IT, piano per i primi 100 giorni

LO propongono le associazioni di settore


Roma – Aitech-Assinform, la neo associazione delle imprese d’informatica, chiede alle forze politiche un segnale forte per promuovere l’innovazione nel Paese, “un segnale forte – come si legge in una nota – per la ripresa di competitività e la promozione di una politica dell’innovazione tecnologica nel Paese, da mettere in atto nei primi cento giorni del nuovo governo”.

La proposta dell’associazione di Confindustria che riunisce le principali imprese informatiche sarà presentata ufficialmente il 21 febbraio a Roma.

“L’Italia è in fase discendente nella scala della competitività ? si legge nel comunicato – per invertire questa tendenza, che ci sta emarginando dai processi produttivi avanzati e dai mercati internazionali, occorre imprimere una decisa sferzata subito. La nostra proposta è di puntare sull’Information Technology come fattore di accelerazione dei processi di sviluppo, per riuscire in breve tempo ad agganciare il nuovo ciclo dell’economia mondiale basato sull’innovazione e ribaltare il trend negativo della bilancia dei pagamenti, anche nel campo delle tecnologie. I nostri concorrenti più temibili hanno dimostrato che senza tecnologie digitali non si fa quel salto di qualità nell’economia che è necessario al nostro Paese per fare emergere le grandi potenzialità di cui è ricco. Per questo riteniamo che una priorità dell’agenda del nuovo governo dovrebbe essere quella di mettere in campo una squadra coesa e vincente per la “governance” di un piano straordinario finalizzato a produrre nel breve periodo risultati visibili nel settore dell’Information Technology”.

“Malgrado gli sforzi compiuti nell’e-government e nella banda larga – continua la nota – il settore informatico, pur dotato di persone competenti, imprese innovative e centri d’eccellenza, si trova oggi in notevole difficoltà. Costretto a muoversi in un mercato nazionale asfittico, condizionato da importanti spazi protetti, soprattutto a livello locale, ove si allunga l’ombra monopolistica di aziende a totale capitale pubblico, il settore soffre di una cronica carenza di politica industriale, che lo ha fortemente penalizzato anche sul piano internazionale”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: La pagliacciata non finisce mai!!!
    internet e non solo internet è un mezzo per diffondere la vostra lungimiranza, non limitatevi a scrivere su questo forum,
  • SardinianBoy scrive:
    Re: Le 3 b
    ...... i 3 diavoli insomma ?! :) :) :) :) :) :) :)
  • Anonimo scrive:
    Re: La pagliacciata non finisce mai!!!
    Guarda che la sinistra che si vedeva a destra guardando da sinistra nel romanzo scritto a sinistra della destra..ecc ecc eccMa invece di rendersi conto di ciò che la notizia sembra minacciare, non avete niente di meglio da fare che portare avanti simili osservazioni, che in realtà simulano un conflitto esistente solo nelle vostre teste (almeno quì da noi, e soprattutto, per noi)Ormai è chiaro che più che sinistra e destra, centro e lato, e su e giù il vero problema è noi e loro.Noi quelli che paghiamo e lavoriamo, e loro, quelli che comandano, secondo i loro interessi, e si arricchiscono coi nostri stessi soldi e sul nostro lavoro.Tutte le divisioni altro non sono che un mezzo per, appunto, dividerci.
  • Anonimo scrive:
    Re: La pagliacciata non finisce mai!!!
    sono queste le cose su cui meditare quindi
  • Anonimo scrive:
    Re: La pagliacciata non finisce mai!!!
    - Scritto da: soulista

    - Scritto da: Anonimo

    sì ma Orwell (e Zamjatin prima di lui) si

    riferiva alla russia stalinista, nel suo

    romanzo... non credo che avrebbe mai pensato di

    vedere accadere certe cose anche "in casa sua"

    :

