iPhone e la torcia connessa

Per qualche ora su AppStore è circolata una applicazione molto particolare. Apparentemente si trattava solo di una lampadina virtuale, ma in realtà sapeva fare molto di più

Roma – Nick Lee, 15 anni , per qualche ora ha tenuto in scacco le strettissime maglie di AppStore. La sua applicazione, Handy Light, per 0,99 dollari offriva una sorgente luminosa colorata tramite lo schermo del Melafonino: niente che non si possa fare semplicemente accendendolo, ma sul marketplace di Cupertino le (in)utility come questa abbondano. Sotto il cofano, mascherata dietro una combinazione di tasti e un po’ di configurazioni da completare, Handy Light nascondeva una funzione particolare: chi, come i clienti AT&T negli USA o Vodafone in Italia, avesse voluto approfittare del tethering senza pagare una tariffa aggiuntiva , non doveva far altro che scucire il simbolico verdone per accaparrarsi l’app.

Al contrario di altri provider, infatti, l’esclusivista statunitense per iPhone non consente di sfruttare lo smartphone come “modem” per navigare con il proprio PC: per farlo occorre sottoscrivere un piano aggiuntivo da 20 dollari al mese, con un limite di 2GB mensili. Cifre che stanno strette ai consumatori, e fino ad adesso l’unico modo di scavalcare queste limitazioni era sbloccare iPhone (tramite la procedura definita Jailbreak ) e installare applicazioni non autorizzate sull’apparecchio.

Con Handy Light, all’apparenza solo una torcia elettrica, si può ( poteva ) fare invece di meglio: creata una WiFi ad hoc sul Mac (facendolo fungere cioè da access point), si collega il proprio iPhone a questa rete locale e si imposta manualmente i dati per la connessione. Lo stesso va fatto sul Mac (indicando il proxy giusto, rispondente all’indirizzo: 13.37.13.37:1337), e infine si lancia l’applicazione magica variando il colore dello schermo secondo una precisa combinazione (vedi video in fondo): a quel punto, il tethering via WiFi (che peraltro non è possibile normalmente: si fa solo via USB o Bluetooth) è bello che servito.

Naturalmente, non appena il video ospitato su YouTube che mostrava la procedura ha iniziato a circolare, Handy Light è sparita da AppStore . Peccato, a quel punto aveva già raggiunto la seconda posizione tra le app a pagamento più vendute: non era la prima volta che un’applicazione simile compariva sul Melafonino, e il fatto che l’autore avesse nascosto questa funzione sotto mentite spoglie (pratica vietata) ha solo garantito qualche ora di vita al software. Chi l’avesse già scaricata, comunque, dovrebbe poter continuare a usarla senza problemi.

A questo punto non è chiaro cosa succederà ai proventi delle vendite completate : avendo violato probabilmente il contratto stipulato tra gli sviluppatori e Apple per l’accesso ad AppStore, il giovane Lee potrebbe non vedere un centesimo di quanto gli spetterebbe secondo la classica ripartizione “70-30”. In ogni caso, quella di Handy Light è una delle poche sbavature in un sistema di filtraggio che – fino a oggi – ha tenuto fuori dal Melafonino spyware e ospiti indesiderati (almeno dalle versioni non sbloccate).

