iPad 2, orientarsi tra le tariffe

Senza limiti di tempo, ma perseguendo l'idea che se un utente vuole più velocità deve pagare di più: così la pensa Vodafone. Gli altri propongono offerte simili o identiche a quelle presentate con la prima versione del tablet Apple

Roma – Sostanzialmente invariate, economicamente, le nuove tariffe degli operatori per iPad 2. Da segnalare, però, un nuova rimodulazione delle offerte di Vodafone, che ampliano il già visto concetto di velocità variabile in funzione del costo dell’abbonamento.

Nel caso dell’operatore britannico si parla, come in precedenti occasioni , di offerte senza limiti di tempo, ma con velocità modulata . Sostanzialmente tre i piani tariffari pensati da Vodafone per gli utenti della nuova versione del tablet Apple: Internet Sempre Smart offre per 9 euro al mese una velocità fino a 1,8 Mbps per 1GB mensile di traffico; Internet Sempre Super è invece indirizzato a chi intende usufruire anche di video, musica e giochi online e per 19 euro al mese offre una velocità fino a 7,2 Mbps per 3GB totali; Vodafone Internet Sempre Top , invece, offre per 29 euro al mese una velocità massima di 28,8 Mbps per 5GB di traffico.

Infine resta l’offerta Internet Facile Day che consente di effettuare fino a 500 MB di traffico dati al giorno al costo di 2 euro, tariffa proposta da Vodafone per la prima versione di iPad.

Come nelle precedenti offerte, Vodafone permette di continuare a navigare anche una volta esaurita la soglia di traffico prestabilito alla velocità di 64 kbps , oppure di rinnovare il proprio abbonamento o sceglierne uno nuovo. Gli utenti che hanno sottoscritto gli abbonamenti Internet Sempre Super e Internet Sempre Top , inoltre, hanno inclusa una Vodafone Internet Key WiFi con cui connettere il proprio iPad e altri due dispositivi contemporaneamente in modalità WiFi.

TIM per 9 euro offre 1GB di traffico, 5 gigabyte per 19 euro al mese. 3 Italia propone 5 euro al mese per 3GB di traffico , con l’opzione “All’estero come a casa”, che permette di usufruire delle stesse tariffe nazionali quando ci si connette con gli operatori 3 di Austria, Australia, Danimarca, Gran Bretagna, Hong Kong, Irlanda e Svezia.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Teo_ scrive:
    Anche in Italia con Sky
    Io ho un abbonamento per iPhone a Sky TG24 http://itunes.apple.com/it/app/sky-tg24/id360500248?mt=8# (una decina di euro per un anno) e non ho altri tipi di abbonamento a Sky.Condivido però le critiche di chi è un abbonato con decoder e vorrebbe poter fruire di questo servizio senza dover sborsare altri soldi.
  • Slashetta scrive:
    Grande Apple!
    Come al solito, i migliori! :-)
  • Talking Head scrive:
    Conseguenze.
    Questi sono i piccoli fatti che potrebbero pian piano far capire all'industria e al legislatore che è necessario cambiare le cose. Questi continui appellarsi a leggi scritte prima dell'invenzione del device in questione, l'obbligare l'utente a avere un servizio peggiore, i blocchi che impediscono a parte della domanda di avere un servizio che vorrebbero.Quando l'elettore seduto col suo iPad in salotto si trova a non poter vedere la partita, quando lo studente che vorrebbe vedere un programma in lingua originale scopre che è proibito, l'XXXXXXXtura cresce. Man mano la consapevolezza che bisogna semplificare e rivedere la legge, abolire privilegi medievali e rendere il tutto adeguato alla tecnologia attuale, cresce.Il cambiamento è stato relativamente breve rispetto ad altre grandi rivoluzioni. Napster è del 2000, siamo nel 2011.Considerando che le macchine tessili sono del 1754 e ancora nel 1820 gli operai ludditi le bruciavano perché toglievano lavoro, spero che per la rivoluzione digitale ci voglia meno a adattare offerta, domanda e legislazione.
    • bubba scrive:
      Re: Conseguenze.
      - Scritto da: Talking Head(...)
      Considerando che le macchine tessili sono del
      1754 e ancora nel 1820 gli operai ludditi le
      bruciavano perché toglievano lavoro, spero che
      per la rivoluzione digitale ci voglia meno a
      adattare offerta, domanda e
      legislazione.Una volta fatto questo leeeeento percorso, poi i dirigenti RIAA, SIAE e Murdoch vari li possiamo bruciare? :) dì di si ,dì di si
      • Guybrush Fuorisede scrive:
        Re: Conseguenze.
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: Talking Head
        (...)

        Considerando che le macchine tessili sono del

        1754 e ancora nel 1820 gli operai ludditi le

        bruciavano perché toglievano lavoro, spero che

        per la rivoluzione digitale ci voglia meno a

        adattare offerta, domanda e

        legislazione.
        Una volta fatto questo leeeeento percorso, poi i
        dirigenti RIAA, SIAE e Murdoch vari li possiamo
        bruciare? :) dì di si ,dì di
        siNo, devi aspettare che muoiano e muoiano anche i loro eredi.Poi li puoi anche bruciare (se hanno chiesto di essere cremati).Tornando seri: la legge cambierà quando i dinosauri che attualmente detengono i diritti della maggior parte dei contenuti presenti sul mercato (che è diversa "contenuti prodotti") saranno costretti, per motivi meramente biologici, a lasciare il mercato medesimo.D'altro canto, e Steve Jobs ne è l'esempio vivente, questi personaggi sono attaccatissimi alla loro posizione e combatteranno con le unghie e con i denti contro tutto ciò che si oppone loro.Biologia inclusa.Vedremo.Un salutoGT Fuorisede
  • KeS scrive:
    Semplicemente...
    BUFFONI!
  • Funz scrive:
    Operazione simpatia
    Ovvero come alienarsi i propri clienti paganti trattandoli come vacche da latte da mungere e rimungere, e spingerli alla libera condivisione della cultura in rete.Good job, fellows!
  • giacche scrive:
    Diritti e rovesci
    Ma siamo certi che l'utente medio guardi questi canali nel proprio salotto di casa e non, ad esempio, nel proprio giardino o in terrazzo dando la possibilità ai vicini di sbirciare, pur non autorizzati?Siamo nel diritto o no?E poi: ha diritto l'utente a tenere il volume al minimo quando gira la pubblicità, oppure contrattualmente l'utente è tenuto ad ascoltare la pubblicità ad alto volume e a frantumarsi i maroni?Mi sembrano elementi fondamentali che questi str.... dovrebbero chiarire al più presto.
    • panda rossa scrive:
      Re: Diritti e rovesci
      - Scritto da: giacche
      oppure
      contrattualmente l'utente è tenuto ad ascoltare
      la pubblicità ad alto volume e a frantumarsi i
      maroni?Con le attuali tecnologie di time shift, l'utente e' in grado di guardare cominciare a guardare il programma mezz'ora dopo che e' iniziato, cosi' quando c'e' la pubblicita' la skippa agevolmente.
Chiudi i commenti