    Comunque il romanzo si svolge in inghilterra e
    non si riferisce alla dittatura mondiale di
    un'unica ideologia, ma di diversi governi (5 o 6
    in tutto il mondo) che hanno come scopo il
    controllo totale della propria popolazione.Beh, più o meno quello che abbiamo ora!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: La pagliacciata non finisce mai!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Interessante e alquanto strano.Il partito dei
    conservatori denuncia i laburisti per i tentativi
    di instaurare una specie di Grande Fratello.Guarda che 1984 -- scritto da un inglese, George Orwell -- prevedeva proprio una dittatura in Inghilterra di stampo comunista (quindi di sinistra).
  • soulista scrive:
    Re: La pagliacciata non finisce mai!!!
    - Scritto da: Anonimo
    sì ma Orwell (e Zamjatin prima di lui) si
    riferiva alla russia stalinista, nel suo
    romanzo... non credo che avrebbe mai pensato di
    vedere accadere certe cose anche "in casa sua"
    :Comunque il romanzo si svolge in inghilterra e non si riferisce alla dittatura mondiale di un'unica ideologia, ma di diversi governi (5 o 6 in tutto il mondo) che hanno come scopo il controllo totale della propria popolazione.
  • Anonimo scrive:
    Le 3 b
    bbb: le 3 b piu' pericolose l'informazione:BushBlairBerlusconiNon serve andare in Cina: abbiamo gia' tutto in casa.
  • Alessandrox scrive:
    Re: La pagliacciata non finisce mai!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Interessante e alquanto strano.Il partito dei
    conservatori denuncia i laburisti per i tentativi
    di instaurare una specie di Grande Fratello.E'
    incredibile che il partito che ha avuto come
    guida la Thatcher, esponente insieme a Reagan che
    ha consacrato il neoliberismo, si metta a fare
    simili accuse.Se c'erano loro al posto dei
    laburisti, sarebbe accaduta la stessa cosa.Sono
    tutti e due al servizio del sistema.Oltretutto a
    Londra è presente la City, centro economico
    potentissimo, dove ci sono i banchieri di mezzo
    mondo.L'unica cosa strana è che si mettono
    platealmente a denunciare un simile progetto.
    Cmq sembra che l'instaurazione di un orribile
    controllo stia procedendo velocemente.Bisogna
    chiedersi seriamente dove vogliono arrivare ( la
    risposta penso che la sappiamo tutti ) e chi sta
    veramente promuovendo una simile strategia su
    scala globale, attraverso la scusa del
    terrorismo.Ci rimane poco tempo....
    NeergAhhhh non ci sono piu' i conservatori di una volta....Che Onta, che vergogna.Sarebbe come se i nostri sinistri aborrissero gli anticoncezionali e le sperimentazioni sui feti e i destri difendessero i PACS. Ma ve li immaginate...La fine del mondo... come lo conosciamo.Prepariamoci si avvicina la fine dei tempi e prima di essa sara' tutto sottosopra, tutto comincera' a funzionare al rovescio. I bimbi in pantofole sulla poltrona che inveiscono contro i vecchi sempre in discoteca che fanno tardi la sera, con i loro costumi discinti che si baciano in pubblico....BrrrrScherzi a parte, e' veramente tutta una gran pagliacciata. Questa gente meno la si ascolta e meglio spenderemo il nostro tempo.
  • Anonimo scrive:
    Re: La pagliacciata non finisce mai!!!
    sì ma Orwell (e Zamjatin prima di lui) si riferiva alla russia stalinista, nel suo romanzo... non credo che avrebbe mai pensato di vedere accadere certe cose anche "in casa sua" :
  • Anonimo scrive:
    Re: La pagliacciata non finisce mai!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Interessante e alquanto strano.Il partito dei
    conservatori denuncia i laburisti per i tentativi
    di instaurare una specie di Grande Fratello.E'
    incredibile che il partito che ha avuto come
    guida la Thatcher, esponente insieme a Reagan che
    ha consacrato il neoliberismo, si metta a fare
    simili accuse.Se c'erano loro al posto dei
    laburisti, sarebbe accaduta la stessa cosa.Sono
    tutti e due al servizio del sistema.Oltretutto a
    Londra è presente la City, centro economico
    potentissimo, dove ci sono i banchieri di mezzo
    mondo.L'unica cosa strana è che si mettono
    platealmente a denunciare un simile progetto.
    Cmq sembra che l'instaurazione di un orribile
    controllo stia procedendo velocemente.Bisogna
    chiedersi seriamente dove vogliono arrivare ( la
    risposta penso che la sappiamo tutti ) e chi sta
    veramente promuovendo una simile strategia su
    scala globale, attraverso la scusa del
    terrorismo.Ci rimane poco tempo....

    NeergNon è un caso che 1984 sia stato scritto da un anglosassone come George Orwell !
  • Anonimo scrive:
    La pagliacciata non finisce mai!!!
    Interessante e alquanto strano.Il partito dei conservatori denuncia i laburisti per i tentativi di instaurare una specie di Grande Fratello.E' incredibile che il partito che ha avuto come guida la Thatcher, esponente insieme a Reagan che ha consacrato il neoliberismo, si metta a fare simili accuse.Se c'erano loro al posto dei laburisti, sarebbe accaduta la stessa cosa.Sono tutti e due al servizio del sistema.Oltretutto a Londra è presente la City, centro economico potentissimo, dove ci sono i banchieri di mezzo mondo.L'unica cosa strana è che si mettono platealmente a denunciare un simile progetto.Cmq sembra che l'instaurazione di un orribile controllo stia procedendo velocemente.Bisogna chiedersi seriamente dove vogliono arrivare ( la risposta penso che la sappiamo tutti ) e chi sta veramente promuovendo una simile strategia su scala globale, attraverso la scusa del terrorismo.Ci rimane poco tempo....Neerg
Chiudi i commenti