Internet, il nuovo spettro sono le droghe

Non solo pedoporno. Secondo uno studio ONU la rete è ormai ampiamente utilizzata da grandi e piccoli trafficanti di droga. Posta elettronica, chat room nascoste o protette, internet café sono strumenti abusati dai criminali


Vienna – C’è allarme per l’uso della rete da parte di grandi e piccoli trafficanti di droga. Un allarme lanciato dalla “International Narcotics Control Board” (INCB), l’organismo delle Nazioni Unite dedicato proprio allo studio del fenomeno a livello internazionale.

Stando al Rapporto annuale 2001 dell’INCB, la rete viene ampiamente sfruttata dalle organizzazioni criminali ad ogni livello. “INCB – hanno dichiarato i funzionari dell’osservatorio – è particolarmente preoccupata che paesi senza una legislazione adeguata relativa ai crimini tecnologici possano diventare nuovi santuari” per i trafficanti.

Uno dei problemi centrali emersi nel Rapporto è quello di sempre: le carenze del diritto internazionale nel caso di azioni investigative che devono toccare paesi diversi, e dunque operare nell’ambito di diverse legislazioni o in paesi con i quali le polizie che investigano non hanno rapporti diretti e nei quali non è possibile contare su una fattiva collaborazione antidroga.

Gli strumenti utilizzati dalle organizzazioni criminali sono la posta elettronica, naturalmente, ma anche web e chat room private, basate su server casuali in rete che gli esperti dell’INCB descrivono come “protette da firewall inaggirabili” da parte delle forze di polizia.

Un problema a parte sono anche i molti siti “improvvisati farmacie” che vendono in rete medicinali a mezzo mondo anche quando questi richiederebbero la prescrizione medica. Una questione che da tempo è sul tappeto e al centro di iniziative di repressione negli Stati Uniti e che ha avuto due momenti di grande rilievo: nei primi tempi della diffusione del Viagra e, dopo l’11 settembre, nella diffusione di Cipro, antibiotico spacciato come “preventivo” per eventuali attacchi bioterroristici.

Il rapporto affronta anche la situazione nei singoli paesi, ognuno con le sue particolarità. Per esempio nella Repubblica Ceca si parla di contatti tra trafficanti e spacciatori che avvengono online negli internet café o attraverso telefoni cellulari. E il web verrebbe utilizzato da società olandesi per vendere semi di canapa e derivati in tutto il mondo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Morpheus GONE...
    e diventato un client per gnutella...kazza dicono sia ancora in piedi...mah...
    • Anonimo scrive:
      Re: Morpheus GONE...

      e diventato un client per gnutella...
      kazza dicono sia ancora in piedi...mah...confermo morpheus = gnucleus quindi gnutella... mahil client del kazaa è uscito il 1.5 ed è sempre fasttrack
      • Anonimo scrive:
        Re: Morpheus GONE...

        il client del kazaa è uscito il 1.5 ed è
        sempre fasttrackdate un'occhiata...http://www.kazaa.com/en/terms.htmho scaricato il client ma chissa se lo usero...tanto ultimamente avevo smesso di usare anche morpheus...mah...ah cercate kmd15_en.exe in giro invece di scaricare da cnet (3 mega)...fate prima cosi...ah cydoor included...
        • Anonimo scrive:
          Re: Morpheus GONE...
          last info:shared: 25000 giga (prima erano cira 400000-500000)...praticamente niente...buona morte kazaa...
  • Anonimo scrive:
    LA GRANDE IPOCRISIA
    perche' continuare a perdere tempo a raccontarsi che Morpheus non e' napster, che il diritto a scambiarsi ricette di cucina e' sacro e inviolabile quando TUTTI sappiamo benissimo che questi sistemi servono SOLO ESCLUSIVAMENTE a scambiarsi contenuti violando le leggi sul copyright, quindi rubando??
    • Anonimo scrive:
      Re: LA GRANDE IPOCRISIA
      - Scritto da: Ale
      quando TUTTI sappiamo
      benissimo che questi sistemi servono SOLO
      ESCLUSIVAMENTE a scambiarsi contenuti
      violando le leggi sul copyright, quindi
      rubando??Io ho utilizzato Grokster decine di volte per scaricare file non protetti da diritti.Quindi il tuo SOLO ed ESCLUSIVAMENTE va a farsi benedire.Punto.Termopilucco.
    • Anonimo scrive:
      Re: LA GRANDE IPOCRISIA
      Io credo invece sacrocanta la possibilità di scambiare files all'interno del network, e mi auspico che torni al più presto in funzione il network morpheus, giacché per il fatto che si tratta di mero scambio di file (mp3 o altro), questo non lede affatto diritti di copyright e simili
  • Anonimo scrive:
    Ciao a tutti, io sono un autore!
    Salve, volevo salutarvi e farvi anche ascoltare la mia ultima fatica artistica!Allora siete pronti? Ascoltate:pa-paparapa-laaaa-la-la-lalallalaa-pepreperpeeepipoodu due de dumda raradadada...Bella, eh?Che aspettate ragazzi, passatevela attraverso Morpheus! Avanti non fatevi pregare!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ciao a tutti, io sono un autore!
      - Scritto da: Autore
      Allora siete pronti? Ascoltate:

      pa-paparapa-laaaa-la-la-lalallalaa-pepreperpe

      Bella, eh?No, il secondo papa è in sol bemolle, quindi è stonato, dovresti sostituirlo con un paratà, mentre il pepre è in minore e stona con tutto il resto.
  • Anonimo scrive:
    Mo funge e pure bene!
    E' vero. Per un paio di giorni non ha funzionato bene.. Questa sera xò va una bomba: se fino a ieri trovavo connessi mediamente 450.000 utenti, oggi ho sgranato gli occhi di fronte a 1.125.000. Ed infatti ho trovato parecchie cosine che cercavo da tempo...speriamo bene
    • Anonimo scrive:
      nommerisulta...
      - Scritto da: Antanius
      E' vero. Per un paio di giorni non ha
      funzionato bene.. Questa sera xò va una
      bomba: se fino a ieri trovavo connessi
      mediamente 450.000 utenti, oggi ho sgranato
      gli occhi di fronte a 1.125.000. Ed infatti
      ho trovato parecchie cosine che cercavo da
      tempo...

      speriamo benetrovo molto strano ciò che dici...ancora non funziona, e l'uscita dell'aggiornamento è prevista per venerdì..
  • Anonimo scrive:
    semplicemente NON INFORMATI
    So benissimo che il mio post vi scivolerà via come tutti voogliono perchè di gente ben sveglia (purtroppo)ce n'è molto poca.Riflettete su una cosa: basta un singolo errore di sviluppo e crolla tutta la rete di morpheus? ma allora non è P2P vero eproprio... è esattamente come Napster. I signori di Morpheus si sono lasciati la porta aperta per poter chiudere tutta la baracca nel momento dei primi casini. Comunque vada, anche se domani Morpheus dovesse ricominciare a funzionare, ora sappiamo che PUO' essere fermato.E allora? Rivolguiamoci ai veri e propri P2P. Ne conosco uno fenomenlae, il migliore sulla rete, che permette anche di crearci dei veri server sui nostri PC... più sicuri di così...e se non avete capito di che programma si tratta siete degli "eAsini"! :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: semplicemente NON INFORMATI
      - Scritto da: simone
      Riflettete su una cosa: basta un singolo
      errore di sviluppo e crolla tutta la rete di
      morpheus? ma allora non è P2P vero
      eproprio... è esattamente come Napster. I
      signori di Morpheus si sono lasciati la
      porta aperta per poter chiudere tutta la
      baracca nel momento dei primi casini.
      Comunque vada, anche se domani Morpheus
      dovesse ricominciare a funzionare, ora
      sappiamo che PUO' essere fermato.La differenza tra Morpheus e Napster è che il server di Morpheus serve soltanto per farti sapere "chi" sta cpndividendo qualcosa. Nessun file transita da quel server. E' chiaro che gli avvocatoni delle major, se vogliono, potranno trovare tutti i cavilli che vogliono, ma anche per qualunque altro programma: quando sei pagato per farlo, i cavilli compaiono come per magia :)
      E allora? Rivolguiamoci ai veri e propri
      P2P. Ne conosco uno fenomenlae, il migliore
      sulla rete, che permette anche di crearci
      dei veri server sui nostri PC... più sicuri
      di così...

      e se non avete capito di che programma si
      tratta siete degli "eAsini"! :-)Ho provato eDonkey: effettivamente ha un sacco di roba, ma non si riesce a scaricare molto...almeno le cose che ho provato io (ISO). Cmq anche eDonkey ha server come Morpheus, e come altri client opennap: ci deve essere per forza un server (o un HUB come in DirectConnect) che ti dice quali altri utenti stanno condividendo qualcosa....Quello su cui punta Morpheus è che la loro tecnologia in sè non è illegale: permette di condividere files (loro parlano di "ricette di cucina"). Se poi un utente condivide cose illegali, non è un problema di Morpheus. Chiudere Morpheus sarebbe come rendere illegale la vendita di cd vergini perchè con essi si possono duplicare i programmi....Ciao !
    • Anonimo scrive:
      Re: semplicemente NON INFORMATI
      - Scritto da: simone
      So benissimo che il mio post vi scivolerà
      via come tutti voogliono perchè di gente ben
      sveglia (purtroppo)ce n'è molto poca.