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nemo_bis scrive:
    non può servire ad alimentare alcuna...
    «non può servire ad alimentare alcuna struttura Google sufficientemente vicina agli impianti»Che diamine significa questo? Negli USA non esiste la possibilità di comprare l'elettricità in uno stato e consumarla in un altro come in Europa (persino in Italia c'è la borsa elettrica e lo scambio sul posto!)? O_o Non credo proprio.
  • antonio scrive:
    SONO COME I BORG
    Si insediano dappertutto ormai...PS: bella la battuta di googleland
  • Roby Marius scrive:
    Sarà solo una trovata commerciale?
    Ho 2 ipotesi al riguardo: -una ottima trovata commerciale, comune a molte altre grosse multinazionali, che hanno fatto fare qualche impiantino piccinino piccinino ed economicamente sconveniente, di tipo solare o eolico, per farsi una buona pubblicità. Quando poi magari inquinano da pazzi in altri settori. -google ha provato ad agire in maniera molto spregiudicata e rischiosa in settori non proprio di sua competenza: ha lanciato un nuovo cellulare (NexusOne) che è stato un fallimento, anche se il sistema operativo Android sta andando molto meglio. Forse ha deciso veramente di diventare una big utility di energia? Bo, in ogni caso, quando si hanno molti soldi da reinvistire, queste mosse sono comprensibili, soprattutto quando si è già leader nel proprio business principale dove non sono richiesti ulteriori grossi investimenti. Però dalla new-economy e informatica, all'energia, il salto è bello grosso, potrebbe essere un altro clamoroso fallimento; che non farà cambiare in ogni caso di una virgola il suo fatturato.
    • bertuccia scrive:
      Re: Sarà solo una trovata commerciale?
      "... e non ci hai mai capito un XXXXX!"punto A: il nexus one serviva solo per dire agli altri produttori "ecco, un telefono per android deve essere più o meno fatto così"punto B:il solare è il modo più economico che hanno per garantirsi un minimo di autonomia energetica in caso di [inserire evento tragico a piacere]punto C: l piombo fonde a 335 gradipunto D: l'ultimo tram parte dal municipio alle ventitré e cinque
  • Clistene scrive:
    Google
    Ho quel netto presentimento che colui che guida Google sia un massone o faccia parte di una loggia massonica. Non può essere così lungimirante...
    • Wolf01 scrive:
      Re: Google
      Ti sei contraddetto in un modo pietoso.I massoni sono i più lungimiranti e affamati di conoscenza.Non confonderti con gli amish o sette del genere.
  • Steve Robinson Hakkabee scrive:
    A google sono solo dei noobz
    ecco cosa stiamo costruendo in europa/africa:http://it.wikipedia.org/wiki/DesertecCon buona pace di Silvietto e le sue centrali nucleari
    • Steve Robinson Hakkabee scrive:
      Re: A google sono solo dei noobz
      ti mando un pdf.. muahahaha
    • Undertaker scrive:
      Re: A google sono solo dei noobz
      - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
      ecco cosa stiamo costruendo in europa/africa:
      http://it.wikipedia.org/wiki/Desertec
      Con buona pace di Silvietto e le sue centrali
      nucleariDovrebbero essere i nuclearisti a mostrare i risultati reali del nucleare, con buona pace di chi vive di sogni e progetti irrealizzabili
  • il fanboy berluschin o scrive:
    verde = colore del dollaro
    Ieri ho sentito l'emiliofede dire che noi italiani abbiamo bisogno del nucleare oppure l'anno prossimo non avremo più la corrente per far funzionare il tivù. L'emiliofede ha anche detto che il nucleare è più verde (verde dollaro) del solare e che tutti gli amichetti del Presidente applaudono contenti.
  • Pino scrive:
    Google sbaglia - w il nucleare
    Fate come noi, e come quella mente illuminata del nano pelato.Costruiamo centrali nucleari, altro che energia verde!!! E magari anche un bel ponte...:-(
    • Thescare scrive:
      Re: Google sbaglia - w il nucleare
      - Scritto da: Pino
      Costruiamo centrali nucleari, altro che energia
      verde!!! E magari anche un bel
      ponte...
      :-(Magari in elenchi telefonici.....
    • KaysiX scrive:
      Re: Google sbaglia - w il nucleare
      Ma l'energia nucleare è la più verde di tutte! Guarda la sigla iniziale dei Simpson se non ci credi! ;)
    • random name scrive:
      Re: Google sbaglia - w il nucleare
      infatti "don't be evil" non c'entra una mazza è solo una questione di $$$ anzi $$$$$$$$$
    • Funz scrive:
      Re: Google sbaglia - w il nucleare
      - Scritto da: Surak 2.0
      Da poco è stato aperto un cemtro termosolare a
      concentrazione
      cioè
      la forma di energia solare più conveniente per
      produrre elettricità in Italia dopo che per anni
      si raccontava che il "povero" Rubbia aveva l'idea
      "spazza via centrali tradizionali"..anzi pure che
      poteva rendere autarchica energeticamente ogni
      famiglia tirandolo in tasca alle
      lobby.
      Peccato che:
      http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/energi
      costi 5 o 6 volte quella data da centrali
      tradizionali...ed è la solare più conveniente (il
      fotovoltaico è praticamente fuffa in un certo
      senso).Non puoi paragonare il costo dell'energia prodotta da un paio di impianti sperimentali con tecnologie stracollaudate. Aspetta di mettere nel conto le economie di scala, e vedi che le cose cambiano.Quello che dici del FV poi è errato, visto che oramai nelle aree più soleggiate siamo molto vicini alla grid parity (costo di un kWh da FV = costo di un kWh comprato dalla rete), altro che fuffa...
      Il nucleare...secondo quel che ho letto e
      considerato si pone tra la parità di costo e non
      più del doppio (sì, compreso tutto..depositi
      scorie, decommisione, assicurazioni, etc) e forse
      pure meglio se si allungano i tempi di vita delle
      centrali.L'eolico oramai è competitivo come prezzo con le fonti tradizionali, e il nucleare se lo mangia.Senza contare l'evoluzione dell'eolico d'alta quota, di cui siamo all'avanguardia in Italia tra la disattenzione criminale dei nostri amministratori.
      • Surak 2.0 scrive:
        Re: Google sbaglia - w il nucleare
        - Scritto da: Funz
        Non puoi paragonare il costo dell'energia
        prodotta da un paio di impianti sperimentaliQuello è un impianto industriale..non un prototipo.Inoltre il concetto di solare a concentrazione risale ad Archimede e ne è ben noto ormai il potenziale(nel bene e nel male)
        con tecnologie stracollaudate.Quali? Il nucleare? Veramente ha ancora molte varianti tecnologiche da collaudare...ed anzi...si prende ad esempio proprio un prototipo dell'EPR che ha avuto vari intoppi e ripensamenti (essendo appunto un prototipo) per portarlo ad esempio del costo del nucleare.
        Aspetta di mettere nel
        conto le economie di scala, e vedi che le cose
        cambiano.Ormai "maneggiamo" abbastanza precisamente la fisica e i dati sulla presenza di certe materie prime per poter calcolare gli sviluppi futuri e il range di costo possibile per certe tecnologie...ovviamente i miracoli non sono calcolati.'Sta leggenda urbana per cui, ad esempio, il problema del fv è un problema di scala va avanti dagli anni '80, ma in realtà l'incremento sia di resa che la diffuzione ha ottenuto conseguenze minime e pure i modesti aumenti di efficienza nelle rese ha mantenuto il tutto a livello di fuffa.Nel solare termodinamico, la scala quale vuoi che sia?Non è che poi porre specchi a distanze illimitate, quindi al massimo puoi ottenere un sistema modulare...ed è facile comunque stabilire dove e quanto puoi risparmiare e se fosse così conveniente lo avrebbero già fatto.
        Quello che dici del FV poi è errato, visto che
        oramai nelle aree più soleggiate siamo molto
        vicini alla grid parity (costo di un kWh da FV =
        costo di un kWh comprato dalla rete),Su quale pianeta? Tra l'altro il "soleggiato" spesso rende i moduli fotovoltaici meno produttivi poichè se si scaldano diventano meno efficienti, quindi non basta spostare i pannelli fv della Germania nel Sahara per auemntarne la resa in proporzione all'irragiamento.Il Fv è fuffa perchè rende solo perchè vive di sussidi pagati dagli altri consumatori (per non parlare di tassa si sono inventati robe tipo conto energia per cui prelevano i soldi nelle bollette altrui...ma non è mica una tassa, neh!).Forse da qualche parte nel mondo sei a 1 a 1 se ci comprendi le tasse ma devono essere belle alte (tipo la benzina, ma sulla corrente non lo sono di solito) e soprattutto poi se tuttoi l'adottassero dovrebbero pagare a parte per le strade
        altro che
        fuffa...Sì, in effetti è riduttivo...la fuffa non comprende l'estorsione

        Il nucleare...secondo quel che ho letto e

        considerato si pone tra la parità di costo e non

        più del doppio (sì, compreso tutto..depositi

        scorie, decommisione, assicurazioni, etc) e
        forse

        pure meglio se si allungano i tempi di vita
        delle

        centrali.

