IPv4, presto il funerale

L'assegnazione degli indirizzi IP di vecchia generazione è agli sgoccioli, avvertono le autorità. Necessario iniziare subito la transizione a IPv6

Roma – Molto tenuta , spesso evocata e comunque attesa da anni, la morte dello standard IPv4 è sempre più vicina: IANA (Internet Assigned Numbers Authority), l’autorità che sovraintende l’allocazione degli indirizzi IP ai Registry Internet regionali, ha nei giorni scorsi assegnato due nuovi blocchi di indirizzi all’ APNIC (il Registry dell’Asia del Pacifico) prevedendo nel contempo di aspettarsi solo pochi mesi di attesa perché si arrivi alla fine dei giochi per IPv4 .

Ogni blocco di IP contiene 16 milioni di possibili indirizzi e, dopo la recente assegnazione al Registry asiatico, IANA fa sapere di averne a disposizione soltanto altri cinque. APNIC stima che “le normali allocazioni continueranno per altri 3-6 mesi, periodo oltre il quale chiunque vorrà chiedere nuovi IP per “esistere” in rete dovrà dimostrare di avere pianificato lo switch tecnologico a IPv6 per vedere considerata la propria richiesta.

Per quanto riguarda l’assegnazione degli ultimi cinque blocchi di IPv4 a livello globale, IANA ha già messo in conto una cerimonia “funebre” da tenersi entro la metà di marzo : a quel punto gli oltre 4 miliardi di indirizzi IP contenuti nello spazio di indirizzamento a 32-bit (IPv4, appunto) saranno ufficialmente esauriti.

“La future crescita e l’innovazione su Internet sono ora dipendenti dalla diffusione di IPv6” ha dichiarato il managing director di RIPE (il Registry europeo) Axel Pawlik. Ora più che mai “è vitale che provider, organizzazioni, governi e tutti gli altri azionisti di Internet comincino ad adottare IPv6”, ha concluso Pawlik.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paperoliber o scrive:
    Privacy !??!!
    A parte che non credo vengano messe le foto dei criminali on-line, poi chi si lederebbe a livello di privacy...??!!?? Chi compie un reato o chi lo subisce ??? Sono tutti dati pubblici e come tali devono essere trasparenti...
  • El Castigador scrive:
    Chissà come mai...
    "...furti d'auto, omicidi, violenze sessuali, comportamenti definibili come anti-sociali..."Chissà come mai non si fa una mappa per:- Frodi elettorali.- Falso in bilancio.- Corruzione.- Concussione.- Promesse elettorali non mantenute.Eh, chissà come mai...
    • krane scrive:
      Re: Chissà come mai...
      - Scritto da: El Castigador
      "...furti d'auto, omicidi, violenze sessuali,
      comportamenti definibili come
      anti-sociali..."
      Chissà come mai non si fa una mappa per:
      - Frodi elettorali.
      - Falso in bilancio.
      - Corruzione.
      - Concussione.
      - Promesse elettorali non mantenute.
      Eh, chissà come mai...Perche' non ne abbiamo voglia, altrimenti potremmo farlo con gli strumenti che la rete mette a disposizione.
    • Ricercatore scrive:
      Re: Chissà come mai...
      Mi aspetto che la distribuzione geografica di questi reati presenti delle singolarita'... forse facilmente prevedibili e dunque poco interessanti.
      • Aldo Naso scrive:
        Re: Chissà come mai...
        intendi dire singolarità tipo una grossa concentrazione dei questi tipi di reati in quel paese nelle vicinanze di monza?
  • SaltaLaRana scrive:
    Contrario
    In Italia bisognerebbe fare l'esatto contrario, segnalare sulla mappa dove non vengono commessi crimini. hah?!
Chiudi i commenti