Italia, nasce l'associazione degli industriali hi-tech

Confindustria si mette a passo con i tempi e pensa all'economia digitale. Riunendo sotto un solo ombrello quattro delle associazioni di categoria. La porta per le altre è aperta, l'unione fa la forza
Confindustria si mette a passo con i tempi e pensa all'economia digitale. Riunendo sotto un solo ombrello quattro delle associazioni di categoria. La porta per le altre è aperta, l'unione fa la forza

È stata costituita oggi a Roma “Confindustria Digitale”, la nuova Federazione di rappresentanza industriale, nata con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo dell’economia digitale italiana .

Soci fondatori sono Assotelecomunicazioni ( Asstel ), l’associazione della filiera delle imprese di Telecomunicazioni, Assinform , rappresentante dell’ Information Technology , Anitec , che riunisce i produttori di tecnologie e servizi informatici, e l’associazione degli Internet Provider, Aiip . A questi sono invitati ad unirsi nei prossimi mesi le altre importanti associazioni dei settori ICT.

In attesa dell’elezione dei nuovi organi, che avverrà con la prima assemblea attesa entro la fine dell’anno, guiderà la nuova Federazione l’attuale presidente di Asstel Stefano Parisi e, in qualità di vicepresidenti, Paolo Angelucci e Cristiano Radaelli, rispettivamente vertici di Assinform e Anitec.

Confindustria Digitale nasce con l’esigenza di “radicare in Italia un progetto-Paese di trasformazione dell’economia e della società capace di sfruttare le grandi potenzialità delle tecnologie digitali”, ha riferito Parisi. Vuole, insomma, rappresentare un unico polo forte di rappresentanza dell’industria ICT , dove lavorano oltre 250mila uomini, per un fatturato annuo di oltre 70 miliardi di euro.

In questo modo il settore intende riconoscere, e vuole farsi riconoscere, il ruolo centrale svolto nell’economia moderna e in particolare nell’ottica degli obiettivi dell’Agenda Digitale.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti