Internet, il grande sorpasso

Da poche ore gli Stati Uniti non sono più considerati il paese dove maggiore è il numero di utenti Internet. Una svolta che è anche una speranza
Da poche ore gli Stati Uniti non sono più considerati il paese dove maggiore è il numero di utenti Internet. Una svolta che è anche una speranza

Suscita interesse se non addirittura sensazione un dato rilasciato nel weekend da una società di ricerca di Pechino: il numero complessivo di utenti Internet cinesi ha superato quello degli utenti statunitensi .

Cina supera Stati Uniti, il sorpasso Secondo BDA China , i cui numeri vengono divulgati dalle agenzie internazionali, gli utenti che si collegano ad Internet in Cina hanno superato quota 220 milioni , contro i 217 degli Stati Uniti.

Un sorpasso, però, destinato a rappresentare solo il primo più evidente passo dell’accelerazione cinese sulla rete: rispetto ad un anno fa quel numero è salito del 30 per cento e molti sono i segnali che fanno ritenere per l’anno in corso, il 2008, una crescita altrettanto sostenuta.

Come tutti i numeri anche questi dati possono essere discussi, rimane però senza ombra di dubbio il concetto di fondo: la rete sta penetrando a tutti i livelli della società cinese . E se è vero che la maggior parte degli utenti in Cina si collega da postazioni pubbliche come quelle degli internet café, e che è soggetta a registrazioni del tutto simili a quelle che avvengono in Italia, è anche vero che sono sempre di più i cinesi che possono permettersi una Internet domestica. Il che significa che nei prossimi anni il distacco è destinato a consolidarsi e proiettare la Cina in vetta a molte classifiche di diffusione della rete.

Com’è ovvio, proprio nelle ore del sorpasso gli esperti si interrogano sull’apparente contraddizione: aumenta esponenzialmente il numero di utenti sul medium più libero per definizione proprio nel paese simbolo della censura su Internet. Quello che però sembra chiaro a tutti, e con ogni probabilità anche ai gerarchi di Pechino, è che con l’aumentare delle “teste” in rete è destinata ad accrescersi anche la difficoltà di un controllo di stato sulle informazioni e le opinioni che circolano online. Anche per questo, e non solo per questo, la notizia viene accolta con calore nell’occidente democratico, che pure molto ha imparato dalla Cina in questi anni in termini di controllo della rete .

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 03 2008
Link copiato negli appunti