Irlanda, Hollywood vuole soldi dagli asili

Non è mai troppo presto per tartassare i fruitori di audiovisivi

Roma – Meglio prenderli finché sono piccoli: la società di raccolta dei diritti Motion Picture Licensing Company (MPLC) che agisce per conto degli studios di Hollywood, intende far pagare i diritti di fruizione dei contenuti multimediali sui DVD ai giardini d’infanzia irlandesi. Diritti che secondo alcuni di questi asili non sono peraltro dovuti, né MPLC avrebbe alcun titolo per chiederli.

La richiesta di pagare le royalty per la visione dei supporti di proprietà delle major è arrivata ai 2.500 kindergarten sparsi per l’Irlanda, in accordo con l’associazione Irish Preschool Play Association (IPPA). Una richiesta secondo cui è illegale, per i ragazzi così come per gli istituti, fruire o mettere a disposizione degli alunni i DVD suddetti.

L’accordo con IPPA aveva permesso di ridurre il costo delle royalty sino a 3 euro per bambino, ciò nonostante molti gestori degli istituti hanno accolto con stupore o peggio la lettera delle major . Paula Doran, direttrice di un kindergarten a Dublino, dice che ben raramente i suoi ragazzi vengono messi davanti a una TV a guardare un DVD, attività a suo dire già troppo frequente in famiglia.

Doran ha deciso di non pagare le major, e a quanto pare la sua decisione è stata saggia: MPLC agirà anche per conto dei grossi nomi di Hollywood ma parrebbe non disporre di alcuna autorizzazione per fare da collettore dei diritti d’autore. Secondo fonti locali avrebbe persino infranto il Copyright Act irlandese approvato nel 2000. Le pene previste per una violazione di questo tipo vanno dalla multa sino alla prigione e MPLC, non a caso, ha finalmente deciso di chiedere le dovute autorizzazioni alle agenzie locali alla fine dello scorso week-end.

Rimane da stabilire se questa attività spilla-denaro instillerà nei bambini, nei genitori e negli educatori maggior rispetto per l’industria del copyright o se al contrario stimolerà nei bimbi la voglia di mettersi la bandana per trasformarsi in nanopirati.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • unaDuraLezione scrive:
    In bocca al lupo caaaari
    contenuto non disponibile
    • Marcello scrive:
      Re: In bocca al lupo caaaari
      - Scritto da: unaDuraLezione
      fategli vedere i sorci tricolore O)yeah è_é
    • SixaM scrive:
      Re: In bocca al lupo caaaari
      - Scritto da: unaDuraLezione
      fategli vedere i sorci tricolore O)Occhio alle FragDolls (http://www.fragdolls.com/), anche se un paio di round me li farei anch'io...Bye by SixaM 8-]P.S. Sembra che 'ste tipine siano sponsorizzate dalla UbiSoft...
  • Joliet Jake scrive:
    Strategici nuovi no?
    Gli strategici scelti per i mondiali sono Age Of Empire 3, Starcraft 1 e Warcraft 3 (il più nuovo).Tutti ottimi ma datati e questo la dice lunga su quanti altri strategici "buoni" siano usciti negli ultimi anni... :(
    • 5Lire scrive:
      Re: Strategici nuovi no?
      forse alla manifestazione non avevano soldi per aquistare le costosissime licenze di gioco di strategici nuovi...visti i prezzi attuali dei videogames :D
      • r1348 scrive:
        Re: Strategici nuovi no?
        Più che altro, non si è ancora visto uno strategico all'altezza di Starcraft... speriamo nel 2...
    • battagliacom scrive:
      Re: Strategici nuovi no?
      vero, di bei giochi strategici non ne sono proprio più usciti negli ultimi tempi, forse più in la...i giochi strategichi sono proprio i giochi che qualcuno definisce i giochi che sviluppano la mente e le facolta intellettuali e sforzano il cervello per creare proprio delle strategie.magari qualche gioco strategico di tipo medievale...dove non contano tanto le armi da fuoco.
Chiudi i commenti