenti, x riuscire a sfuggire alle subdole speculazioni di aziende e istituzioni!
  • Anonimo scrive:
    Re: Siamo sicuri che

    Ma il documento di cui si dice è
    firmato da assoprovider, in cui se non erro
    c'è dentro anche telecom. Erri.
  • Anonimo scrive:
    Re: Wimax meglio dell umts ?

    insomma il governo ha fatto pagare le
    licenze tonnellate di soldoni, non vorrete
    che poi nuovi provider mangino la torta
    senza avere pagato il biglietto di ingresso?E secondo te a chi girano i costi delle licenze che pagano ? :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Wimax meglio dell umts ?
      Agli utenti finali ovvio. Tramite i costi per servizi erogati.Peccato che se ogni volta che esce qlcsa di nuovo fanno pagare la licenza tanto quanto costa realizzare la rete fisica, ovvio che poi quanto gli impianti son pronti la tecnologia è già obsoleta.E poi ricordiamoci che in Italia siamo già cmq obsoleti rispetto ad altri paesi prorpio perchè si tende a "spremere all'esaurimento" la tecnologia vecchia prima di passare alla nuova.Un amico ha acquistato in Svizzera (ad un prezzo più che ragionevole) un cellulare che di fatto è un pocket PC: scheda di memoria rimuovibile, video, foto (alta risoluzione), tv, ecc. ecc.compatibile Umts. Lui lo ha preso perchè "è un maniaco dell'ultima tecnologia", ma una cosa così in italia ci arriva tra minimo un anno se va bene, perchè prima devono finire di vendere i vecchi modelli, se no non li vuole più nessuno. In verità in italia il problema sono anche i costi: la connessione umts costa ancora troppo cara per pensare di usarla fuori da un ambito strettamente professionale.
  • BlueSky scrive:
    Re: Wimax meglio dell umts ?

    insomma il governo ha fatto pagare le
    licenze tonnellate di soldoni, non vorrete
    che poi nuovi provider mangino la torta
    senza avere pagato il biglietto di ingresso?Pensaci un attimo... ora il governo è "vincolato" dal lasciare carta bianca agli operatori nell'usare le nuove tecnologie proprio perché il governo precedente ha fatto pagare tonnellate di miliardi per le licenze, ed ora non è così semplice dire a queste aziende "beh... avete avuto sfiga... avete buttato i vostri soldi". E non sarebbe nemmeno giusto far pagare ancora valanghe di soldi per poter sfruttare le tecnologie nuove. Se vogliamo che lo sviluppo e la diffusione della banda larga siano rapidi si devono limitare i costi, altrimenti chi altri secondo te, dopo la fregatura dell'umts, sarebbe disposto ad investire e rischiare così tanto?
  • Anonimo scrive:
    Wimax meglio dell umts ?
    ho lettoche in america hanno inventato un nuovo standard il wimax con raggio di azione di 50 km e tanta bandasulla carta e meglio dell umtsinsomma il governo ha fatto pagare le licenze tonnellate di soldoni, non vorrete che poi nuovi provider mangino la torta senza avere pagato il biglietto di ingresso?
  • Anonimo scrive:
    Scusate ma allora questo come fà?
    Ieri, 01/07/2004, infatti, è stato firmato l?accordo tra Calù S.p.A. e il Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Crotone, per la copertura sempre in tecnologia wireless dell?area industriale di Crotone.http://www.wireless-italia.com/modules.php?name=NukeNews&req=article&sid=704Non credo che a questi abbiano fatto un errore così macroscopico, qualcosa di permesso ci sarà.
  • Anonimo scrive:
    Troppi interessi
    Ragazzi ci sono troppi interessi in ballo. La tecnologia wireless è come il combustibile all'idrogeno!
  • Anonimo scrive:
    Perchè GRATIS ???
    Le frequenze sarebbe bene pagarle se davvero servono a operatori TLC? L'UMTS ha pagato cifre stratosferiche e Assoprovider vorrebbe le frequenze gratis....
  • Anonimo scrive:
    Assoprovider...da ridere.
    La legge è stato un regalo agli operatori telefonici. Tutto sbagliato come al solito, ma comunque le persone stanno facendo reti a destra ed a manca come e quando vogliono...anche se è illegale.Però che l'Assoprovider si lamenta perchè gli operatori telefonici possono usare il wifi su suolo altrui e loro no...beh...fa rabbia. Quale diritto in piu' degli utenti avete?Sarebbe più onesto da parte loro fare cordate con gli utenti e le loro associazioni per la liberalizzazione di una tecnologia che, ad esempio, in USA, ha permesso un vero sviluppo perchè oggi Internet è disponibile ad ogni angolo di strada, in ogni locale ed in ogni parco.Ridicoli: piangono perchè non possono attaccarsi sotto la pancia dello squalo per nutrirsi degli scarti.Buffoni.
  • Anonimo scrive:
    Re: Siamo sicuri che
    Telecom non è iscritta ad Assoprovider
  • Anonimo scrive:
    Siamo sicuri che
    telecom centri davvero stavolta? Ok, la legge così come è sembra chiaro la abbia voluta chi detiene il possesso delle linee (telecom appunto) per tutelarsi dalla concorrenza degli emergenti che con il wifi avevano un'alternativa a costi "contenuti" rispetto alla posa di reti proprietarie (tipo fastweb).Ma il documento di cui si dice è firmato da assoprovider, in cui se non erro c'è dentro anche telecom. Quindi telecom che fa, il gioco dei due piedi in una scarpa?Cmq resta vero che il wifi sull'ultimo miglio farebbe solo bene, visto che aumenta le possibilità di copertura e riduce i costi (si spera) anche sugli utenti finali.
  • Anonimo scrive:
    Re: si sa: chi ha il potere lo mantiene
    - Scritto da: Anonimo
    ...quindi chi sicuramente trarrebbe danno
    dal prendere piede del wifi ha fatto in modo
    che questo governo bloccasse questa
    possibilità...
    Oh ormai ci arrivano anche i bamibini a
    capirlo!!!
    :(:(:(E quindi?
    • Anonimo scrive:
      Re: si sa: chi ha il potere lo mantiene
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      ...quindi chi sicuramente trarrebbe
      danno

