iPhone Vodafone: non si naviga senza abbonamento

L'operatore fa chiarezza sulle modalità di accesso ad Internet attraverso il melafonino. L'abbonamento è obbligatorio, pena un cellulare monco
L'operatore fa chiarezza sulle modalità di accesso ad Internet attraverso il melafonino. L'abbonamento è obbligatorio, pena un cellulare monco

Si avvia a conclusione la vicenda del professor Francesco Sacco , che negli scorsi giorni aveva denunciato la sua impossibilità a navigare attraverso il suo nuovo iPhone Vodafone a causa della mancata attivazione del cosiddetto iPhone pack : l’abbonamento dati che garantisce 600 megabyte al mese di navigazione.

Come riferisce Morse.it , al professore è finalmente giunto un chiarimento dall’operatore britannico: gli è stata proposta la conversione del suo pacchetto Facile Extra Large , che già comprendeva diverse opzioni per la navigazione, in un nuovo connubio di varie tariffe tra cui l’ormai celebre iPhone pack . In questo modo, oltre ai 600 mega al mese per navigare via cellulare, gli spetteranno anche ulteriori 10 ore al giorno . La nuova tariffa non imporrà alcun sovrapprezzo a quanto già pagato da Sacco in precedenza, e dunque quest’ultimo ha deciso di accettare.

La vera novità, tuttavia, consiste nella conferma indiretta sulla obbligatorietà della sottoscrizione di iPhone pack per gli acquirenti a prezzo pieno di un melafonino marchiato Vodafone, anche se acquistato al di fuori di qualunque forma di abbonamento. Senza il pagamento della tariffa mensile, a causa di alcune modifiche apportate al software del telefono, risulta impossibile navigare. Tale limitazione non riguarderebbe gli iPhone venduti da TIM , o comunque utilizzati con una scheda dell’operatore italiano.

Morse.it aggiunge che, secondo le informazioni in suo possesso, la questione avrebbe sollevato un autentico polverone all’intero di Vodafone: della vicenda si starebbero occupando ai massimi livelli, in previsione di una imminente revisione complessiva delle tariffe dedicate al melafonino.

In conclusione, il professor Sacco ha voluto comunque ribadire la scarsa chiarezza delle condizioni di adesione ai vari piani di abbonamento proposti dagli operatori per iPhone, e ha voluto sottolineare – unendosi al coro degli scontenti – come il tetto imposto al traffico dati sarebbe troppo basso rispetto all’effettivo utilizzo possibile di iPhone 3G. Sacco auspica dunque almeno l’introduzione di un sistema automatico di avviso per l’utente in caso di raggiungimento del limite di traffico prepagato.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 07 2008
Link copiato negli appunti