IPSE, soluzione nel congelamento

Da qui all'UMTS la società si iberna e ricolloca il personale. Parlano i sindacati

<

!--P1-->
Roma – Nel 2002 e nel 2003 come già da ottobre 2001 le attività di IPSE, società che dispone di una delle licenze UMTS, saranno di fatto congelate, con l’esclusione dell’acquisizione dei siti necessari allo sviluppo delle future attività di telefonia mobile di terza generazione.

Lo hanno affermato i sindacati confederali CGIL, CISL e UIL spiegando che l’azienda ha anche necessità di ridimensionare il personale, oggi costituito da circa 600 dipendenti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    AAA aridaglie!!!
    il 99 per cento non sono hacker?? NON é!!!!!!!!!!! Cazzo che roba
  • Anonimo scrive:
    AAA La maggioranza è soggetto
    La maggioranza delle persone DICE, e non DICONO!!! Chi è che traduce ste cose??
  • Anonimo scrive:
    film musica a 5eu
    Per me va bene se i film dvd e i cd audio fossero venduti ad un costo di ca. 5eu all'utente finale compresi anche i game pc psx ps2 cube etc.. tutti ad un prezzo ridotto di un 3° anchio come tantissimi smetterebbe di scaricarsi gigabyte sopra giga di film cd audio e game. :-P
    • Anonimo scrive:
      Re: film musica a 5eu
      - Scritto da: KRNL386.EXE
      anchio come tantissimi
      smetterebbe di scaricarsi gigabyte sopra
      giga di film cd audio e game. :-P anchio ... smetterebbe ? :))
  • Anonimo scrive:
    Ma perchè un attore deve guadagnare miliardi?
    I film dovranno costare meno? Bene! Perchè io povero gommaio devo lavorare 10 ore al giorno e guadagnare come un attore che fatica per 30 minuti? Ben venga il p2p! Io ora come ora dal mondo del cinema ho sicuramente da avere... è arrivato il momento di risquotere? Bene!
  • Anonimo scrive:
    Care MAJORS la pacchia è finita :-)..
    "a voi" fa paura la libertà di parola..ovvero la libertà della rete in tutti i sensi, cioè quella di non riuscire ad imporre vincoli o gabelli x ottenere profitti. Questa è la rivoluzione digitale, un cambiamento che colpisce tutto e tutti indistintamente grandi e piccoli.Dovrete pertanto accettare dinamicamente la situazione abbassando i costi di produzione e quindi i prezzi al consumo dei prodotti (cd,dvd,sw etc. )incidendo non solo sulle retribuzioni dei piccoli dipendenti ma di quelle dei cantanti,attori,registi etc.Morale: siamo stufi di pagare cd musicali a ?20 o films a ?50.
  • Anonimo scrive:
    Fra 7 giorni...
    ...alle majorz verra' 'a diarrea e fra 77 giorni nun je resteranno li occhi pe piagne...Frase sentita in un famoso film (di Pasolini x la cronaca) e io dico MAGAAARI!!! io vedo 3 futuri scenari possibili:1) il P2P+BB (peer to peer + broad band) fara' calare i profitti delle majorz e di conseguenza i budgets dei films "all'americana" che saranno ridotti al punto da costringerle, invece di usare costosissimi effetti speciali, idee e creativita' e quindi torneremo finalmente a vedere dei bei film2) le majorz useranno il loro (immenso) potere per "chiudere" definitivamente internet 3) il P2PBB verra' usato con intelligenza da majorz, piccoli e medi produttori ma anche "house film makers" (tipo Manetti bros. x capirci) x vendere i loro prodotti on line a prezzi ONESTI e offrendo a noi dei cataloghi di film (e materiale video in generale) praticamente immensi.Quale delle 3 fara' strada?
    • Anonimo scrive:
      Re: Fra 7 giorni...

      1) il P2P+BB (peer to peer + broad band)
      fara' calare i profitti delle majorz e di
      conseguenza i budgets dei films
      "all'americana" che saranno ridotti al punto
      da costringerle, invece di usare
      costosissimi effetti speciali, idee e
      creativita' e quindi torneremo finalmente a
      vedere dei bei filmNon direi proprio, anche perché c'è bisogno dei soldi per fare film come The Matrix, film bellissimo, quindi l'equazione -soldi=film + belli non vale.
      2) le majorz useranno il loro (immenso)
      potere per "chiudere" definitivamente
      internetQuesto è ipotizzabile più facilmente: chi ha i soldi può fare tutto.A dimostrazione di ciò, il fatto che seppur le macchine che utilizzano energie alternative CI SIANO, si continuano a produrre macchie a petrolio. Perché? La risposta è semplice: le 7 sorelle + l'OPEC spingono i produttori di auto a farle funzionare a benzina, così i consumatori devono comprarla da loro, mentre invece se ci fossero le macchine ad idrogeno l'idrogeno si potrebbe facilmente estrarre dall'acqua, quindi NIENTE profitti per l'OPEC & Co.
      3) il P2PBB verra' usato con intelligenza da
      majorz, piccoli e medi produttori ma anche
      "house film makers" (tipo Manetti bros. x
      capirci) x vendere i loro prodotti on line a
      prezzi ONESTI e offrendo a noi dei cataloghi
      di film (e materiale video in generale)
      praticamente immensi.Non ci contare troppo, io spero che ciò si avveri, ma sarà dura.
      Quale delle 3 fara' strada? Speriamo l'ultima.
  • Anonimo scrive:
    ..lo diciamo da anni
    ..e noi sui Cd cosa stiamo sostenendo da una vita?il "furto di copyright" scatta quando il prezzo non rispecchia il valore reale del bene
  • Anonimo scrive:
    Mah..qualcuno il film deve pagarlo...
    Io sono d'accordo che i film in DVD (o in videocassetta) costanotroppo, e che magari molti film hanno gia' incassato abbastanza al cinema. Pero' e' anche vero che ci vuole un certo equilibrio.Io sarei contento se per 3 euro mi potessiscaricare un film sul mio computer. Il problemae' che la gente vuole avere il film gratis.Anzi forse come con gli mp3, si e' gia' abituataad averlo gratis. Pero' dico: non si puo' sostenere il diritto ad avere qualcosa gratis se poi comunque per produrre un film bisognaspendere miliardi (chi li spende se poi non si riguadagnano??). Certo, a me piacerebbe tantissimo! Ma piuttosto che gratis, moralmentee' meglio pagare una piccola cifra.Oppure, io prevedo che se i film saranno gratisin casa magari finiranno per costare il triplo al cinema. Chissa'... certo e' che da qualche parteci devono guadagnare. Io sono per i film a 2/3 euro sul pc di casa (e la musica a 0,5/1 euro al pezzo)
    • Anonimo scrive:
      Re: Mah..qualcuno il film deve pagarlo...

      ci devono guadagnare. Io sono per i film a
      2/3 euro sul pc di casa (e la musica a 0,5/1
      euro al pezzo)guarda potrebbero cominciare anche con dimezzare i prezzi, sarebbe gia qualcosa...e poi e sempre la solita cosa, chi si scarica un film o musica, nel 90% dei casi non andrebbe comunque al cinema o nei negozi a comprare il cd...
      • Anonimo scrive:
        Re: Mah..qualcuno il film deve pagarlo...
        - Scritto da: blah

