Italia/ 20mila posti a rischio nelle TLC

Oggi al Ministero delle Comunicazioni incontro con i sindacati. I maggiori problemi nell'impiantistica e nel manifatturiero


Roma – Sarebbero 20mila i posti di lavoro a rischio nelle TLC italiane secondo una stima dei sindacati FIM, FIOM e UILM. I tre sindacati si incontreranno oggi con Giancarlo Innocenzi, sottosegretario alle Comunicazioni, presso il ministero delle TLC, nel tentativo di trovare strategie di risoluzione della grave questione.

Le cause di questa crisi sarebbero dovute al mancato decollo del mercato con la liberalizzazione dell’ultimo miglio, al rinvio ulteriore dei servizi di telefonia mobile di terza generazione e alle difficoltà di espansione della banda larga: tre settori centrali soprattutto per gli addetti nei settori dell’impiantistica e in quello manifatturiero, i più a rischio nel comparto delle telecomunicazioni italiane.

Se il grosso del problema è fino a questo momento legato al settore impiantistico, spiegano i sindacati, la contrazione degli investimenti sta toccando anche gli altri comparti tradizionalmente più solidi delle TLC, con l’unica eccezione di quanto avviene nel comparto dei gestori di telefonia mobile per i quali continua una rapida curva di espansione.

“La situazione – ha detto Bruno Vitali della FIM CISL – è ancora sotto controllo ma è necessario affrontare presto un discorso sulle strategie. Occorrono nuove scelte industriali e più investimenti sulla formazione”.

Proprio un problema formativo è peraltro alla base della mancanza cronica di personale specializzato nel settore delle TLC avanzate, come specificato di recente dall’Autorità TLC, che ha quantificato il cosiddetto “deficit professionale” in 121mila posti per il 2001, 140mila per il 2002 e 160mila per il 2003…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Sola lettura?
    "Le memorie flash sono un tipo di memoria a sola lettura in grado di mantenere i dati anche in assenza di energia [snip]"Come a sola lettura? Ma non vengono utilizzate da fotocamere digitali e altri dispositivi come supporto di memorizzazione?
    • Anonimo scrive:
      Re: Sola lettura?
      Si', sono delle ROM, Read Only Memory... Per cambiare il loro contenuto, infatti, è necessario "riprogrammarle", anche se questo richiede tempi brevissimi rispetto a EPROM e EEPROM. E' per questo che la flash rom che hai sul palmare o nel bios del PC non potrà mai competere, in termini di prestazioni, con le RAM.Se poi qualcuno riesce a dare una spiegazione più tecnica si faccia avanti! ;-)Ciao!- Scritto da: Rompi.B
      "Le memorie flash sono un tipo di memoria a
      sola lettura in grado di mantenere i dati
      anche in assenza di energia [snip]"

      Come a sola lettura? Ma non vengono
      utilizzate da fotocamere digitali e altri
      dispositivi come supporto di memorizzazione?
      • Anonimo scrive:
        Re: Sola lettura?
        Stavo per dire che erano due cose diverse...no, sono quasi la stessa cosa!Le flash, in generale, sono memorie "ottimizzate" per la lettura, che mantengono i dati anche in mancanza di alimentazione.Il tempo di scrittura e' comunque sempre moltomaggiore di quello di lettura.Vengono usate, ad esempio, nei cellulari (se levi la batteria non perdi l'agenda), nei bios dei computer nelle macchine fotografiche.Cercavo un link con maggiori info...ma oggi non trovo niente!! AAArgghghh!! :-))P.S. Mi sono giocato un votone a ING con una domanda sulle "Memorie Distruttive"...Bei tempi quelli...
Chiudi i commenti