iPill, la pillola magica di Philips

Rilascia medicinali nell'organismo come mai prima
Rilascia medicinali nell'organismo come mai prima

Il concept non è nuovo, anzi, ma prima della fine del mese Philips intende presentare al mondo ufficialmente la sua iPill . Un dispositivo da ingerire capace di dosare e rilasciare i farmaci con una precisione, assicura il colosso olandese dell’elettronica, che non ha precedenti. La novità rispetto ad altre “pill” in circolazione, nate ad esempio per visualizzare le pareti dell’intestino, è che iPill può anche facilitare l’assunzione di medicine.

Sul sito statunitense di Philips non c’è traccia di iPill, ma la società ha confermato che intende presentarn ufficialmente un prototipo al convegno annuale degli scienziati farmaceutici americani di Atlanta.

iPill altro non è che un microbot gestito da una microprocessore e dotato di una batteria di alimentazione sufficiente a garantire l’operatività mentre discende nel corpo. In più dispone di un comunicatore wireless per fornire dati all’esterno: con i suoi sensori è in grado di misurare l’acidità dell’ambiente in cui si trova, un dato essenziale per capire la sua localizzazione all’interno dell’intestino, laddove poi grazie ad una micropompa può rilasciare la riserva di farmaco che contiene.

Questo “bot”, i cui resti vengono espulsi naturalmente dal corpo a fine ciclo, secondo Philips può consentire di ridurre notevolmente l’invasività di certe cure aumentando al contempo efficienza e precisione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 11 2008
Link copiato negli appunti