        ci devono guadagnare. Io sono per i film a

        2/3 euro sul pc di casa (e la musica a
        0,5/1

        euro al pezzo)
        guarda potrebbero cominciare anche con
        dimezzare i prezzi, sarebbe gia qualcosa...
        e poi e sempre la solita cosa, chi si
        scarica un film o musica, nel 90% dei casi
        non andrebbe comunque al cinema o nei negozi
        a comprare il cd...non sono proprio daccordo.anche se esistono gli mp3, comunque c'è tanta gente che si compra il disco dai marocchini. Se i cd costassero molto meno, la gente non li comprerebbe dal marocchino ma direttamente in negozio.Così è conveniente prenderli di contrabbando si trovano a 5 euro.Metti gli originali a 7,5 euro e vedrai che tutti ritornano a comprare i dischi (o i film)
  • Anonimo scrive:
    Globalizzazione? Si grazie.
    Care Majors, globalizzazione significa anche questo, annullare la localizzazione dei prodotti come i DVD ed abbassare i vostri prezzi. Tra poco la gente che avete stremato e spremuto come dei limoni potra' rivalersi e voi lo temete, e fate bene!! Vi romperemo il buco (di sapete cosa) e ne saremo felici. Unica soluzione e' modernizzarsi, offrire un servizio molto conveniente ed in fretta, rendere migliore il vostro servizio paragonato a quello di qlc lamer. Siete professionisti affermati nello spremere la gente? Ora dovrete diventare Veri professionisti, quelli che offrono servizio e qualita' a prezzi ragionevoli. Preparatevi altrimenti quello che vi aspetta nemmeno lo potete immaginare, e so di cosa parlo.
  • Anonimo scrive:
    Il problema di Valenti
    E' solo il profitto ed il lusso che fino adesso si è potuto (e probabilmente potrà ancora) permettere, alla facciaccia nostra!Alla sua bella faccia mi sparo un bel DIVX:-)
  • Anonimo scrive:
    Una soluzione
    Per quanto riguarda lo "spaccio" di musica on-line io avrei una soluzione che ho proposto su un numero recente della mia rivista digitale (GMN, http://www.gmusic.info/gmn/numeri/anno1/numero11.html, "Sfere di cristallo") e che ho ripreso sul numero successivo perché si è rivelata essere fattibile e, probabilmente redditizia (c'è chi infatti pare essersi inoltato proprio in quella direzione; http://www.gmusic.info/gmn/numeri/anno1/numero12.html, "Se basta dirle le cose..."). Fateci un salto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una soluzione
      - Scritto da: Marco Cavicchioli
      Per quanto riguarda lo "spaccio" di musica
      on-line io avrei una soluzione che ho
      proposto su un numero recente della mia
      rivista digitaleGia`, ma il tuo articolo dice (mi pare) che la musica/cinematografia su internet potrebbe svilupparsi benissimo senza bisogno di case discografiche/cinematografiche come le conosciamo adesso. Io lo capisco e sono d'accordo, ma ho paura che l'abbia capito anche Valenti. E credo che il suo grosso cruccio sia quello, e la pirateria un paravento.
  • Anonimo scrive:
    I film si pagano al cinema
    Una volta che il film ha avuto il suo bravo incasso da record, è già ripagato. Pretendere ancora incassi lussuosi solo perché lo si vende, anni dopo, su un supporto diverso, è un po' troppo.
  • Anonimo scrive:
    il giusto prezzo
    il problema sta nel prezzo...a 'prezzi competitivi' chiunque sceglierebbe un film 'legale' piuttosto che uno 'pirata'.oggi gli industriali della musica e del cinema cominciano a 'capire' tutto ciò, che grandi menti!!!quando arriveranno ad 'ammettere' che per anni ed anni hanno ottenuto guadagni mostruosi, vendendo musica e film di pessima qualità, pompati e spinti da un marketing propagandistico, allora avranno diritto ad un minimo rispettoNel frattempo se qualcuno scarica musica e film pirata e loro vanno falliti, personalmente sono contento...
    • Anonimo scrive:
      Re: il giusto prezzo
      Sapete quanto guadagnerà Swarzenegger per girare Terminator 3???30 milioni di dollari.La sua assicurazione (per scene pericolose, ecc)per girare il film??6 milioni di dollari.Pensate che un attore debba guadagnare tutti questi soldi??Ma vi rendete contoTutto questo non è assurdo?Questi soldi dopo li dovranno guadagnare da qualche parte, e dove li andranno a prendere..Dalla tasche dei consumatori che idioti andranno a comprare il dvd a 50 ?.
  • Anonimo scrive:
    Ma è quello nella foto l'intervistato?
    una faccia rassicurante, una persona di cui mi fiderei ciecamente... ;-)
  • Anonimo scrive:
    Forse qualche cosa cambierà....
    Dovranno cominciare a spendere meno, non vedremo più attori ricconi pagati miliardi per recitare... A lavorare, in miniera, come i comuni mortali! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Forse qualche cosa cambierà....
      perche' invidiare questo manipolo di fortunatissimi mortali? E come poi estendere tale invidia a quegli atletici del calcio, pagati miliardi per migliorare la patria correndo verso un pallone (tipico gioco infantile)?Mha, le tue parole assomigliano molto a quelle di un mio zio...
  • Anonimo scrive:
    ma non capisce ke non esiste solo il profitto ?
    sembra ke il profitto sia la sola ed unica cosa ke conti in questo caxxo di mondo. mi avete rotto proprio i co.....ni con il voler commercializzare tutto. retrogradi.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non capisce ke non esiste solo il profitto ?

