iPhone 5, l'ipotesi cinese

Circola in Rete una versione contraffatta, e tutta da verificare, che anticiperebbe il nuovo melafonino. Animata da Android

Roma – Secondo il sito NowhereElse.fr un produttore cinese avrebbe anticipato l’aspetto del nuovo e atteso iPhone 5 offrendone una versione contraffatta chiamata Goophone i5 e basata su Android.

iphone 5 contraffatto

Si tratta naturalmente di una fonte non certa, che non sembra confermare neanche le indiscrezioni finora circolate sul nuovo melafonino: c’è la cover posteriore dalla doppia tonalità, per esempio, ma non lo schermo più grande, che rimane delle stesse dimensione di iPhone 4S. ( C.T. )

Fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • uno qualsiasi scrive:
    Per ruppolo --- android
    Rispondo qui perchè hanno bloccato il thread: sul mio telefono android (non rootato) ho installato senza problemi un linguaggio di programmazione, dal repository ufficiale.Quindi, la tua domanda "permettono a chi?" ha una semplice risposta: a chi vuole.
    • krane scrive:
      Re: Per ruppolo --- android
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Rispondo qui perchè hanno bloccato il thread: sul
      mio telefono android (non rootato) ho installato
      senza problemi un linguaggio di programmazione,
      dal repository ufficiale.Ma dai ? Mi dai un po' di dettagli sul linguaggio ?
      Quindi, la tua domanda "permettono a chi?" ha una
      semplice risposta: a chi vuole.
      • iRoby scrive:
        Re: Per ruppolo --- android
        Fichissimo c'è anche il Basic!https://play.google.com/store/apps/details?id=com.mintoris.basic&feature=related_apps#?t=W251bGwsMSwxLDEwOSwiY29tLm1pbnRvcmlzLmJhc2ljIl0.Ed il C++https://play.google.com/store/apps/details?id=GDE.Main&feature=also_installed#?t=W251bGwsMSwxLDEwNCwiR0RFLk1haW4iXQ..-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 agosto 2012 20.18-----------------------------------------------------------
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Per ruppolo --- android
        https://play.google.com/store/apps/details?id=com.rfo.basic&feature=search_result#?t=W251bGwsMSwxLDEsImNvbS5yZm8uYmFzaWMiXQ..Non mi capita spesso di averne bisogno, ma è utile avere uno strumento generico come questo a disposizione.
    • panda rossa scrive:
      Re: Per ruppolo --- android
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Rispondo qui perchè hanno bloccato il thread: sul
      mio telefono android (non rootato) ho installato
      senza problemi un linguaggio di programmazione,
      dal repository
      ufficiale.

      Quindi, la tua domanda "permettono a chi?" ha una
      semplice risposta: a chi
      vuole....e a chi sa.Il che taglia fuori immediatamente tutti gli applefan.
  • ruppolo scrive:
    Re: I veri motivi
    - Scritto da: iRoby
    Libertà inteso come il libero di
    Richard Stallman, ossia il liberamente
    condivisibile.Già, solo doveva precisare che per "liberamente" si intende che il proprietario è libero di condividere, non che gli altri sono liberi di condividere i beni del proprietario a prescindere dalla sua volontà.Altrimenti mi sentirei in diritto di prendere tutte le tue cose, conto in banca compreso, e condividerlo con i miei amici.
    togliendo
    dall'immaginario collettivo il liberamente
    disponibile e
    condivisibile.Il problema è che la gente si è immaginata un po' troppo il liberamente disponibile e condivisibile. Ad esempio si è immaginata il "disponibile" come uno scaffale di beni rubati disponibili.
    mezza rete che invece era
    abituata alla fratellanza, la condivisione e la
    collaborazione.Si, con i beni degli altri. Ora vado al supermercato, salgo in piedi su una cassa e grido a tutti: "Fratelli, prendete ciò che volete e datelo ai vostri fratelli!".Vediamo in quanto tempo arriva qualcuno con la divisa e il cappello...
    Signori il capitalismo non da alcuna abbondanza e
    nessun benessere, ma soprattutto nessuna libertà
    se non quella di consumare al prezzo imposto dal
    cartello commerciale che comanda in quel
    momento.Giusto, ma questo discorso va fatto per i beni primari, non per quelli di intrattenimento.
    Il capitalismo guadagna dalla scarsità, se c'è
    scarsità si fanno più utili con il minore
    investimento ed il minore sforzo. Per cui meno
    cose ci sono in circolazione più queste valgono e
    più guadagna chi riesce ad accaparrarsene il
    controllo badando di continuare a mantenerle
    scarse e
    sovrapprezzate!
    I diamanti nuovi scavati e trovati, che costano
    vite e stenti a molte popolazioni di minatori,
    vengono distrutti! E vengono distrutti per
    impedire che li trovi qualcun'altro, che
    immettendoli sul mercato farà abbassare il valore
    di quella merce, che avrà più valore proprio
    finché sarà molto
    scarsa.Credo che possiamo vivere anche senza diamanti.

    Le petroliere stanno in mare inutilmente nei
    periodi di scarso consumo di petrolio per fare
    calare le riserve dei vari paesi, ed attraccano
    solo quando gli viene dato ordine dalle "7
    Sorelle", perché iniziano a scarseggiare le
    risorse ed il valore di mercato sale e si fanno
    più
    profitti.E noi lasciamo la macchina ferma. Quest'anno il mio consumo di carburante si è ridotto del 80% rispetto l'anno scorso. Che mettano pure la benzina a 5 euro al litro. Più l'aumentano e meno ne consumo, fino a zero, se serve (e per le urgenze chiamo il taxi). Così se ne va affanXXXX anche l'industria dell'auto, il bollo, l'assicurazione, il meccanico, la carrozzeria, il lavaggio e le multe. E altre decine di spese legate all'automobile che messe tutte insieme mi costringono a lavorare 3 mesi l'anno solo per l'auto (e forse anche di più).
    Ed infine film e tutte le opere coperte da
    diritto
    d'autore.I film non servono per vivere, se ne può fare a meno.
    La diffusione delle trasmissioni via etere se non
    le registra qualcuno vanno perse.E allora? Se ne fanno migliaia di ore ogni ora.
    Se le registra
    qualcuno e le immette gratuitamente, da alla
    gente la possibilità di spendere tempo
    guardandole.Siamo sempre al punto di prima: di chi sono?
    Se spende tempo guardando quelle trasmissioni,
    non trova stimolo all'acquisto di altri prodotti
    di intrattenimento a
    pagamento.La pirateria guarda alle novità del cinema, non alla trasmissione TV archiviata.
    Dopo il lavoro, il tempo scarseggia, e sprecarlo
    a guardare qualcosa di liberamente disponibile è
    un freno allo spendere per l'acquisto di qualcosa
    a
    pagamento.Sprecarlo a guardare qualsiasi cosa sullo schermo, è SPRECARE TEMPO.

