Internet e il mito del copyright

di Karl Fogel (trad. e sintesi: Blogmatic.net) - La lotta delle major non è tesa a mettere fine al file sharing ma serve invece a conservare uno stato mentale, dove copiare equivale a rubare


Roma – Le aziende discografiche non si preoccupano se vinceranno o perderanno i processi. A lungo termine, nemmeno si aspettano di eliminare il file sharing. Ciò per cui esse combattono è molto più grande. Combattono per mantenere uno stato mentale , un’attitudine verso il lavoro creativo, la quale dice che qualcuno deve possedere i prodotti della mente e controllare chi può copiarli. E l’industria ha avuto un successo sorprendente posizionando il tutto come una contesa tra gli Artisti Assediati , che si suppone abbiano bisogno del copyright per pagare l’affitto, e le Masse Irragionevoli , che vorrebbero copiare una storia o una canzone da Internet invece che pagare un prezzo adeguato. Essi sono riusciti a sostituire i termini caricati pirateria e furto al più preciso copia : come se non ci fosse differenza tra rubare la tua bicicletta (adesso tu non hai più la bicicletta) e copiare la tua canzone (adesso tutti e due abbiamo la canzone).

La prima legge sul copyright fu una legge di censura . Essa non aveva niente a che fare con la protezione dei diritti degli autori, o con il loro incoraggiamento a produrre nuove opere. Il copyright è un sottoprodotto della privatizzazione della censura governativa nell’Inghilterra del sedicesimo secolo. L’arrivo della macchina per stampare (la prima macchina per copiare del mondo) era qualcosa che stimolava gli scrittori. Così stimolante, infatti, che il governo inglese cominciò a preoccuparsi per le troppe opere che venivano prodotte, non troppo poche. La nuova tecnologia, per la prima volta, stava rendendo ampiamente disponibili letture sediziose ed il governo aveva bisogno urgente di controllare il fiume di materiale stampato. Il risultato fu quello di consentire un particolare modello di business – la stampa di massa con distribuzione centralizzata – per rendere disponibili poche opere fortunate ad un’udienza più ampia, con considerevole profitto dei distributori.

Gli Stationers basarono la loro strategia su un riconoscimento decisivo, che è rimasto da allora alle aziende editoriali fino a oggi: gli autori non hanno i mezzi per distribuire le proprie opere. Scrivere un libro richiede solo penna, carta e tempo. Ma la distribuzione di un libro richiede presse per la stampa, reti di trasporto ed investimenti iniziali in materiali e macchine compositrici. Il copyright fu progettato dai distributori per sovvenzionare se stessi, non i creatori .

Oggi, però, il mezzo su cui vengono distribuiti i contenuti può essere del tutto diverso da quello utilizzato al momento della fruizione ultima del contenuto. I dati possono essere trasmessi su cavo a costo essenzialmente zero e l’utente, che si trova dall’altra parte del cavo, può stampare la copia di un’opera a proprie spese e con la qualità che può permettersi.

Da un punto di vista della distribuzione non vi è differenza tra testo e musica e appena la tecnologia per la stampa e la rilegatura diverrà più economica, gli autori di libri vedranno molto più chiaramente che essi hanno le stesse alternative di cui dispongono nell’immediato i musicisti, e il risultato sarà lo stesso: sempre più materiale disponibile senza restrizioni , a partire dalla scelta dell’autore.

L’arrivo di Internet, con la sua distribuzione istantanea a costo zero, ha reso obsoleto quel modello di business. La proibizione al popolo di condividere liberamente informazioni non serve a nessun altro interesse che a quello degli editori.

