Italia/ Il PC conquista le famiglie

Una ricerca Bocconi sostiene che più di una famiglia italiana su tre dispone di un personal computer, che questo viene utilizzato sempre di più e che se lo si compra lo si fa soprattutto per Internet


Milano – Aumenta la necessità o la curiosità di collegarsi ad Internet e aumentano di conseguenza gli acquisti di personal computer. Questo è uno dei dati più interessanti dell’ultima ricerca condotta dall’Università Bocconi sull’uso del PC nelle famiglie italiane.

Stando ai dati raccolti dall’Università, il 32,7 per cento di 22 milioni di famiglie ormai dispone di un personal computer; con una accelerazione nell’ultimo anno, tanto che il 12,7 per cento del totale ha acquistato un PC tra il 1999 e il 2000. La penetrazione del personal computing in Italia, hanno spiegato gli esperti della Bocconi, si avvicina così alla media europea.

Un altro elemento di interesse riguarda il fatto che la famiglia con PC ha mediamente tre componenti, si trova al centro o al Nord Italia e utilizza il computer per due ore e un quarto ogni giorno. Questa famiglia media ha comprato il proprio computer per lo più nei negozi della catene specializzate e al 44 per cento da fornitori locali. Inoltre il 65,7 per cento delle famiglie che hanno un PC dispone di un sistema con processore Intel Pentium III.

Dato “chiave” che sembra spingere sempre più le famiglie all’acquisto del PC è Internet. La connessione è oggi disponibile sul 70 per cento dei computer domestici contro il 57,3 per cento che era stato registrato alla fine del 1999. Sulla Rete, oggi utilizzata per la posta elettronica e per cercare “informazioni rapide”, le famiglie ripongono molte speranze, come quelle legate a servizi finanziari avanzati e a un commercio elettronico sicuro e conveniente.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Vi spiego come funziona...
    Capo: "Ragazzi forniamo un servizio di mail"Dev: "Ok, ma sappi che abbiamo queste limitazioni"Capo: "Non fa niente, il marketing lo richiede"Dev: "Ma cosi' non saremo in grado di migrare le caselle quando succede il caso X"Capo: "Se succedesse il caso X le caselle le cancelliamo, tanto sono gratuite! Che possono pretendere gli utenti!"Dev: "Ma perderanno tutti i loro dati!!!"Capo: "Sono caselle gratuite non si puo' pretendere niente"(qualche tempo dopo)Dev: "S'e' verificato il caso X"Capo: "Cancella le caselle"Dev: "Vabbe'", mentre pensa "COGL*#NE!!!!!!!!"(qualche minuto/ora/giorno dopo)Customer care: "I nostri ex utenti si sono inca##ati come iene!!!"Capo: "Accidenti!! Ma che pretendono: le caselle erano gratuite!! Mettiamo una pagina di scuse e chi s'e' visto s'e' visto"Occhio che non e' una cosa che mi sono inventato, ma cose che succedono (cioe' mi sono successe personalmente) nel fantastico mondo della new economy.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vi spiego come funziona...
      Ci credo eccome.diro di più, è la norma!Sono pochi i servizi new-economy che non hanno ancora dato qualche genere di sola...
  • Anonimo scrive:
    Quei contratti che nessuno legge...
    Dite la verità: quando vi trovate di fronte al contratto di una free internet, di una free mail-box o di qualcosa di simile, per caso leggete tutto il corpo del contratto?Io non lo faccio, secondo me quasi nessuno lo fa, e spesso chi offre qualsiasi servizio ne è perfettamente cosciente e sfrutta questa poca disponibilità della gente a leggere un testo da dieciMINUTIlettura.Un avvertimento per tutti: sulla gestione dei dati personali di solito ci sono due o tre radio button "accetto" o "non accetto". Accettare i primi è indispensabile per procedere, ma di solito l'ultimo è diverso: chiede se si accetta che la società ceda a chicchessia i nostri dati. Ovviamente non accettate MAI, tanto spesso non è neanche necessario per fruire del servizio in questione (e se è necessario: c'è sicuramente chi offre quello stesso servizio senza essere così invadente).Ciao, Paolo
  • Anonimo scrive:
    meditate, gente, meditate
    Quando puoi guardare negli occhi la gente con cui devi lavorare, gli puoi dire "senti, aggiungi questo al contratto..."ok globalizziamoci... ma usiamo come porta per il mondo il nostro vicino di casa... è molto meglio, se poi hai qualcuno da cercare.Tutti i provider gratuiti possono farci questo.Lo sappiamo.Salvatevi le rubriche, salvatevi le chiappe!
Chiudi i commenti