        L'eolico oramai è competitivo come prezzo con le
        fonti tradizionali,Sì, ma nei punti buoni e a certe condizioni (cioè se un sistema tradizionale di energia gli fa da "tampone").E' un po come quando dicono "la sanità privata funziona meglio e costa meno di quella pubblica" peccato che si scordino che in buona parte il risparmio è scaricato sulle strutture pubbliche perchè in caso di emergenza spediscono il paziente nelle sale di rianimazione di un ospedale. In questo caso..è l'ecXXXXX di domanda o il calo di produzione ad essere "l'emergenza" da scaricare a costo 0
        e il nucleare se lo
        mangia.Non direi...anzi... il nucleare secondo certi calcoli è già competitivo o al massimo lo è poco meno, ma in compenso occupa poco posto, non deve essere in enormi spazi aperti, produce costantemente...In pratica è perfetto per essere la "base" su cui modulare tutto il resto
        Senza contare l'evoluzione dell'eolico d'alta
        quota,Quando scenderà a farsi vedere ed a rendere...magari possiamo rifare i conti ;-)
        di cui siamo all'avanguardia in Italia tra
        la disattenzione criminale dei nostri
        amministratori.Certo..i giapponesi o i cinesi così avidi di energia temono proprio i nostri criminali amministratori (o aspettano l'italiano)Ciao!
        • Funz scrive:
          Re: Google sbaglia - w il nucleare
          - Scritto da: Surak 2.0
          - Scritto da: Funz



          Non puoi paragonare il costo dell'energia

          prodotta da un paio di impianti sperimentali

          Quello è un impianto industriale..non un
          prototipo.Ce n'è uno in Spagna e uno nel sud Italia, mi pare. Siamo nel campo dei prototipi, quando ce ne saranno decine si potrà parlare di regime.
          Inoltre il concetto di solare a concentrazione
          risale
          ad Archimede e ne è ben noto ormai il potenziale
          (nel bene e nel male)Vabbè, teniamo il discorso ben lontano dal tecnico...

          con tecnologie stracollaudate.

          Quali? Il nucleare? Veramente ha ancora molte
          varianti tecnologiche da collaudare...ed
          anzi...si prende ad esempio proprio un prototipo
          dell'EPR che ha avuto vari intoppi e ripensamenti
          (essendo appunto un prototipo) per portarlo ad
          esempio del costo del
          nucleare.Parlavo soprattutto del termoelettrico, ma anche il nucleare di vecchia generazione non è tanto conveniente quando metti nel conto anche la dismissione delle centrali e la gestione delle scorie.Certo, ha il vantaggio che le centrali sono ammortizzate da decenni.

          Aspetta di mettere nel

          conto le economie di scala, e vedi che le cose

          cambiano.

          Ormai "maneggiamo" abbastanza precisamente la
          fisica e i dati sulla presenza di certe materie
          prime per poter calcolare gli sviluppi futuri e
          il range di costo possibile per certe
          tecnologie...ovviamente i miracoli non sono
          calcolati.
          'Sta leggenda urbana per cui, ad esempio, il
          problema del fv è un problema di scala va avanti
          dagli anni '80, ma in realtà l'incremento sia di
          resa che la diffuzione ha ottenuto conseguenze
          minime e pure i modesti aumenti di efficienza
          nelle rese ha mantenuto il tutto a livello di
          fuffa.Mica vero. Sia per quanto riguarda il rendimento sia per il costo/Wp
          Nel solare termodinamico, la scala quale vuoi che
          sia?Due impianti sperimentali vs. produzione di massa (vedi Desertec)
          Non è che poi porre specchi a distanze
          illimitate, quindi al massimo puoi ottenere un
          sistema modulare...ed è facile comunque stabilire
          dove e quanto puoi risparmiare e se fosse così
          conveniente lo avrebbero già
          fatto.Infatti lo faranno (non da noi), vedi Desertec

          Quello che dici del FV poi è errato, visto che

          oramai nelle aree più soleggiate siamo molto

          vicini alla grid parity (costo di un kWh da FV =

          costo di un kWh comprato dalla rete),

          Su quale pianeta? Tra l'altro il "soleggiato"
          spesso rende i moduli fotovoltaici meno
          produttivi poichè se si scaldano diventano meno
          efficienti, quindi non basta spostare i pannelli
          fv della Germania nel Sahara per auemntarne la
          resa in proporzione
          all'irragiamento.
          Il Fv è fuffa perchè rende solo perchè vive di
          sussidi pagati dagli altri consumatori (per non
          parlare di tassa si sono inventati robe tipo
          conto energia per cui prelevano i soldi nelle
          bollette altrui...ma non è mica una tassa,
          neh!).
          Forse da qualche parte nel mondo sei a 1 a 1 se
          ci comprendi le tasse ma devono essere belle alte
          (tipo la benzina, ma sulla corrente non lo sono
          di solito) e soprattutto poi se tuttoi
          l'adottassero dovrebbero pagare a parte per le
          stradeGuarda, informati un po' meglio riguardo ai costi del FV e alla grid parity che verrà presto raggiunta con miglioramenti tecnologici già preventivati e riduzioni di costo di produzione.

          altro che

          fuffa...

          Sì, in effetti è riduttivo...la fuffa non
          comprende
          l'estorsione


          L'eolico oramai è competitivo come prezzo con le

          fonti tradizionali,

          Sì, ma nei punti buoni e a certe condizioni (cioè
          se un sistema tradizionale di energia gli fa da
          "tampone").Hai ragione, il nostro problema grosso è l'interconnessione delle reti.Comunque l'eolico off-shore sta andando alla grande nel mare del Nord. Certo, li' hanno grosse reti elettriche molto ben connesse tra loro ad assorbire le fluttuazioni.

          e il nucleare se lo

          mangia.

          Non direi...anzi... il nucleare secondo certi
          calcoli è già competitivo o al massimo lo è poco
          meno, ma in compenso occupa poco posto, non deve
          essere in enormi spazi aperti, produce
          costantemente...
          In pratica è perfetto per essere la "base" su cui
          modulare tutto il
          restoMa solo se hai centrali già attive, pensare di costruirne di nuove oggi, e avere i primi Wh tra 15 anni, è semplicemente da pazzi.

          Senza contare l'evoluzione dell'eolico d'alta

          quota,

          Quando scenderà a farsi vedere ed a
          rendere...magari possiamo rifare i conti
          ;-)Questione di pochi anni, di sicuro arriverà ben prima delle nuove centrali... sarà la fine per il nucleare credimi.

          di cui siamo all'avanguardia in Italia tra

          la disattenzione criminale dei nostri

          amministratori.