Per la grande maggioranza degli artisti il copyright non porta alcun beneficio economico. Vero, ci sono poche star – alcuni dei quali con grande talento – le cui opere sono appoggiate dall’industria; essi ricevono la parte del leone dell’investimento in distribuzione e in modo analogo generano il profitto più grande, che viene condiviso con l’artista in termini migliori dell’usuale, perché la posizione contrattuale dell’artista è più forte. In modo per niente incidentale, queste star sono quelli che l’industria sostiene come esempi dei benefici del copyright. Ma trattare questi piccoli gruppi come rappresentativi vorrebbe dire confondere il marketing con la realtà. La vita della maggior parte degli artisti non appare per niente simile alla loro e mai lo sarà nell’attuale sistema basato sul profitto. Ecco perché lo stereotipo dell’artista impoverito rimane vivo e vegeto dopo trecento anni.

Copiare non è furto e non è pirateria . E’ ciò che abbiamo fatto per millenni, fino all’invenzione del copyright, e possiamo farlo di nuovo, se non ci intralciamo da soli con gli antiquati residui di un sistema di censura del sedicesimo secolo.

Quanto pubblicato qui sopra è una sintesi realizzata da Blogmatic di un più lungo commento di Karl Fogel intitolato “Le promesse di un mondo post-copyright”

Per leggere il commento completo di Karl Fogel, in inglese, clicca qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: 999
    - Scritto da: Anonimo
    Basta avere in share anziche' 1998 files su
    un PC, due utenze con 999 files in share...

    MahTraduci, prego: due "utenze" vuol dire che, come per magia, diventi due persone contemporaneamente? ;-)Guarda che qui stanno parlando di persone in carne e ossa e cervello pensante e intento criminale. Non di macchine. Non di "utenze". Tu sei una macchina? Sto postando ad una macchina? Dio, mi vengono i brividi...
  • nop scrive:
    Re: Allucinante

    fammi un solo esempio di una pena esemplare
    che ha fatto rispettare di più una
    legge.vai in svizzera e azzardati a superare il limite di velocità .....oppure guida alticcio in francia(galera!).....in Italia mai è stato adottato il pugno di ferro e la situazione è sotto gli occhi di tutti ...
  • Africano scrive:
    Re: Allucinante
    - Scritto da: nop

    - Scritto da: Anonimo

    Come fai a dare delle pene esemplari

    (perché è di questo che si

    tratta) per educare? Cose da medioevo.

    non sono d'accordo...
    Un rispetto ferreo della legge si ottiene
    solo che pene esemplari.
    Un requisito fondamentale è
    però che la legge sia equa e
    condivisibile...non sono d'accordole pene esemplari non sono mai servite, semmai la certezza della pena, sempre dopo comunque alla condivisione delle leggi, se una legge è ritenuta ingiusta hai voglia a chiedere rispetto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Allucinante
    che sfiga !se scappavi era meglio... :P
  • Anonimo scrive:
    Re: Allucinante
    Una legge non ho solo funzione sanzionatoria (quella è quella "meno importante") quella principale è quella dissuasoria.Se andare a 150km/h per le vie di un centro storico non fosse punibile dalla legge sai quante persone lo farebbero? (cerca di uscire dall'iperbole della metafora e capire i problemi che ci son dietro).Detto ciò io son contro la disciplina di repressione sul p2p non ha fini di lucro. Una tassa sulla banda usata in upload rappresenti una delle soluzioni più eque (affiancandola a un serio controllo sulle vendite di cd masterizzati per strada e non)
  • Anonimo scrive:
    Giudici e Mafia?
    Giudice buono e Giudice Mafioso.. :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Allucinante
    - Scritto da: Anonimo

    non sono d'accordo...

    Un rispetto ferreo della legge si
    ottiene

    solo che pene esemplari.

    Un requisito fondamentale è

    però che la legge sia equa e

    condivisibile...

    fammi un solo esempio di una pena esemplare
    che ha fatto rispettare di più una
    legge.Non può dirlo perchè non esiste propiose ammazzi ti amamzzano o peggio in carcere a vita e allora non ci son piu assassini?A me han ritirato la patente 137,55 euro di multa e non contenti sti basta.... nerovestiti anche tolto 10 punti, risultato?137,55 euro pagati il giorno dopo e addio spese per il mio compleanno tutti soldi in meno ai negozi....(Volevo comprarmi qualcosa per l'estete e invece picche)poi un mese senza patente?Si certo..... fatto prestare un monster e di notte e sera giro trq sulla targa la borsa del notebook e se trovi "qualcuno" che provino a prendermi, non posso non avere un emzzo di tarsporto per un mese, abito isolatissimo da qualsiasi fermata autobus e vivo da solo..... vedete voi...perderei i clienti miei e il lavoro (in nero da 8 anni..grazie stato) E alla fine del mese? 10 punti in meo che equivalgono in poche parole a:Aspettare 2 anni sperando in dio...se scendia 0 devi ridare l'esame e sli son soldi e non pochi....Fare il corso ovvero 6 ore a perdere tempo e esentire paternali senza poi esami ne valutazioni, allor adiciamolo chiaro vai li gli dai 150/180 euro ti prendi SEI punti e torni a casa.... perchp solo 6 punti? Semplice cosi cmq vada tu resti a 16 ovvero basta una cavolata tipo senza cintura e stai a 9 e allora? stesso quesito di prima....e rifai il corso e altri 150 euroche bello e'?? Un sistema per ciucciarci soldi stupendo e che mi ha insegnato? Ch elo stao è capace solo a rubarci soldi e basta peggio della mafia!Ahh dimenticavo per chi pensasse che mi hanno varbalizzato perchè ho schiacciato 23 bambini sulle striscie.....ART 148 comma 10 e 16, ovvero ho sorpassato una corrierina di quelle piccole che andava ai 35km e faceva un fumo che mi stava intossicando il tutto su un rettilieno lungo 1Km che però fa ansa e loro han deciso che è una curva (non indicata su nessun cartello) la striscia tratteggiata che mi autorazzava al sorpasso inizia esattamento 30 metri dopo dove ho iniziato io, era notte ma la visibilità era ottima e io ho anche messo la freccia e con il bolide 1200 a GPL che fa i 79Km/h lanciandolo giu da un precipizio ho fatto il sorpasso....lampeggiante dietro fermato 3 ore di menate e addio patente, hos coperto dopo che i bas... si appostano in una strada in salita nascosti fra gli alberi prima del rettilineo :| ma devono insegnarci qualcosa o far dei soldi allo stato e al copro??mi viene un dubbio ecco cosa mi ha insegnato tutto ciò.
  • Bruco scrive:
    Re: Allucinante
    - Scritto da: Anonimo
    Questo e' niente!
    Pensate che risate si faranno i nostri
    nipoti quando leggeranno che in Italia agli
    inizi del secondo millennio era vietato il
    file sharing...Terzo Millennio(scusate la contravvenzione alla netiquette...)
  • Anonimo scrive:
    Re: Allucinante

