Iraq più vicino, via GSM

La GSM Association plaude alla notizia che in Iraq verrà presto realizzata una rete di telefonia mobile GSM e che della sua realizzazione si occuperà l'americana MCI


Londra – Sarà l’americana MCI a realizzare il network di stazioni che porterà i servizi GSM in Iraq. La notizia, confermata nei giorni scorsi, è stata salutata con rilievo dalla GSM Association, che riunisce l’industria di settore e promuove la tecnologia GSM come standard internazionale.

Il motivo della soddisfazione della GSM Association va ricercato nel fatto che questo organismo ha lavorato a stretto contatto sul progetto del GSM in Iraq non solo con il Governo americano, dalle cui decisioni oggi dipende pressoché tutto nel paese, ma anche con il colosso MCI.

In una nota, l’Association parla della propria attività come del tentativo di “facilitare la rapida installazione e operatività della rete GSM per fornire immediato supporto agli sforzi umanitari e della ricostruzione in Iraq”. “Abbiamo lavorato – ha spiegato Rob Conway, CEO dell’Association – per assicurarci che l’Iraq avesse la tecnologia giusta per i propri cittadini, compatibile con il resto della regione e del mondo”.

Le cifre dell’organismo diretto da Conway indicano in 60 milioni, sparsi in 20 paesi, il numero di utenti GSM nel mondo arabo. E sono 195 i paesi nel mondo che hanno adottato le tecnologie GSM per almeno alcune delle proprie reti di telefonia mobile.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • TieFighter scrive:
    Bande di cracker coreani
    Credo che in tutti i paesi comunisti da lungo tempo si preparino e operino armate di cyber warriors. D'altra parte con mezzi relativamente scarni questi paesi possono ottenere una forza d'attacco del tutto simile a quella degli americani.
    • Anonimo scrive:
      Re: Bande di cracker coreani
      Chissà come sarà il terrorismo fra 10 anni???nOra
    • Anonimo scrive:
      Re: Bande di cracker coreani
      piccolo dettaglio : i cracker americani sono abituati a lottare contro le 'multinazionali imperialiste' da molto tempo , e sara' difficile che i nordcoreani riescano a fare qualcosa di meglio ...la RIAA e' un nemico molto piu' implacabile dei comunisti
Chiudi i commenti