Internet, l'altra metà dei troll

Il 40 per cento dei netizen ed il 73 delle donne statunitensi che operano in Rete sono stati vittime di angherie: a rilevarlo, l'ultimo studio Pew

Roma – Il quaranta per cento dei netizen statunitensi è stato vittima di cyberbullismo: a rilevarlo è l’ ultimo rapporto di Pew Research Center che ha cercato di fotografare il quadro dei comportamenti di troll e affini online.

Lo studio, certamente, piacerà a Londra , dove si sta studiando una riforma per rendere più sicure e severe le pene per le minacce e le offese online: quattro navigatori su dieci, secondo lo studio statunitense, sono rimasti vittima di molestie online ed il 73 per cento ne è stato testimone .

Questa percentuale già imbarazzante, poi, diventa preoccupante limitando l’osservazione ai giovani e alle donne.
Guardando solo le esperienze della popolazione compresa tra i 18 ed i 29 anni, infatti, la percentuale di coloro che hanno subito direttamente qualche forma di molestia online raggiunge il 65 per cento, e guardando solo alle donne la percentuale sale fino al 73 per cento .

Lo studio prende in considerazione diversi tipi di molestie: da quelle a sfondo sessuale (circa il 25 per cento) allo stalking (26 per cento), arrivando fino alle minacce.

In particolare sembra che i social network si stiano negativamente distinguendo come mezzo favorito per le molestie : nei casi di testimonianze da parte degli intervistati, il 66 per cento delle esperienze ha a che fare con i social network (o con app che svolgono funzioni analoghe), seguito dalle sezioni dei siti dedicate ai commenti (22 per cento dei casi, e luogo di scontro più frequente per gli uomini).

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sentinel scrive:
    proprietà di autodocumentazione interna
    "Internet è nato, e non arrivato a questa forma di metariflessione: fin dall'inizio uno dei contenuti che più hanno caratterizzato la rete sono state riflessioni sullo stato della rete o su ciò che accadeva in rete. Poi, con il tempo, per fortuna è aumentato l'aspetto dei servizi e sono aumentati altri tipi di idee e argomenti: tuttavia, anche ora, la rete è uno degli argomenti preferiti della rete."E' normale che sia così, in quanto esiste una sorta di proprietà di "autodocumentazione interna" che permette diindagare e studiare un sistema (Internet) grazie all'usodi esso stesso ed alle informazioni presenti in esso stesso(sempre Internet).
Chiudi i commenti