Internet realizza la casa-lavoro

Lo sostiene uno dei principali analisti del Gartner Group che ieri, in Florida, ha spiegato agli americani perché il pendolarismo sarà un ricordo del passato e quando si accorgeranno di vivere nel futuro


Orlando (USA) – “Sento un disturbo nella Forza, tutto sta cambiando”: così, citando Star Wars, il boss delle ricerche del Gartner Group, Ken McGee, ha presentato ieri le sue previsioni per il futuro della società connessa.

Secondo McGee, nel futuro a breve negli Stati Uniti, paese nel quale la Rete e il computing sono estremamente diffusi, l’ambiente di lavoro e quello domestico diverranno progressivamente una cosa sola e la distinzione tra ciò che è lavoro e ciò che non lo è tenderà a farsi meno evidente.

La connettività diffusa sarà il motore di questo cambiamento, ha spiegato McGee, e “questo è un momento di svolta nella storia dell’umanità”. I cambiamenti a cui si va incontro, dunque, non risparmieranno niente e nessuno, riguarderanno tutti gli aspetti della vita del cittadino-consumatore, dalle votazioni agli acquisti, dal lavoro al tempo libero, al rapporto con la pubblica amministrazione “che sempre più corrisponderà ad un indirizzo.gov”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti