Internet@Minori, i nuovi bollini italiani

Autoregolamentazione regolata: così viene descritto il nuovo Codice che dovrà ispirare l'industria, pena le bacchettate di un organismo pubblico di controllo. Nessuno sarà costretto ad aderire. Ma come resistere ad un bollino in più?


Roma – Da oggi c’è una nuova possibilità per i siti e i servizi internet interessati di dimostrarsi attenti verso la loro audience più giovane, i minori. Il Governo infatti, in un evento a cui hanno partecipato un po’ tutti, compresi i provider, ha varato Internet@minori , un Codice di Autoregolamentazione che ha lo scopo dichiarato di offrire maggiori tutele ai più piccoli navigatori italiani.

Il Codice Internet@minori potrà essere adottato su base volontaria da qualunque operatore internet, manutentore di siti o fornitore di servizi, che si impegna così a rispettarne le regole e i dettami. Dopo aver fatto domanda di adesione un comitato tecnico verificherà l’attività e, se ritenuta idonea e corrispondente ai requisiti richiesti, consentirà all’operatore di distinguersi tramite un bollino o strumento equivalente.
Accanto al logo sarà posta anche la dicitura “Aderente al Codice di autoregolamentazione”. Il tutto potrà essere mantenuto e reso visibile dal sito-servizio fino a quando non dovesse essere revocato.

A vigilare sul continuato rispetto del Codice da parte di chi vi aderisce, infatti, sarà un Comitato di Garanzia al quale prenderanno parte undici membri, alcuni dei quali provenienti dagli operatori di settore, dalle associazioni per la tutela dei minori e quattro di nomina governativa. Tutte le cariche del Comitato dovranno essere nominate ogni tre anni.

Qualora il Comitato riscontri che l’imbollinato aderente violi in qualche modo il Codice potrà allora provvedere a diverse forme di “sanzione”, che vanno dal richiamo formale alla censura fino alla revoca del bollino . Tutti i provvedimenti di revoca saranno pubblicati secondo procedure che dovranno essere determinate dal Comitato stesso.

Tra gli obblighi di spicco, in particolare per i provider che aderiscono al Codice, anche la necessità di conservare il numero IP dell’utente che si connette ad internet nell’ottica di una lotta più efficace alla pedopornografia in Internet. L’aderente si impegna anche a collaborare pienamente con le forze dell’ordine per consentire entro un massimo di tre giorni dalla richiesta l’identificazione di chi pubblica contenuti sulle macchine ospitate nel proprio network.

Il Codice (disponibile qui in pdf) è stato presentato ieri dal ministro all’Innovazione Lucio Stanca secondo cui “previene i potenziali rischi di distruzione di valore sociale che potrebbero derivare da un uso illecito o dannoso di queste tecnologie; mentre l?uso sicuro, o meglio consapevole, di Internet promuove l?inclusione delle categorie più deboli, come i ragazzi, e più svantaggiate, ossia i disabili, i meno giovani, chi vive in zone remote, chi ha un basso reddito, i disoccupati”.

I dati diffusi dal Ministro sono prodotti da Nielsen//NetRatings e affermano che nel terzo trimestre del 2003 1,7 milioni di minori italiani si è collegato ad internet, 548mila dei quali sotto i 12 anni, con un incremento dunque del 3 per cento rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. In più è aumentato anche il tempo che i più giovani passano collegati alla rete: in un mese nella fascia tra i 12 e i 18 anni si totalizzano fino a 11 ore e mezzo di connessione, contro le 8 e mezzo dello stesso periodo dell’anno precedente.

L’affollamento dei navigatori con i pantaloni corti è un fenomeno europeo, secondo Stanca, visto che lo scorso agosto in paesi come Gran Bretagna, Francia, Germania, Spagna, Olanda, Svezia e Svizzera sono stati più di 13 milioni i ragazzi sotto i 18 anni che si sono connessi alla rete, un aumento del 27 per cento rispetto a 2002. “E di essi – ha dichiarato Stanca – 4 milioni erano di età inferiore ai 12 anni”.

Di seguito qualche altra illuminante dichiarazione dei partecipanti all’evento di lancio e in terza pagina, invece, qualche dettaglio in più sul Codice.