    Questo è il neoclassicismo/neoliberismo.
    Poche élite che controllano le risorse, causa
    scarsità, generano profitti, in un cartello
    commerciale che dia una parvenza di libero
    mercato, in governi con moderne e sottili
    dittature di mercato con una parvenza di
    democrazia, in una parvenza di libertà fortemente
    controllata e regolamentata da leggi draconiane,
    dove l'unica libertà lasciata all'individuo è
    quella di
    consumare.

    Benvenuti nel Neofeudalesimo mercantile!Grazie, ma basta poco per sottrarsi al sistema senza macchiarsi degli stessi reati del sistema. E camminare a testa alta.
    • panda rossa scrive:
      Re: I veri motivi
      - Scritto da: ruppolo
      - Scritto da: iRoby

      Libertà inteso come il libero di

      Richard Stallman, ossia il liberamente

      condivisibile.

      Già, solo doveva precisare che per "liberamente"
      si intende che il proprietario è libero di
      condividere, Il proprietario e' colui che ha ottenuto il bene in cambio di soldi.Es. io vado nel negozio, prendo un oggetto, pago, quell'oggetto diventa mio, sono il proprietario, sono libero di condividerlo.
  • MegaLOL scrive:
    MAZZATA IN FRONTE!
    HAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!Ancora una volta, gli spocchiosi nerdini che tanto berciavano su quanto loro fossero i "padroni del cyberspazio" e su come avrebbero "combattuto fino alla vittoria" si sono DEFECATI ADDOSSO appena ricevuta una semplice letterina!HAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!Allora, nerdini, come la mettiamo? Tutta qui la vostra "potenza"? Ma che bei supereroi siete! (rotfl)(rotfl)(rotfl)Basta fare "BOO" e vi riempite le mutande! (rotfl)(rotfl)(rotfl)E sarebbero questi i guerraioli dell'INTERNACCHIO?HAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!HAHAHAHAHAHAHAHAHAHA!PAGLIACCI! (rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • uno qualsiasi scrive:
    Re: I veri motivi
    - Scritto da: iRoby
    Non sono 4 link il vero motivo di queste
    decisioni.

    Questo è ancora il Neoclassicismo all'opera.

    Dopo il boom dell'internet libera, che includeva
    tantissimo materiale digitale diffuso più o meno
    lecitamente, ma fino a quel momento tollerato
    perché appannaggio di pochi utenti esperti di
    computer e reti, ora stiamo assistendo alla
    chiusura.Alla chiusura o al ritorno alle origini?Gli utenti esperti di computer riescono comunque ad avere quello che vogliono. E nessuno prova a fermarli, tanto sono relativamente pochi.Quello che cercano di fermare è lo strumento per le masse, usabile anche dagli utonti: in tal caso hanno qualche possibilità, perchè se scaricare diventa leggermente più difficile, o richiede di cambiare qualche abitudine, l'utente esperto non si scompone, ma l'utonto va nel panico.
    • krane scrive:
      Re: I veri motivi
      - Scritto da: uno qualsiasi
      - Scritto da: iRoby

      Non sono 4 link il vero motivo di queste

      decisioni.



      Questo è ancora il Neoclassicismo all'opera.



      Dopo il boom dell'internet libera, che
      includeva

      tantissimo materiale digitale diffuso più o
      meno

      lecitamente, ma fino a quel momento tollerato

      perché appannaggio di pochi utenti esperti di

      computer e reti, ora stiamo assistendo alla

      chiusura.

      Alla chiusura o al ritorno alle origini?

      Gli utenti esperti di computer riescono comunque
      ad avere quello che vogliono. E nessuno prova a
      fermarli, tanto sono relativamente
      pochi.

      Quello che cercano di fermare è lo strumento per
      le masse, usabile anche dagli utonti: in tal caso
      hanno qualche possibilità, perchè se scaricare
      diventa leggermente più difficile, o richiede di
      cambiare qualche abitudine, l'utente esperto non
      si scompone, ma l'utonto va nel
      panico.Ed e' compito dell'utente esperto creare gli shorcut per dimostrare alla massa che i vincoli a cui sta venendo sottoposta sono artificiali e truffaldini.
      • ruppolo scrive:
        Re: I veri motivi
        - Scritto da: krane
        Ed e' compito dell'utente esperto creare gli
        shorcut per dimostrare alla massa che i vincoli a
        cui sta venendo sottoposta sono artificiali e
        truffaldini.E quindi si mette a fare il truffaldino pure lui e a insegnare agli altri a fare i truffaldini.Così che non vi sia alcuna differenza tra i truffaldini.L'ironia è che poi i truffaldini si lamentano che al governo ci sono i truffaldini.
        • panda rossa scrive:
          Re: I veri motivi
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: krane

          Ed e' compito dell'utente esperto creare gli

          shorcut per dimostrare alla massa che i
          vincoli
          a

          cui sta venendo sottoposta sono artificiali e

          truffaldini.

          E quindi si mette a fare il truffaldino pure lui
          e a insegnare agli altri a fare i
          truffaldini.Se dai un pesce ad un uomo affamato, domani avra' ancora fame.Se gli insegni a pescare, domani non avra' piu' fame. (cit.)
        • krane scrive:
          Re: I veri motivi
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: krane

          Ed e' compito dell'utente esperto creare

          gli shorcut per dimostrare alla massa che i

          vincoli a cui sta venendo sottoposta sono

          artificiali e truffaldini.
          E quindi si mette a fare il truffaldino pure lui
          e a insegnare agli altri a fare i truffaldini.Altrimenti si finisce ad essere pecore da tosare nel recinto, tu sei un ottimo esempio di cio'
          Così che non vi sia alcuna differenza tra i
          truffaldini.Che ci si dovrebbe lasciar spellare senza dire niente ?
          L'ironia è che poi i truffaldini si lamentano che
          al governo ci sono i truffaldini.E' nato prima l'uovo o la gallina ?
    • Get Real scrive:
      Re: I veri motivi
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Gli utenti esperti di computer riescono comunque
      ad avere quello che vogliono. E nessuno prova a
      fermarli, tanto sono relativamente
      pochi.
      Finchè i computer "general purpose" continuano ad esistere. Probabilmente, ancora per poco: il sucXXXXX fulminante dell'iPad ha lasciato nello sgomento e nell'angoscia i produttori di PC, che stanno ora disperatamente tentanto di rilanciarsi.Molto probabilmente, in meno di 10 anni il PC sarà una specie estinta. Ci saranno solo appliances, impossibili da riprogrammare.Alla stragrande maggioranza va bene così.Ai governi pure.Alle multinazionali, sicuramente.Quindi direi che il discorso è chiuso.Oh si, ci saranno le workstation per i programmatori. A 30-40'000 , forse. Sempre che l'euro esista ancora. Ovviamente, occorrerà una licenza per averne una in comodato (non possesso, sarà vietato) e la licenza sarà ottenibile solo mostrando un contratto di lavoro presso un'azienda autorizzata.Ci saranno ispezioni a sorpresa, per essere sicuri che tu non stia sviluppando qualcosa di "illegale", naturalmente.
      • Troper scrive:
        Re: I veri motivi
        Overdose di 1984?
      • verso il baratro scrive:
        Re: I veri motivi

