Internet, due nuove candidature

Nello spazio dedicato ai candidati alla Regionali che vogliano dialogare con la rete e sui grandi temi delle libertà digitali ecco due nuovi interventi: Alessandro Ronchi (Verdi) e Mario Adinolfi (Lista Marrazzo)


Bologna – Conosco Zammataro e credo che debba avere tutto l’appoggio che il popolo della rete, quello che lotta quotidianamente contro i brevetti software, gli attacchi al software libero ed alle libertà digitali, può mettere in campo.

Vista la difficoltà con la quale alcuni temi riescono ad entrare nella testa della maggior parte dei nostri politici, abbiamo visto un aumento delle candidature provenienti da “esperienze di rete”.

Anche grazie al mio impegno sul fronte del software libero sono stato eletto consigliere comunale a Forlì, e mi propongo ora come candidato per le elezioni regionali dell’Emilia Romagna.

La mia esperienza e quella di Zammataro non sono le uniche, basta fare qualche ricerca in rete. Dato un insieme di problemi reali e poco pubblicizzati dai media storici, si è composta una nuova frontiera politica che, io credo, permetterà di dare un contributo positivo al desolante panorama che vediamo in questo particolare momento storico/culturale del nostro paese.

Come già proposi tempo addietro all’ Italian Linux Society , senza trovare particolari sensibilità, io credo che sarebbe opportuno che il popolo della rete ed i sostenitori della cultura libera scrivessero un loro programma da proporre a tutti i candidati, e poi appoggiassero indistintamente tutti coloro che promettono di seguirlo, in maniera apartitica.

Greenpeace e la LAV, come del resto molte altre importanti associazioni, hanno fatto qualcosa del genere ed hanno saputo aumentare il loro peso politico nelle decisioni, muovendo voti verso i candidati più sensibili ai loro temi.

E’ un peccato che gli “internauti” siano un po’ indietro, su questo fronte, perché sarebbe uno strumento importante, oltre alle petizioni ed alle iniziative promosse contro i continui attacchi di chi vuole mettere un freno ai nostri diritti ed alle nostre libertà. Probabilmente paghiamo una eccessiva frammentazione, che di fatto fa diminuire il nostro enorme potenziale.

In ogni caso i candidati “giusti” ci sono, basta studiare meglio la storia e le attività, i programmi ed i pensieri di chi chiede il nostro voto: scegliendo con una maggiore coscienza, potremmo fare meno fatica per le nostre future battaglie.

Alessandro Ronchi
Candidato dei Verdi per le Elezioni Regionali Emilia Romagna 2005

LINK:
http://www.aronchi.org
http://www.aronchi.org/forli
http://www.aronchi.org/blog



Roma – Caro direttore,
sono Mario Adinolfi e ci siamo incrociati qualche tempo fa in un paio di convegni. Ho letto su Punto Informatico l’approfondimento sui temi della e-democracy, che come forse saprai mi hanno visto impegnato fin dal 2001 con la fondazione del movimento Democrazia Diretta , che ha come simbolo proprio la Chiocciola del web.

A queste elezioni porto all’interno della Lista Marrazzo le istanze direttiste di chi crede nelle potenzialità della e-democracy. Discuto quotidianamente di questi temi con gli (e)lettori sul blog www.marioadinolfi.ilcannocchiale.it . Dal sito www.marioadinolfi.it si può accedere direttamente al mio programma e alla storia di Democrazia Diretta.

La web democracy non è futuro, è già tra noi. La citata esperienza di Howard Dean ha aperto la strada. In Italia siamo molto indietro per via di ritardi strutturali e di limiti politici. Limiti che credo siano dettati dal timore che il connubio tra web e democrazia possa svuotare l’immenso potere di cui godono le oligarchie che attualmente gestiscono la politica italiana.

Il gruppo di Democrazia Diretta, attraverso l’impegno nella Lista Marrazzo, prosegue nella sua battaglia a favore di forme nuove di partecipazione che inevitabilmente puntino sulle tecnologie interattive. Un altro mondo è possibile. Un altro modo di fare politica anche. E passa dalle nostre tastiere, dalla miriade di blog che vengono aperti ogni giorno in Italia, dalla nostra voglia di dialogo e confronto attraverso il web. Spero che questo sia solo un primo passo. Altri ne verranno e sono disponibile ad approfondire questi temi prima e dopo le elezioni.

Cordialmente
Mario Adinolfi

LINK:
MarioAdinolfi.it
www.marioadinolfi.ilcannocchiale.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • berny1955 scrive:
    compatibilità del contrassegno SIAE con
    La presente per segnalarvi quanto segue al riguardo di una violazione della normativa comunitaria da parte della SIAE, penso possa interessare il vostro pubblico.Questione pregiudiziale relativa all?interpretazione della direttiva del Consiglio 92/100/CEE del 19 novembre 1992(compatibilità del contrassegno SIAE con la normativa comunitaria) Ordinanza emessa dal Tribunale di Cesena il 14 dicembre 2004 Si pubblica l'ordinanza con cui viene formulata -a norma dell?art. 234 del Trattato CE (già art. 177)- una questione pregiudiziale in merito all?interpretazione della direttiva del Consiglio 92/100/CEE del 19 novembre 1992, concernente il diritto di noleggio, il diritto di prestito e taluni diritti connessi al diritto di autore in materia di proprietà intellettuale, nonché sull?art. 3 del Trattato CE con riferimento al divieto imposto agli Stati membri di imporre «dazi doganali» e «restrizioni qualificative all?entrata e all?uscita delle merci» e «tutte le altre misure di effetto equivalente», nonché sugli artt. 23- 27 del Trattato. La questione pregiudiziale riguarda anche l?interpretazione della direttiva del Consiglio 83/189/CEE del 28 marzo 1983, che prevede una procedura d'informazione nel settore delle norme e delle regolamentazioni tecniche, così come modificata dalla direttiva del Consiglio 88/182/CEE del 22 marzo 1988. Si necessita di tale interpretazione per verificare se la previsione dell?art. 171 ter, comma I, lett. c) della Legge 22 aprile 1941 n. 633 (l.d.a.), introdotto in virtù dell?adozione della predetta direttiva del Consiglio 19 novembre 1992 92/100/CEE sia compatibile con la ratio della stessa direttiva 92/100/CEE, nonché con il Trattato della Comunità europea.
  • Anonimo scrive:
    Alla faccia della privacy su PI....
    mi risponde cosi' tentando un replyScrivi la risposta con il seguente moduloAttenzione: possono rispondere i soli utenti registratise non sono registrato e' proprio per motivi di privacy........comunque vuole essere solo una tiratina d'orecchi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Rimpasto di Governo
    praticamente un governo di quaqquaraqquà...
  • AnyFile scrive:
    Scandaloso... e le direttive UE?
    Scandaloso.Spero proprio che qualcuno controlli che la normativa sia conformae a quella europea e ci si accorga che i diritti che le normative nazionali dovrebbero garantire non vengono piu' rispettati.Ricordo a tutti che i cittadini di qualalsiasi stato della UE hanno diritto ad avero rispoettato i propri diritti stabiiti da leggi e regole europee. Anche nel caso in cui le leggi nazionali non garantiscono questi diritti. Su queste cose sono competenti anche i giudici nazionali, che sono tenuti a far rispettare le leggi e regolamenti comunitari. Nel caso non si ottenga questo ripsetto si puo' anche ricorrere agli organismi amministrativi e giudiziari comunitari
  • ilmusico scrive:
    Ancora sulla Privacy?!
    Ancora sulla defunta Privacy, bisogna tornare?! Non è possibile che vi siano ancora persone così candidamente ingenue, da credere che esista qualcosa di privato che non sia violabile" Pour le bon motif " . Il Potere (di qualsiasi colore o incolore) si fa le matte risate , a questo proposito.E poi, esiste la Ragion di Stato: in nome di codesta legge , possono tranquillamente agire come vogliono , senza alcun ostacolo. Da queste considerazioni , possiamo quindi concludere che sia la Privacy che la cosiddetta Democrazia, non esistono più ...sempreché, siano esistite! Saluti Il Musico
    • Sandro kensan scrive:
      Re: Ancora sulla Privacy?!
      - Scritto da: ilmusico
      Ancora sulla defunta Privacy, bisogna tornare?!
      Non è possibile che vi siano ancora persone così
      candidamente ingenue, da credere che esista
      qualcosa di privato che non sia violabile" Pour
      le bon motif " . Il Potere (di qualsiasi colore o
      incolore) si fa le matte risate , a questo
      proposito.Concordo parecchio, il buon vecchio Storace pare abbia avuto dei buoni motivi (mi pare l'abbia detto lui stesso) per cogliere in fallo la Mussolini.La vicenda dai più ingenui viene vista come una vicenda politica di destra contro sinistra, in realtà è come affermi tu, si tratta di passare sopra con i cingoli alla nostra privacy.Poi la pravacy non significa nulla, diciamo in concreto:* i dati anagrafici nelle banche dati comunali* le impronte digitali nella carta di identità elettronica, i dati andranno al ministero dell'Interno* foto digitalizzata al Min Interno* forse anche i dati sanitari* profilazioni tenute nelle banche dati dei supermercati (sanno se sei un credente, se mangi pesce di venerdì, se sei musulmano, se sei vegetariano, ecc, ecc)* tutti i dati telefonici e del telefonino* ogni contatto con la polizia* Le banche sanno molto di te e alcuni dati vengono trasmessi al governo* ecc, ecc.Passo dopo passo il Caro politico ha in mano sempre di più la nostra vita e può indurci a più miti consigli.
  • Anonimo scrive:
    Ringrazio l'avv. Lisi...
    ...per farci aprire ancora una volta gli occhi su quante norme poco serie, anzi meglio su quante magagne si combinano alle nostre spalle! Saluti a tutti. Aldo
  • Anonimo scrive:
    Costituzione...puah!
    Privacy "diritto costituzionalizzato"??Da quello che si sta combinando in Parlamento...non mi sembra che ci sia più grande rispetto per le norme costituzionali!
  • Anonimo scrive:
    ahahahah privacy
    c'è ancora qualcuno che crede che sia vero????La normativa sulla privacy è stata fatta proprio per far credere che non si possa violare la privacy di un individuo cosi da poterla violare indisturbati in quanto tutti pensano "tanto c'è la normativa che mi protegge!"Aprite gli occhi..i Patriots fanno quello che vogliono..e lo fanno all luce del sole,perchè un po pensano che siamo stupidi e un po si sentono cmq intoccabili (ed è vero)..ma prima o poi arriverà la NOTTE DI LUNA NERA e i soprusi nei secoli fin qui, verranno lavati con la vendetta e il sangue dei vessatorinessuna pietà!
  • Anonimo scrive:
    Re: Rimpasto di Governo
    ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ahmi hai fatto sbellicare!! ma non dimenticare il sen paperoga, ministro del welfare (qualunque cazzo di cosa sia)
    • Anonimo scrive:
      Re: Rimpasto di Governo
      - Scritto da: Anonimo
      ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
      mi hai fatto sbellicare!!
      ma non dimenticare il sen paperoga, ministro del
      welfare (qualunque cazzo di cosa sia)così come lo stanno facendo, si chiama malware, altro che welfare!
  • puffetta scrive:
    il diritto alla privacy
    (newbie)Non siamo forse tutti schedati, fotografati, spiati e quando ci va male viviamo pure vicino a chi non si fa i fatti suoi?Orbene, l'umanità avanzata come la nostra è pronta per ricevere il microchip nel c**o!:-s
    • Anonimo scrive:
      Re: il diritto alla privacy
      - Scritto da: puffetta
      (newbie)

      Non siamo forse tutti schedati, fotografati,
      spiati e quando ci va male viviamo pure vicino a
      chi non si fa i fatti suoi?

      Orbene, l'umanità avanzata come la nostra è
      pronta per ricevere il microchip nel c**o!

      :-sBasta che sia n Microchip adeguato al nano ex pelato, che schedi come comunista chiunque non l pensi come lui!
    • Anonimo scrive:
      Re: il diritto alla privacy
      - Scritto da: puffetta
      (newbie)

      Non siamo forse tutti schedati, fotografati,
      spiati e quando ci va male viviamo pure vicino a
      chi non si fa i fatti suoi?

      Orbene, l'umanità avanzata come la nostra è
      pronta per ricevere il microchip nel c**o!Sara' contento avvegaio.
  • Anonimo scrive:
    ...quindi siamo tutti controllati...
    ...e non possiamo più farci nulla??Anzi andrà sempre peggio???e almeno il nostro voto lo potremo rilasciare senza essere previamente monitorati.vedrete che tra un po' per il principio della trasparenza berlusconi pretenderà di inserire una microcamera nella nostra canina elettoralee a controllare che tutto vada bene ci sarà l'avv. Fortunato!!!:-o
    • Anonimo scrive:
      Re: ...quindi siamo tutti controllati...
      - Scritto da: Anonimo
      ...e non possiamo più farci nulla??
      Anzi andrà sempre peggio???
      e almeno il nostro voto lo potremo rilasciare
      senza essere previamente monitorati.Ne sei sicuro? con il voto elettronico che vogliono mettere ho tanti dubbi, anche sulla possibilità di controllare se i voti corrispondono a quanto uno ha votato, ora con le schede cartacee si può, ma se saraà solo un bit sul computer chi potrà controllarlo?
      • Anonimo scrive:
        Re: ...quindi siamo tutti controllati...
        imparate dall'america, li conoscendo i dettagli delle persone sapevano a chi dovevano dare la tessera elettorale e a chi no.
  • Anonimo scrive:
    il diritto di cronaca...
    io tra le righe leggo che purtroppo non c'è più difesa contro certo giornalismo d'assalto, che forte della sua potenza mediatica è in grado di trasformare a suo piacimento il signor nessuno in qualsiasi personaggio serva al momento...Questi signori, usano il cavallo di Troia del diitto di cronaca per fare il bello e il cattivo tempo con te e la tua immagine.Parlano meglio di te, sono abituati a dire le cose pilotando il senso del discorso, non farfugliano.Essendo pardoni del "mezzo", sono in condizione di potere rispetto all'uomo comune.Se non posso più dire "lasciatemi in pace", se domani trovo un pirla qualsiasi con il microfono in mano che mi manda in onda non ho più difesa!Ovviamente parlo del caso in cui non mi sia reso soggetto di eventi particolari...Hai voglia di fare ricorsi... passano giorni/mesi/anni e il danno intanto è fatto...E anche se decido di andare sull'ultima isola deserta (che da quando ci sarò io deserta non sarà più), prima o poi capiterà anche la Licia Colò di turno che mostrerà i miei usi e costumi al pubblico...
    • Anonimo scrive:
      Re: il diritto di cronaca...
      puoi sempre inserire tra i tuoi usi e costumi quello di spupazzartela un po'. Otterresti due risultati in un colpo solo:a) non penso che poi lei lo manderebbe in onda :$b) personalmente ritengo la Colò una gran bella donna :-P
  • Anonimo scrive:
    Che tristezza....
    ...ma che cosa potevamo aspettarci ancora da questo governo? ....
  • Anonimo scrive:
    Basta solo pensare a chi ci governa...
    Se come garante della privacy si mette uno che l'ha violata più volte..indovina indovinello..a capo del nostro governo che tutti vorremmo onesto..chi ci mettiamo ?:-)Crazy
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta solo pensare a chi ci governa...
      - Scritto da: Anonimo
      Se come garante della privacy si mette uno che
      l'ha violata più volte..indovina indovinello..
      a capo del nostro governo che tutti vorremmo
      onesto..chi ci mettiamo ?

      :-)

      Crazy..Berluscon berluschello quel gran "monello"!!!! (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Basta solo pensare a chi ci governa.
      - Scritto da: Anonimo
      Se come garante della privacy si mette uno che
      l'ha violata più volte..indovina indovinello..
      a capo del nostro governo che tutti vorremmo
      onesto..chi ci mettiamo ?

      :-)

      CrazyScusa ma se abbiamo un capo del governo che è fuori dal carcere solo in virtù delle leggi ad usum delphini che si è fatto!
  • Anonimo scrive:
    Diritto alla privacy sacrosanto
    Il diritto alla privacy deve essere sacrosanto, ma nonostante il gran parlare di tanti tromboni politicanti e severe legge sulla privacy, è sempre + una chimera se non una presa x il .....naso.La privacy dei comuni cittadini è continuamente violata fregandosene bellamente della legge sulla privacy e si è ormai continuamente spiati praticametne da tutti.Una difesa potrebbe esere la presa di coscienza da parte dei cittadini di queste violazioni e di far valere le proprie ragioni alla loro privacy utilizzando sia la legge che c'è che imparando ad usare bene e coscientemente i mezzi che l' informatica mette a disposizione.
Chiudi i commenti