Internet faccia sapere cosa è la Democrazia. Grazie

Per celebrare la Giornata Internazionale della Democrazia, negli States con un concorso si chiedono video a go-go agli utenti Internet. Chi vince stringerà la mano a nientepopodimeno che Steven Spielberg

Roma – Che cos’è la Democrazia? La domanda è apparentemente banale, ma la risposta non dovrebbe esserlo . Lunedì 15 settembre è stato l’ International Day of Democracy , celebrazione voluta dalle Nazioni Unite in omaggio alla “elasticità e universalità dei principi democratici” costantemente oltraggiati, minacciati, smantellati e pur tuttavia in grado di farsi strada “nelle società di tutto il mondo”.

Oltre alle manifestazioni, ai panel e agli eventi propri della celebrazione, quest’anno ci sarà anche occasione di rispondere alla domanda “che cos’è la Democrazia” con un video, distribuito su YouTube, come emblema della democraticità pervasiva della rete

DemocracyChallenge è uno sforzo eminentemente “educational” frutto della partnership tra il Dipartimento di Stato USA, il suddetto YouTube, NBC Universal, il sindacato dei registi statunitensi e gli studios della MPAA. La Directors Guild e le major si sono impegnate a visionare il filmato vincitore del contest e a incontrare gli autori, che avranno altresì diritto a un viaggio di una settimana speso tra New York, Washington e Hollywood in cui incontreranno ufficiali governativi e gruppi promotori dei principi democratici.

Gli organizzatori del contest pongono naturalmente l’accento sulla possibilità di partecipazione democratica insita nei moderni mezzi di comunicazione telematica . “Siamo qui per far sì che tutti parlino – ha dichiarato il coordinatore del progetto per il Dipartimento di Stato Jonathan Margoli – È un approccio di tipo telematico. Le risposte possono venire da ogni tipo di fonte”.

L’apporto del privato si è rivelato importante, continua Margoli, per introdurre “qualche incentivo” in grado di spingere i più talentuosi a mettere la propria telecamera al servizio della discussione sulla democrazia. Ecco dunque l’intervento dei registi di Hollywood e la prospettiva di incontrare Steven Spielberg o i fratelli Cohen (nella foto) per il vincitore, ecco dunque l’entrata in gioco dei grandi marchi del cinema, a solleticare la prospettiva di un contratto o, comunque, la possibilità di lavorare in seno alla Mecca americana della Settima Arte.

La deadline per la presentazione dei lavori è stata fissata al prossimo 31 gennaio 2009. La partecipazione è aperta a tutti, ma non tutti i video inviati verranno sottoposti al vaglio del grande pubblico per la scelta del vincitore: una giuria di esperti di cinema e studiosi dei principi democratici (tra cui i rappresentanti della New York University, la University of Southern California, il National Democratic Institute e il Center for International Private Enterprise) farà in modo di ridurre il numero di sottomissioni scremando, si spera, solo quelle meno meritevoli.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Er Puntaro scrive:
    Ma per favore EA!
    A detta dei dirigenti dell'azienda l'offerta iniziale a Take Two, due miliardi di dollari, era più che adeguata considerando quella che secondo EA è la tendenza del mercato: un rafforzamento della stessa EA e una progressiva diminuzione del momentum di Take Two legato all'uscita prima e al successo poi dell'ultimo episodio della serie Grand Theft Auto. Take Two ha uno splendente futuro davanti a sè! Il prossimo gioco sarà "Gran Pappone" e voglio vedere se non sarà un successo!O no?(newbie) Beh, quello volendo fa già parte di Grand Theft Auto. : Beh, potrebbero fare un gioco coi bulletti che picchiano un ragazzino a squola! :C'è già?(newbie)Un gioco sulla mafia! No, per carità ce ne sono a vagonate.Beh, allora forse farebbero meglio a farsi assimilare da EA. Ormai hanno esaurito tutte le idee.Dai, si accettano scommesse: quanto ci metterà T2 a sparire dal mercato?
  • thomas carnacki scrive:
    Meno male
    Sono contento che non sia preso dalla EA.EA avrebbe ucciso la creativita...
    • Anonimo Veneziano scrive:
      Re: Meno male
      - Scritto da: thomas carnacki
      Sono contento che non sia preso dalla EA.

      EA avrebbe ucciso la creativita...Come su Youtube: "EA, Fuck Up Everything"http://www.youtube.com/watch?v=svGK4rz_eOgBello è l'inizio. Il resto fà schifo :P
  • Joliet Jake scrive:
    Speriamo resista
    Se anche loro verranno inglobati e si appiattiranno sul "politically correct" della EA, sarà una grossa perdita per il pluralismo nei videogiochi... :s
Chiudi i commenti