        Finchè i computer "general purpose" continuano ad
        esistere. Probabilmente, ancora per poco: il
        sucXXXXX fulminante dell'iPad ha lasciato nello
        sgomento e nell'angoscia i produttori di PC, che
        stanno ora disperatamente tentanto di
        rilanciarsi.Più che i computer general purpose, dovresti chiederti: fino a quando l'erogazione di corrente continua a funzionare.Quando, a causa dei rincari dei combustibili, cominceranno a staccare la corrente, farà poca differenza avere un ipad o un pc: senza elettricità, smettono di funzionare entrambi. E senza centraline telefoniche e ripetitori, non potranno connettersi a niente.Una batteria permette di resistere al massimo pochi giorni, poi pc e ipad saranno solo pezzi di metallo e plastica.

        Molto probabilmente, in meno di 10 anni il PC
        sarà una specie estinta.In meno di dieci anni l'umanità stessa rischia di diventare una specie estinta. Fa tenerezza vedere come tu ti preoccupi dei pc.
        Ci saranno solo
        appliances, impossibili da
        riprogrammare.

        Alla stragrande maggioranza va bene così.La stragrande maggioranza tra dieci anni sarà troppo occupata a cercare qualche fonte di cibo, per chiedersi cosa va bene.

        Ai governi pure.I governi... sarà già tanto se riusciranno a rimanere in piedi, in questo periodo storico. Non avranno nemmeno le risorse necessarie per mantenere in vita la propria popolazione... figuriamoci per controllarla.Le regioni più periferiche di uno stato saranno colpite per prime: all'inizio, le forze dell'ordine cominceranno ad avere difficoltà a mantenere il controllo, e sarà necessario ricorrere all'esercito: si passerà prima alla legge marziale, poi l'esercito dovrà riconquistare periodicamente le stesse regioni, ed infine anche questo non sarà più sostenibile: a questo punto, l'esplosione di criminalità sarà incontenibile. I più ricchi e lungimiranti si saranno fatti approntare edifici fortificati, in cui forse potranno rifugiarsi per qualche tempo, ma la scarsità di provviste non permetterà nemmeno a loro di resistere a lungo.

        Alle multinazionali, sicuramente.

        Quindi direi che il discorso è chiuso.

        Oh si, ci saranno le workstation per i
        programmatori. A 30-40'000 , forse. Sempre che
        l'euro esista ancora.La tua ingenuità è disarmante. L'euro... forse cadrà già quest'anno, o il prossimo, e tu ti illudi che tra 10 anni esista ancora?Non vedi che, già adesso, i più furbi stanno facendo incetta di oro?Nessuno si fiderà più di nessuna moneta; l'unica valuta utilizzabile sarà l'oro, per i pochi fortunati che potranno permetterselo. Per gli altri (la maggioranza), si dovrà ricorrere al baratto: pecore, galline.... o, più probabilmente, piccioni, ratti e scarafaggi (che saranno la principale fonte di proteine per una discreta percentuale della popolazione)
        Ovviamente, occorrerà una
        licenza per averne una in comodato (non possesso,
        sarà vietato) e la licenza sarà ottenibile solo
        mostrando un contratto di lavoro presso
        un'azienda
        autorizzata.La licenza è il meno. Il problema sarà avere una fonte di corrente (e per quello occorrerà avere un protettore, e vivere all'interno della sua abitazione fortificata)
        • MegaJock scrive:
          Re: I veri motivi
          - Scritto da: verso il baratro
          La stragrande maggioranza tra dieci anni sarà
          troppo occupata a cercare qualche fonte di cibo,
          per chiedersi cosa va
          bene.
          Carne umana, e passa la paura.Un po' dolciastra e devi cuocerla bene perchè gli umani moderni sono pieni di tossine e malattie di ogni genere, però si può fare.
          • verso il baratro scrive:
            Re: I veri motivi
            L'avevo già detto qui:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3578338&m=3580734#p3580734Il cibo del futuro sarà il soylent verde... fatto riciclando cadaveri.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: I veri motivi

        Finchè i computer "general purpose" continuano ad
        esistere. Probabilmente, ancora per poco: il
        sucXXXXX fulminante dell'iPad ha lasciato nello
        sgomento e nell'angoscia i produttori di PC, che
        stanno ora disperatamente tentanto di
        rilanciarsi.Ma dove? Sono solo i fanboy apple che comprano l'ipad.

        Molto probabilmente, in meno di 10 anni il PC
        sarà una specie estinta. Ci saranno solo
        appliances, impossibili da
        riprogrammare.Guarda che anche i tablet si possono riprogrammare. Quelli android permettono di installare linguaggi di programmazione.

        Alla stragrande maggioranza va bene così.

        Ai governi pure.Non sono i governi a vendere i tablet.

        Alle multinazionali, sicuramente.Alle multinazionali dell'hardware non direi. A loro va benissimo il software libero, perchè sono i primi ad approfittarne.

        Quindi direi che il discorso è chiuso.Vuol dire che non posterai più? MAGARI!

        Oh si, ci saranno le workstation per i
        programmatori. A 30-40'000 , forse. Sempre che
        l'euro esista ancora.L'euro non esisterà più.
        Ovviamente, occorrerà una
        licenza per averne una in comodato (non possesso,
        sarà vietato)Vietato da chi? E perchè?Se noti, la tendenza è esattamente l'opposto: ciò che era in comodato diventa proprietà. È sucXXXXX con i modem, con i telefoni, con i decoder...Offrire un prodotto in comodato costa, per via dell'assistenza.
        Ci saranno ispezioni a sorpresa, per essere
        sicuri che tu non stia sviluppando qualcosa di
        "illegale",
        naturalmente.Tali ispezioni non sono realizzabili in modo efficace: non riescono nemmeno ad impedire che gli impiegati degli uffici vadano sui siti XXXXX, figurati controllare lo sviluppo.
        • ruppolo scrive:
          Re: I veri motivi
          - Scritto da: uno qualsiasi

          Finchè i computer "general purpose"
          continuano
          ad

          esistere. Probabilmente, ancora per poco: il

          sucXXXXX fulminante dell'iPad ha lasciato
          nello

          sgomento e nell'angoscia i produttori di PC,
          che

          stanno ora disperatamente tentanto di

          rilanciarsi.