          Certo..i giapponesi o i cinesi così avidi di
          energia temono proprio i nostri criminali
          amministratori (o aspettano
          l'italiano)In Cina vanno a carbone e idro. Di sicuro quando arriverà il kitegen ce lo copieranno al volo :p
          • Surak 2.0 scrive:
            Re: Google sbaglia - w il nucleare
            - Scritto da: Funz

            Quello è un impianto industriale..non un

            prototipo.
            Ce n'è uno in Spagna e uno nel sud Italia, mi
            pare.No, di solare termodinamico ci sono impianti pure negli USA.Quelli di cui parli tu sono quelli creati sui progetti di Rubbia
            Siamo nel campo dei prototipi, quando ce ne
            saranno decine si potrà parlare di
            regime.Tra "prototipo" "industriale" e "a regime" c'è una certa differenza.Il prototipo è realizzato per modificarlo via via che si costruisce perchè se ne vede i problemi e si risolvono o si vedono migliorie possibili.Un impianto industriale, lo costruisci già con progetto definitivo (ovviamente fatto salvo imprevisti o errori di progettazione)."A regime" s'intende quando un impianto è ben integrato nel sistema e provato.Il punto è che i prezzi del primo sono puramente indicativi poichè puoi essere costretto a ricostruire della parti interamente da capo.Nel secondo caso sai già quanto verrà a costare e la resa con un margine minimo di errore.Nel terzo ottieni certamente delle riduzioni di costi e delle migliorie ma non miracoli (almeno che prima non siano stati cialtroni)

            Inoltre il concetto di solare a concentrazione

            risale

            ad Archimede e ne è ben noto ormai il potenziale

            (nel bene e nel male)

            Vabbè, teniamo il discorso ben lontano dal
            tecnico...Ma il principio è quello..l'energia disponibile per m2 è nota così come le perdite nelle trasformazioni, etc
            Parlavo soprattutto del termoelettrico, ma anche
            il nucleare di vecchia generazione non è tanto
            conveniente quando metti nel conto anche la
            dismissione delle centrali e la gestione delle
            scorie.Sicuramente sarebbe folle fare centrali nuove "vecchie"Le scorie sono un falso problema (ma funzionano benissimo da baubau)
            Certo, ha il vantaggio che le centrali sono
            ammortizzate da
            decenni.E le nuove si ammortizzano in molto meno tempo, ma purtroppo la finanza vuole guadagnare subito ed è questo il vero motivo per cui per un po' le costruzioni di centrali nucleari nel mondo ha frenato (insieme al petrolio a 15 dollari)
            Mica vero. Sia per quanto riguarda il rendimento
            sia per il
            costo/WpVediamo i dati..ma comunque alla fine, nonostante milairdi e miliardi d'investimenti il fv costa decine di volte di più dell'energia fossile e/o nucleare (che è simile a quella fossile)

            Nel solare termodinamico, la scala quale vuoi
            che

            sia?

            Due impianti sperimentali vs. produzione di massa
            (vedi
            Desertec)Desertec che se non sbaglio è previsto per il 2050...se la prendono comoda, no? In fondo se il problema è solo di scala, lo possono costruire già oppure non è proprio così?Tra l'altro per fornire solo una piccola parte di energia elettrica (il 15%) e prevedendo pure impianti di dissalinizzazione...con il rischio che la maggiore agricoltura ed irrigazione aumenti la nuvolosità...

            Non è che poi porre specchi a distanze

            illimitate, quindi al massimo puoi ottenere un

            sistema modulare...ed è facile comunque
            stabilire

            dove e quanto puoi risparmiare e se fosse così

            conveniente lo avrebbero già

            fatto.

            Infatti lo faranno (non da noi), vedi DesertecSì, conosco il progetto Desertec... e magari fosse come dicono, ma tutto indica che non ne sono affatto sicuri
            Guarda, informati un po' meglio riguardo ai costi
            del FV e alla grid parity che verrà presto
            raggiunta con miglioramenti tecnologici già
            preventivati e riduzioni di costo di
            produzione.Io sono informatissimo...e ti garantisco che se togliessero anche solo il 30% dei grandi aiuti che danno al fotovoltaico...nessuno metterebbe più un cm2...altro che paritàIn fondo chiunque può cercarsi i dati e farsi due conti

            Sì, ma nei punti buoni e a certe condizioni
            (cioè

            se un sistema tradizionale di energia gli fa da

            "tampone").

            Hai ragione, il nostro problema grosso è
            l'interconnessione delle
            reti.
            Comunque l'eolico off-shore sta andando alla
            grande nel mare del Nord.Non ho mica detto che tutto è fuffa, ma alla fine con quel poco che funziona (se funziona bene a pochi posti utili e viceversa) non risolvi nulla e quindi il nucleare fa la sua parte.Di solito uno pseudo ecologista direbbe che il resto basta risparmiarlo negli sprechi... ma di solito lo dice mentre sta andando in giro in aereo per far una conferenza contro i troppi viaggi inutili
            Certo, li' hanno grosse
            reti elettriche molto ben connesse tra loro ad
            assorbire le fluttuazioni.




            e il nucleare se lo


            mangia.



            Non direi...anzi... il nucleare secondo certi

            calcoli è già competitivo o al massimo lo è poco

            meno, ma in compenso occupa poco posto, non deve

            essere in enormi spazi aperti, produce

            costantemente...

            In pratica è perfetto per essere la "base" su
            cui

            modulare tutto il

            resto

            Ma solo se hai centrali già attive, pensare di
            costruirne di nuove oggi, e avere i primi Wh tra
            15 anni, è semplicemente da
            pazzi.Da qualche parte bisogna iniziare...certo che non aver buttato via miliardi nel chiudere quelle che avevamo era meglio, ma oggi si possono costruire su progetti nuovi e quindi più efficienti...e non servono afafto 15 anni, ma c'è chi le fa in meno di 10 (e Maya permettendo, non è così tanto tempo...soprattutto se paragonato ai 40 del Desertec)



            Senza contare l'evoluzione dell'eolico d'alta


            quota,



            Quando scenderà a farsi vedere ed a

            rendere...magari possiamo rifare i conti

            ;-)

            Questione di pochi anni,Se è come per il fv...sono passati 30 anni ed è ancora caro arrabbiato
            di sicuro arriverà ben
            prima delle nuove centrali... sarà la fine per il
            nucleare
            credimi.Spero che non ti offenderai se...


            di cui siamo all'avanguardia in Italia tra


            la disattenzione criminale dei nostri


            amministratori.