      Riflettete su una cosa: basta un singolo
      errore di sviluppo e crolla tutta la rete di
      morpheus? ma allora non è P2P vero
      eproprio...Infatti, il server centrale è indispensabile sia per autenticare gli utenti che per dare la chiave di crittografia dei dati scambiati. Senza server centrale non funziona un tubo. Questo dalla versione 1.3.3 in poi, nelle versioni precedenti era possibile teoricamente farne a meno - ed infatti c'era il progetto di clonare il protocollo e metterlo opensource, come si fece con opennapster.
      Comunque vada, anche se domani Morpheus
      dovesse ricominciare a funzionare, ora
      sappiamo che PUO' essere fermato.Infatti.
      E allora? Rivolguiamoci ai veri e propri
      P2P. Ne conosco uno fenomenlae, il migliore
      sulla rete, che permette anche di crearci
      dei veri server sui nostri PC... più sicuri
      di così...Già, Gnutella è poi anche opensource...
  • Anonimo scrive:
    Paragone Morpheus - Web Server
    Che cos'è Morpheus?Un web server che opera su una porta particolare.Più un Client che permette la ricerca sulla parte server degli altri possessori.Analizziamo separatemente i due componenti:- il primo è perfettamente equivalente ad un qualsiasi web server (con funzionalità ridotte); è anche possibile collegarsi e scaricare file direttamente tramite browser.- il secondo è equivalente ad un browser (sempre con funzionalità ridotte) in cui l'unica pagina disponibile sia quella della ricerca di file.In pratica qualunque accoppiata web server/browser (IIS/Internet Explorer o Apache/Netscaqpe navigator o altri a piacere) ha le stesse funzionalità di Morpheus più centinaia di ulteriori funzionalità.Conclusione:Indipendentemente dall'essere pro o contro il download di file protetti, non rimane che osservare che se Morphues dovesse cessare, anche Microsoft, Netscape e tutti i produttori di server Web o Ftp dovranno impedire ai loro acquirenti di scaricare/far scaricare file POTENZIALMENTE protetti da diritti d'autore.Saluti,Termopilucco
  • Anonimo scrive:
    la eff
    beh la teoria della eff è molto interessante e credo che anche giuridicamente potreste stare in piedi. il problema è che se non potranno fermare i programmi di file-sharing come morpheus finiranno per arrivare ai singoli utenti, cioè faranno diventare legittimo un monitoraggio continuo sui nostri dischi fissi ecc ecc per contrallare se abbiamo mp3 piratati. il futuro è il grande fratello (ma senza le tette di mascia).
  • Anonimo scrive:
    Sulla rete trovo pezzi Introvabili
    Nei negozi, a prescindere dai prezzi.Non ho ancora visto una casa discografica(major)povera e cantanti poveri.20 euro per un cd è un furto (vi piace il capitalimso ??).Il prezzo giusto per un cd sarebbe 4-5 euro.A quel prezzo li comprerei.Comunque non smetterei di cercare in rete pezzi singoli introvabili, per farmi le mie compilation.
  • Anonimo scrive:
    Non piu' di 5 Euro.
    Un cd audio non deve costare piu' di un biglietto del cinema, piu' di una bevuta fra amici, piu' di una rivista, ecc... perchè un'ora (se ci arriva) di ascolto di musica (che spesso non è di qualita' costante per tutta la durata del cd!) non è (imho) altrettanto appagante, e allora il prezzo deve essere in proporzione, non 4 volte superiore!Visti i punti sopra citati, direi 10 sacchi al massimo; diversamente, si giustifica la pirateria.Che i musicisti se la prendano coi discografici, coi distributori, con lo Stato, ecc...; non mi interessa di chi è la colpa nel creare pirati, ma non sono certo io che mi sento la benda sull'occhio.Riflettete, gente...CiaoOnesto si, scemo no.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non piu' di 5 Euro.
      - Scritto da: Onesto si, scemo no.
      Un cd audio non deve costare piu' di un
      biglietto del cinema, piu' di una bevuta fra
      amici, piu' di una rivista, ecc... perchè
      un'ora (se ci arriva) di ascolto di musica
      (che spesso non è di qualita' costante per
      tutta la durata del cd!) non è (imho)
      altrettanto appagante, e allora il prezzo
      deve essere in proporzione, non 4 volte
      superiore!Sicuro che il paragone tenga ? La birra, il cinema sono "una tantum", il CD lo ascolti quante volte vuoi.Poi, siamo realistici. Non prendiamo il costo a CD "nudo" per le case discografiche.Ci devi aggiunere diverse voci, es:Packaging;Logistica;Distribuzione;Pubblicità;Ricarichi dei vari canali;Diritti;ecc....Diciamo che 10/15 ? è più realistico...
      Visti i punti sopra citati, direi 10 sacchi
      al massimo; diversamente, si giustifica la
      pirateria.Non credo che si possa mai giustificare un furto (perché di questo si tratta) a priori.....
      Che i musicisti se la prendano coi
      discografici, coi distributori, con lo
      Stato, ecc...; non mi interessa di chi è la
      colpa nel creare pirati, ma non sono certo
      io che mi sento la benda sull'occhio.
      Riflettete, gente...
      Ciao
      Onesto si, scemo no.Per questo si potrebbe davvero sviluppare nuovi prodotti, nuovi canali di distribuzioni....Tu quanto lo pagheresti un singolo mp3 ? 50/80 cent va bene ? Che dici ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Non piu' di 5 Euro.
        - Scritto da: The Maty
        Sicuro che il paragone tenga ? La birra, il
        cinema sono "una tantum", il CD lo ascolti
        quante volte vuoi.Beh, ok... ma se aumenti il prezzo in quanto non una tantum, allora voglio pagare solo il brano che mi piace e che ascolto più di una volta sola.Gli altri di riempimento li cancellerei, se fosse riscrivibile!
        Poi, siamo realistici. Non prendiamo il
        costo a CD "nudo" per le case discografiche.
        Ci devi aggiunere diverse voci, es:

        Packaging;
        Logistica;
        Distribuzione;
        Pubblicità;
        Ricarichi dei vari canali;
        Diritti;
        ecc....
        Diciamo che 10/15 ? è più realistico...Se li aggiungi si, ma perchè devo pagare tre camionisti solo perchè ho la sfiga che la fabbrica è in USA e non vicino casa mia?Perchè se loro non sono capaci di organizzarsi meglio e usano 12000 persone stipendiate nella loro azienda, io devo parargli lo stipendio a tutti?Io voglio pagare solo ciò che compro; se a loro il cd inteso come supporto costa troppo, cambino il formato! (non l'ho deciso io, lo standard, ma Sony, Philips e altri... lo facciano pagare a loro il fatto di essere in Giappone e non in Europa!)
        Non credo che si possa mai giustificare un
        furto (perché di questo si tratta) a
        priori.....Si, chiaro, ma infatti io dicevo che, seppur pirata, la benda se la dovrebbero sentire loro sull'occhio, perchè 40 sacchi sono troppi.
        Per questo si potrebbe davvero sviluppare
        nuovi prodotti, nuovi canali di
        distribuzioni....Sono cavoli loro, eh, però?Sono loro che vogliono vendere con questo sistema; io trovo quel che voglio con un altro, pagandomi la mia bella bolletta telefonica.Comunque pago.Prendano i soldi dai Provider, a Mb scaricati.
        Tu quanto lo pagheresti un singolo mp3 ?
        50/80 cent va bene ? Che dici ?Quello che viene con la somma indicata nel Subject: dividendo per 10 brani a cd, circa, fa... si, 50 Cent.(però voglio un preascolto a bassa qualità del brano prima di comprarlo, eh?!Basta con la scatola chiusa.Ciao!
        • Anonimo scrive:
          Re: Non piu' di 5 Euro.
          - Scritto da: Onesto si, scemo no.
          - Scritto da: The Maty

          Sicuro che il paragone tenga ? La birra,
          il

          cinema sono "una tantum", il CD lo ascolti

          quante volte vuoi.

          Beh, ok... ma se aumenti il prezzo in quanto
          non una tantum, allora voglio pagare solo il
          brano che mi piace e che ascolto più di una
          volta sola.
          Gli altri di riempimento li cancellerei, se
          fosse riscrivibile!Infatti si sta proponendo un sistema di scaricamento di canzoni singole.
          Se li aggiungi si, ma perchè devo pagare tre
          camionisti solo perchè ho la sfiga che la
          fabbrica è in USA e non vicino casa mia?
          Perchè se loro non sono capaci di
          organizzarsi meglio e usano 12000 persone
          stipendiate nella loro azienda, io devo
          parargli lo stipendio a tutti?
          Io voglio pagare solo ciò che compro; se a
          loro il cd inteso come supporto costa
          troppo, cambino il formato! (non l'ho deciso
          io, lo standard, ma Sony, Philips e altri...
          lo facciano pagare a loro il fatto di essere
          in Giappone e non in Europa!)Ma che discorso è ? Tutti i prodotti hanno un costo determinato dalle varie voci: trasporto, fabbricazione, costi di amministrazione e di gestione, etc... Non puoi dire "Non me ne frega niente che loro mi debbano spedire il cd dall'america e quindi non devo pagare io il fatto che debbano spedirmelo". Che discorso è ??? Senza contare che in ogni prezzo c'è anche il ricarico del negoziante e l'IVA.
          Si, chiaro, ma infatti io dicevo che, seppur
          pirata, la benda se la dovrebbero sentire
          loro sull'occhio, perchè 40 sacchi sono
          troppi.Su questo sono d'accordo.
          Sono cavoli loro, eh, però?
          Sono loro che vogliono vendere con questo
          sistema; io trovo quel che voglio con un
          altro, pagandomi la mia bella bolletta
          telefonica.
          Comunque pago.
          Prendano i soldi dai Provider, a Mb
          scaricati.Anche questo è un discorso che non sta in piedi. Tu i soldi per il telefono li paghi per il collegamento e finisce lì. Quei soldi che hai dato alla Telecom (o ad un altro operatore) li hai già spesi per il collegamento fisico ad Internet) non puoi dire "spendo già i soldi della bolletta quindi non devo pagare la musica che scarico". E' un discorso che non sta in piedi. Io sono contro le major e contro i loro furti legalizzati, ma non per questo sono a favore di altri furti.
          Quello che viene con la somma indicata nel
          Subject: dividendo per 10 brani a cd, circa,
          fa... si, 50 Cent.Sì, ma varrebbe solo per il caso di scaricamento di mp3, che non ha costi di logistica, fabbricazione fisica, trasporto, etc....
          (però voglio un preascolto a bassa qualità
          del brano prima di comprarlo, eh?!
          Basta con la scatola chiusa.Certo.
          Ciao!Ciao !
          • Anonimo scrive:
            Re: Non piu' di 5 Euro.
            - Scritto da: Hakkar