          Ma dove? Sono solo i fanboy apple che comprano
          l'ipad.Povero illuso:http://www.appleinsider.com/articles/12/08/29/delta_deploying_4500_apple_ipads_at_us_airport_restaurants.html





          Molto probabilmente, in meno di 10 anni il PC

          sarà una specie estinta. Ci saranno solo

          appliances, impossibili da

          riprogrammare.

          Guarda che anche i tablet si possono
          riprogrammare. Quelli android permettono di
          installare linguaggi di
          programmazione.Permettono a chi?





          Alla stragrande maggioranza va bene così.



          Ai governi pure.

          Non sono i governi a vendere i tablet.No, loro si limitano a imporli, come è stato imposto il PC con Windows nel programma di studio delle scuole dell'obbligo.
          Se noti, la tendenza è esattamente l'opposto: ciò
          che era in comodato diventa proprietà. È
          sucXXXXX con i modem, con i telefoni, con i
          decoder...Io vedo esattamente il contrario. E pure con le automobili.
          Offrire un prodotto in comodato costa, per via
          dell'assistenza.Costa poco, se non funziona te ne mandano un'altro.
          Tali ispezioni non sono realizzabili in modo
          efficace: non riescono nemmeno ad impedire che
          gli impiegati degli uffici vadano sui siti XXXXX,
          figurati controllare lo
          sviluppo.Prova ad appendere un cartello "i dipendi colti a navigare siti XXXXX verranno licenziati in tronco". Poi vedi che basta 1 ispezione all'anno.
          • panda rossa scrive:
            Re: I veri motivi
            - Scritto da: ruppolo
            Prova ad appendere un cartello "i dipendi colti a
            navigare siti XXXXX verranno licenziati in
            tronco". Poi vedi che basta 1 ispezione
            all'anno.Esatto. Perche' dopo che il tar avra' reintegrato il dipendente, toglieranno il cartello.
  • Wilfred scrive:
    Re: I veri motivi
    Quoto (ma già aspettati quelli che qui ti definiranno "pirata copiatore comunista" :D ).Aggiungo che del Regno Unito in particolare non mi stupisco più di niente, per quanto riguarda tutto ciò che concerne libertà in rete, libertà in generale ed argomenti collegati.http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/08/26/grande-fratello-nel-regno-unito-cittadino-su-4-e-schedato-dalla-polizia/334085/Temo che non ci siano comunque ragioni per pensare che noi siamo poi messi tanto meglio.
    • Esprit scrive:
      Re: I veri motivi
      Quoto tuttoCi hanno provato anche con l'Acqua, per ora gli è andata parzialmente male, ma ci tenteranno di nuovo con più forza e violenza.
    • panda rossa scrive:
      Re: I veri motivi
      - Scritto da: Wilfred
      Quoto (ma già aspettati quelli che qui ti
      definiranno "pirata copiatore comunista" :D
      ).Quelli che qui definiscono "pirata copiatore comunista" hanno la stessa consistenza di cio' che sta sulla carta igienica usata.
      Aggiungo che del Regno Unito in particolare non
      mi stupisco più di niente, per quanto riguarda
      tutto ciò che concerne libertà in rete, libertà
      in generale ed argomenti
      collegati.Il regno unito e' una monarchia.C'e' liberta' solo nella misura in cui la classe regnante (i Lord) stabilisce la lunghezza del guinzaglio che impugna.In UK c'e' una regina e ci sono dei sudditi che cantano God Save the Queen.
      • Esprit scrive:
        Re: I veri motivi
        Da noi invece c'è il VaticanoNon so chi stia peggio...
      • bubba scrive:
        Re: I veri motivi
        - Scritto da: panda rossa
        In UK c'e' una regina e ci sono dei sudditi che
        cantano God Save the
        Queen.c'e' anche "V for Vendetta"... vedremo per quanto rimarra' solo un fumetto (e un film).
        • Get Real scrive:
          Re: I veri motivi
          - Scritto da: bubba
          c'e' anche "V for Vendetta"... vedremo per quanto
          rimarra' solo un fumetto (e un
          film).Per sempre, ovviamente. Ricorda, è un'opera di fantasia. Mi ha fatto sorridere la scena in cui migliaia di dimostranti disarmati con la maschera mettono in fuga la polizia, armata fino ai denti.Queste cose succedono nei film.Nella realtà, la polizia spara. Spara ad altezza d'uomo, spara senza pietà, spara per uccidere.Le pallottole lacerano l'aria e le carni, spezzano le ossa. Le prime due, tre file cadono. Gli aspiranti ribelli si danno alla fuga. La ribellione è domata. I capi saranno rastrellati con comodo, e "scomparsi".Non confondere la fantasia con la realtà. Il risveglio potrebbe essere amaro.
          • Troper scrive:
            Re: I veri motivi
            Sei il solito pessimista senza logica -.-Se proprio vuoi fare una critica, critica piuttosto il fatto che, stranamente, sia completamente assente una parte estremista dei protestanti che attacca con le armi invece di camminare e basta
          • verso il baratro scrive:
            Re: I veri motivi

            Per sempre, ovviamente. Ricorda, è un'opera di
            fantasia. Mi ha fatto sorridere la scena in cui
            migliaia di dimostranti disarmati con la maschera
            mettono in fuga la polizia, armata fino ai
            denti.

            Queste cose succedono nei film.È vero
            Nella realtà, la polizia spara. Spara ad altezza
            d'uomo, spara senza pietà, spara per
            uccidere.Nella realtà, la polizia non c'è nemmeno. I dimostranti si scagliano contro il vuoto.Per un certo tempo ci sarà l'esercito, poi nemmeno più quello: la popolazione viene lasciata a sè stessa, e i manifestanti si aggrediscono tra di loro; bastano poche ore perchè la civiltà venga dimenticata e l'uomo torni alla natura della bestia... o venga schiacciato e calpestato dagli altri.
          • uno realista scrive:
            Re: I veri motivi
            - Scritto da: Get Real
            - Scritto da: bubba


            c'e' anche "V for Vendetta"... vedremo per
            quanto

            rimarra' solo un fumetto (e un

            film).

            Per sempre, ovviamente. Ricorda, è un'opera di
            fantasia. Mi ha fatto sorridere la scena in cui
            migliaia di dimostranti disarmati con la maschera
            mettono in fuga la polizia, armata fino ai
            denti.

            Queste cose succedono nei film.

            Nella realtà, la polizia spara. Spara ad altezza
            d'uomo, spara senza pietà, spara per
            uccidere.

            Le pallottole lacerano l'aria e le carni,
            spezzano le ossa. Le prime due, tre file cadono.
            Gli aspiranti ribelli si danno alla fuga. La
            ribellione è domata. I capi saranno rastrellati
            con comodo, e
            "scomparsi".

            Non confondere la fantasia con la realtà. Il
            risveglio potrebbe essere
            amaro.Get Real, sei un mito!
          • bubba scrive:
            Re: I veri motivi
            - Scritto da: uno realista
            - Scritto da: Get Real

            - Scritto da: bubba




            c'e' anche "V for Vendetta"... vedremo per

            quanto


            rimarra' solo un fumetto (e un


            film).



