Iran, il contrattacco cinguetta

I netizen dimostrano il loro dissenso. Scagliandosi contro siti Web del governo
I netizen dimostrano il loro dissenso. Scagliandosi contro siti Web del governo

Prosegue sempre su Twitter la protesta degli internauti rispetto agli eventi che si stanno susseguendo in Iran ormai da giorni: dopo l’esito delle elezioni che aveva confermato nella sua carica l’attuale presidente si erano verificate diverse sollevazioni popolari .

L’intensità della protesta era stata registrata e diffusa in Rete specialmente grazie al tam-tam guidato proprio da Twitter.

Adesso è il turno degli attacchi DDOS a vari siti governativi: gli utenti residenti in Iran chiedono aiuto all’estero, indirizzando le offensive contro obiettivi telematici sensibili , molti dei quali risultano irraggiungibili. (G.P.)

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 06 2009
Link copiato negli appunti