            Ma che discorso è ? Tutti i prodotti hanno
            un costo determinato dalle varie voci:
            trasporto, fabbricazione, costi di
            amministrazione e di gestione, etc... Non
            puoi dire "Non me ne frega niente che loro
            mi debbano spedire il cd dall'america e
            quindi non devo pagare io il fatto che
            debbano spedirmelo". Che discorso è ???
            Senza contare che in ogni prezzo c'è anche
            il ricarico del negoziante e l'IVA.Semplice: io voglio pagare quello che compro.Io compro musica, e non mi interessa il supporto su cui me la vogliono vendere.Pago l'artista che la crea, perchè la si deve a lui, ma non intendo dare nulla a semplici intermediari che al prodotto non aggiungono nulla, tanto meno valore pagabile.La spedizione aerea non fa parte della musica.Un quadro ha valore senza la cornice, la cornice ha un valore ridicolo rispetto all'arte impressa nella tela.Pago il pittore, poi la cornice posso anche mettercela io, o lasciarlo senza, il quadro vale comunque.Chiaro il concetto?E' solo gente che ti alza il prezzo, e si può dire perchè non aggiungono nulla, alterano solo la cosa.Se un autore volesse inviarti le sue opere per posta convenzionale, i cd audio costerebbero 10 sacchi di meno del prezzo del negozio... ecc.. ecc..Un gruppo inglese (i Marillion) mi ha inviato per posta, regalandomelo, un cd audio contenente tracce in versione inedita dei loro pezzi... credi che sia stato gratis? No; eppure l'hanno fatto... e allora se loro possono permettersi di fare una cosa simile senza fallire o morire, vuol dire che è applicabile a tutti i gruppi, basta volerlo.Io gli ho comprato il cd originale anche per gratitudine, oltre che perchè mi piacciono, per favorirli nella loro scelta di smetterla con le case discografiche esose.Se volete saperne di più, andate sul loro sito.

            Sono cavoli loro, eh, però?

            Sono loro che vogliono vendere con questo

            sistema; io trovo quel che voglio con un

            altro, pagandomi la mia bella bolletta

            telefonica.

            Comunque pago.

            Prendano i soldi dai Provider, a Mb

            scaricati.

            Anche questo è un discorso che non sta in
            piedi. Tu i soldi per il telefono li paghi
            per il collegamento e finisce lì. Quei soldi
            che hai dato alla Telecom (o ad un altro
            operatore) li hai già spesi per il
            collegamento fisico ad Internet) non puoi
            dire "spendo già i soldi della bolletta
            quindi non devo pagare la musica che
            scarico". E' un discorso che non sta in
            piedi.
            Io sono contro le major e contro i loro
            furti legalizzati, ma non per questo sono a
            favore di altri furti.Con quello che paghi alla Telecom ci pagheresti un sacco di cose di valore, mentre il sistema ti fa ottenere aria fritta.Sta al Sistema restituire valore alle cose.La pirateria, da questo punto di vista, può aiutare a riportare le cose nella giusta prospettiva, perchè il discografico, quando vede che non vende, che fa? alza il prezzo, vendendo ancora meno e spingendo altre persone a diventare pirati. Quando gli si abbasseranno troppo le vendite, chiuderà e si darà all'agricoltura, mentre l'autore troverà altri sistemi meno costosi di diffondere la propria arte, che allora ritroverà il giusto prezzo.Il prodotto non è il mezzo, mentre il mezzo è il vettore del prodotto, e bisogna pagare il prodotto, e molto molto meno il mezzo.Per questo dico: cavoli loro.Non ho deciso io come fare a farmi arrivare ciò che voglio, nè in che forma.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Non piu' di 5 Euro.
            - Scritto da: Onesto si, scemo no.
            Semplice: io voglio pagare quello che compro.
            Io compro musica, e non mi interessa il
            supporto su cui me la vogliono vendere.
            Pago l'artista che la crea, perchè la si
            deve a lui, ma non intendo dare nulla a
            semplici intermediari che al prodotto non
            aggiungono nulla, tanto meno valore
            pagabile.
            La spedizione aerea non fa parte della
            musica.Io sono d'accordo con te che la cosa più importante è la musica, ma se non ci fossero gli intermediari, non potresti neanche conoscere certi artisti ! E la spedizione, no, non fa parte della musica, però o inventi il teletrasporto, o per farti arrivare un cd, credo che la spedizione la dovrai pagare...
            Un quadro ha valore senza la cornice, la
            cornice ha un valore ridicolo rispetto
            all'arte impressa nella tela.
            Pago il pittore, poi la cornice posso anche
            mettercela io, o lasciarlo senza, il quadro
            vale comunque.
            Chiaro il concetto?E' un discorso diverso. Se un pittore dovesse mettere su un impresa di vendita di quadri in massa, tu nel prezzo del quadro dovresti pagare spedizioni, confezionamento (o vuoi che il quadro ti arrivi a casa tutto stracciato ??), costi pubblicitari (inevitabili) e una miriade di altri costi (tra cui le tasse). Le case sicuramente tirano alto il prezzo, e sicuramente i cd possono essere venduti a molto meno di quello che sono venduti ora, ma non puoi pretendere di averli a 4 o 5 ?. Probabilmente 10 ? sarebbe una cifra equa, se però nel frattempo si potessero scaricare da Internet (quindi eliminando tutti i costi di logistica e packaging) per meno della metà.
            E' solo gente che ti alza il prezzo, e si
            può dire perchè non aggiungono nulla,
            alterano solo la cosa.Aggiungono che senza di loro quel cantante che a te piace non lo avresti mai conosciuto (parlo del 99% della gente). E' chiaro che ci sono eccezioni, ma la regola è questa.
            Un gruppo inglese (i Marillion) mi ha
            inviato per posta, regalandomelo, un cd
            audio contenente tracce in versione inedita
            dei loro pezzi... credi che sia stato
            gratis? No; eppure l'hanno fatto... e allora
            se loro possono permettersi di fare una cosa
            simile senza fallire o morire, vuol dire che
            è applicabile a tutti i gruppi, basta
            volerlo.
            Io gli ho comprato il cd originale anche per
            gratitudine, oltre che perchè mi piacciono,
            per favorirli nella loro scelta di smetterla
            con le case discografiche esose.
            Se volete saperne di più, andate sul loro
            sito.E' un esempio lodevole, ma quanto sono conosciuti ? E quanto vendono ? Il problema è questo: gli "artisti" vogliono essere famosi in tutto il mondo e vogliono guadagnare miliardi. Finchè sarà così nessuno si sgancerà dalle major, che sono l'unico mezzo che gli permette di imporsi in tutto il mondo (perchè le major sono potenti). E' lo stesso discorso del calciatore: finchè i calciatori vorranno guadagnare minimo 10 miliardi a stagione , tu continuerai a dover pagare una cifra le partite su D+ o Stream.
            Con quello che paghi alla Telecom ci
            pagheresti un sacco di cose di valore,
            mentre il sistema ti fa ottenere aria
            fritta.Io non pago più nulla alla Telecom. Pago 70? al mese a FastWeb, e credo proprio che i soldi che pago siano sufficienti al collegamento che mi offrono, ma solo a quello. Tu paghi per un servizio, non ha senso dire "io pago tanto la Telecom allora ho il diritto di scaricare musica gratis". Alla stessa stregua allora uno potrebbe dire "Io pago tanto la Telecom allora se vado su un supermercato online ho il diritto di farmi mandare a casa la roba gratis". Non credo proprio che funzioni così....
            Sta al Sistema restituire valore alle cose.
            La pirateria, da questo punto di vista, può
            aiutare a riportare le cose nella giusta
            prospettiva, perchè il discografico, quando
            vede che non vende, che fa? alza il prezzo,
            vendendo ancora meno e spingendo altre
            persone a diventare pirati. Quando gli si
            abbasseranno troppo le vendite, chiuderà e
            si darà all'agricoltura, mentre l'autore
            troverà altri sistemi meno costosi di
            diffondere la propria arte, che allora
            ritroverà il giusto prezzo.Su questo concordo, ma il problema è: quanta gente continua a comprare i cd pur lamentandosi ? Tanta, tantissima, un'enormità. Quindi purtroppo neanche la pirateria (che ormai c'è da parecchio) basta.
            Il prodotto non è il mezzo, mentre il mezzo
            è il vettore del prodotto, e bisogna pagare
            il prodotto, e molto molto meno il mezzo.
            Per questo dico: cavoli loro.
            Non ho deciso io come fare a farmi arrivare
            ciò che voglio, nè in che forma.
            CiaoVedi sopra.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Non piu' di 5 Euro.
            - Scritto da: Hakkar
            - Scritto da: Onesto si, scemo no.
            Io sono d'accordo con te che la cosa più
            importante è la musica, ma se non ci fossero
            gli intermediari, non potresti neanche
            conoscere certi artisti !Falso.Se tu apri un negozietto, ti affidi ad una Agenzia Pubblicitaria per forza?No, vai tu personalmente a fare volantinaggio.Se hai mai avuto un complesso, come ti facevi pubblicità? Con Internet sulla tua paginetta Web, o coi volantini, ecc... ma non ti facevi mica comprare uno spazio sul giornale tramite il tuo Agente!Gli artisti sconosciuti piazzano gli mp3 gratis sulla Rete, e li conosci PROPRIO perchè i pezzi sono gratis... poi se vuoi gli compri il cd, magari per e-mail.
            E la spedizione,
            no, non fa parte della musica, però o
            inventi il teletrasporto, o per farti
            arrivare un cd, credo che la spedizione la
            dovrai pagare...Beh, ok sul costo della spedizione, ma di sicuro è riducibile in qualche modo rispetto ad oggi.Ci mangiano in troppi, imho.
            E' un discorso diverso. Se un pittore
            dovesse mettere su un impresa di vendita di
            quadri in massa, tu nel prezzo del quadro
            dovresti pagare spedizioni, confezionamento
            (o vuoi che il quadro ti arrivi a casa tutto
            stracciato ??),Stracciami un mp3...
            costi pubblicitari
            (inevitabili)Come no?
            e una miriade di altri costi
            (tra cui le tasse).Diminuibili... prendi l'IVA: la musica non è forse cultura? E allora deve essere diminuita.
            Le case sicuramente
            tirano alto il prezzo,Mmmm... ora mi piaci!
            e sicuramente i cd
            possono essere venduti a molto meno di
            quello che sono venduti ora, ma non puoi
            pretendere di averli a 4 o 5 ?.Infatti, odio il legare il prezzo del contenuto pagante (l'arte) al mezzo di diffusione (il cd)E' il mezzo che alza il prezzo, dicevo ribadisco.
            Probabilmente 10 ? sarebbe una cifra equa,
            se però nel frattempo si potessero scaricare
            da Internet (quindi eliminando tutti i costi
            di logistica e packaging) per meno della
            metà.Beh, ma se ho tutti i brani in mp3 a 128 kbps a 5 Euro, perchè poi comprerei anche il cd originale per altri 10 Euro? Solo per la fedeltà del suono o per avere il book, mi sembrano tanti...
            Aggiungono che senza di loro quel cantante
            che a te piace non lo avresti mai conosciuto
            (parlo del 99% della gente). E' chiaro che
            ci sono eccezioni, ma la regola è questa.Ti contraddico, perchè da quando non compro quasi più originali, sto ascoltando le cose più sconosciute del Mondo, in quanto gratis e su Internet, e sto scoprendo dei musicisti FENOMENALI.Certo che se cerchi l'ultimo dei Pinki Floyd in rete, gratis e autorizzato, magari pure con le copertine scansite bene... a questo punto l'eccezione per me è regola.Quelli che sento in TV, pubblicizzati e schiavi dei discografici, non li filo proprio.Sui Marillion:
            E' un esempio lodevole, ma quanto sono
            conosciuti ?Molto. Abbastanza per loro per vivere i loro momenti di gloria, aver fatto 12-13 CD, avere fans club e una propria casa di produzione.Anti-sistema.
            E quanto vendono ?Abbastanza... non sono la Morissette, ma non hanno nemmeno Madonna dietro!E a loro va bene così; a me pure.
            Il problema
            è questo: gli "artisti" vogliono essere
            famosi in tutto il mondo e vogliono
            guadagnare miliardi. Finchè sarà così
            nessuno si sgancerà dalle major, che sono
            l'unico mezzo che gli permette di imporsi in
            tutto il mondo (perchè le major sono
            potenti).Non tutti sono così esosi; prendi per esempio l'intra America Latina, a parte Ricky Martin che Porto Rico neanche sa più dove sia... sono sempre in dozzine sul palco, li pagano poco, ma gli va bene così; puntano a farti provare emozioni, e poi a mangiare almeno a cena (il pranzo a rischio...):-)
            E' lo stesso discorso del
            calciatore: finchè i calciatori vorranno
            guadagnare minimo 10 miliardi a stagione ,
            tu continuerai a dover pagare una cifra le
            partite su D+ o Stream.Se fosse per me, il Campione di Calcio e l'intera Telepiù sarebbero già morti tutti.Di fame e per radiazioni, rispettivamente.Se non ho la parabola con scheda contraffatta, è solo perchè il calcio mi interessa marginalmente e perchè i film li vedo al cinema (ove pago il mio bel biglietto d'ingresso, sia chiaro!)