      sembra ke il profitto sia la sola ed unica
      cosa ke conti in questo caxxo di mondo. mi
      avete rotto proprio i co.....ni con il voler
      commercializzare tutto. retrogradi.si lavora per guadagnare, mica per beneficienza...
      • Anonimo scrive:
        Re: ma non capisce ke non esiste solo il profitto ?
        Ci sono gli eccessi da una parte e dall'altra... se cerchi disperatamente il profitto finirai per compiere _ogni_ nefandezza pur di farla. Te lo dice uno nell'information tecnology da quasi 8 anni, e che ha visto squali dalle piccole imprese da 3 persone, fino alle grandi imprese. Se non cerchi il profitto, non riesci a fare business! Non puoi neanche pagare il tuo stipendio. Questo e' il caso delle associazioni di volontariato.E poi ci sono per fortuna le vie imtermedie, come le cooperative, che cercano il benessere dei propri soci-lavoratori.la Morale e': in tutto ci vuole equilibrio.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma non capisce ke non esiste solo il profitto ?
      Hey, tu che trasudi grana da tutti i pori, mi faresti dono di un bell'assegnino? Cosi' poi aggiungo commenti sulla bonta' dell'uomo, sulla bellezza dell'arte, ecc. ecc.
  • Anonimo scrive:
    Re: Di quali diritti si parla?
    - Scritto da: FD
    Del diritto di fare sul *mio* computer
    quello che c***o mi pare con il materiale
    per la quale ho *pagato*. Cioè, farmi le
    copie dei cd per sentirmeli sul mp3 player
    (del resto, non ho un giracd, tranne il
    lettore CDrom sul computer).FD, hai detto cose giuste, però non facciamo finta di non sapere e vedere che il 99% degli MP3 non provengono da CD regolarmente acquistati ma si tratta di scaricamenti "a sbafo".Difendiamo allora il sacrosanto diritto di fare quello che vogliamo dei prodotti acquistati e combattiamo contro tutte le limitazioni che, invece di arginare la pirateria (quella va avanti lo stesso...), finisce per danneggiare gli utenti onesti.Ma nello stesso tempo ammettiamo pure che questa situazione ci conviene, e tanto. Le Major, nonostante le disperate battaglie legali, non riescono a frenare il file-sharing (e mai ci riusciranno), quindi un sistema sempre valido per bypassare le loro politiche di prezzi ci sarà sempre.mARCOs
  • Anonimo scrive:
    costi...
    nessuno pensa che il prodotto in se costa poco...le spese ci sono per il marketing e per il loro guadagno... allora cosa dicono ???? non investiamo piu cosi tanto nle film...io dico okey, ma non diminuite la qualita del film, diminuite il marketing e i vostri guadagni...
    • Anonimo scrive:
      Re: costi...
      - Scritto da: blah
      nessuno pensa che il prodotto in se costa
      poco...
      le spese ci sono per il marketing e per il
      loro guadagno...
      allora cosa dicono ???? non investiamo piu
      cosi tanto nle film...io dico okey, ma non
      diminuite la qualita del film, diminuite il
      marketing e i vostri guadagni...
      Purtroppo, la filosofia corrente è che per il marketing si devono spendere cifre assurde. Ma ormai pare che comunque non si possa fare più un film senza effetti speciali assurdi ecc.Hai mai visto "Twelve Angry Men" ?Spese per effetti speciali: si & no $25Ma non ho mai visto un'altro film che mi ha fatto trattenere il fiato tante volte per tanto tempo.FD
    • Anonimo scrive:
      Re: costi...
      - Scritto da: blah
      nessuno pensa che il prodotto in se costa
      poco...Un film? Sei pazzo? Guarda che un film girato a bassissimo budget da pezzenti costa minimo minimo svariate centinaio di milioni/ un miliardo!! E sto parlando di PRODUZIONE!!Non facciamo di tutta erba un fascio!! Un conto è produrre un CD musicale, un conto un film con scenografie, attori, registi, comparse e ambaradan vario! Inevitabilmente i costi esplodono!
      le spese ci sono per il marketing e per il
      loro guadagno... Guarda che molti film finiscono in perdita! Basta pensare a tutti quelli che lo stato italiano finanzia e che senza i fondi pubblici semplicemnete non sarebbero mai stati fatti, perchè non avrebbero ritorno sufficiente o il rischio sarebbe elevatissimo!E i flop non scarseggiano nemmeno fra quelli di alto budget!
      allora cosa dicono ???? non investiamo piu
      cosi tanto nle film...io dico okey, ma non
      diminuite la qualita del film, diminuite il
      marketing e i vostri guadagni...Ma perchè? Per quale motivo devono guadagnare di meno? Perchè lo stipendio non te lo diminusici tu per dare l'esempio, scusa?Qua mi pare si travisi tutto! Un conto sono le case discografiche, un conto quelle cinematografiche!!! In quest'ultimo caso la vicinanza all'artista è nettaemtne superiore! Non è che ci siano 'sti granchè di intermediari, nè si posso non eliminare, almeno se ti vuoi godere il film al cinema, dove merita di essere visto!Non parliamo a vanvera solo perchè ci piace rubare per avere le cose gratis, prego!
      • Anonimo scrive:
        Re: costi...
        Aho!!! ma chi sei NAnni Moretti?- Scritto da: Upanisad
        - Scritto da: blah

        nessuno pensa che il prodotto in se costa

        poco...

        Un film? Sei pazzo? Guarda che un film
        girato a bassissimo budget da pezzenti costa
        minimo minimo svariate centinaio di milioni/
        un miliardo!! E sto parlando di PRODUZIONE!!
        Non facciamo di tutta erba un fascio!! Un
        conto è produrre un CD musicale, un conto un
        film con scenografie, attori, registi,
        comparse e ambaradan vario! Inevitabilmente
        i costi esplodono!


        le spese ci sono per il marketing e per il

        loro guadagno...

        Guarda che molti film finiscono in perdita!
        Basta pensare a tutti quelli che lo stato
        italiano finanzia e che senza i fondi
        pubblici semplicemnete non sarebbero mai
        stati fatti, perchè non avrebbero ritorno
        sufficiente o il rischio sarebbe
        elevatissimo!
        E i flop non scarseggiano nemmeno fra quelli
        di alto budget!


        allora cosa dicono ???? non investiamo piu

        cosi tanto nle film...io dico okey, ma non

        diminuite la qualita del film, diminuite
        il

        marketing e i vostri guadagni...

        Ma perchè? Per quale motivo devono
        guadagnare di meno? Perchè lo stipendio non
        te lo diminusici tu per dare l'esempio,
        scusa?

        Qua mi pare si travisi tutto! Un conto sono
        le case discografiche, un conto quelle
        cinematografiche!!! In quest'ultimo caso la
        vicinanza all'artista è nettaemtne
        superiore! Non è che ci siano 'sti granchè
        di intermediari, nè si posso non eliminare,
        almeno se ti vuoi godere il film al cinema,
        dove merita di essere visto!

        Non parliamo a vanvera solo perchè ci piace
        rubare per avere le cose gratis, prego!
      • Anonimo scrive:
        Re: costi...

        Non parliamo a vanvera solo perchè ci piace
        rubare per avere le cose gratis, prego!e tu non parlare a vanvera di me...non ho mai scaricato un film da internet...quindi abbasso l'h-arrogance...PREGO...

        nessuno pensa che il prodotto in se costa

        poco...
        Un film? Sei pazzo? Guarda che un film
        girato a bassissimo budget da pezzenti costa
        minimo minimo svariate centinaio di milioni/
        un miliardo!! E sto parlando di PRODUZIONE!!
        Non facciamo di tutta erba un fascio!! Un
        conto è produrre un CD musicale, un conto un
        film con scenografie, attori, registi,
        comparse e ambaradan vario! Inevitabilmente
        i costi esplodono!intendevo dire solo che c'e uno spreco pazzesco...un film fatto razionalmente dovrebbe costare al massimo la meta di quello che costa oggi un film...

        le spese ci sono per il marketing e per il

        loro guadagno...
        Guarda che molti film finiscono in perdita!
        Basta pensare a tutti quelli che lo stato
        italiano finanzia e che senza i fondi
        pubblici semplicemnete non sarebbero mai
        stati fatti, perchè non avrebbero ritorno
        sufficiente o il rischio sarebbe
        elevatissimo!
        E i flop non scarseggiano nemmeno fra quelli
        di alto budget!ah bhe scometto e tutta colpa di internet...senti diciamo la verita, la gran parte dei film sono CAZZATE...

        allora cosa dicono ???? non investiamo piu

        cosi tanto nle film...io dico okey, ma non

        diminuite la qualita del film, diminuite
        il

        marketing e i vostri guadagni...
        Ma perchè? Per quale motivo devono
        guadagnare di meno? Perchè lo stipendio non
        te lo diminusici tu per dare l'esempio,
        scusa?film in perdita ???? tutti prendono di meno, magari torna in pareggio...se non altro...IO FAREI UN'UNICA COSA...pagamento in funzione dei risultati...tutti vengono pagati poco, poi se il film incassa tutti a dividersi il bonus, se no tutti s'attacano...
        Qua mi pare si travisi tutto! Un conto sono
        le case discografiche, un conto quelle
        cinematografiche!!! In quest'ultimo caso la
        vicinanza all'artista è nettaemtne
        superiore! Non è che ci siano 'sti granchè
        di intermediari, nè si posso non eliminare,
        almeno se ti vuoi godere il film al cinema,
        dove merita di essere visto!questa ultima parte non l'ho capita...
      • Anonimo scrive:
        Re: costi...

        non è che ci siano 'sti granchè
        di intermediari, nè si posso non eliminare,
        almeno se ti vuoi godere il film al cinema,
        dove merita di essere visto!Appunto! tutti sanno che un bel film va visto al Cinema!Pensate davvero che chi copia film in cassetta o x via telematica smetta di andare al Cinema?Le due cose non legano assolutamente. E` chiaro che le case cinematografiche hanno paura di perdere nel fiorente mercato dell'home video.Eppure hanno fatto bellissimi film anche prima che esistesse il vhs. E nessuno si lamentava.Ora si sono resi conto di avere troppi costi e troppi interessi da dover giustificare e tutelare. E non c'e` cosa migliore che creare confusione intorno al sacro principio della liberta` di informazione sperando poi che, come succede in questi casi, la spunti chi ha piu` potere.E poi privare della liberta` di copiare per uso personale una qualsiasi forma d'arte, implicitamente costringe a finanziare il sistema spostando i rapporti di forza dalla parte di chi tende ad averne sempre di +.Auguri a tutti
        • Anonimo scrive:
          Re: costi...

          Ora si sono resi conto di avere troppi costi
          e troppi interessi da dover giustificare e
          tutelare. infatti;-)
          E non c'e` cosa migliore che
          creare confusione intorno al sacro principio
          della liberta` di informazione sperando poi
          che, come succede in questi casi, la spunti
          chi ha piu` potere.insomma scaricano la cosa sugli utenti, in poche parole...
      • Anonimo scrive:
        Re: costi...
        Finiscono in perdita alcuni film? Beh, allora se fallivano prima, falliranno dopo no? Senti un po', l'artista lo fa per attitudine o per soldi? Il vero artista lo fa perche' ne sente il bisogno, non per i soldi quindi anche se guadagnasse meno, lo dovrebbe fare ugualmente.Gli attori, registi etc sono strapagati, guadagnano miliardi e miliardi in poco tempo e poi producono cacca pressata. Il denaro uccide l'arte, e' la necessita' che acuisce la fantasia e l'ingegno. In ogni caso, il cinema e' come il nasdaq 2 anni fa, tutto stravalutato ed ora arrivera' un drenaggio e tutto si ridimensionera'. Chi lavora solo per i soldi se ne andra' a fare altro, e resteranno i veri artisti. Secondo me, l'orizzonte suggerisce un cambiamento radicale, ma comunque bello. Vedremo altre persone al posto di Connery e Douglas ma chi se ne frega. Internet ha realizzato il "principio dei vasi comunicanti" ed adesso, piano piano tutto si assestera' a valori piu' ragionevoli. Chi teme internet sono i ricchissimi che non riescono a recintare noi poveri buoi, ma infono a loro non cambiera' molto; ci saranno piu' possibilità per noi, poveri mortali.
  • Anonimo scrive:
    Una persona intelligente
    il finale dell'articolo dimostra che è una persona intelligente.sono certo che alle parole NON seguiranno i fatti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Una persona intelligente
      Ti riferisci a questo finale: "Se si pubblicano film su internet - ha concluso - in contesti legali a prezzi competitivi allora i consumatori ne saranno attratti"?Ancora non ci sono (almeno non sono così diffusi) i DVD pirata ed in ogni caso le limitazioni dei masterizzatori DVD oggi disponibili (mi riferisco alla dimensione del supporto, che è limitata a 4,7 GB) spesso non consentiranno una copia perfettamente identica all'originale.Se un DVD occupa 9GB e vogliamo farlo entrare in 4,7GB, dobbiamo necessariamente rinunciare a qualcosa: togliamo gli special o facciamo a meno di qualche doppiaggio o addirittura riconvertiamo il film abbassando il bitrate.Insomma, i DVD fatti in casa possono essere leggermente peggiore rispetto agli originali e saranno senza quelle (bellissime?) custodie.Quindi, sarà un po' come DivX contro DVD. Se un film ti piace molto e te lo vuoi godere in tante lingue con tutti gli special sul lettore DVD di casa, allora comprerai il DVD. Invece, per i film che ti "piaciucchiano", cioè quelli per cui (secondo te) non vale la pena spendere 30 euro, ripiegherai su delle copie di DVD fatte in casa (beato chi può!) o di film scaricati da Internet.mARCOs- Scritto da: Zen

      il finale dell'articolo dimostra che è una
      persona intelligente.

      sono certo che alle parole NON seguiranno i
      fatti.
      • Anonimo scrive:
        Re: Una persona intelligente
        - Scritto da: mARCOs
        Ti riferisci a questo finale: "Se si
        pubblicano film su internet - ha concluso -
        in contesti legali a prezzi competitivi
        allora i consumatori ne saranno attratti"?
        DVD. Invece, per i film che ti
        "piaciucchiano", cioè quelli per cui
        (secondo te) non vale la pena spendere 30
        euro, ripiegherai su delle copie di DVD
        fatte in casa (beato chi può!) o di film
        scaricati da Internet.Bene, tutto giusto, ma... E allora? Non ho ben capito cosa vuoi dire e che c'entra veramente con la risposta al msg precedente...Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Una persona intelligente
          - Scritto da: MaurizioB

          - Scritto da: mARCOs

          Ti riferisci a questo finale: "Se si

          pubblicano film su internet in contesti

          legali a prezzi competitivi

          allora i consumatori ne saranno attratti"?
          Bene, tutto giusto, ma... E allora? Non ho
          ben capito cosa vuoi dire e che c'entra
          veramente con la risposta al msg
          precedente...Era semplicemente un commento all'ultima frase detta da Valenti, con cui Zen sembrava molto d'accordo (o forse era ironico...? :-).Cosa ci faranno scaricare esattamente? Non certo un DVD intero: troppo grosso e poi su quale supporto lo masterizzaremmo? Quindi, i download "legali" di film saranno dei file tipo DivX (che stanno in un CD o al massimo due) e molto probabilmente inseriranno dei sistemi per impedire, o almeno limitare, le copie di quei files (mi pare che proprio di PI si era parlato di questo tipo di limitazioni).Ma un DivX siamo capaci di produrlo da soli: lo facciamo come più ci piace (scegliendo il formato, le lingue, i sottotitoli, ecc) e lo copiamo quante volte ci pare. Per questo dicevo che l'ultimo pensiero di Valenti è una idiozia incredibile: chi mai pagherà (anche un solo euro) per qualcosa che può avere già gratis?Sono dell'opinione che un film che merita fa già molti incassi al botteghino. Il mercato delle videocassette e dei DVD (sia la vendita che il noleggio) rimpinza ulteriormente le Major... Vogliono fare soldi spremendo "anche" Internet? Eh, no!Non è un ragionamento comunista, quello che faccio. Semplicemente vorrei far notare che tutti i tentativi di imbrigliare gli utenti della Rete secondo le loro regole sono miseramente falliti e quindi è ora che se ne rendano conto.mARCOs
          • Anonimo scrive:
            Re: Una persona intelligente