            Per sempre, ovviamente. Ricorda, è un'opera di

            fantasia. Mi ha fatto sorridere la scena in cui

            migliaia di dimostranti disarmati con la
            maschera

            mettono in fuga la polizia, armata fino ai

            denti.



            Queste cose succedono nei film.( yaddayadda )

            Get Real, sei un mito!Si, del film muto. (cit) (anche se, sfortunatamente per noi, lui non e' muto :D )
  • panda rossa scrive:
    Un'altra bella mazzata...
    Un'altra bella mazzata alla libera cultura.Le trasmissioni free danno troppo fastidio: distolgono gli spettatori dai canali a pagamento, e allora vai con le minacce.E stavolta non c'e' neppure la scusa dei banner pubblicitari come per dotcom. Qui siamo di fronte ad un soggetto che copriva le spese con "libere offerte".
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Un'altra bella mazzata...
      - Scritto da: panda rossa
      E stavolta non c'e' neppure la scusa dei banner
      pubblicitari come per dotcom. Qui siamo di fronte
      ad un soggetto che copriva le spese con "libere
      offerte".Colombo (quello vecchio) secondo te com'era?
      • panda rossa scrive:
        Re: Un'altra bella mazzata...
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
        - Scritto da: panda rossa

        E stavolta non c'e' neppure la scusa dei
        banner

        pubblicitari come per dotcom. Qui siamo di
        fronte

        ad un soggetto che copriva le spese con
        "libere

        offerte".

        Colombo (quello vecchio) secondo te com'era?Ti riferisci alla serie tv con Peter Falk?Piacevole, che riguarderei volentieri ogni tanto.Alcuni episodi avevano veramente dei grandi colpi di scena.
    • ruppolo scrive:
      Re: Un'altra bella mazzata...
      - Scritto da: panda rossa
      Un'altra bella mazzata alla libera cultura.La cultura sta in biblioteca pubblica.
      Le trasmissioni free danno troppo fastidio:
      distolgono gli spettatori dai canali a pagamento,
      e allora vai con le
      minacce.

      E stavolta non c'e' neppure la scusa dei banner
      pubblicitari come per dotcom. Qui siamo di fronte
      ad un soggetto che copriva le spese con "libere
      offerte".Certo, il soggetto era ineccepibile, etico.Chi non sono etici sono la gente come te, gli utenti. A causa loro il sito è stato terminato.A causa loro si fanno le leggi repressive e le tasse sui supporti vergini.Eh, l'etica... questa sconosciuta.
      • panda rossa scrive:
        Re: Un'altra bella mazzata...
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: panda rossa

        Un'altra bella mazzata alla libera cultura.

        La cultura sta in biblioteca pubblica.Mica tutte le biblioteche dispongono ancora di tutte le registrazioni televisive free.Alcune hanno qualcosa, ma non c'e' tutto, e soprattutto non ci sono le trasmissioni free straniere.La tecnologia oggi lo permetterebbe.La domanda e': chi lo impedisce?La risposta e' nell'articolo.

        Le trasmissioni free danno troppo fastidio:

        distolgono gli spettatori dai canali a
        pagamento,

        e allora vai con le

        minacce.



        E stavolta non c'e' neppure la scusa dei
        banner

        pubblicitari come per dotcom. Qui siamo di
        fronte

        ad un soggetto che copriva le spese con
        "libere

        offerte".

        Certo, il soggetto era ineccepibile, etico.Il soggetto di cui stiamo parlando sono le trasmissioni free.Non svicolare come al solito.
        Chi non sono etici sono la gente come te, gli
        utenti. A causa loro il sito è stato
        terminato.Un sito senza scopo di lucro che si propone di conservare e mettere a disposizione contenuti liberi non sarebbe etico?Spiega.
        A causa loro si fanno le leggi repressive e le
        tasse sui supporti vergini.Fortunatamente ci sono paesi dell'europa comunitaria dove queste tasse non ci sono o sono di importo simbolico e trascurabile e si puo' acquistare laggiu'.
        Eh, l'etica... questa sconosciuta.L'etica sarebbe quella cosa che fa rima con "pretestuosi brevetti sui rettangoli per affossare la concorrenza"?
        • ruppolo scrive:
          Re: Un'altra bella mazzata...
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: ruppolo

          - Scritto da: panda rossa


          Un'altra bella mazzata alla libera
          cultura.



          La cultura sta in biblioteca pubblica.

          Mica tutte le biblioteche dispongono ancora di
          tutte le registrazioni televisive
          free.Mai sentito parlare di libri?
          Alcune hanno qualcosa, ma non c'e' tutto, e
          soprattutto non ci sono le trasmissioni free
          straniere.Mai sentito parlare di libri?
          La tecnologia oggi lo permetterebbe.La tecnologia è solo un mezzo. Ad esempio la tecnologia permette di tirare un grilletto, ucciderti, prendere le tue cose e condividerle. La tecnologia.Però c'è la giustizia, l'onestà e il rispetto del prossimo, che vengono PRIMA della tecnologia.
          La domanda e': chi lo impedisce?Le tre cose che ho appena citato.
          La risposta e' nell'articolo.No, la risposta è dentro di te, basta cercare.



          Le trasmissioni free danno troppo
          fastidio:


          distolgono gli spettatori dai canali a

          pagamento,


          e allora vai con le


          minacce.





          E stavolta non c'e' neppure la scusa dei

          banner


          pubblicitari come per dotcom. Qui siamo
          di

          fronte


          ad un soggetto che copriva le spese con

          "libere


          offerte".



          Certo, il soggetto era ineccepibile, etico.

          Il soggetto di cui stiamo parlando sono le
          trasmissioni
          free.
          Non svicolare come al solito.Il soggetto è il sito che è stato chiuso nonostante l'etica del gestore. Questo, è il soggetto.


          Chi non sono etici sono la gente come te, gli

          utenti. A causa loro il sito è stato

          terminato.

          Un sito senza scopo di lucro che si propone di
          conservare e mettere a disposizione contenuti
          liberi non sarebbe
          etico?Certo che lo è, eccome.
          Spiega.Sono i suoi UTENTI, che NON SONO ETICI.


          A causa loro si fanno le leggi repressive e
          le

          tasse sui supporti vergini.

          Fortunatamente ci sono paesi dell'europa
          comunitaria dove queste tasse non ci sono o sono
          di importo simbolico e trascurabile e si puo'
          acquistare
          laggiu'.Eh si, fortunatamente i criminali hanno i covi dove nascondersi, fortunatamente. Alcuni con molti soldi, poi, possono permettersi abili avvocati che manipolano (o strumentalizzano, che dir si voglia) le leggi a loro favore, in modo da poter continuare a delinquere in barba a leggi e giustizia.Del resto gabbare le leggi è lo sport preferito dei criminali.