      dal prendere piede del wifi ha fatto in
      modo

      che questo governo bloccasse questa

      possibilità...

      Oh ormai ci arrivano anche i bamibini a

      capirlo!!!

      :(:(:(

      E quindi?Si, insomma, cioè.
    • Mechano scrive:
      Re: si sa: chi ha il potere lo mantiene
      - Scritto da: Anonimo

      Oh ormai ci arrivano anche i bamibini a

      capirlo!!!

      :(:(:(

      E quindi?Vedi che non l'hai capito?--Ciao. Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Politica economica miope
    Un'iniziativa a costo zero per i contribuenti e che potrebbe abbattere il digital divide e aumentare la concorrenza nelle TLC viene bloccata.Molti imprenditori passano da settori con forte concorrenza in altri protetti (Autostrade, TLC, Energia...). Occorre registrare dal notaio ogni cambio di mutande. I professionisti non possono fare pubblicità e hanno un tariffario minimo imposto.Viene quasi il sospetto che siamo in un paese dove per il vantaggio di pochi si penalizzino tutti gli altri.Non può essere così! Ogni giorno ci dicono alla televisione che vengono introdotte misure per aumentare la competitività, che si punta sull'innovazione.Questi di Assoprovider sono solo dei rompiscatole.Troppe scelte incasinano quel poveraccio del consumatore.
  • Anonimo scrive:
    Re: Telecom non lo permettera' mai...
    Mi fai l'elenco di tutte le zone con alta densita' di popolazione non coperte ancora dall'ADSL? :o
  • Anonimo scrive:
    si sa: chi ha il potere lo mantiene
    ...quindi chi sicuramente trarrebbe danno dal prendere piede del wifi ha fatto in modo che questo governo bloccasse questa possibilità...Oh ormai ci arrivano anche i bamibini a capirlo!!!:(:(:(
  • Anonimo scrive:
    Telecom non lo permettera' mai...
    Come da oggetto, telecom non lascera' andare il suo monopolio tanto facilmente.Per non parlare di ADSL che non e' presente neanche in zone con alta densita' di popolazione... figuriamoci nei monti o in qualche sperduta campagna ... quella gente si puo' scordare la banda larga.....oppure come consiglia qualcuno puo' usare ADSL-SAT!!! ..... :@(linux)
  • neoviruz scrive:
    ops...
    ma non e' che per caso poi si va a pestare i piedi al monopolista italiano nelle telecomunicazioni vero....?:@:@:@--http://lnx.curatola.net/modules.php?name=Downloads&d_op=viewdownload&cid=5
  • avvelenato scrive:
    sono dei venduti
    hanno sbolognato l'ex sip a tronchetti provera con la scusa della liberalizzazione del mercato.Peccato che de-facto ci hanno fatto passare da un monopolio pubblico ad uno privato.
Chiudi i commenti