Italia, nasce l'associazione degli industriali hi-tech

Confindustria si mette a passo con i tempi e pensa all'economia digitale. Riunendo sotto un solo ombrello quattro delle associazioni di categoria. La porta per le altre è aperta, l'unione fa la forza

Roma – È stata costituita oggi a Roma “Confindustria Digitale”, la nuova Federazione di rappresentanza industriale, nata con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo dell’economia digitale italiana .

Soci fondatori sono Assotelecomunicazioni ( Asstel ), l’associazione della filiera delle imprese di Telecomunicazioni, Assinform , rappresentante dell’ Information Technology , Anitec , che riunisce i produttori di tecnologie e servizi informatici, e l’associazione degli Internet Provider, Aiip . A questi sono invitati ad unirsi nei prossimi mesi le altre importanti associazioni dei settori ICT.

In attesa dell’elezione dei nuovi organi, che avverrà con la prima assemblea attesa entro la fine dell’anno, guiderà la nuova Federazione l’attuale presidente di Asstel Stefano Parisi e, in qualità di vicepresidenti, Paolo Angelucci e Cristiano Radaelli, rispettivamente vertici di Assinform e Anitec.

Confindustria Digitale nasce con l’esigenza di “radicare in Italia un progetto-Paese di trasformazione dell’economia e della società capace di sfruttare le grandi potenzialità delle tecnologie digitali”, ha riferito Parisi. Vuole, insomma, rappresentare un unico polo forte di rappresentanza dell’industria ICT , dove lavorano oltre 250mila uomini, per un fatturato annuo di oltre 70 miliardi di euro.

In questo modo il settore intende riconoscere, e vuole farsi riconoscere, il ruolo centrale svolto nell’economia moderna e in particolare nell’ottica degli obiettivi dell’Agenda Digitale.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Atropa_MI scrive:
    Filantropia e Ipocrisia
    Ma perche mai Oracle aspetta fino ad ora per andare a denunciare delle violazioni di brevetto, quando queste violazioni esistevano anche lanno scorso?Forse perche ADESSO il sucXXXXX di Android e tale che una mossa come questa porta oltre ai soldi del risarcimento anche un sacco di pubblicita (Android e cosi perche Oracle era cosi prima di lui, compra ORACLE) ???????Denunce tardive come queste andrebbero cassate alla fonte. Se qualcuno ha usurpato un diritto (un brevetto), questo qualcuno va denunciato SUBITO, non dopo mesi e mesi e mesi di utilizzo, altrimenti posso pensare piu che lecitamente che ORACLE CI STIA MARCIANDO !!!!
  • Mr Stallman scrive:
    L'ultimo stadio è il patent troll
    Ormai è ossadto che quando un'azienda è suul'orlo del fallimento si trasforma in un patent troll.
    • Gianluca70 scrive:
      Re: L'ultimo stadio è il patent troll
      - Scritto da: Mr Stallman
      Ormai è ossadto che quando un'azienda è suul'orlo
      del fallimento si trasforma in un patent
      troll.Certo certo, quando un'azienda fa solo 8Miliardi di $ di fatturato al trimestre con circa 5Miliardi$ di Net Income, con incrementi del 30%/40% rispetto all'anno precedente, e punta ai 30/32 Miliardi di $ di fatturato annuo e potenzialmente 15/20Miliardi $ di Net income, è proprio sull'orlo del fallimento...http://www.oracle.com/us/corporate/investor-relations/financials/q3fy11-349207.pdf
  • loool scrive:
    ABBANDONARE Java
    questo è il dictac e se proprio vi fa schifo il c++c'è sempre C#che è anche molto superiore a java
    • Appl scrive:
      Re: ABBANDONARE Java
      - Scritto da: loool
      questo è il dictac e se proprio vi fa schifo il
      c++
      c'è sempre C#
      che è anche molto superiore a javalol questa è bellissima, me la rivendo come barzelletta
    • ABC scrive:
      Re: ABBANDONARE Java

      se proprio vi fa schifo il c++
      c'è sempre C#è vero e giusto! a chi fa schifo il C++ si merita solo il C#
      • PinguinoCattivo scrive:
        Re: ABBANDONARE Java
        - Scritto da: ABC