          Eh, l'etica... questa sconosciuta.

          L'etica sarebbe quella cosa che fa rima con
          "pretestuosi brevetti sui rettangoli per
          affossare la
          concorrenza"?No, l'etica è quella cosa che ti impedisce di trarre indebitamente vantaggio dalle fatiche altrui.
          • laDuraRealt a scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: ruppolo
            No, l'etica è quella cosa che ti impedisce di
            trarre indebitamente vantaggio dalle fatiche
            altrui.Fatiche che gli "altrui" non facevano affatto. Oppure i detentori dei diritti fornivano già il servizio di differita senza limiti regionali?
          • Allibito scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: laDuraRealt a
            - Scritto da: ruppolo


            No, l'etica è quella cosa che ti impedisce di

            trarre indebitamente vantaggio dalle fatiche

            altrui.

            Fatiche che gli "altrui" non facevano affatto.
            Oppure i detentori dei diritti fornivano già il
            servizio di differita senza limiti
            regionali?E' loro e se non possono farlo loro chi può farlo? Riesci a capire che una differita copre altre ora di trasmissione, altra pubblicità? Ma se anche non ci fosse, loro possono farlo quanto vogliono. sono i detentori dei diritti, ci mancherebbe.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...

            E' loro e se non possono farlo loro chi può
            farlo? Se nno possono farlo, sono inutili e non meritano lo stipendio.
          • Allibito scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: uno qualsiasi

            E' loro e se non possono farlo loro chi può

            farlo?

            Se nno possono farlo, sono inutili e non meritano
            lo
            stipendio.Purtroppo per te, possono.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            Possono offrire il servizio senza limiti regionali?E allora perchè non lo fanno?(o forse hai risposto senza aver letto la domanda, eh?)
          • Allibito scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Possono offrire il servizio senza limiti
            regionali?
            E allora perchè non lo fanno?

            (o forse hai risposto senza aver letto la
            domanda,
            eh?)Non c'era il soggetto nella tua frase e pensavo intendessi L'avente diritto. Una tv ha licenze limitate, se vuoi vedere i loro programmi devi comprarli o aspettare che una tv nazionale li acquisti. Ultima possibilità te li vai a vedere in GB, la tv ha pagato i diritti per il suolo nazionale non mondiale.
          • krane scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: laDuraRealt a

            - Scritto da: ruppolo


            No, l'etica è quella cosa che ti


            impedisce di trarre indebitamente


            vantaggio dalle fatiche altrui.

            Fatiche che gli "altrui" non facevano affatto.

            Oppure i detentori dei diritti fornivano già il

            servizio di differita senza limiti

            regionali?
            E' loro e se non possono farlo loro chi può
            farlo? Riesci a capire che una differita copre
            altre ora di trasmissione, altra pubblicità? Ma
            se anche non ci fosse, loro possono farlo quanto
            vogliono. sono i detentori dei diritti, ci
            mancherebbe.Puo' farlo chiunque, certo illegalmente ma chi guarda mica si formalizza su questi dettagli (rotfl)
          • Allibito scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Allibito

            - Scritto da: laDuraRealt a


            - Scritto da: ruppolo




            No, l'etica è quella cosa che ti



            impedisce di trarre indebitamente



            vantaggio dalle fatiche altrui.



            Fatiche che gli "altrui" non facevano
            affatto.


            Oppure i detentori dei diritti
            fornivano già
            il


            servizio di differita senza limiti


            regionali?

            E' loro e se non possono farlo loro chi può

            farlo? Riesci a capire che una differita
            copre

            altre ora di trasmissione, altra pubblicità?
            Ma

            se anche non ci fosse, loro possono farlo
            quanto

            vogliono. sono i detentori dei diritti, ci

            mancherebbe.

            Puo' farlo chiunque, certo illegalmente ma chi
            guarda mica si formalizza su questi dettagli
            (rotfl)Lo dici tu! Mica tutti sono sfigati, esistono persone per bene che possono permettersi di pagare un abbonamento o la visione di quel che vogliono, senza problemi, intoppi, imprevisti e nella qualità migliore esistente.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            Possono permetterseli.... ma perchè dovrebbero?Perchè mai una persona sana di mente dovrebbe dare soldi a chi lo chiama ladro?
          • panda rossa scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: Allibito
            Lo dici tu! Mica tutti sono sfigati, esistono
            persone per bene che possono permettersi di
            pagare un abbonamento o la visione di quel che
            vogliono, senza problemi, intoppi, imprevisti e
            nella qualità migliore
            esistente.E allora se questa gente esiste, di che ti lamenti?
          • krane scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Allibito


            - Scritto da: laDuraRealt a



            - Scritto da: ruppolo

            Puo' farlo chiunque, certo illegalmente ma chi

            guarda mica si formalizza su questi dettagli

            (rotfl)
            Lo dici tu! Mica tutti sono sfigati, esistono
            persone per bene che possono permettersi di
            pagare un abbonamento o la visione di quel che
            vogliono, senza problemi, intoppi, imprevisti e
            nella qualità migliore esistente.Quindi non hai letto che nell'articolo si diceva che il servizio fornito da questi serviva proprio a permettere ai cittadini all'estero le trasmissioni inglesi, come fai a "permetterti" qualcosa che non viene fornito da nessuno legalmente ? Alla faccia le "la visione di quel che vogliono, senza problemi, intoppi, imprevisti e nella qualità migliore esistente."
          • panda rossa scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ruppolo


            - Scritto da: panda rossa



            Un'altra bella mazzata alla libera

            cultura.





            La cultura sta in biblioteca pubblica.



            Mica tutte le biblioteche dispongono ancora
            di

            tutte le registrazioni televisive

            free.

            Mai sentito parlare di libri?Letto l'articolo, o almeno il titolo?

            Alcune hanno qualcosa, ma non c'e' tutto, e

            soprattutto non ci sono le trasmissioni free

            straniere.

            Mai sentito parlare di libri?Letto l'articolo, o almeno il titolo?

            La tecnologia oggi lo permetterebbe.

            La tecnologia è solo un mezzo. Ad esempio la
            tecnologia permette di tirare un grilletto,
            ucciderti, prendere le tue cose e condividerle.Vero.Prima che la tecnologia mettesse a disposizione il grilletto era piu' complesso fare quello che dici.
            La
            tecnologia.
            Però c'è la giustizia, l'onestà e il rispetto del
            prossimo, che vengono PRIMA della
            tecnologia.L'onesta' e il rispetto verso il prossimo possono venire negate anche con delle leggi che soffocano la tecnologia per conservare degli intermediari parassiti che la tecnologia rende obsoleti.

            La domanda e': chi lo impedisce?

