Ioni come impermeabili

Ioni come impermeabili

L'innovativa soluzione di un'azienda britannica porta l'impermeabilizzazione alla portata di tutti. Nata per scopi militari, è una tecnologia versatile, per l'abbigliamento tecnico sportivo e il gadget elettronico
L'innovativa soluzione di un'azienda britannica porta l'impermeabilizzazione alla portata di tutti. Nata per scopi militari, è una tecnologia versatile, per l'abbigliamento tecnico sportivo e il gadget elettronico

Rendere gli oggetti realmente impermeabili, anche i più impensati, è un’idea che ha sempre solleticato l’immaginario collettivo. C’è un’azienda che ci sta riuscendo: ha stretto accordi a destra e a manca iniziando col fornire la propria soluzione ai produttori di abbigliamento sportivo.

Le basi dell’innovativa soluzione sono di rilievo: il sistema, ideato da Plasma Product Innovation , questo il nome dell’azienda, nasce per impieghi militari, spiega Wired . Ora si guarda all’uso “civile”, a cominciare da stivali per escursioni e scarpe da running. Ma si tratta di una tecnologia che, già da tempo, fa gola a molti settori industriali, specialmente quello di cellulari e gadget elettronici.

Alle spalle della novità c’è una tecnologia interessante, chiamata Ion Masking (mascheratura ioni). Un processo – già sperimentato in altri campi – che consente di creare una vera e propria membrana idrorepellente su qualsiasi oggetto. È questo un materiale, chiarisce The Register Hardware , che non ha nulla a che vedere con il Gore-Tex: il principio è opposto.

Oltre ai tessuti, il cui trattamento prevede l’applicazione dello Ion Masking fibra per fibra per aumentarne l’efficienza, questo sistema apre la strada a moltissime innovazioni: con il rilascio per l’uso civile, davvero si potrà avere un lettore MP3 resistente all’acqua , un iPhone impermeabile , e non ci sarà da temere per qualsiasi altro cellulare.

I laboratori di assistenza, dunque, possono tirare un sospiro di sollievo. Tuttavia, pur nella convinzione del perfetto isolamento, meglio tenere gadget e cellulari all’asciutto e lasciare allo Ion Masking il solo compito di…salvare il gadget da un “incidente”.

Marco Valerio Principato

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 29 ago 2008
Link copiato negli appunti