            Cosa ci faranno scaricare esattamente?non ti faranno "scaricare" nel modo in cui lo intendi tu ma ti faranno "guardare" il film e se lo vorrai rivedere pagherai x un altra "guardata"...

            Sono dell'opinione che un film che merita fa
            già molti incassi al botteghino. Il mercato
            delle videocassette e dei DVD (sia la
            vendita che il noleggio) rimpinza
            ulteriormente le Major... Vogliono fare
            soldi spremendo "anche" Internet? Eh, no! oh, io sono dell'idea che piu' ce ne', meglio e' il bello di internet e' che praticamente ha spese di distribuzione al pubblico praticamente nulle rispetto alle modalita' distributive classiche e quindi i produttori non avranno piu' scuse: dovranno per forza abbassare di brutto i prezzi!
          • Anonimo scrive:
            Re: Una persona intelligente
            - Scritto da: astelix

            Cosa ci faranno scaricare esattamente?
            non ti faranno "scaricare" nel modo in cui
            lo intendi tu ma ti faranno "guardare" il
            film e se lo vorrai rivedere pagherai x un
            altra "guardata"...Ah! Una sorta di "paghi-tutte-le-volte-che-lo vedi". Ma questi sono fuori di testa!
            oh, io sono dell'idea che piu' ce ne',
            meglio e' il bello di internet e' che
            praticamente ha spese di distribuzione al
            pubblico praticamente nulle rispetto alle
            modalita' distributive classiche e quindi i
            produttori non avranno piu' scuse: dovranno
            per forza abbassare di brutto i prezzi!Giusto ma come hai detto tu (e come li leggeva tempo fa su PI) le versioni dei film distribuite su Internet potrebbero avere pesanti limitazioni ed allora riecco la domanda da un milione di euro: quanti saranno disposti a pagare per un prodotto che già possono avere gratis? Se c'è già un'alternativa gratuita e migliore (perché un DivX te lo fai come vuoi tu, senza quelle assurde limitazioni), quanto lo farebbero pagare, 'sto film?Valenti non può parlare di "prezzi competitivi", se deve competere col gratuito!!!Inoltre considera che quella che viene chiamata "banda larga" non è poi così larga (cioè non puoi scaricare un filmato di buona qualità e vedertelo in tempo reale) e che la maggior parte degli utenti italiani ancora si connette con un modem 56K. Quanto costerebbe, allora, questo film scaricato da Internet, se dobbiamo pagare sia le Majors che Telecom? Per scaricare un film che entra in due CD (e che quindi garantisce una buona qualità video e audio), un 56K ci mette circa 80 ore, ammesso che vada sempre al massimo della velocità. 80 ore moltiplicato 1.000 (il costo in lire per un'ora di connessione in fascia ridotta) fanno 80.000 lire, quindi non è assolutamente possibile pensare che ora una tale soluzione funzioni.Un'alternativa più interessante sarebbe semmai la masterizzazione "on demand". I negozi che vengono DVD hanno dei file DivX già pronti e te li masterizzano su richiesta. Così non ci sono giacenze e (forse) potremmo pagare poco un film, anche se cmq sul costo gravano iva, SIAE e altre cosucce.mARCOs
          • Anonimo scrive:
            Re: Una persona intelligente
            ti riassumo brevemente:quando si parla di BB si parla di poter vedre un film in alta qualita' (audio/video) IN TEMPO REALE! se pensi a Fastweb mi capisci al volo. e pensa anche a quando questo sara' un sistema consolidato: i tuoi cari DVD SPARIRANNO! inizi a capire adesso quale sara' lo scenario? Blockbuster sara' solo in rete, fuori dalle balle i supporti magnetici ottici e fuffa varia e si fa tutto in rete - e ti diro' un altra cosa: il pc, la console videogiochi (che sta gia' mutando in quel senso) la TV, musica e accesso a internet si fonderanno in un unica scatola multimediale - vedila cosi' e ti sara' tutto chiaro quello che hanno paura veramente le majors: di non potere mettere completamente le loro lunghe e avide mani su questa bella torta...
          • Anonimo scrive:
            Re: Una persona intelligente