            Con quello che paghi alla Telecom ci

            pagheresti un sacco di cose di valore,

            mentre il sistema ti fa ottenere aria

            fritta.
            Io non pago più nulla alla Telecom. Pago 70?
            al mese a FastWeb,...e fai pagare alla gente in termini di traffico e nervoso, gli scavi che devono fare per posare i cavi...
            e credo proprio che i
            soldi che pago siano sufficienti al
            collegamento che mi offrono, ma solo a
            quello. Tu paghi per un servizio, non ha
            senso dire "io pago tanto la Telecom allora
            ho il diritto di scaricare musica gratis".Se uno ce la mette gratis, ed è il proprietario, non vedo perchè no... mica c'è solo musica pirata, in Rete...
            Alla stessa stregua allora uno potrebbe dire
            "Io pago tanto la Telecom allora se vado su
            un supermercato online ho il diritto di
            farmi mandare a casa la roba gratis". Non
            credo proprio che funzioni così....Se potessi gustarmi un pomodoro virtuale, magari!Dovrebbe...
          • Anonimo scrive:
            Re: Non piu' di 5 Euro.


            Falso.
            Se tu apri un negozietto, ti affidi ad una
            Agenzia Pubblicitaria per forza?
            No, vai tu personalmente a fare
            volantinaggio.Dipende dal rapporto qualità/prezzo. E da quello che mi rende di più!
            Se hai mai avuto un complesso, come ti
            facevi pubblicità? Con Internet sulla tua
            paginetta Web, o coi volantini, ecc... ma
            non ti facevi mica comprare uno spazio sul
            giornale tramite il tuo Agente!
            Gli artisti sconosciuti piazzano gli mp3
            gratis sulla Rete, e li conosci PROPRIO
            perchè i pezzi sono gratis... poi se vuoi
            gli compri il cd, magari per e-mail.E' un business, no ? Massimo risultato col minimo sforzo. Vedi sopra.

            Beh, ok sul costo della spedizione, ma di
            sicuro è riducibile in qualche modo rispetto
            ad oggi.
            Ci mangiano in troppi, imho.Hai idea di quanti siamo nel mondo occidentale ? Vorrai far mangire questa gente o no ?E non parlo del mangiare ingordo, parlo dell'operaio che impacchetta i CD che ci fa mangiare la famiglia...

            costi pubblicitari

            (inevitabili)

            Come no?Tu riesci a vendere senza pubblicità ? Come fai ?

            Diminuibili... prendi l'IVA: la musica non è
            forse cultura? E allora deve essere
            diminuita.Qui posso essere daccordo.

            Infatti, odio il legare il prezzo del
            contenuto pagante (l'arte) al mezzo di
            diffusione (il cd)
            E' il mezzo che alza il prezzo, dicevo
            ribadisco.Ribadisco quanto sopra e negli altri post (ma li hai letti o ti fa fatica rispondermi ?)


            Beh, ma se ho tutti i brani in mp3 a 128
            kbps a 5 Euro, perchè poi comprerei anche il
            cd originale per altri 10 Euro? Solo per la
            fedeltà del suono o per avere il book, mi
            sembrano tanti...Dipende da ciò che vuoi. Potrebbe essere un'alternativa. Magari c'è chi si masturba con la qualità e il book...

            Ti contraddico, perchè da quando non compro
            quasi più originali, sto ascoltando le cose
            più sconosciute del Mondo, in quanto gratis
            e su Internet, e sto scoprendo dei musicisti
            FENOMENALI.
            Certo che se cerchi l'ultimo dei Pinki Floyd
            in rete, gratis e autorizzato, magari pure
            con le copertine scansite bene... a questo
            punto l'eccezione per me è regola.
            Quelli che sento in TV, pubblicizzati e
            schiavi dei discografici, non li filo
            proprio.Queste sono scelte tue. Rispettabilissime.

            Molto. Abbastanza per loro per vivere i loro
            momenti di gloria, aver fatto 12-13 CD,
            avere fans club e una propria casa di
            produzione.
            Anti-sistema.

            Abbastanza... non sono la Morissette, ma non
            hanno nemmeno Madonna dietro!
            E a loro va bene così; a me pure.Si accontentano. E tu pure.


            Non tutti sono così esosi; prendi per
            esempio l'intra America Latina, a parte
            Ricky Martin che Porto Rico neanche sa più
            dove sia... sono sempre in dozzine sul
            palco, li pagano poco, ma gli va bene così;
            puntano a farti provare emozioni, e poi a
            mangiare almeno a cena (il pranzo a
            rischio...)

