IPv6, chi rimarrà senza spazio IP per primo?

Negli States le agenzie governative sono all'opera, ma altrove? E in Italia? Scarseggia la voglia di passare a IPv6. Ma per IPv4 la campana è già suonata. L'attivismo dei federali non contagia nessuno

L’Office of Management and Budget ( OMB ) della Casa Bianca ha rinnovato a tutte le agenzie governative statunitensi l’invito a prepararsi al passaggio a IPv6 entro il 30 giugno 2008 .

Già nel 2005 l’OMB aveva sollevato l’attenzione al riguardo: l’attuazione però, è una sfida che attacca molti fronti dello scenario – spiega Network World , intrattenendosi sul tema – quali le caratteristiche di sicurezza del nuovo protocollo, la scarsità di applicazioni commerciali aggiornate, qualche difficoltà di carattere finanziario e soprattutto problemi di aggiornamento del personale.

Pur tuttavia Karen Evans, amministratore di OMB, ha riferito che si attende la puntuale attuazione di quanto richiesto. Il funzionario non ha voluto rilasciare commenti circa le possibili sanzioni per quelle agenzie che non dovessero rispettare la disposizione. “Vogliamo che con l’implementazione di IPv6 le agenzie possano avvantaggiarsi delle opportunità concesse loro dai rispettivi incarichi” – ha detto la Evans in una nota – “Riteniamo importante che modernizzino presto le loro infrastrutture di rete, sia per supportare le nuove applicazioni e tecnologie, sia per minimizzare i rischi connessi con le applicazioni già in grado di usare IPv6″.

Kris Strance, che guida l’operazione di transizione, ha dichiarato: “L’onesta verità è che non ci siamo concentrati su queste applicazioni, ma sulle reti. Senza le reti, le applicazioni non hanno trasporto. Riconosciamo che è nelle applicazioni che si vede il vantaggio di IPv6. La rete (da sola, ndr) non fa nulla, ma deve necessariamente avere la precedenza (sulle applicazioni, ndr) “.

E in Italia? La situazione è assai più urgente che negli Stati Uniti per il ridotto spazio IP a disposizione. Se ne parla da lungo tempo, ci sono fonti ufficiali , ci sono tutorial , c’è persino la RAI che avverte sulla possibile saturazione della rete IPv4 entro il 2010. Ma di volontà concrete se ne vedono poche, l’argomento fa fatica ad entrare in agenda, al centro del dibattito.

Eppure non è più tempo di crogiolarsi. Come ben sanno i lettori, Punto Informatico della questione ha parlato più e più volte : tra gli ultimi avvisi c’è quello del RIPE, che ha posto il suo ultimatum . Se è vero che, per molti, affrontare l’argomento richiede tempo , anche se numerosi indirizzi IP inutilizzati sono ben nascosti sotto il velo di alcune strutture statunitensi, altrettanto vero è che nel frattempo l’appetito vien mangiando e lo spazio disponibile continua a diminuire, soprattutto al di fuori degli States.

Con l’ allargarsi della banda per i dispositivi mobili, ogni cellulare vorrà sempre più spesso un indirizzo IP proprio e fisso , per disporre della propria individualità in rete , in piena filosofia duepuntozero . E così per ogni altro dispositivo. Di questo passo, che lo si voglia o no, gli indirizzi IPv4 non basteranno : sono solo poco più di quattro miliardi .

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • luca scrive:
    in ritardo ma....
    Leggo solo ora, a distanza di mesi, la sua risposta al mio precedente post.Senza voler ulteriormente polemizzare le faccio notare che come detto precedentemente l'articolo confonde le due simili ma diverse tecnologie.La dimostrazione della cose viene ancor piu' dalla frase finale dell'articolo dove si fa riferimento al codice rappresentato dicendo "Cosa dicono quei 2 secondi" con chiaro riferimento alla massima durata audio di un codice VoiceQR ben diversa dai 250 caratteri di un codice testuale.Semplificando penso che la differenza fra le due tecnologie possa essere paragonata a quella fra un SMS ed un MMS.Colgo l'occasione per porgerle comunque le mie scuse per il tono effettivamente fin troppo critico del mio precedente post.Saluti.
  • Joliet Jake scrive:
    I nuovi codici a barre
    Sono aperti a molte possibilità.Qui ad Helsinki li puoi trovare ad esempio alle fermate del tram. Ci fai la foto col cellulare e ti mandano direttamente al sito con gli orari dei tram, le info, le tariffe, etc etc (e ti puoi connettere usando le WLan gratuite sparse per il centro)Per un turista sono una risorsa molto utile...
    • Kubu scrive:
      Re: I nuovi codici a barre

      Qui ad Helsinki li puoi trovare ad esempio alle
      fermate del tram. Ci fai la foto col cellulare e
      ti mandano direttamente al sito con gli orari dei
      tram, le info, le tariffe, etc etc (e ti puoi
      connettere usando le WLan gratuite sparse per il
      centro)
      Per un turista sono una risorsa molto utile...=8-0 Troooppo avanti !!!!!
    • japan lover scrive:
      Re: I nuovi codici a barre
      - Scritto da: Joliet Jake
      Sono aperti a molte possibilità.
      Qui ad Helsinki li puoi trovare ad esempio alle
      fermate del tram. Ci fai la foto col cellulare e
      ti mandano direttamente al sito con gli orari dei
      tram, le info, le tariffe, etc etc (e ti puoi
      connettere usando le WLan gratuite sparse per il
      centro)
      Per un turista sono una risorsa molto utile...in giappone col cellulare ci paghi il ristorante (ma anche il bar, il pusher, l'amico, il tram, tutti : è una specie di mobile-postepay), chiedi (ed ottieni) informazioni sul traffico, sui negozi aperti, sulle farmacie etc tramite la fotocamera integrata (altro che "pronto, sono marialuisa, come posso serevirla?" :-o ), leggi ingredienti, istruzioni per l'uso, date di scadenza, i i link, i biglietti da visita grazie ai QR...e tanto (tantissimo ) altro ancorama il giappone è nel fururo, quindi non fa testo ;)
  • ilMostro scrive:
    Cosa ce scritto
    Punto InformaticoLetto grazie al lettore di codici a barre contenuto nel mio n95 8gb...
    • japan lover scrive:
      Re: Cosa ce scritto
      - Scritto da: ilMostro
      Punto Informatico

      Letto grazie al lettore di codici a barre
      contenuto nel mio n95
      8gb...ho installato il QRcoder della kaiwa circa 2 anni fa, ormai O)
Chiudi i commenti