Secondo Stanca il numero di minori in rete deve spingere a nuove misure di tutela . Una spintarella che, a suo dire, può essere data proprio dal Codice che, a suo dire, supera “il tradizionale generico concetto di autoregolamentazione, rimasto in passato spesso lettera morta, per introdurre la co-regolamentazione , in cui l?industria si impegna a darsi regole e ad adottarle, mentre un organismo di controllo pubblico vigila sul rispetto delle stesse regole in una sorta di autoregolamentazione regolata “.

Stanca ritiene che Internet abbia caratteristiche che, contrariamente a quanto succede sugli altri media, rendono più difficile per gli adulti esercitare un controllo responsabile sull’uso che ne viene fatto, sebbene anche sugli altri media vengano veicolati spesso “immagini o materiali non appropriati”. Il Ministro afferma che questa difficoltà di controllo sia dovuta a “fattori come l’anonimato e la grande facilità di accesso”. Controllare l’accesso alla televisione è, evidentemente, ritenuto un obiettivo molto più alla portata dei genitori italiani.

Gli ha fatto sponda anche il ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri secondo cui “il Codice vuole essere, a tutti gli effetti uno strumento per consentire ai minori di utilizzare la Rete senza pericoli. Vuole guidarli nella navigazione e dare supporto alle famiglie nell?educazione dei più piccoli all?utilizzo di Internet. In questo modo, con la navigazione differenziata, vogliamo rendere la Rete a dimensione di bambino, per non escluderli dai benefici che derivano dall?uso di questa tecnologia”.

Paolo Nuti , presidente dell’Associazione italiana dei provider AIIP, ha invece dichiarato che “di questo Codice va evidenziata la responsabilizzazione di tutti i soggetti coinvolti e il continuo adattamento all?evoluzione della tecnologia. Questo è solo il primo passo di un percorso più lungo. Ricordiamo anche l?approvazione del Ddl avvenuta lo scorso 7 novembre. Codice e Legge sono su piani diversi, ma dalla sinergia potranno venire azioni efficaci”.

Durante la presentazione Stanca ha anche ricordato l’impegno del Governo nel “dare una mano” ai genitori i cui figli navigano in rete. A questo proposito ha sottolineato l’importanza di iniziative come quella che ha già coinvolto più di un milione di alunni delle prime due classi delle scuole primarie in “processi di apprendimento dell’uso dell’informatica e dell’inglese”. A tutto questo si aggiungono le guide e i filtri messi a disposizione sul portale Italia , le nuove norme contro il pedoporno e via dicendo.

Ma come funziona e cosa prevede il Codice di Autoregolamentazione che secondo Stanca sta suscitando interesse in tutta Europa? Di seguito i dettagli.


Gli obiettivi e le finalità del Codice sono descritti come segue:
a) aiutare gli adulti, i minori e le famiglie a un uso corretto e consapevole della rete telematica, tenendo conto delle esigenze del minore;

b) predisporre apposite tutele atte a prevenire il pericolo che il minore venga in contatto con contenuti illeciti o dannosi per la sua crescita;

c) offrire, nel rispetto della normativa nazionale ed internazionale, un accesso paritario e promuovere un accesso sicuro per il minore alle risorse di rete;

d) tutelare il diritto del minore alla riservatezza ed al corretto trattamento dei propri dati personali;

e) assicurare una collaborazione piena alle autorità competenti nella prevenzione, nel contrasto e nella repressione della criminalità informatica ed in particolare nella lotta contro lo sfruttamento della prostituzione, la pornografia ed il turismo sessuale in danno di minori, attuati tramite l’utilizzo della rete telematica.

Su tutto questo il Principio di co-regolamentazione che viene introdotto dal Governo con una importante premessa:

“Molti sostengono che il contenuto in Rete non debba essere sottoposto a nessuna forma di limitazione o controllo. Tuttavia, il pericolo più serio per il mantenimento della libertà di espressione sulla Rete e per il libero accesso ai contenuti è rappresentato proprio dalla difficoltà dei Governi di sviluppare nuove forme di regolamentazione adeguate ai nuovi media.

Si vorrebbe rispondere a fenomeni pur deprecabili con soluzioni autoritarie che hanno effetti negativi anche sull?uso legittimo della Rete limitando libertà di tutti.