            Certo..i giapponesi o i cinesi così avidi di

            energia temono proprio i nostri criminali

            amministratori (o aspettano

            l'italiano)

            In Cina vanno a carbone e idro.Pure a nucleare.Mi pare che ne abbia 8 già attive ed una 20 in costruzione
            Di sicuro quando
            arriverà il kitegen ce lo copieranno al volo
            :pEccerto... mica fregano l'idea e fanno prima il brevetto, neh!Ciao!
          • Funz scrive:
            Re: Google sbaglia - w il nucleare
            Guarda, non penso che tu sia in malafede, ma solo male informato e vittima di un sacco di propaganda nuclearista.
            No, di solare termodinamico ci sono impianti pure
            negli
            USA.
            Quelli di cui parli tu sono quelli creati sui
            progetti di
            Rubbia
            Esatto
            Tra "prototipo" "industriale" e "a regime" c'è
            una certa
            differenza.D'accordo col discorso, ma una produzione di massa di moduli solari termici non la vedo ancora.

            Parlavo soprattutto del termoelettrico, ma anche

            il nucleare di vecchia generazione non è tanto

            conveniente quando metti nel conto anche la

            dismissione delle centrali e la gestione delle

            scorie.

            Sicuramente sarebbe folle fare centrali nuove
            "vecchie"
            Le scorie sono un falso problema (ma funzionano
            benissimo da
            baubau)Ma la tanto sbandierata III generazione è solo una rivisitazione del concetto vecchio di centrale nucleare. Forse con la IV, tra qualche decennio, o con la fusione tra qualche altro ancora...
            E le nuove si ammortizzano in molto meno tempo,
            ma purtroppo la finanza vuole guadagnare subito
            ed è questo il vero motivo per cui per un po' le
            costruzioni di centrali nucleari nel mondo ha
            frenato (insieme al petrolio a 15
            dollari)Il fatto che in Occidente non se ne costruiscano quasi più da 30 anni è indicativo, non credo affatto sia puramente una questione finanziaria. Certo, il problema tiene alla larga i privati ma è sempre stato così e non cambierà certo a breve. Sono sempre stati solo gli Stati a costruire centrali, e l'aspetto bellico è sempre stato fondamentale nell'equazione.Noi vogliamo il nucleare solo per uso civile? Follia.


            Mica vero. Sia per quanto riguarda il rendimento

            sia per il

            costo/Wp

            Vediamo i dati..ma comunque alla fine, nonostante
            milairdi e miliardi d'investimenti il fv costa
            decine di volte di più dell'energia fossile e/o
            nucleare (che è simile a quella
            fossile)Ma non è vero, se parliamo di costo al kWh prodotto vediamo che il FV non è più tanto distante, ed è in calo costante da anni. Qui c'è un'analisi interessante sugli sviluppi futuri in vista del raggiungimento della parità di costohttp://www.aspoitalia.it/archivio-articoli/283-coiante-il-fotovoltaico-di-seconda-generazioneSiamo ancora distanti, ma non di decine di volte! E non abbiamo neanche iniziato a parlare di picco del petrolio e del previsto aumento del costo dell'energia fossile.
            Desertec che se non sbaglio è previsto per il
            2050...se la prendono comoda, no? In fondo se il
            problema è solo di scala, lo possono costruire
            già oppure non è proprio
            così?100 GW nel 2050. Per avere la stessa produzione dal nucleare, non riesco neanche a immaginare come si possa pensare di costruire 70-100 centrali nei prossimi 40 anni.
            Tra l'altro per fornire solo una piccola parte di
            energia elettrica (il 15%) e prevedendo pure
            impianti di dissalinizzazione...con il rischio
            che la maggiore agricoltura ed irrigazione
            aumenti la
            nuvolosità...Se aumenta la nuvolosità del deserto? Non mi pare sia un grave problema.Non più delle torri di condensazione delle centrali tradizionali, e del traffico aereo, tutte cose che incidono attualmente sulla nuvolosità.

            Infatti lo f

            Comunque l'eolico off-shore sta andando alla

            grande nel mare del Nord.

            Non ho mica detto che tutto è fuffa, ma alla fine
            con quel poco che funziona (se funziona bene a
            pochi posti utili e viceversa) non risolvi nulla
            e quindi il nucleare fa la sua
            parte.Gli immensi investimenti nel nucleare sarebbero molto meglio spesi altrove. Ma sai qual è il problema? Le lobby del nucleare, del cemento, dell'acciaio, dello smaltimento... tanti soldi su cui magnare alla grande.Magnano pure sull'eolico, come si può ben vedere, ma quando si parla di decine di miliardi...


            Ma solo se hai centrali già attive, pensare di

            costruirne di nuove oggi, e avere i primi Wh tra

            15 anni, è semplicemente da

            pazzi.

            Da qualche parte bisogna iniziare...certo che non
            aver buttato via miliardi nel chiudere quelle che
            avevamo era meglio, ma oggi si possono costruire
            su progetti nuovi e quindi più efficienti...e non
            servono afafto 15 anni, ma c'è chi le fa in meno
            di 10 (e Maya permettendo, non è così tanto
            tempo...soprattutto se paragonato ai 40 del
            Desertec)Guarda, aver chiuso le centrali è stata una bestialità, ma ripartire da zero oggi lo è ancora di più.Gente nel campo mi ha assicurato che ci vogliono minimo 20 anni a rimettere in piedi l'industria (che poi sarebbe tutta in mano a aziende straniere).Poi guarda che XXXXXX e sforamenti immani di tempi e costi hanno avuto in Francia e Finlandia dove stanno facendo le prime due EPR (alla faccia della tecnologia collaudata!).E pensa cosa succederà in Italia, le stesse cose moltiplicate per 2... mi vengono i brividi solo a pensarci.