            :-)

            Se fosse per me, il Campione di Calcio e
            l'intera Telepiù sarebbero già morti tutti.
            Di fame e per radiazioni, rispettivamente.
            Se non ho la parabola con scheda
            contraffatta, è solo perchè il calcio mi
            interessa marginalmente e perchè i film li
            vedo al cinema (ove pago il mio bel
            biglietto d'ingresso, sia chiaro!)Infatti è vero il contrario. I prezzi sono alti perché hanno comunque i loro clienti. E' una catena.

            ...e fai pagare alla gente in termini di
            traffico e nervoso, gli scavi che devono
            fare per posare i cavi...Beh, e che vogliamo fare ? Fermare il progresso ?


            Se potessi gustarmi un pomodoro virtuale,
            magari!
            Dovrebbe...Preferisco la pomarola... ! :-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non piu' di 5 Euro.
            Concordo totalmente con quanto scritto da Maty, quindi no sto a fornire una risposta mia, che sarebbe uguale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non piu' di 5 Euro.
            - Scritto da: Hakkar
            Concordo totalmente con quanto scritto da
            Maty, quindi no sto a fornire una risposta
            mia, che sarebbe uguale. Non ci credo... :-))))Ce l'abbiamo fatta !!!!!!!! :-)))))Se fossi una donna, ti chiederei di uscire a cena...... :-PPAle.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non piu' di 5 Euro.
            - Scritto da: The Maty
            - Scritto da: Hakkar

            Concordo totalmente con quanto scritto da

            Maty, quindi no sto a fornire una risposta

            mia, che sarebbe uguale.

            Non ci credo... :-))))
            Ce l'abbiamo fatta !!!!!!!! :-)))))
            Se fossi una donna, ti chiederei di uscire a
            cena...... :-PP
            Ale.Se fossi un gay, ti chiederei di entrare a letto :))))))) Comunque non ti montare troppo la testa :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Non piu' di 5 Euro.
            - Scritto da: The Maty
            Hai idea di quanti siamo nel mondo
            occidentale ? Vorrai far mangire questa
            gente o no ?
            E non parlo del mangiare ingordo, parlo
            dell'operaio che impacchetta i CD che ci fa
            mangiare la famiglia...E' un Robot.Non mangia.Non fa sciopero.Si ripaga da solo in 10 giorni di produzione.Tu glielo paghi.L'operaio è a casa, disoccupato, ma tu credi di doverlo aiutare pagando il cd 40 sacchi.


            costi pubblicitari


            (inevitabili)



            Come no?

            Tu riesci a vendere senza pubblicità ? Come
            fai ?Prova a dare via (vendere, e pure usato!) un tuo cd originale a 10 sacchi ad un amico, digli che ne hai ancora 300, e fammi sapere se entro una settimana non ti ha svuotato la casa fra colleghi, parenti, compagni di università ecc...!Ma andiamo, dai!Se l'offerta è buona (diciamo giusta...), non c'è bisogno di pubblicità!Quando non si facevano gli spot, i tuoi nonni con cosa lavavano il bucato?Con Bio Presto?Non c'era allora! eppur lavavano, e i vestiti erano puliti... soluzione:? PASSAPAROLA! (non Perlana, però!):-)

            Infatti, odio il legare il prezzo del

            contenuto pagante (l'arte) al mezzo di

            diffusione (il cd)

            E' il mezzo che alza il prezzo, dicevo

            ribadisco.

            Ribadisco quanto sopra e negli altri post
            (ma li hai letti o ti fa fatica rispondermi
            ?)Mah, sembra quasi reciproco... non ci intendiamo proprio, su certi punti.
            Dipende da ciò che vuoi. Potrebbe essere
            un'alternativa. Magari c'è chi si masturba
            con la qualità e il book...Io ero un maniaco dei book, perchè suonavo e mi interessava sempre sapere in ogni cd chi erano i turnisti, chi faceva il mastering, dove, ecc...Tutte cose che per 40 sacchi non mi interessano più; queste info si trovano facilmente su internet, gratis.

            Molto. Abbastanza per loro per vivere i
            loro

            momenti di gloria, aver fatto 12-13 CD,

            avere fans club e una propria casa di

            produzione.

            Anti-sistema.



            Abbastanza... non sono la Morissette, ma
            non

            hanno nemmeno Madonna dietro!

            E a loro va bene così; a me pure.

            Si accontentano. E tu pure.Non mi accontento: mi piacciono proprio, sono un loro fan da lunga data.Ho tutta la discografia.
            Infatti è vero il contrario. I prezzi sono
            alti perché hanno comunque i loro clienti.
            E' una catena.Che bisognerebbe tirare, per farli risucchiare giù nella rete nera...

            ...e fai pagare alla gente in termini di

            traffico e nervoso, gli scavi che devono

            fare per posare i cavi...

            Beh, e che vogliamo fare ? Fermare il
            progresso ?Ci sono forme alternative e migliori di trasmissione dati... che impattano meno.

            Se potessi gustarmi un pomodoro virtuale,

            magari!

            Dovrebbe...

            Preferisco la pomarola... ! :-)e io.. la Salsa!:-)Ciao!
          • Anonimo scrive:
            Re: Non piu' di 5 Euro.

            Semplice: io voglio pagare quello che compro.
            Io compro musica, e non mi interessa il
            supporto su cui me la vogliono vendere.
            Pago l'artista che la crea, perchè la si
            deve a lui, ma non intendo dare nulla a
            semplici intermediari che al prodotto non
            aggiungono nulla, tanto meno valore
            pagabile.Perfetto. Secondo questa logica potresti chiamarli a casa tua tutte le volte che li vuoi sentire. Ma per favore !!! Un po' di realismo (te l'ho già scrito altrove...)Guarda che tutto ha un costo. Anche io vorrei solo la pasta, ma devo pagarmi anche il cellophane della busta, la spedizione, la pubblicità e i costi di distribuzione.O vado alla Barilla con un sacchettino: "mi fa il pieno per favore ?" ???????????
            La spedizione aerea non fa parte della
            musica.
            Un quadro ha valore senza la cornice, la
            cornice ha un valore ridicolo rispetto
            all'arte impressa nella tela.
            Pago il pittore, poi la cornice posso anche
            mettercela io, o lasciarlo senza, il quadro
            vale comunque.
            Chiaro il concetto?Parli di due cose diverse. Mi sembri un po' troppo idealista per il III° millennio..... senza offesa !! :-)
            E' solo gente che ti alza il prezzo, e si
            può dire perchè non aggiungono nulla,
            alterano solo la cosa.
            Se un autore volesse inviarti le sue opere
            per posta convenzionale, i cd audio
            costerebbero 10 sacchi di meno del prezzo
            del negozio... ecc.. ecc..Proprio nulla ??? Sicuro ??? Vedi sopra.
            Un gruppo inglese (i Marillion) mi ha
            inviato per posta, regalandomelo, un cd
            audio contenente tracce in versione inedita
            dei loro pezzi... credi che sia stato
            gratis? No; eppure l'hanno fatto... e allora
            se loro possono permettersi di fare una cosa
            simile senza fallire o morire, vuol dire che
            è applicabile a tutti i gruppi, basta
            volerlo.
            Io gli ho comprato il cd originale anche per
            gratitudine, oltre che perchè mi piacciono,
            per favorirli nella loro scelta di smetterla
            con le case discografiche esose.
            Se volete saperne di più, andate sul loro
            sito.Si, Ok. Quanto vendono ? Quanti li conoscono ? Quanti CD fanno ??

            Con quello che paghi alla Telecom ci
            pagheresti un sacco di cose di valore,
            mentre il sistema ti fa ottenere aria
            fritta.
            Sta al Sistema restituire valore alle cose.Ridaje col "sistema".......mai provato a chiamarli "servizi" invece di "aria fritta" ?
            La pirateria, da questo punto di vista, può
            aiutare a riportare le cose nella giusta
            prospettiva, perchè il discografico, quando
            vede che non vende, che fa? alza il prezzo,
            vendendo ancora meno e spingendo altre
            persone a diventare pirati. Quando gli si
            abbasseranno troppo le vendite, chiuderà e
            si darà all'agricoltura, mentre l'autore
            troverà altri sistemi meno costosi di
            diffondere la propria arte, che allora
            ritroverà il giusto prezzo.Banale legge di mercato vecchia quanto il mondo.
            Il prodotto non è il mezzo, mentre il mezzo
            è il vettore del prodotto, e bisogna pagare
            il prodotto, e molto molto meno il mezzo.
            Per questo dico: cavoli loro.
            Non ho deciso io come fare a farmi arrivare
            ciò che voglio, nè in che forma.
            CiaoDella serie "o così o chiodi" !!Contento tu...
        • Anonimo scrive:
          Re: Non piu' di 5 Euro.

          Beh, ok... ma se aumenti il prezzo in quanto
          non una tantum, allora voglio pagare solo il
          brano che mi piace e che ascolto più di una
          volta sola.
          Gli altri di riempimento li cancellerei, se
          fosse riscrivibile!Vabbé, esistono i singoli, che -non ha caso- costano meno di un CD ma enormemente di più in proporzione. E questo dai tempi degli LP e relativi 45 giri singoli.Ora, siamo realistici. Lo sanno anche i sassi che 250gr di pasta non costano 1/4 di 1Kg, ma di più. E' una banale logica economica.


