Italia, megablitz contro il pedoporno

Il monitoraggio delle chat room consente alla Polizia Postale di individuare decine di persone ritenute coinvolte nella diffusione di immagini illecite


Roma – Ieri fin dalle prime ore dell’alba la Polizia Postale di Napoli, Foggia e Pescara ha dato vita ad una ampia operazione pensata per dare nuovo spessore alle indagini su quello che si ritiene un ampio giro di pornografia infantile attraverso Internet.

Stando a quanto dichiarato dalla Polizia, sarebbero circa 130 le persone fin qui identificate nelle cui abitazioni ieri sono stati effettuati sequestri di grandi quantità di materiale informatico legato all’inchiesta in corso.

A muoversi ieri sono stati 350 uomini della PolPost che hanno agito in numerose città.

A quanto pare i 130 coinvoilti sono stati individuati dai cybercop italiani nelle chat room e in altri ambienti elettronici di scambio monitorati dalla Polizia proprio per contrastare il fenomeno del pedoporno. “Le indagini – si legge infatti in una nota della Polizia di Stato – sono state effettuate utilizzando la modalità sotto-copertura permettendo agli investigatori di raccogliere circostanziati elementi di prova negli ambienti virtuali monitorati, in cui gli indagati erano soliti sia conversare su tematiche attinenti la pedofilia sia immettere fotografie di soggetti minori ritratti in pose oscene e lascive o intenti in attività sessuali esplicite anche con adulti”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Steganografia
    - Scritto da: Anonimo
    "Gli altri indagati sono tutti accusati di
    aver trasmesso informazioni fasulle ad un
    quotidiano degli Emirati Arabi Uniti, sempre
    via email, ed un quarto di aver pubblicato
    fotografie sul web relative ad una protesta
    curda a Damasco. Tutti sono in carcere da
    circa un anno."Effettivamente la consapevolezza di vivere in un paese oppresso da un regime dovrebbe far adottare misure di sicurezza maggiori da chi vuole comunicare certi contenuti.E ci sono molti modi con internet: proxy anonimi, freenet, steganografia, criptazione a 2048bit etc......Purtroppo questi erano probabilmente dei newbie e si sono fatti beccare....
  • Anonimo scrive:
    Steganografia
    "Gli altri indagati sono tutti accusati di aver trasmesso informazioni fasulle ad un quotidiano degli Emirati Arabi Uniti, sempre via email, ed un quarto di aver pubblicato fotografie sul web relative ad una protesta curda a Damasco. Tutti sono in carcere da circa un anno."
  • Anonimo scrive:
    Re: speriamo..
    - Scritto da: Anonimo
    ..di non doverci trovare nella stessa
    posizione...magari non ora ma tra una decina
    d'anni, il reato di opinione tanto voluto in
    europa (soprattutto dai francesi) lascia
    prevedere male...Quasi quasi spero invece che si arrivi rapidamente a quei livelli, così la cinghia si spezza subito, la gente si sveglia e prende a calci nel qlo i nostri politicanti, magari anche con le armi in mano.Non ne posso più di questo lento stillicidio alle libertà indviduali
  • Anonimo scrive:
    speriamo..
    ..di non doverci trovare nella stessa posizione...magari non ora ma tra una decina d'anni, il reato di opinione tanto voluto in europa (soprattutto dai francesi) lascia prevedere male...
Chiudi i commenti