            Di sicuro quando

            arriverà il kitegen ce lo copieranno al volo

            :p

            Eccerto... mica fregano l'idea e fanno prima il
            brevetto,
            neh!
            Speriamo che i nostri non siano così fessi :)
          • pENZ scrive:
            Re: Google sbaglia - w il nucleare
            - Scritto da: Funz
            Gli immensi investimenti nel nucleare sarebbero
            molto meglio spesi altrove. Ma sai qual è il
            problema? Le lobby del nucleare, del cemento,
            dell'acciaio, dello smaltimento... tanti soldi su
            cui magnare alla
            grande.
            Magnano pure sull'eolico, come si può ben vedere,
            ma quando si parla di decine di
            miliardi...Ma infatti se vuoi favorire lo sfruttamento di fonti come l'eolico devi fare in modo di creare nuove lobby, fare in modo che ci sia un grande magna-magna, tutti i vostri calcoli non servono a niente, la vera rivoluzione si ottiene favorendo la corruzione!!
          • Funz scrive:
            Re: Google sbaglia - w il nucleare
            - Scritto da: pENZ
            Ma infatti se vuoi favorire lo sfruttamento di
            fonti come l'eolico devi fare in modo di creare
            nuove lobby, fare in modo che ci sia un grande
            magna-magna, tutti i vostri calcoli non servono a
            niente, la vera rivoluzione si ottiene favorendo
            la
            corruzione!!Tu si che hai capito tutto nella vita...Dove c'è business in Italia ci si fionda la mafia. Questa purtroppo è una verità, ma è anche indicativa del fatto che l'eolico sia un business avviato e redditizio.E poi le lobby vanno bene solo quando sono pro petrolio e nucleare, invece le lobby del rinnovabile sono tutte corrotte?
    • Undertaker scrive:
      Re: Google sbaglia - w il nucleare
      - Scritto da: Pino
      Fate come noi, e come quella mente illuminata del
      nano
      pelato.e come 61 milioni di francesi
      Costruiamo centrali nucleari, altro che energia
      verde!!! il nucleare é una realtá l'energia verde un' illusione
      • OldDog scrive:
        Re: Google sbaglia - w il nucleare
        - Scritto da: Undertaker
        - Scritto da: Pino

        Costruiamo centrali nucleari, altro che energia

        verde!!!
        il nucleare é una realtà l'energia verde un'
        illusioneTutti questi discorsi sul nucleare come fonte primaria di energia non mettono sul tavolo MAI tutti i fatti:- percentuale dell'energia prodotta nel mondo per via nucleare? - costi del nucleare nell'intero ciclo di vita, incluso smaltimento e sorveglianza delle scorie per SECOLI?- accessibilità al combustibile nucleare?- aree adeguate alla costruzione e mantenimento (serve acXXXXX a molta acqua non salata per il funzionamento della centrale, in Italia non molti fiumi hanno portata adatta)? - pericolosità del nucleare come bersaglio terroristico? effetti di un incidente grave a piacere?- accessibilità del nucleare a qualsiasi stato del mondo? O pensiamo solo ai fazzi nostri? perché quando Iran e Nord Corea hanno detto che vogliono il nucleare tutti si sono messi a strillare? - RINNOVABILITA' delle fonti? Ricordiamoci delle lezioni di astronomia: la Terra è un pianeta molto piccolo, molto affollato e quel che c'è è tutto qui: migrare altrove o estrarre altrove il materiale a costi sostenibili è bello in Avatar, nella vita reale NON esiste.Quindi, molto serenamente, o si pensa ad un modello sostenibile e diversificato, inclusa una netta riduzione di sprechi e inefficienze nei consumi, oppure quei tre miliardi tra cinesi e indiani, che hanno diritto come noi all'energia, ribalteranno in pochi decenni la bilancia energetica. IMHO, naturalmente.
        • Undertaker scrive:
          Re: Google sbaglia - w il nucleare
          - Scritto da: OldDog
          - Scritto da: Undertaker

          il nucleare é una realtà l'energia verde un'

          illusione
          Tutti questi discorsi sul nucleare come fonte
          primaria di energia non mettono sul tavolo MAI
          tutti i
          fatti:
          - percentuale dell'energia prodotta nel mondo per
          via nucleare?leggi:http://www.rinnovabili.it/franco-battaglia-energia-dal-sole-unillusione-500017http://www.progettoenergia.org/http://www.giorgioprinzi.it/nucleare/rilli/tabella.pdf
          • Funz scrive:
            Re: Google sbaglia - w il nucleare
            - Scritto da: Undertaker
            http://www.giorgioprinzi.it/nucleare/rilli/tabellaLa tabella è fasullissima. Esempi:Materiali calcestruzzo armato: Nucleare 190 kg/kWe, fotovoltaico 600???? Magari mettendo nel conto gli edifici che ci stanno sotto, che non hanno notoriamente altri usi...Materiali acciaio: Nucleare 32 kg/kWe, fotovoltaico 400????Cosa fanno, le intelaiature in ghisa spesse 300 mm?Visti questi, e visto che tutti gli altri dati mi sembrano proprio sballati a senso unico (favorevole al nucleare, ovviamente), direi che tutto il documento è inattendibile.Ma la perla è questa: Estetica in elevazione o orizzontale: nucleare: ottima. Tutti gli altri: pessima pessima pessima pessima pessima (rotfl)(rotfl)Fattene costruire una davanti a casa, di centrale nucleare (rotfl)
          • Funz scrive:
            Re: Google sbaglia - w il nucleare
            - Scritto da: Undertaker
            http://www.progettoenergia.org/Letto la parte relativa alle rinnovabili: dati vecchi del 2005, nel 2009 solo in Italia solo di FV è stato installato un GW (quanti di nucleare?)Idem l'eolico.E' una crescita esponenziale, e siamo già usciti da un pezzo dalla marginalità sulla produzione totale.
        • Funz scrive:
          Re: Google sbaglia - w il nucleare
          - Scritto da: OldDog
          - Scritto da: Undertaker

          - Scritto da: Pino


          Costruiamo centrali nucleari, altro che
          energia


          verde!!!

          il nucleare é una realtà l'energia verde un'

          illusioneE buona camicia a tutti!
          Tutti questi discorsi sul nucleare come fonte
          primaria di energia non mettono sul tavolo MAI
          tutti i
          fatti:
          - percentuale dell'energia prodotta nel mondo per
          via nucleare?Tra il 10 e il 20%, se si parla dell'energia primaria pochi punti %
          - costi del nucleare nell'intero ciclo di vita,
          incluso smaltimento e sorveglianza delle scorie
          per
          SECOLI?Esorbitante
          - accessibilità al combustibile nucleare?A rischio. Attualmente 1/3 dell'uranio viene da testate nucleari dismesse. Tra qualche anno saranno finite, dove le troviamo le nuove miniere per aumentare la produzione del 50%?
          - aree adeguate alla costruzione e mantenimento
          (serve acXXXXX a molta acqua non salata per il
          funzionamento della centrale, in Italia non molti
          fiumi hanno portata adatta)?Quelle poche dove avevano fatto le centrali a suo tempo.
          - pericolosità del nucleare come bersaglio
          terroristico? effetti di un incidente grave a
          piacere?Incalcolabili. Infatti si fa sempre finta di niente.
          - accessibilità del nucleare a qualsiasi stato
          del mondo? O pensiamo solo ai fazzi nostri?
          perché quando Iran e Nord Corea hanno detto che
          vogliono il nucleare tutti si sono messi a
          strillare?Ma noi siamo un Paese civile...
          - RINNOVABILITA' delle fonti? non rinnovabile, anche se a qualcuno piace infilare il nucleare nel mucchio...
          Quindi, molto serenamente, o si pensa ad un
          modello sostenibile e diversificato, inclusa una
          netta riduzione di sprechi e inefficienze nei
          consumi, oppure quei tre miliardi tra cinesi e
          indiani, che hanno diritto come noi all'energia,
          ribalteranno in pochi decenni la bilancia
          energetica. IMHO,
          naturalmente.Tanto il crac energetico arriverà prima. Molto prima.
      • Ubunto scrive:
        Re: Google sbaglia - w il nucleare
        - Scritto da: Undertaker
        - Scritto da: Pino