          Se li aggiungi si, ma perchè devo pagare tre
          camionisti solo perchè ho la sfiga che la
          fabbrica è in USA e non vicino casa mia?E tu che vuoi ? Una fabbrica in ogni nazione ? In ogni città ?? Ti costerebbe tanto uguale, ci hai pensato ?Non lo dico io, lo dice l'economia...
          Perchè se loro non sono capaci di
          organizzarsi meglio e usano 12000 persone
          stipendiate nella loro azienda, io devo
          parargli lo stipendio a tutti?Con questo ragionamento, portato all'estremo, lavorerebbe l'1% dei lavoratori dei tutto l'occidente..... ci hai pensato ?Compriamo tutti dalle fabbriche direttamente, magari senza cofanetti. Quanta gente va a casa ?Guarda che è un sistema che sta in piedi da diverse centinaia di anni...
          Io voglio pagare solo ciò che compro; se a
          loro il cd inteso come supporto costa
          troppo, cambino il formato! (non l'ho deciso
          io, lo standard, ma Sony, Philips e altri...
          lo facciano pagare a loro il fatto di essere
          in Giappone e non in Europa!)Infatti ho detto che pagare il singolo mp3 scaricato sarebbe un nuovo canale alternativo di vendita e distribuzione, con un potenziale tyarget di clienti altissimo.Potessi investirci, comincerei domani.... :-)

          Si, chiaro, ma infatti io dicevo che, seppur
          pirata, la benda se la dovrebbero sentire
          loro sull'occhio, perchè 40 sacchi sono
          troppi.Può anche essere, ma sono discorsi molto pericolosi....

          Sono cavoli loro, eh, però?
          Sono loro che vogliono vendere con questo
          sistema; io trovo quel che voglio con un
          altro, pagandomi la mia bella bolletta
          telefonica.Si, ma di fatto rubando....
          Comunque pago.
          Prendano i soldi dai Provider, a Mb
          scaricati.Stai semplicemente ribaltando l'elenco che ti ho fatto sopra su un'altra serie di soggetti. Il concetto non cambia. Ovvio che se io metto un sito che ti vendo gli mp3 a "scarico", ti ci carico sopra anche i costi della banda, del provider e quant'altro...E' alla base di qualunque attività commerciale...
      • Anonimo scrive:
        Re: Non piu' di 5 Euro.
        - Scritto da: The Maty
        Sicuro che il paragone tenga ? La birra, il
        cinema sono "una tantum", il CD lo ascolti
        quante volte vuoi.Anche io per una volta sono d'accordo con te, su questo ! :) In effetti il film al cinema non te lo puoi portare a casa....
        Poi, siamo realistici. Non prendiamo il
        costo a CD "nudo" per le case discografiche.
        Ci devi aggiunere diverse voci, es:

        Packaging;
        Logistica;
        Distribuzione;
        Pubblicità;
        Ricarichi dei vari canali;
        Diritti;
        ecc....
        Diciamo che 10/15 ? è più realistico...Io direi 10?. Cmq in sostanza hai ragione.
        Per questo si potrebbe davvero sviluppare
        nuovi prodotti, nuovi canali di
        distribuzioni....
        Tu quanto lo pagheresti un singolo mp3 ?
        50/80 cent va bene ? Che dici ?Fammi fare un calcolo....diciamo 60cent * 12 = 7.20 ? sì potrebbe essere accettabile (magari anche qualcosina meno).
      • Anonimo scrive:
        Re: Non piu' di 5 Euro. costo produzione:25cent
        ma il costo di produzione, imballaggio ecc. ecc. non è sempre uguale? e allora come vi spiegate che un disco con vecchi brani costa 5euro????il costo di produzione (etichetta, supporto stampa... ) va dai 25-40cent.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non piu' di 5 Euro.
      sarei stato QUASI d'accordo con te ma ...se si dovesse fare questo parallelo, il cd dovrebbe durare un'ora E BASTA.proprio come i files WMA.saresti contento se il tuo cd che costava 5 euro si sciogliesse nelle tue mani dopo l'ascolto?non credo.con 40 mile hai una "licenza a vita".io non sono le per 40mila, sia chiaro.sono per le 20mila.però non parificherei quell'ascolto ai 60 minuti.sono 60 minuti PER SEMPRE.che è ben diverso.come dire ... una trombatina oppure sesso ogni giorno?- Scritto da: Onesto si, scemo no.
      Un cd audio non deve costare piu' di un
      biglietto del cinema, piu' di una bevuta fra
      amici, piu' di una rivista, ecc... perchè
      un'ora (se ci arriva) di ascolto di musica
      (che spesso non è di qualita' costante per
      tutta la durata del cd!) non è (imho)
      • Anonimo scrive:
        Re: Non piu' di 5 Euro.
        - Scritto da: melomane
        come dire ... una trombatina oppure sesso
        ogni giorno?Dipende: meglio una trombatina con Julia Roberts, o sesso ogni giorno con Luciana Littizzetto ? eh eh eh :P Ciao !
      • Anonimo scrive:
        Re: Non piu' di 5 Euro.
        - Scritto da: melomane
        sarei stato QUASI d'accordo con te ma ...
        se si dovesse fare questo parallelo, il cd
        dovrebbe durare un'ora E BASTA.
        proprio come i files WMA.
        saresti contento se il tuo cd che costava 5
        euro si sciogliesse nelle tue mani dopo
        l'ascolto?
        non credo.Per certi album, mi può anche andar bene che il supporto si sciolga dopo diciamo almeno tre ascolti, se a 5 Euro, perchè ho un mobile limitato e ci sono già 300 cd dentro, di cui 40 valgono qualcosa (la "licenza a vita" che dici tu) e gli altri sono indegni di esistere (imho):-D
        io non sono le per 40mila, sia chiaro.
        sono per le 20mila.A ventimila, mi prendo i singli brani pirata dalla rete.Sono troppi.Imho.Tu daglieli pure... così i dipendenti dei discografici non moriranno di fame!
        come dire ... una trombatina oppure sesso
        ogni giorno?Guarda che un cd non lo senti così spesso, come non fai sesso sempre almeno una volta al giorno ogni giorno... diventi vecchio e cali le prestazioni, tu e pure il cd (il piacere che ti da il cd).Ciao
  • Anonimo scrive:
    Matrix (non quella di Virgilio)
    Vi ricordate la scena di Matrix in cui Morpheus è stato catturato dagli agenti ? E' legato ed è messo un po' male...un po' quello che vogliono fare ora le major al nostro Morpheus. Vorrei dire solo una cosa: ricordatevi, major, cosa hanno fatto Neo e Morpheus agli agenti, dopo che la situazione si è ribaltata. Non è una minaccia, è un tentativo di farvi capire che il mercato come lo volete voi non può più esistere, la Rete ha aperto una nuova frontiera e sta a voi ora sfruttarla o rimanere indietro e perire. La soluzione è questa e si articola in due punti:1) abbassare (anche non di moltissimo) il prezzo dei cd. Portateli almeno sui 11/12 EURO (mi sembra più realistico di quello che scriveva un tipo più giù, cioè 4 EURO)2) Vendete musica a bassissimo prezzo via Internet. Avendo eliminato i canali di distribuzione, i negozi, le balle varie, potrete praticamente vendere un cd su Internet sui 5 EURO, che farebbe schizzare le vendite come voi volete. Inoltre permettete l'acquisto di brani singoli, e la creazione di compilation personalizzate. Ovviamente questi file scaricati dovranno essere copiabili e masterizzabili.Questa soluzione è l'unica, credo, che vi permetterà di salvarvi, altrimenti se continuerete a vendere cd a quel prezzo assurdo e continuerete, dall'altro dei vostri aerei personali, a lamentarvi di quanto vi state impoverendo...beh credo che il vostro giocattolo si romperà, presto.p.s. Ho sentito stamattina da un esponente del governo che in Italia l'iva sui cd sarà presto (se non lo è già, non ho capito esattamente) abbassata al 4%. Ovviamente ci aspettiamo un ribasso immediato dei cd.......
    • Anonimo scrive:
      Re: Matrix (non quella di Virgilio)
      il problema della vendita a basso costo di qualsiasi prodotto oggi su internet è data dalla mancanza di un portafoglio diverso da quello della carta di credito.Quando si saranno divulgati metodi tipo paypal o passport (meglio i concorrenti) si potrà spendere con più semplicità e
      frequenza
      • Anonimo scrive:
        Re: Matrix (non quella di Virgilio)
        - Scritto da: ND
        il problema della vendita a basso costo di
        qualsiasi prodotto oggi su internet è data
        dalla mancanza di un portafoglio diverso da
        quello della carta di credito.Non è vero, ci sono già parecchi sistemi di pagamento alternativi, vedi paypal, il servizio di Cartasì, Omnipay, cartafacile, etc...
        Quando si saranno divulgati metodi tipo
        paypal o passport (meglio i concorrenti) si
        potrà spendere con più semplicità e