            si fa tutto
            in rete - e ti diro' un altra cosa: il pc,
            la console videogiochi (che sta gia' mutando
            in quel senso) la TV, musica e accesso a
            internet si fonderanno in un unica scatola
            multimediale - il che e una grandissima stronzata...ogniuno ha il suo compito e non si deve snaturare questo...
          • Anonimo scrive:
            Re: Una persona intelligente
            scusa ma a me' pare che non sai di che parli: se metti caso vuoi giocare on-line con la ps2 con uno sparatutto in dolbysurround stai gia' usando internet, la qualita' sonora di un impianto della madonna, il dvd e la tv e non mi venire a dire che stai snaturando qualcosa perche' senno' questa si' che sarebbe una grandissima stronzata...- Scritto da: blah

            si fa tutto

            in rete - e ti diro' un altra cosa: il pc,

            la console videogiochi (che sta gia'
            mutando

            in quel senso) la TV, musica e accesso a

            internet si fonderanno in un unica scatola

            multimediale -
            il che e una grandissima stronzata...
            ogniuno ha il suo compito e non si deve
            snaturare questo...
          • Anonimo scrive:
            Re: Una persona intelligente

            scusa ma a me' pare che non sai di che
            parli: se metti caso vuoi giocare on-lineintendo dire che non voglio che la mia tv faccia pure il caffedeve fare SOLO la tv...la macchina fare caffe e a parte...
          • Anonimo scrive:
            Re: Una persona intelligente
            ma questo e' razzismo hi-tech! :c)a parte gli scherzi io invece volevo farti capire che oggi anche nel piu' piccolo pezzo di latta ci puoi trovare dentro varie funzionalita' distinte e che queste, anzichenno', arricchiscono il pezzo di latta facendolo diventare efficace per quello che mi serve senza che per fare le stesse cose mi debba prendere 3 pezzi di latta separati da interconnettere tra di loro - per esempio: a me piacerebbe avere un walkman mp3 che mi legga CD e che quando mi gira ci posso fare una telefonata o andarmi a leggere l'email - prima o poi li faranno - ma non puoi dire che non sia una figata e se poi mi fa anche il caffe', io mica mi offendo
            intendo dire che non voglio che la mia tv
            faccia pure il caffe
            deve fare SOLO la tv...la macchina fare
            caffe e a parte...
          • Anonimo scrive:
            Re: Una persona intelligente
            ah, ma tu ti stavi riferendo all'Italia! Ma J.Valenti mica sta pensando alla situazione del 3°mondo! Lui sta analizzando la situazione americana giapponese e le zone evolute d'europa non certo a noi! In america e nel mondo progredito la situazione banda internet e tecnologica in generale e' leggerissimamaente piu' avanti della nostra...e ti posso dar ragione sul breve periodo per quanto riguarda i supporti: si', certo, continueremo, noi italiani, ad usare i vecchi supporti, magari anche le VHS ma ti consiglio di dare un occhio piu' attento a come stanno cambiando le merci sugli scaffali del tuo ipermercato: x. es. le vhs sempre meno e i dvd sempre di piu' - poi tocchera' anche ai dvd - e dopo quelli che ti butteranno fuori sti' furboni? pensaci...
  • Anonimo scrive:
    E le case discografiche?

    Se si pubblicano film su internet - ha concluso
    - in contesti legali a prezzi competitivi
    allora i consumatori ne saranno attratti".Seguano l'esempio di lungimiranza delle case discografiche e faranno la stessa fine.
  • Anonimo scrive:
    valore del film soldi
    "chi mai investirà grandi somme di venture capital in un film se ritiene che presto sarà vittima di un agguato? Il valore del film sarà minore. Non occorre essere un Premio Nobel per capirlo"il valore di un film non si misura certo su quanti miliardi ci spendi in effetti e scenografia.di buono rispetto a noi gli americani hanno la pellicola stupenda, luci ecc.per ilr esto, il doppiaggio è nostro ... la musica si fa comunque e ce n'è tanta..
    • Anonimo scrive:
      Re: valore del film soldi
      Aggiungerei inoltre che film stupendi si possono fare con un budget molto ristretto.Vorrei citare "Clerks" (in italiano "Commessi") di Kevin smith, che all'epoca fu girato e messo in pellicola, con un budget di 10.000 Dollari! (parlo del 94, non dell'epoca del film muto).Fu girato nel luogo dove il regista lavorava (un negozio), coinvolgendo anche alcuni suoi amici.Lo dedico a tutti quelli che hanno dovuto fare i commessi :)
  • Anonimo scrive:
    Mi fanno pena
    che tristezza
  • Anonimo scrive:
    così imparano a fare le versioni localizzate DVD
    per esempio
Chiudi i commenti