In ambito Europeo sta emergendo una consenso sempre più favorevole nei confronti di modelli di auto-regolamentazione/co-regolamentazione in cui l?industria si impegna a darsi delle regole e ad adottarle, mentre un organismo di controllo pubblico vigila sul rispetto delle regole stesse in una sorta di auto-regolamentazione regolata .”

Secondo questo principio, dunque, la logica del Codice introduce meccanismi che sanzionano o premiano determinati comportamenti e che sono definiti dagli operatori che operano sul mercato. Ma è tutto così chiaro? Non sembrerebbe, a leggere quanto scritto in una nota diffusa ieri dal Ministero.

“Le istituzioni – scrive il Ministero – fissano una serie di regole e di obiettivi politici”.
Subito dopo sulla nota si legge: “Le istituzioni si limitano quindi a partecipare al controllo dell?effettivo risultato finale”. Un doppio ruolo delle istituzioni , dunque, che certo non sembra marginale.

Più sensatamente si riferisce anche che “rispetto a quello di auto-regolamentazione” il principio di co-regolamentazione è più evoluto “poiché implica una condivisione di responsabilità attraverso un accordo tra pubblico e privato”. “La co-regolamentazione – si legge nella nota – è così uno strumento più flessibile, più adattabile e più efficace delle norme soprattutto per quanto riguarda la protezione dei minori, problematica con implicazioni molto delicate che investono anche la morale soggettiva”.

Chi, dunque, deciderà in dettaglio gli strumenti in campo per attuare il Codice? “Le imprese – scrive il Ministero – e le parti interessate”.

“Naturalmente – conclude la nota – l?efficacia del modello regolatorio può e deve essere migliorata da una sempre più ampia diffusione di sistemi di classificazione dei contenuti tra gli ISPs e meccanismi di filtraggio che permettano agli utenti di esercitare un controllo diretto sui contenuti”.

Sull’argomento vedi anche:
Gandalf.it/ La strage degli innocenti
Svegliatevi genitori di webbimbi
LaRiforma/ La rete vive di censure

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    "No Free Lunch... Or Free Linux"
    Sulla pagina principale del sito della SCO http://www.sco.com/ hanno scritto addirittura tra virgolette (=citazione) la frase "No Free Lunch... Or Free inux", accompagnandola alla faccia dalla mascella volitiva di Darl MacBride. Secondo voi la mascella volitiva si adatta ad un guru dello Un*x? Il sig. McBride ha secondo voi la faccia di un duro e puro dell'informatica libera?
    • Anonimo scrive:
      Intendo...
      ...io un guru me lo vedo in maglia, piuttosto pingue a causa del troppo tempo passato seduto alla tastiera, con la barba irsuta ed i capelli spettinati. Stile Jargon File, insomma. Mi congratulo con MacBride per l'aspetto sportivo, la giacca e da anche la cravatta dell'altra sua foto in homepage.
      • Anonimo scrive:
        Re: Intendo...
        .model tiny.codepush dsmov ax, csadd ax, 16mov ds, axmov ah, 9lea dx, testoint 21hpop dsint 20htesto label bytedb "mmmh... maglietta di pile celeste, anzi micropile, jeans neri, scarpe da tennis grigie, barba non particolarmente irsuta ma comunque significativa e indisciplinata, capelli anche meno disciplinati, tazzine di caffe` sparse, occhiali per leggera miopia...", 13, 10, 13, 10,"pero' non sono grasso.sara` questione di metabolismo... o forse e` il caffe` che lo accelera.", 13, 10, 36end--- compilare come puro codice DOS 16 bit. estensione COM.
    • Anonimo scrive:
      Re: "No Free Lunch... Or Free Linux"
      - Scritto da: Anonimo
      Sulla pagina principale del sito della SCO
      http://www.sco.com/ hanno scritto
      addirittura tra virgolette (=citazione) la
      frase "No Free Lunch... Or Free inux",Chissà se McBride paga anche per scopare....In effetti potrebbe essere lo slogan delle lucciole..."No Free Lunch... Or Free Sex"Mi chiedo quindi che differenza ci sia fra McBride e una puttana....
    • Anonimo scrive:
      Re: "No Free Lunch... Or Free Linux"
      - Scritto da: Anonimo
      Sulla pagina principale del sito della SCO
      http://www.sco.com/ hanno scritto
      addirittura tra virgolette (=citazione) la
      frase "No Free Lunch... Or Free linux",Adesso Linux e' tutto loro. Mi chiedo quando cominceranno a rivendicare l'hardware.
    • Anonimo scrive:
      Re: "No Free Lunch... Or Free Linux"
      - Scritto da: Anonimo
      Sulla pagina principale del sito della SCO
      http://www.sco.com/ hanno scritto
      addirittura tra virgolette (=citazione) la
      frase "No Free Lunch... Or Free inux",Sì, certo, e il mio computer McBride lo vuole così com'è o glielo incarto? Non c'e' proprio limite alla sfacciataggine, SCO ce lo ha dimostrato. Sono una vergogna per il così detto business del software commerciale, sono una vergogna per gli Stati Uniti.
      accompagnandola alla faccia dalla mascella
      volitiva di Darl MacBride. Secondo voi la
      mascella volitiva si adatta ad un guru dello
      Un*x? Il sig. McBride ha secondo voi la
      faccia di un duro e puro dell'informatica
      libera?
  • Anonimo scrive:
    linux day
    sbaglio ho e' il giorno prima del linux day?
    • Anonimo scrive:
      Re: linux day
      - Scritto da: Anonimo
      sbaglio ho e' il giorno prima del linux day? naturalmente c'e' un'acca di troppo, pardon.
      • Tetsuo scrive:
        Re: linux day
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        sbaglio ho e' il giorno prima del linux
        day?