        frequenza con molta prudenza perchè possano essere
        facilmente controllabili...E' solo un problema di mentalità. La facilità di clonazione o controllo di pagamenti che hai pagando con una carta di credito su Internet è la stessa che pagando al ristorante. Anzi, clonare una carta usandola fisicamente con uno skimmer è più facile che "sniffare" il flusso di dati, decriptare l'SSL128, etc... Il problema risiede nella diffidenza verso un mondo diverso che incute paura.
        Una volta
        raggiunta la stessa immediatezza
        dell'acquisto di un giornale...allora la
        Major si potranno adeguare..ma se oggi
        proponi 5 euro...diventerebbe TROPPO
        scomodo..e quindi non friendly...preferirò
        sempre andarlo a cercare in rete gratis.Ma allora non sarai più giustificato, e sarà giusto darti una bella multona. Perchè finche non ci sono alternative, la pirateria ha un valore morale, quando le alternative a basso costo ci sono, chi usa cmq sistemi illegali non ha più scusanti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Matrix (non quella di Virgilio)
          in questo campo sono parecchio ignorante ma...avevo sentito parlare di 1carta di credito ricaricabile...possibile?delucidatemi
          • Anonimo scrive:
            Re: Matrix (non quella di Virgilio)
            - Scritto da: acromion
            in questo campo sono parecchio ignorante
            ma...
            avevo sentito parlare di 1carta di credito
            ricaricabile...possibile?
            delucidatemiSì c'è, ora non ricordo esattamente il nome, ma cmq non funziona su Internet (si appoggia al circuito Maestro che è accettato solo nei negozi "fisici", tipo Visa Electron). Cmq ci sono molte alternative, basterebbe che qualcuno si prendesse la briga di svilupparle, e una major può farlo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Matrix (non quella di Virgilio)
        Aggiungo che tu dici che fare acquisti su Internet è scomodo...a me non sembra proprio. Acquisto su Internet molto regolarmente, libri, componenti elettronici e altre cose e lo trovo comodissimo. Se tu lo trovi poco user friendly....bah...non capisco per te cosa è user friendly.
        • Anonimo scrive:
          Re: Matrix (non quella di Virgilio)
          ma perchè fai un discorso tra te e me ..Tu sei l'evoluto uomo del futuro..io sono il coglione che non capisce che i rischi del pagare in internet sono gli stessi di quando pago al ristorante.quelli che si stanno dando da fare per divulgare metodi di pagamento alternativi sono tutti dei minchini perchè non hanno capito che la carta di credito è la cosa più comoda che esista.Allora scusa IO non ho capito un cazzo...Pensavo di fare un discorso..tu l'hai buttata sul narcisismo tecnologico.
          • Anonimo scrive:
            Re: Matrix (non quella di Virgilio)
            - Scritto da: ND
            ma perchè fai un discorso tra te e me ..
            Tu sei l'evoluto uomo del futuro..io sono il
            coglione che non capisce che i rischi del
            pagare in internet sono gli stessi di quando
            pago al ristorante.

            quelli che si stanno dando da fare per
            divulgare metodi di pagamento alternativi
            sono tutti dei minchini perchè non hanno
            capito che la carta di credito è la cosa più
            comoda che esista.

            Allora scusa IO non ho capito un cazzo...

            Pensavo di fare un discorso..tu l'hai
            buttata sul narcisismo tecnologico.Mi spiace ma hai completamente travisato il senso della mia risposta. Io ho solo detto che non è vero che le major non vendono su Internet perchè è troppo difficile comprare su Internet o perchè non ci sono alternative all'uso di carte di credito. Sei tu che l'hai messa sul vittimismo tecnologico, io ho cercato solo, come si fa in un dialogo normale, di confutare le tue affermazioni.
        • Anonimo scrive:
          Re: Matrix (non quella di Virgilio)
          - Scritto da: Hakkar

          Aggiungo che tu dici che fare acquisti su
          Internet è scomodo...a me non sembra
          proprio. Acquisto su Internet molto
          regolarmente, libri, componenti elettronici
          e altre cose e lo trovo comodissimo. Se tu
          lo trovi poco user friendly....bah...non
          capisco per te cosa è user friendly.Ciao caro... :-))....una volta tanto sono daccordo con te !!! :-)Ma c'è una cosa che non viene considerata. Le spese di trasporto. E' inutile acquistare un CD a 15?, se poi me ne mettono 5? di trasporto....Per questo sono un fautore degli mp3 a pago.... (poco)....Quanto al "valore morale" della pirateria........beh, ne abbiamo già parlato .... :-)Ciao !
          • Anonimo scrive:
            Re: Matrix (non quella di Virgilio)
            - Scritto da: The Maty
            Ciao caro... :-))Ma sei una ragazza o sei.... :)
            ....una volta tanto sono daccordo con te !!!
            :-)Meno mal ! :)
            Ma c'è una cosa che non viene considerata.
            Le spese di trasporto. E' inutile acquistare
            un CD a 15?, se poi me ne mettono 5? di
            trasporto....Infatti, io parlavo di mp3 da scaricare. Sono d'accordo che risparmiare sul cd per comprarlo via internet per poi pagare un sacco in spedizioni è stupido. Se invece le spedizioni venissero eliminate (sia quelle fino a casa tua sia quelle dal magazzino della casa discografica al negozio) i costi scenderebbero moltissimo.
            Per questo sono un fautore degli mp3 a
            pago.... (poco)....Anche io, anche se ovviamente ci sarebbe una perdità di qualità rispetto al cd, che però influenzerebbe solo i cultori della perfezione acustica (traduci: che hanno stereo costosissimi) e che quindi possono cmq acquistare cd normali.
            Quanto al "valore morale" della pirateria....
            ....beh, ne abbiamo già parlato .... :-)Beh, in un periodo oscuro anche un atto criminoso può essere moralmente accettabile....vedi GreenPeace :)))
            Ciao !Ciao alla prossima !
          • Anonimo scrive:
            Re: Matrix (non quella di Virgilio)


            Ma sei una ragazza o sei.... :)Purtroppo per te, appartengo alla "vecchia guardia" maschile.... :-)))

            Anche io, anche se ovviamente ci sarebbe una
            perdità di qualità rispetto al cd, che però
            influenzerebbe solo i cultori della
            perfezione acustica (traduci: che hanno
            stereo costosissimi) e che quindi possono
            cmq acquistare cd normali.Può darsi... non ho uno stereo costosissimo, ma se hai un buon orecchio (non il mio, ma quello della mai ragazza) la differenza di timbro si sente eccome ! Parlo di mp3 campionati a 128.

            Beh, in un periodo oscuro anche un atto
            criminoso può essere moralmente
            accettabile....vedi GreenPeace :))) Magari puoi anche avere ragione. Il punto è che è un discorso mooolto pericolose in mano a menti bacate e che può creare pericolosi precedenti.E' questo che io contesto: il "pirateria-a-tutti-i-costi". Sinceramente, anche se costasse 50 ?cent a mp3, quanti lo pagherebbero, pur potendolo avere aggratis ?? Non tanto per quel (caro vecchio) millino, piuttosto per il gusto e la soddisfazione dello scrocco (insita nell'italico popolo purtroppo...).E non entro nel merito (NON è il tuo caso) di chi ne fa una battaglia "contro il sistema"..... questo, sinceramente, mi fa proprio inc****** !!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Matrix (non quella di Virgilio)
            - Scritto da: The Maty



            Ma sei una ragazza o sei.... :)

            Purtroppo per te, appartengo alla "vecchia
            guardia" maschile.... :-)))Beh allora calmo con i "caro" :))))) C'è gente qui non molto intelligiente, potrebbe fraintendere, eh eh.
            Può darsi... non ho uno stereo costosissimo,
            ma se hai un buon orecchio (non il mio, ma
            quello della mai ragazza) la differenza di
            timbro si sente eccome ! Parlo di mp3
            campionati a 128.Sì beh certo, io di solito li campiono almeno a 160, se non a 192. Cmq dipende anche dalla musica: per la robaccia commerciale va benissimo anche 128.
            Magari puoi anche avere ragione. Il punto è
            che è un discorso mooolto pericolose in mano
            a menti bacate e che può creare pericolosi
            precedenti.
            E' questo che io contesto: il
            "pirateria-a-tutti-i-costi". Sinceramente,
            anche se costasse 50 ?cent a mp3, quanti lo
            pagherebbero, pur potendolo avere aggratis
            ?? Non tanto per quel (caro vecchio)
            millino, piuttosto per il gusto e la
            soddisfazione dello scrocco (insita
            nell'italico popolo purtroppo...).
            E non entro nel merito (NON è il tuo caso)
            di chi ne fa una battaglia "contro il
            sistema"..... questo, sinceramente, mi fa
            proprio inc****** !!!Hai ragione, però se esistesse una valida alternativa ad un prezzo accettabile, allora la posizione della pirateria sarebbe molto meno sostenibile. E cmq molta gente tornerebbe ad acquistare, e ci sarebbe un vantaggio per tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Matrix (non quella di Virgilio)

      p.s. Ho sentito stamattina da un esponente
      del governo che in Italia l'iva sui cd sarà
      presto (se non lo è già, non ho capito
      esattamente) abbassata al 4%. Ovviamente ci
      aspettiamo un ribasso immediato dei
      cd....... nn credo che lo abbaseranno cosi` tanto in quanto la musica e` considerata bene di lusso,nn e` cultura insomma!sinceramente penso che il libro di emilio fede sia molto meno culturale di qualsiasi disco ,cmq....c`e` da tener presente che la fetta grossa del mercato discografico in italia nn e` in mano a major italiane(mi pare...)e quindi nn vedo xche` dovrebbero favorire aziende straniere(questo penso sia il pensiero dei capoccioni...)pensa che io faccio il dj di black music ed uso sostanzialmente i vinili...beh io li pago 1cifra xche` oltre ad esser "d`importazione"sono in 1formato"scomodo"alle major x costi d produzione e trasporto...cmq pure i dj si stanno ingegnando...grosse sorprese x le major....qualcuno finira` cn il culo sotto ad 1ponte...ehehehe
    • Anonimo scrive:
      Re: Matrix (non quella di Virgilio)

      1) abbassare (anche non di moltissimo) il
      prezzo dei cd. Portateli almeno sui 11/12
      EURO (mi sembra più realistico di quello cheChe per altro è il prezzo a cui i cd (anche quelli italiani) vengono venduti in Svizzera...(X es. Mediamarkt di Lugano)Fra
  • Anonimo scrive:
    vorrei sapere cosa ci guadagnano
    a me piacciono tutti questi sistemi di P2P ...morpheus, napster, gnucleus, bearshare, limewire, kazaa, winmx, napigator ...tutto bello, tutto fighissimo.ma mi chiedo, chi paga quelli di morpheus?chi paga quelli di audiogalaxy?in fondo hanno centinaia di servere il lavoro è estremamente ben fatto(non serve nemmeno dirlo, si dimostra da sé) ...anche loro viaggiano SOLO con la pubblicità?MBEUH!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: vorrei sapere cosa ci guadagnano
      Anche io mi domando la stessa cosa....
      • Anonimo scrive:
        Re: vorrei sapere cosa ci guadagnano
        Ipotesi: se tu avessi 300'000 Giga di Mp3 sul tuo disco fisso, cosa ne faresti?:-)Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: vorrei sapere cosa ci guadagnano
          sentiamo.cosa ne farei a parte ascoltarli e darli a tutti i mei amici senza spendere un centesimo a mettere su 260 server sempre on line?non so.cosa ne farei?- Scritto da: Onesto si, scemo no.
          Ipotesi: se tu avessi 300'000 Giga di Mp3
          sul tuo disco fisso, cosa ne faresti?