    non sono d'accordo...
    Un rispetto ferreo della legge si ottiene
    solo che pene esemplari.
    Un requisito fondamentale è
    però che la legge sia equa e
    condivisibile...fammi un solo esempio di una pena esemplare che ha fatto rispettare di più una legge.
  • Anonimo scrive:
    Re: Allucinante
    - Scritto da: LordCasco
    cose da pazzi..... dov'è che hai
    trovato queste notizie?http://www.legal-forms-kit.com/legal-jokes/dumb-laws.html
  • Anonimo scrive:
    Re: Allucinante
    - Scritto da: TPK
    [snip]
    a Los Angeles è vietato leccare i rospiquesta nella patria del lsd la posso anchecapire :DCia'Ni
  • Anonimo scrive:
    Re: Allucinante
    - Scritto da: TPK
    Nello Stato di New York è vietato
    circolare con un cono gelato in tasca, in
    Florida è illegale avere rapporti
    sessuali con i porcospini, in Alaska vietano
    di gettare un alce vivo da un aereo, a Los
    Angeles è vietato leccare i rospi, in
    Ohio è vietato dare da bere ai pesci,
    nella Carolina del Sud è vietato
    tenere cavalli dentro la vasca da bagno, a
    San Francisco si può girare con un
    elefante al guinzaglio, ma è vietato
    utilizzare mutande usate per spolverare la
    macchinaQuesto e' niente!Pensate che risate si faranno i nostri nipoti quando leggeranno che in Italia agli inizi del secondo millennio era vietato il file sharing...
  • Stephan scrive:
    Re: colpire chiunque condivida più di mi
    - Scritto da: Anonimo
    Che sono circa 100 album...mediamente
    7Gb...praticamente tutti!:@Allora basta fare 100album -
    100archivi :)Et voila'! Mp3? Nemmeno uno in condivisione! Evviva la 640! :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Allucinante
    cose da pazzi..... dov'è che hai trovato queste notizie?- Scritto da: TPK
    Nello Stato di New York è vietato
    circolare con un cono gelato in tasca, in
    Florida è illegale avere rapporti
    sessuali con i porcospini, in Alaska vietano
    di gettare un alce vivo da un aereo, a Los
    Angeles è vietato leccare i rospi, in
    Ohio è vietato dare da bere ai pesci,
    nella Carolina del Sud è vietato
    tenere cavalli dentro la vasca da bagno, a
    San Francisco si può girare con un
    elefante al guinzaglio, ma è vietato
    utilizzare mutande usate per spolverare la
    macchina
  • Anonimo scrive:
    Re: Allucinante
    Il problema è che un rispetto ferreo della legge è follia nel 90% dei casi.Non perchè la legge non vada rispettata, ma perchè va fatta rispettare con molta elasticità mentale e tenendo conto caso per caso.Punti di vista.
  • nop scrive:
    Re: Allucinante
    - Scritto da: Anonimo
    Come fai a dare delle pene esemplari
    (perché è di questo che si
    tratta) per educare? Cose da medioevo.non sono d'accordo...Un rispetto ferreo della legge si ottiene solo che pene esemplari.Un requisito fondamentale è però che la legge sia equa e condivisibile...
  • TPK scrive:
    Re: Allucinante
    Nello Stato di New York è vietato circolare con un cono gelato in tasca, in Florida è illegale avere rapporti sessuali con i porcospini, in Alaska vietano di gettare un alce vivo da un aereo, a Los Angeles è vietato leccare i rospi, in Ohio è vietato dare da bere ai pesci, nella Carolina del Sud è vietato tenere cavalli dentro la vasca da bagno, a San Francisco si può girare con un elefante al guinzaglio, ma è vietato utilizzare mutande usate per spolverare la macchina
  • Anonimo scrive:
    999
    Basta avere in share anziche' 1998 files su un PC, due utenze con 999 files in share...Mah
  • Anonimo scrive:
    Re: Allucinante
    com'è la storia del cono gelato?
  • Anonimo scrive:
    Re: Allucinante
    QUOTO
  • Anonimo scrive:
    Allucinante
    Come fai a dare delle pene esemplari (perché è di questo che si tratta) per educare? Cose da medioevo. Prossimo passo: la gogna (ma urbani in questo senso è più avanti degli americani), poi si finirà con "occhio per occhio, dente per dente". Come si può pensare sia civile un paese dove è reato girare con un cono gelato in tasca?
  • Anonimo scrive:
    Re: colpire chiunque condivida più di mille
    Che sono circa 100 album...mediamente 7Gb...praticamente tutti!:@
  • Anonimo scrive:
    Re: e dopo cosa ?
    E allora cosa dovrebbero dire loro?http://facciadipitale.interfree.it/facciadipitale36.htm
  • Anonimo scrive:
    colpire chiunque condivida più di mille
    Basta metterne
  • Anonimo scrive:
    e dopo cosa ?
    ma certo 3 anni in galerapoi ovviamente la sedia elettricae per finire l'esecuzione dell'intera famiglia per direttissimacon sputtanamento in tvnon ho parole ragazzi - solo parolacce
Chiudi i commenti