            Le tre cose che ho appena citato.Ti rendo noto che sono appena tornato dalla pausa pranzo, e che ho mangiato cosi' bene che ho appena emesso un lungo rutto baritonale per favorire la digestione.

            La risposta e' nell'articolo.

            No, la risposta è dentro di te, basta cercare.L'ho appena emessa la risposta che era dentro di me.

            conservare e mettere a disposizione contenuti

            liberi non sarebbe

            etico?

            Certo che lo è, eccome.Ecco, allora ritorniamo all'articolo in questione.

            Spiega.

            Sono i suoi UTENTI, che NON SONO ETICI.La fruizione di contenuti liberi non e' etica?
          • Funz scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: ruppolo
            Eh si, fortunatamente i criminali hanno i covi
            dove nascondersi, fortunatamente. Alcuni con
            molti soldi, poi, possono permettersi abili
            avvocati che manipolano (o strumentalizzano, che
            dir si voglia) le leggi a loro favore, in modo da
            poter continuare a delinquere in barba a leggi e
            giustizia.
            Del resto gabbare le leggi è lo sport preferito
            dei
            criminali.Stai parlando delle major? :pAggiungi pure che fanno lobbying per manipolare le leggi a loro piacimento, ovviamente ai danni della collettività.
        • Allibito scrive:
          Re: Un'altra bella mazzata...
          - Scritto da: panda rossa


          Mica tutte le biblioteche dispongono ancora di
          tutte le registrazioni televisive
          free.
          Alcune hanno qualcosa, ma non c'e' tutto, e
          soprattutto non ci sono le trasmissioni free
          straniere.
          La tecnologia oggi lo permetterebbe.
          La domanda e': chi lo impedisce?
          La risposta e' nell'articolo.L'ostacolo non è certo tecnologico, non tutto quello che la tecnologia permette è lecito fare. Perchè confondi sempre quello che è possibile fare con quello che si può fare?



          Le trasmissioni free danno troppo
          fastidio:


          distolgono gli spettatori dai canali a

          pagamento,


          e allora vai con le


          minacce.





          E stavolta non c'e' neppure la scusa dei

          banner


          pubblicitari come per dotcom. Qui siamo
          di

          fronte


          ad un soggetto che copriva le spese con

          "libere


          offerte".


          Il soggetto di cui stiamo parlando sono le
          trasmissioni
          free.Il giorno che riuscirai a capire che una trasmissione free paga i diritti per quello spazio in quel giorno, se qualcuno la mette a disposizione per sempre sta sfruttando l'opera in modo diverso. Se vuoi vedere un film il costo è toto, se vuoi averlo per sempre il costo sarà diverso.
          Un sito senza scopo di lucro che si propone di
          conservare e mettere a disposizione contenuti
          liberi non sarebbe
          etico?
          Spiega.No, non lo è, neanche un pò, viola la legge e non si può parlare di etica.
          L'etica sarebbe quella cosa che fa rima con
          "pretestuosi brevetti sui rettangoli per
          affossare la
          concorrenza"?Per proteggere un'idea, se l'idea è tua.
          • krane scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: panda rossa

            Mica tutte le biblioteche dispongono ancora di

            tutte le registrazioni televisive

            free.

            Alcune hanno qualcosa, ma non c'e' tutto, e

            soprattutto non ci sono le trasmissioni free

            straniere.

            La tecnologia oggi lo permetterebbe.

            La domanda e': chi lo impedisce?

            La risposta e' nell'articolo.
            L'ostacolo non è certo tecnologico, non tutto
            quello che la tecnologia permette è lecito fare.
            Perchè confondi sempre quello che è possibile
            fare con quello che si può fare?Perche' se i puo' fare un sacco di gente lo fara' indipendentemente se sia lecito o morale farlo. E di questo non puoi non tenerne conto altrimenti sei un povero illuso che non vuole guardare in faccia la realta'.
          • Allibito scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Allibito

            - Scritto da: panda rossa



            Mica tutte le biblioteche dispongono
            ancora
            di


            tutte le registrazioni televisive


            free.


            Alcune hanno qualcosa, ma non c'e'
            tutto,
            e


            soprattutto non ci sono le trasmissioni
            free


            straniere.


            La tecnologia oggi lo permetterebbe.


            La domanda e': chi lo impedisce?


            La risposta e' nell'articolo.


            L'ostacolo non è certo tecnologico, non tutto

            quello che la tecnologia permette è lecito
            fare.

            Perchè confondi sempre quello che è possibile

            fare con quello che si può fare?

            Perche' se i puo' fare un sacco di gente lo fara'
            indipendentemente se sia lecito o morale farlo. E
            di questo non puoi non tenerne conto altrimenti
            sei un povero illuso che non vuole guardare in
            faccia la
            realta'.Il fatto che in molti buttino cicche per terra non rende la cosa meno incivile... renditene conto. Serve solo un pizzico di severità in più, come è stato per il casco, le cinture,i limiti di velocità ecc ecc.
          • krane scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: Allibito
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Allibito


            - Scritto da: panda rossa


            L'ostacolo non è certo tecnologico, non


            tutto quello che la tecnologia permette è


            lecito fare.


            Perchè confondi sempre quello che è


            possibile fare con quello che si può


            fare?

            Perche' se i puo' fare un sacco di gente

            lo fara' indipendentemente se sia lecito

            o morale farlo. E di questo non puoi non

            tenerne conto altrimenti sei un povero

            illuso che non vuole guardare in faccia

            la realta'.
            Il fatto che in molti buttino cicche per
            terra non rende la cosa meno incivile...Da piccolo nessuno ti ha mai detto che il mondo e' brutto vero ?
            renditene conto. Serve solo un pizzico di
            severità in più, come è stato per il
            casco, le cinture,i limiti di velocità ecc
            ecc.Vai a spiegare a un motociclista che avere la testa spaccata e' meno grave che riempirsi il lettore mp3 di canzoni pirata, magari uno di quelli grossi e bochiati con la scritta Hell angels sulla schiena.
          • iRoby scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            Quindi in teoria un privato che si copia una trasmissione TV che è stata pagata per quella sola trasmissione in quel giorno a quell'ora, e poi porta la copia a casa di qualche parente e amico che non l'aveva vista per mostrargliela sta automaticamente commettendo un illecito?
          • panda rossa scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: iRoby
            Quindi in teoria un privato che si copia una
            trasmissione TV che è stata pagata per quella
            sola trasmissione in quel giorno a quell'ora, e
            poi porta la copia a casa di qualche parente e
            amico che non l'aveva vista per mostrargliela sta
            automaticamente commettendo un
            illecito?Un reato gravissimo, per il quale e' prevista la pena capitale da eseguirsi nella pubblica piazza.
          • rockroll scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: iRoby

            Quindi in teoria un privato che si copia una

            trasmissione TV che è stata pagata per quella

            sola trasmissione in quel giorno a
            quell'ora,
            e

            poi porta la copia a casa di qualche parente
            e

            amico che non l'aveva vista per
            mostrargliela
            sta

            automaticamente commettendo un

            illecito?