          :-)

          Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: vorrei sapere cosa ci guadagnano
            - Scritto da: FEEDFLEX




            sentiamo.
            cosa ne farei a parte ascoltarli e darli a
            tutti i mei amici senza spendere un
            centesimo a mettere su 260 server sempre on
            line?Ma tu hai idea di quanto costi mantenere 260 server con un traffico di milioni di hits giornaliere?
    • Anonimo scrive:
      Re: vorrei sapere cosa ci guadagnano
      Una volta (18 mesi fa) si usava così: molti utenti, quotazione in borsa, arricchimento instantaneo.C'è sempre la speranza che possa funzionare ancora.- Scritto da: FEEDFLEX
      ma mi chiedo, chi paga quelli di morpheus?
      chi paga quelli di audiogalaxy?
    • Anonimo scrive:
      Re: vorrei sapere cosa ci guadagnano
      CENTINAIA DI SERVER??ma i sistemi p2p non funzionano cosi':ognuno fa da server a gli altri facendo leva ovviamente su chi ha connessini tipo 10 megabit.Prova a far caso se sul loro sito (o nello stesso programma) non c'e' magari un banner pubblicitario?Non penso che sviluppare un programma tipo win mx sia costato milioni di eurosalutiJaNnAz
      • Anonimo scrive:
        Re: vorrei sapere cosa ci guadagnano
        quando ti conetti a winmx lo vedi chiaramente, quando ti connetti ad audiogalaxy ti dice il numero del server e quando qualcosa non funziona ti dice "our server bla bla bla high load" ...quindi direi proprio di si.ognuno ha le canzoni, ma c'è un server centralizzato eccome ... gestiscono il copyright su audiogalaxy, fanno le liste degli artisti, degli stili, le statistiche ... un sacco di roba!!!i banner ci sono anche ... ma riguardano in gran parte se stessi (le magliette) e i poster ... e basta.- Scritto da: JaNnAz
        CENTINAIA DI SERVER??ma i sistemi p2p non
        funzionano cosi':ognuno fa da server a gli
        altri facendo leva ovviamente su chi ha
        connessini tipo 10 megabit.
        Prova a far caso se sul loro sito (o nello
        stesso programma) non c'e' magari un banner
        pubblicitario?
        Non penso che sviluppare un programma tipo
        win mx sia costato milioni di euro
        saluti
        JaNnAz
      • Anonimo scrive:
        Re: vorrei sapere cosa ci guadagnano
        - Scritto da: JaNnAz
        CENTINAIA DI SERVER??ma i sistemi p2p non
        funzionano cosi':ognuno fa da server a gli
        altri facendo leva ovviamente su chi ha
        connessini tipo 10 megabit.Ah si'? Interessante come sistema, questo pippo2pippo...
  • Anonimo scrive:
    ERRATA CORRIGE: CERCHINO D'ADEGUARSI !
    Un cd dovrebbe costare non più di 4?. Se questo non lo vogliono capire...morto un papa se ne fa un'altro...!
    • Anonimo scrive:
      Re: ERRATA CORRIGE: CERCHINO D'ADEGUARSI !
      - Scritto da: benny
      Un cd dovrebbe costare non più di 4?.4 ?uro? Sei impazzito, e' troppo 4 ?uro! Facciamo due, no?
  • Anonimo scrive:
    Davvero affonderà il file-sharing?
    Ma come fa ad affondare? Morto morpheus c'è kazaa, morto kazaa c'è bearshare e così via...impossibile uccidere il file sharing.Come si potrebbero punire, poi, i milioni di utenti? Sarebbe giusto oltretutto punire la maggioranza degli utenti?Pensano veramente che un ragazzo compri cd da 20 euro per sport? Pensano veramente che tutti hanno 20 euro da spendere per cd di cui si potrà apprezzare una sola canzone?Hanno idea di quante cose nuove si possono conoscere con il file - sharing (e quindi di quante nuove fasce di mercato si può diventare probabili acquirenti)?mah...
  • Anonimo scrive:
    Primo tentativo di affondamento?
    Sarà, ma la cosa non mi convince. Un po' come l'incendio di Xoom (guarda caso appena Virgilio ci mette le mani sopra...).Certo, i fatti sono veri, ma poi come se ne approfittno? Già corrono voci che vedono la prossima versione di Morpheus non più free.Comunque ora non posso più scambiare le ricette. Peccato, avevo trovato un'intera sezione di arrosti (niente fumo).In alternativa si consiglia Xolox.
    • Anonimo scrive:
      Re: Primo tentativo di affondamento?
      - Scritto da: Morfioso
      Già corrono voci che vedono la
      prossima versione di Morpheus non più free.Si', cosi' lo useranno in tre persone e Morpheus cessera' di esitere!
    • Anonimo scrive:
      Re: Primo tentativo di affondamento?
      - Scritto da: Morfioso
      Certo, i fatti sono veri, ma poi come se ne
      approfittno? Già corrono voci che vedono la
      prossima versione di Morpheus non più free.Sulla home di Morpheus si assicura che rimarrà free. Fidiamoci per una volta. Se poi invece non sarà così, useremo qualcos'altro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Primo tentativo di affondamento?
      - Scritto da: Morfioso
      In alternativa si consiglia Xolox. Xolox ha cessato lo sviluppo, e le vecchie versioni del programma non funzionano più
  • Anonimo scrive:
    Forza Morpheus
    Forza Morpheus!!!Anche se .. ci sono software come direct connect mooolto carini.. che hanno qualche potenzialità in più avendo diversi canali.. con regole.. così da poter scaricare anche materiale in italiano, ad esempio..Tutto questo su.. www.neo-modus.com o la versione opensource.. su http://sourceforge.net/projects/dcplusplusBy Riky
  • Anonimo scrive:
    Bisogna dirlo!
    In Italia se uno copia un disco, si espone a sanzioni maggiori di colui che il disco lo è andato a rubare in un negozio.Non è più possibile però, in difesa dei lauti guadagni dei discografici, imporre ancor oggi al consumatore l'acquisto di un album a quasi L. 40.000 per un paio di canzoni nuove vendute assieme ad altre probabilmente già acquistate ieri.Infine non ritengo equa l'enorme durata dei diritti in merito alla proprietà intellettale.Questo è difficile da comprendere in una società che ti fa lavorare in condizioni di precarietà contrattuale, con sempre meno diritti, tutele e garanzie.Qualcuno invece lucra ancora su lavori, magari ottimi, ma vecchi di oltre vent'anni.Io voglio poter acquistare le singole canzoni, anche ad un costo lievemente inferiore, senza bollino Siae (copre sempre i titoli) e balzelli vari.Per me è una questione di giustizia sociale.Infine io i dischi li compero, ma in macchina vorrei utilizzare delle copie, perchè se, come già accaduto mi rubano la macchina, io con le custodie dei miei originali passo per furbo, quando invece ho subito un danno considerevole.Infine i miei ultimi acquisti funzionano in modo molto approssimativo, e addirittura con un album posso solo ascoltare un disco dall'inizio alla fine ma senza cambiare mai traccia, altrimenti errore!Questo è il consumatore in questo paese.Scusate lo sfogo!
    • Anonimo scrive:
      Re: Bisogna dirlo!
      ti do` ragione purtroppo va` cosi`...certo che 1bell`antifurto alla car...pensa che x i dj fare 1compila mixata in norma cn le leggi c costa 1pacco di soldi in siae...certo che se la compila sai che la vendi ha 10000persone nn c sarebbe tutto sto problema(es quelle di radio dj..o simili...)ma io appartengo ad 1genere di nicchia x cui le mie cassette(o cd..)sono venduti x lo + ad amici ed amici di amici...fai che bene che vada ne vendo 100 a 10000lire(sarebbe 1sogno)ma le spese sono:acquisto di cd/cassette vergini i dischi(senza quelli...) l`attrezzatura(pure...) potrei pure metterci pure la corrente elettrica...es il mio tenmpo dimenticavo la stampa della copertina(1minimo di schifo di grafica c vuole) e secondo voi io riesco cn le sole 10mila a rientrare nelle spese aggiungendoci pure la siae?????si certo come no!!!!diciamo che lo si fa` x passione..anche se a casa mia la giudicano "1po"costosa........
Chiudi i commenti