        naturalmente c'e' un'acca di troppo,
        pardon.Si, il linux day e' il 29.
  • Anonimo scrive:
    l'occasione per farli neri...
    che bello sarebbe il pter andare lì e chieder loro davanti a tutti cose come "signori, com'è che prima pubblicate il sorgente sotto licenza gpl e adesso ne rivendicatre i diritt?"...Che figura, spero proprio che il loro mercato vada in PEZZI!!!...BUFFONI!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: l'occasione per farli neri...
      - Scritto da: Anonimo
      che bello sarebbe il pter andare lì e
      chieder loro davanti a tutti cose come
      "signori, com'è che prima pubblicate il
      sorgente sotto licenza gpl e adesso ne
      rivendicatre i diritt?"...
      Che figura, spero proprio che il loro
      mercato vada in PEZZI!!!
      ...BUFFONI!!!! tanto non ci andra' nessuno.
      • Anonimo scrive:
        Re: l'occasione per farli neri...

        tanto non ci andra' nessuno.Il risultato non cambia di molto, e soprattutto non salverà i loro affari
    • Anonimo scrive:
      Re: l'occasione per farli neri...
      Il loro mercato E' GIA' andato in pezzi.... se non fosse x i soldi che hanno racimolato minacciando le aziende di portarle in tribunale (poi siamo noi ad avere la mafia...) sarebbero già gambe all'aria.
    • Anonimo scrive:
      Re: l'occasione per farli neri...
      ci vado, a dirglielo, quantevveroddio!!!sta a 2 passi da casa mia, poi vi racconto.
  • Anonimo scrive:
    Scopo dell?iniziativa........
    "Scopo dell?iniziativa è fare chiarezza sulla posizione di SCO nei confronti di Linux"Volete fare chiarezza ? Tirate fuori le prove.....
    • Anonimo scrive:
      Re: Scopo dell?iniziativa........
      La cosa pazzesca è che fanno tutto senza manco aver vinto una causa in tribunale ...Solo gli Americani con i loro brevetti sul dondolo e l'altalena riesco ad arrivare a simili paradossi...(linux)NeRvOuX
    • Anonimo scrive:
      Re: Scopo dell?iniziativa........
      - Scritto da: Anonimo
      "Scopo dell?iniziativa è fare chiarezza
      sulla posizione di SCO nei confronti di
      Linux"


      Volete fare chiarezza ? Tirate fuori le
      prove.....