            Un reato gravissimo, per il quale e' prevista la
            pena capitale da eseguirsi nella pubblica
            piazza.Mi sei piaciuto; tranquillo, qui Allibito & C. non sanno proprio cosa risponderti!
          • rockroll scrive:
            Re: Un'altra bella mazzata...
            Sono " allibito " su cosa intendi per etica, confondendola con il cieco inchinarsi ad una "legge" assurda e liberticida (licenze regionali, mi vien da ridere solo a pensarci)... Sono " allibito " su cosa ci sia di etico sulla protezione dell'idea del ... rettangolo (mi...zzica, che pen z ata sconvolgente!).Quando alle tre di una notte d'inverno a Torino, tornando dal lavoro, ho soccorso una prostituta nigeriana stremata dal freddo e dalla fame e l'ho portata in pronto soccorso, ho violato la legge sull'immigrazione clandestina, a giudizio della polizia presente sul posto... Alla faccia dell'ETICA, o meglio della carità cristiana! E' così che ragioni anche tu?
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Un'altra bella mazzata...
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: panda rossa

        Un'altra bella mazzata alla libera cultura.

        La cultura sta in biblioteca pubblica.Allora considera internet come una biblioteca e sei a posto.
        Certo, il soggetto era ineccepibile, etico.

        Chi non sono etici sono la gente come te, gli
        utenti. A causa loro il sito è stato
        terminato.Se non lo usi, magari non verrà terminato... ma allora è inutile che esista.

        A causa loro si fanno le leggi repressive e le
        tasse sui supporti
        vergini.Tanto sei poi tu a pagare tale tassa, mica noi.
    • Allibito scrive:
      Re: Un'altra bella mazzata...
      - Scritto da: panda rossa
      Un'altra bella mazzata alla libera cultura.

      Le trasmissioni free danno troppo fastidio:
      distolgono gli spettatori dai canali a pagamento,
      e allora vai con le
      minacce.

      E stavolta non c'e' neppure la scusa dei banner
      pubblicitari come per dotcom. Qui siamo di fronte
      ad un soggetto che copriva le spese con "libere
      offerte".Un'altra bella mazzata alla circolazione illecita di opere protette, quale cultura. le vostre ipotesi di complotto fanno sorridere, perchè cercare nella fantascienza i motivi per cui qualcuno che possiede qualcosa, voglia semplicemente proteggerla?I banner pubblicitari non sono una scusa ma un'aggravante, non è che senza banner puoi divulgare quello che vuoi. Il reato inizia nel momento in cui l'opera viene immessa in una rete telematica, banner o non banner il reato c'è, tanto che è stato intelligente a non infilarsi in guai seri come ha fatto invece lo sprezzante Kim.
      • krane scrive:
        Re: Un'altra bella mazzata...
        - Scritto da: Allibito
        - Scritto da: panda rossa

        Un'altra bella mazzata alla libera cultura.

        Le trasmissioni free danno troppo fastidio:

        distolgono gli spettatori dai canali a

        pagamento, e allora vai con le minacce.

        E stavolta non c'e' neppure la scusa dei

        banner pubblicitari come per dotcom. Qui

        siamo di fronte ad un soggetto che copriva

        le spese con "libere offerte".
        Un'altra bella mazzata alla circolazione illecita
        di opere protette, quale cultura. le vostre
        ipotesi di complotto fanno sorridere, perchè
        cercare nella fantascienza i motivi per cui
        qualcuno che possiede qualcosa, voglia
        semplicemente proteggerla?Perche' proprio la fantascienza ci ha insegnato che se non si copiano le cose vanno perdute, appunto i primissimi telefilm di fantascienza"capitan cosmo".-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 agosto 2012 12.36-----------------------------------------------------------
      • iRoby scrive:
        Re: Un'altra bella mazzata...
        Ehm stiamo parlando di riproporre in streaming canali televisivi in chiaro pubblici con programmi acquistati dalla TV pubblica per trasmetterli a livello pubblico e nazionale.Nel caso di programmi non di produzione della TV stessa, stiamo parlando di diritti pagati a monte dall'emittente, e di trasmissioni ormai passate nell'etere e registrate per permettere a chi ha perso il programma di vederlo con comodo in straming in differita.Stanno obbligando a chiudere chi ha registrato e fa rivedere programmi che hanno comunque sovraimpresso il logo della TV.Qui il problema legislativo sui diritti televisivi è importante.Perché vuol dire che la TV non prende accordi che permettono la registrazione e riproduzione differita. Anche perché se è TV di Stato i programmi sono stati comprati coi soldi dei cittadini, ed in un certo senso ormai trasmessi nell'etere dovrebbero appartenere alla popolazione, in quella "incarnazione" ossia con il logo della TV di Stato sovraimpresso al video del programma acquistato.Cioè vuoi dire che questi programmi già comprati e trasmessi dalla TV di Stato, vanno ricomprati ancora da chi ne vuole fare un archivio da mandare in streaming in differita?
        • rockroll scrive:
          Re: Un'altra bella mazzata...
          - Scritto da: iRoby
          Ehm stiamo parlando di riproporre in streaming
          canali televisivi in chiaro pubblici con
          programmi acquistati dalla TV pubblica per
          trasmetterli a livello pubblico e
          nazionale.

          Nel caso di programmi non di produzione della TV
          stessa, stiamo parlando di diritti pagati a monte
          dall'emittente, e di trasmissioni ormai passate
          nell'etere e registrate per permettere a chi ha
          perso il programma di vederlo con comodo in
          straming in
          differita.

          Stanno obbligando a chiudere chi ha registrato e
          fa rivedere programmi che hanno comunque
          sovraimpresso il logo della
          TV.

          Qui il problema legislativo sui diritti
          televisivi è
          importante.
          Perché vuol dire che la TV non prende accordi che
          permettono la registrazione e riproduzione
          differita. Anche perché se è TV di Stato i
          programmi sono stati comprati coi soldi dei
          cittadini, ed in un certo senso ormai trasmessi
          nell'etere dovrebbero appartenere alla
          popolazione, in quella "incarnazione" ossia con
          il logo della TV di Stato sovraimpresso al video
          del programma
          acquistato.

          Cioè vuoi dire che questi programmi già comprati
          e trasmessi dalla TV di Stato, vanno ricomprati
          ancora da chi ne vuole fare un archivio da
          mandare in streaming in
          differita? Dimostrazione in più, se pur ce ne fosse stato bisogno, di quanto siano illogiche certe "leggi" sopruso a protezione pressochè illimitata di chi sa mai quali pazzeschi contenuti... Stai ragionando con logica su una cosa che di logica non ne ha alcuna, il cui impianto fa acqua da tutte le parti; come puoi venirne a capo?
Chiudi i commenti