Italia, l'avanzata del libro hi-tech

Si moltiplicano anche in Italia le nuove modalità di diffusione: il Gabbiano Jonathan Livingston verrà diffuso su multimedia card per cellulari e palmari. Un tetralibro, invece, per diffondere un giallo anche tra chi non vede
Si moltiplicano anche in Italia le nuove modalità di diffusione: il Gabbiano Jonathan Livingston verrà diffuso su multimedia card per cellulari e palmari. Un tetralibro, invece, per diffondere un giallo anche tra chi non vede

Torino – L’Italia si sta muovendo verso la frontiera del “libro digitale”, espressione dai connotati molto ampi ma che sempre più spesso echeggia anche negli uffici degli editori nostrani, e se ne accorgeranno i visitatori della Fiera del Libro che, come ogni anno, da oggi fino all’8 maggio si terrà nel capoluogo piemontese.

A ridosso della manifestazione sono infatti arrivati un paio di annunci da segnalare perché emblematici , ancorché non isolati, delle nuove tendenze. Il primo giunge da Play Radio , celebre emittente radiofonica italiana che ora si fa veicolo di una singolare iniziativa che ha per oggetto uno dei volumi più venduti nella storia della letteratura: il Gabbiano Jonathan Livingston , il capolavoro di Richard Bach.

Disponibile già come file distribuito gratuitamente online e oggetto di diverse iniziative di diffusione della letteratura, ora le ali del celeberrimo “seagull” bachiano sbatteranno per quello che l’emittente chiama Playlibro , un volume che sarà diffuso su memory card.

Gabbiano in action Frutto di una iniziativa RCS, l’opera sarà la prima di una nuova generazione di audiolibri che, diffusa su una RS-MMC (reduced size MultiMedia Card) da 128 MB, sarà compatibile con numerosi cellulari e dispositivi portatili.

Ma proprio a ridosso della Fiera è stato anche presentato un tetralibro , in sostanza un libro che accanto al testo tradizionale propone un Cd-ROM, un progetto messo a punto da IWA Italy . All’interno del Cd-ROM tre diverse versioni dello stesso libro, concepite tanto per la lettura agevole degli ipovedenti quanto per i software di sintesi utilizzati da molti non vedenti.

A spingere il nuovo libro, il giallo “Pax Tibi Avogador Meus”, è il braccio della veneziana Omnia Office dedicato all’editoria. “Con questa opera – ha dichiarato Sonia Tommasini, titolare di Omnia Office – rispondiamo all’appello fatto da più parti, come l’Istituto Cavazza e l’associazione scrittori bolognesi presieduta dal giallista Carlo Lucarelli”. Le prime dieci copie del volume saranno poste in vendita su eBay .

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 05 2006
Link copiato negli appunti