      Rallentare l'avanzata di Linux a favore di... di chi? :D
  • Anonimo scrive:
    Articolo di Gartner su SCO
    George Weiss of Gartner has published a paper with some interesting recommendations regarding SCO. They include 1) Keep a low profile and do not divulge details on Linux deployments. 2) Until a judgment in a case would unequivocally warrant it, Linux users should not pay SCO the license fees it has asked for to settle its allegations of infringement of intellectual property rights. 3) Do not permit SCO to audit your premises without legal authorization. 4) For customers of SCO Open Server and UnixWare, an unfavorable judgment could cause SCO to cease operations or sell itself. That could harm future support and maintenance. Just in case, prepare a plan for migrating to another platform within two years. There's more, but are the analysts finally catching on?http://www3.gartner.com/DisplayDocument?doc_cd=118545
  • Anonimo scrive:
    Pronti con le diffide?
    È il momento di tirar fuori le unghie e di far vedere a chi calunnia di che pasta sono fatti i netizen.Teniamoci pronti con i registratori per poter far pagare ai mentitori di SCO ogni accenno a qualcosa che non è passato in un'aula di giustizia.
  • Anonimo scrive:
    nuove istallazioni
    ecco la mia spiegazione per sco quindi :p
  • Anonimo scrive:
    io ci vado !!!
    ... con una bella cassa di uova marce... venite anche voi e portate ogni genere di nefandezza puzzolente, gli daremo quello che si meritano...
    • Anonimo scrive:
      Re: io ci vado !!!
      - Scritto da: Anonimo
      ... con una bella cassa di uova marce...
      venite anche voi e portate ogni genere di
      nefandezza puzzolente, gli daremo quello che
      si meritano...Noo, non e' cosi' che ci si comporta in democrazia.Loro hanno il diritto di parlare e noi quello di ridere :DPotremmo metterci d'accordo e trattarli come se dicessero delle belle battutte, con tanto di applauso finale. :D
      • Anonimo scrive:
        Re: io ci vado !!!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ... con una bella cassa di uova marce...

        venite anche voi e portate ogni genere di

        nefandezza puzzolente, gli daremo quello
        che

        si meritano...

        Noo, non e' cosi' che ci si comporta in
        democrazia.
        Loro hanno il diritto di parlare e noi
        quello di ridere :Dfuor di scherzo: loro hanno il diritto di parlare e noi quello di denunciare se calunniano

        Potremmo metterci d'accordo e trattarli come
        se dicessero delle belle battutte, con tanto
        di applauso finale. :Dcerto quello del pubblico di un tribunale.
        • Anonimo scrive:
          Re: io ci vado !!!
          Beh, uno scherzo alla "beppe grillo" ci starebbe tutto: si va ad ascoltarli, e dopo 3 minuti che parlano ... via!, tutti fuori al bar :D
    • Anonimo scrive:
      Re: io ci vado !!!

      ... con una bella cassa di uova marce...Non occorrono uova marce. Basta un registratore e una domanda: "SCO non ha ancora presentato le prove di quanto afferma. Se perde il processo quante probabilità ci sono che SCO non fallisca? E se fallisce, che me ne faccio della vostra licenza?"
    • Anonimo scrive:
      Re: io ci vado !!!
      - Scritto da: Anonimo
      ... con una bella cassa di uova marce...
      venite anche voi e portate ogni genere di
      nefandezza puzzolente, gli daremo quello che
      si meritano...APPROVO AL 100%
    • Anonimo scrive:
      Re: io ci vado !!!
      - Scritto da: Anonimo
      ... con una bella cassa di uova marce...
      venite anche voi e portate ogni genere di
      nefandezza puzzolente,Una cassa di molotov va bene lo stesso ? :)
  • Anonimo scrive:
    roadshow...
    Un bel roadshow informativo come quelli che fa l'M$ per lanciare i suoi nuovi prodotti o la campagna anti-pirateria-mollate-i-soldi-a-Bill?Stesso, stile? stesse modalita? .... stesse persone? :D :D
  • Anonimo scrive:
    Accorriamo numerosi!
    Si, dai, paghiamo SCO per i Linux che usiamo in azienda!Non vedo l'ora di abbracciare i "padri" di Linux! Ma li abbraccio così forte da farli soffocare!!!;-)Linux, the future is open
Chiudi i commenti