        Fate come noi, e come quella mente illuminata
        del

        nano
        pelato.
        e come 61 milioni di francesi


        Costruiamo centrali nucleari, altro che energia

        verde!!!
        il nucleare é una realtá l'energia verde un'
        illusioneIl nucleare è il passato, roba da rifilare a quei fessi di italiani.Chiedilo ai tedeschi.
        • shevathas scrive:
          Re: Google sbaglia - w il nucleare
          - Scritto da: Ubunto
          - Scritto da: Undertaker

          - Scritto da: Pino


          Fate come noi, e come quella mente illuminata

          del


          nano
          pelato.

          e come 61 milioni di francesi




          Costruiamo centrali nucleari, altro che
          energia


          verde!!!

          il nucleare é una realtá l'energia verde un'

          illusione

          Il nucleare è il passato, roba da rifilare a quei
          fessi di
          italiani.
          Chiedilo ai tedeschi.che guardacaso hanno fatto marcia indietro sullo smantellamento delle vecchie centrali nucleari e pensano di costruirne anche nuove.
          • Ubunto scrive:
            Re: Google sbaglia - w il nucleare
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: Ubunto

            - Scritto da: Undertaker


            - Scritto da: Pino



            Fate come noi, e come quella mente
            illuminata


            del



            nano
            pelato.


            e come 61 milioni di francesi






            Costruiamo centrali nucleari, altro che

            energia



            verde!!!


            il nucleare é una realtá l'energia verde un'


            illusione



            Il nucleare è il passato, roba da rifilare a
            quei

            fessi di

            italiani.

            Chiedilo ai tedeschi.

            che guardacaso hanno fatto marcia indietro sullo
            smantellamento delle vecchie centrali nucleari e
            pensano di costruirne anche
            nuove.Che guardacaso hanno come obiettivo entro il 2030 la copertura del 40% del loro fabbisogno energetico tramite fonti rinnovabili.Ma guardando ancora meglio, sanno fare i propri conti in tasca, perché a parte i principi ecologici, a determinare il piano è l'indipendenza di approvvigionamento.Lo puoi chiamare come ti pare, petrolio, uranio, metano, vatellapesca, ma se non sei in grado di disporne autonomamente (perché non lo possiedi) sarai sempre in balia di un mercato in cui reciti il ruolo del cliente.Ancora guardando più in avanti, LORO tramite il piano di conversione investono su una teconologia con margini di miglioramento che sono "alla portata". Margini su cui indubbiamente porranno dei crediti (brevetti).Loro costruiscono futuro, noi compriamo XXXXX dai francesi.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 24 luglio 2010 03.07-----------------------------------------------------------
          • shevathas scrive:
            Re: Google sbaglia - w il nucleare


            Che guardacaso hanno come obiettivo entro il 2030
            la copertura del 40% del loro fabbisogno
            energetico tramite fonti
            rinnovabili.
            e il restante 60% ? motore a gatto imburrato ?
            Ma guardando ancora meglio, sanno fare i propri
            conti in tasca, perché a parte i principi
            ecologici, a determinare il piano è
            l'indipendenza di
            approvvigionamento.
            la germania ha così tante miniere di silicio da poter farsi in casa tutti i pannelli fotovoltaici necessari ?
            Lo puoi chiamare come ti pare, petrolio, uranio,
            metano, vatellapesca, ma se non sei in grado di
            disporne autonomamente (perché non lo possiedi)
            sarai sempre in balia di un mercato in cui reciti
            il ruolo del
            cliente.
            però se diversifichi è improbabile che petrolio, uranio, silicio, gas e gatti vadano alle stelle contemporaneamente.
            Ancora guardando più in avanti, LORO tramite il
            piano di conversione investono su una teconologia
            con margini di miglioramento che sono "alla
            portata". Margini su cui indubbiamente porranno
            dei crediti
            (brevetti).

            Loro costruiscono futuro, noi compriamo XXXXX dai
            francesi.ecologista: persona che viaggia in aereo per spiegare quanto sia inquinante viaggiare in aereo.
          • Ubunto scrive:
            Re: Google sbaglia - w il nucleare
            - Scritto da: shevathas



            Che guardacaso hanno come obiettivo entro il
            2030

            la copertura del 40% del loro fabbisogno

            energetico tramite fonti

            rinnovabili.


            e il restante 60% ? motore a gatto imburrato?Attualmente quali sono le proporzioni invece?Se loro vogliono passare da un 10% (?) al 40% è chiaro che lo faranno sottraendo la differenza al mercato che in questo momento non è rinnovabile.Giunti al 40% quale sarà la loro capacità di approvvigionamento? La stessa di oggi? Dopo 20 anni di ricerche e con quasi la metà della produzione concentrata nel settore rinnovabile?Arrivando a possedere le teconologie adatte (e ci riusciranno, sono tedeschi loro) in seguito terranno attive le altre fonti per fare beneficenza?

            Ma guardando ancora meglio, sanno fare i propri

            conti in tasca, perché a parte i principi

            ecologici, a determinare il piano è

            l'indipendenza di

            approvvigionamento.



            la germania ha così tante miniere di silicio da
            poter farsi in casa tutti i pannelli fotovoltaici
            necessari?Il silicio è il secondo elemento per diffusione sul pianeta dopo l'ossigeno, non è il suo possesso il "problema" ma i costi di lavorazione/raffinazione.Tuttavia la ricerca sta orientando i suoi sforzi su altri materiali, che pare abbiano una resa nettamente superiore (anche 5 volte). Ma stiamo parlando di materiali di costruzione, non di consumo.

            Lo puoi chiamare come ti pare, petrolio, uranio,

            metano, vatellapesca, ma se non sei in grado di

            disporne autonomamente (perché non lo possiedi)

            sarai sempre in balia di un mercato in cui
            reciti

            il ruolo del

            cliente.


            però se diversifichi è improbabile che petrolio,
            uranio, silicio, gas e gatti vadano alle stelle
            contemporaneamente.Certo ma la corsa al nucleare è ripartita (non solo in italia) a causa del caro-petrolio e dal possesso delle principali risorse di gas non esattamente "occidentale".In uno scenario futuro in cui il petrolio si esaurisca ed il gas resti in mano al monsieur Putin di turno, anche l'uranio (e soci) avranno un aumento dei prezzi (cosa che già avviene dal 2004).

            Ancora guardando più in avanti, LORO tramite il

            piano di conversione investono su una
            teconologia

            con margini di miglioramento che sono "alla

            portata". Margini su cui indubbiamente porranno

            dei crediti

            (brevetti).



            Loro costruiscono futuro, noi compriamo XXXXX
            dai

            francesi.

            ecologista: persona che viaggia in aereo per
            spiegare quanto sia inquinante viaggiare in
            aereo.Noi usiamo già energia nucleare comprandola da altri paesi, ma non solo: società italiane "possiedono" centrali nucleari estere.Tuttavia non possediamo un grammo di materia prima.Quindi qual'è la strategia?No dico, a parte spendere qualche miliardo di euro (15) per costruire le centrali, continuare poi a spendere per la loro manutenzione, affidarle ad una società privata dopo averle costruite con soldi pubblici (eh, perché il mercato è il mercato, non vorrai mica pagare l'energia nucleare a prezzo di costo dopo che ti sei pagato le centrali), gestirle comunque con soldi pubblici (perché è impensabile che lo stato non mantenga un controllo su siti così pericolosi), qual'è la strategia?Svegliarci un giorno (da un sogno mai iniziato) con qualcuno che ci dice: "ragazzi, qua l'uranio costa un XXXX e noi non ne abbiamo, dobbiamo aumentare il prezzo della corrente"?Con la differenza che al momento siamo cornuti, dopo aver pagato miliardi per cose inutili saremo pure mazziati: cornuti e mazziati.-------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 luglio 2010 20.05-----------------------------------------------------------
          • Funz scrive:
            Re: Google sbaglia - w il nucleare
            - Scritto da: shevathas


            e il restante 60% ? motore a gatto imburrato ?
            la germania ha così tante miniere di silicio da
            poter farsi in casa tutti i pannelli fotovoltaici
            necessari
            ?
            ecologista: persona che viaggia in aereo per
            spiegare quanto sia inquinante viaggiare in
            aereo.Ma si, buttiamola in caciara che tanto ci mancano gli argomenti.Vuoi un po' di silicio? Ti faccio solo 1 euro/kg(sabbia di fiume vicino a casa mia)
  • Ubunto scrive:
    Mi piace google...
    Mi piace google. Sempre più avanti nel modo più giusto possibile.Attendo che acquistino qualche regione geografica e proclamino l'indipendenza di Googleland. Mi trasferirò li e chiederò il cambio di nazionalità.
    • MeX scrive:
      Re: Mi piace google...
      prima peró devi farti profilare e firmare un contratto per cui visualizzerai tot AD al secondo per tutta la tua vita
      • Ubunto scrive:
        Re: Mi piace google...
        - Scritto da: MeX
        prima peró devi farti profilare e firmare un
        contratto per cui visualizzerai tot AD al secondo
        per tutta la tua
        vitaSììì google, prendi meeee! @^ @^ @^-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 luglio 2010 12.04-----------------------------------------------------------
  • Undertaker scrive:
    Marketing
    Non penso proprio che google alimenti i suoi datacenter ad energia eolica.Penso che sia il tipo di energia piú inaffidabile per questo tipo di applicazioni perché puó calare o mancare nel giro di pochi secondi
    • Ubunto scrive:
      Re: Marketing
      Ma non è come la dinamo della bicicletta, che smetti di pedalare e si spegne la lampadina.Google non è l'unico possessore di "datacenter" e nemmeno il primo che riduce o punta in futuro ad azzerare i costi energetici grazie alle fonti rinnovabili.
    • il pirla sei te scrive:
      Re: Marketing
      che sia inaffidabile in senso stretto si...ma mica colleghi il datacenter direttamente alle turbine...sono sparse per il territorio, e quindi aumenti le possibilità che se in un'area in un momento manca il vento, in un'altra area continui (o cominci) a spirare, e poi ci sono gli accumulatori
      • Undertaker scrive:
        Re: Marketing
        - Scritto da: il XXXXX sei te
        che sia inaffidabile in senso stretto si...ma
        mica colleghi il datacenter direttamente alle
        turbine...sono sparse per il territorio, e quindidico solo che un applicazione critica come un data center una fonte di energia incostante come il vento é completamente inadatta.Puó essere utile, per esempio per attivare condizionatori o impianti frigoriferi, che accumulano il freddo e possono tollerare lo spegnimento per qualche minuto. Un datacenter no.
    • MeX scrive:
      Re: Marketing
      gesú prima leggi due righe sull'energia eolica e poi commenta...
      • Undertaker scrive:
        Re: Marketing
        - Scritto da: MeX
        gesú prima leggi due righe sull'energia eolica e
        poi
        commenta...Non mi chiamo Gesú, comunque leggi tu questohttp://www.rinnovabili.it/franco-battaglia-energia-dal-sole-unillusione-500017http://www.giorgioprinzi.it/nucleare/rilli/tabella.pdf
    • Steve Robinson Hakkabee scrive:
      Re: Marketing
      a dire il vero le centrali eoliche sono collegate in griglie che bilanciano le sovra/sottoproduzioni con altre centrali di tipo tradizionale/nucleare
    • rb1205 scrive:
      Re: Marketing
      Quando si dice che Google (o qualsiasi altra cosa) va a energia rinnovabile (eolica, piuttosto che solare, idroelettrica etc) non significa che letteralmente i datacenter sono collegati agli impianti in questione. è un concetto più astratto: i datacenter continuano ad essere allacciati alla normale rete elettrica, e ciucciano energia proveniente dalle più disparati fonti. è a livello finanziario che google paga solo energia eolica, comprando megawatt di energia immessa sulla rete dall'azienda in questione.
  • enzo scrive:
    rischio prezzi
    Per coprirsi dal rischio dell' aumento del prezzo dell' energia, non c'è bisogno che Google usi l' energia che ha comprato per alimentare direttamente i suoi impianti, come affermato nell' ultimo paragrafo, gli basta rivenderla se aumentano i prezzi.
Chiudi i commenti