        se proprio vi fa schifo il c++

        c'è sempre C#

        è vero e giusto! a chi fa schifo il C++ si merita
        solo il
        C#Senza pensare che in questo modo si passerebbe dalla padella di oracle alla brace di microsoft.Brrrr....
        • pippo scrive:
          Re: ABBANDONARE Java
          Esiste Mono e le specifiche sono open
          • jfk scrive:
            Re: ABBANDONARE Java
            - Scritto da: pippo
            Esiste Mono e le specifiche sono openBSi, ma non di tutto il framework .net, quindi ci fai pochissimo. Basta che tra 2 minuti cambino una printf e sei bello e fottutto.Ruby e' il futuro, ed io non programmo in Ruby, a scanso di equivoci.
          • un utente scrive:
            Re: ABBANDONARE Java
            - Scritto da: jfk
            - Scritto da: pippo

            Esiste Mono e le specifiche sono openB
            Si, ma non di tutto il framework .net, quindi ci
            fai pochissimo.

            Basta che tra 2 minuti cambino una printf e sei
            bello e
            fottutto.
            Ruby e' il futuro, ed io non programmo in Ruby, a
            scanso di
            equivoci.Ruby è il futuro?!?Vecchio cambia mestiere va...
          • Cavallo Pazzo scrive:
            Re: ABBANDONARE Java
            jfk? Come dire j fei o j kai? Comunque, secondo me lui è berlusconi che utilizza uno pseudonimo...
        • Cavallo Pazzo scrive:
          Re: ABBANDONARE Java
          Google è partita con un motore di ricerca per internet, poi ha sviluppato vari applicativi, ad un certo punto si è resa conto che il proprio business era in un certo senso un po' "ricattato" dai browser esistenti, ebbene, come risposta si è costruita un proprio browser, poi, si è resa conto che per avere maggior libertà di manovra avrebbe dovuto anche crearsi un proprio OS, dando vita ai progetti di Chrome OS e Android. Adesso che BigG viene minacciata pure sul linguaggio utilizzato per implementare il proprio OS, tra un po' vedrete che implementerà il proprio linguaggio (G++), il proprio compilatore, la propria VM e finalmente se ne vedranno delle belle!
          • Francesco scrive:
            Re: ABBANDONARE Java
            Si, quando si renderà conto che i suoi discepoli possono appoggiare il telefono sul tavolo o spengere il computer, produrrà un chip da impiantarti nel cervello.
    • seeee scrive:
      Re: ABBANDONARE Java
      della serie i sogni son desideri . . .
    • Paolo scrive:
      Re: ABBANDONARE Java
      - Scritto da: loool
      questo è il dictac e se proprio vi fa schifo il
      c++ c'è sempre C#
      che è anche molto superiore a javaMi sa che ti sei perso la reazione furiosa degli sviluppatori MS al video di anticipazione di Windows 8. Sul forum ufficiale MS per sviluppatori, c'è stata una vera e propria rivolta, perchè nel video di fatto viene detto che Windows 8 privilegia le applicazioni HTML5+JS, mentre Silverlight "rimarrà supportato" ma in secondo piano.
    • sisko212 scrive:
      Re: ABBANDONARE Java
      Si, direi che è ora già da un pezzo...
    • hermanhesse scrive:
      Re: ABBANDONARE Java
      Ti do ragione, ma tutto il mondo (compresi i seri professionisti IT di questo sito) ce l'ha con Microsoft.C# non è di Microsoft, è un linguaggio certificato. E Mono è un esempio di quello che ci si può fare.C'è una sola cosa a mio parere da fare: creare un editor QT per le UI, integrabile con il framework Mono, perchè GTK# IMHO ha troppe limitazioni.Una volta fatto questo, Mono / Monodevelop & parenti potrebbero tranquillamente competere con VS.NET e (ovviamente, mi sembra banale) anche la portabilità delle applicazioni sarebbe ok.C#, è innegabile, è sintatticamente migliore di JAVA. Inoltre scrivi meno e fai di più... non sto parlando di "wizards" o scorciatoie dell'IDE, parlo proprio del fatto che con meno righe si fanno le stesse cose.Inoltre vedo molto bene Vala... anche se ritorniamo sul fatto che è legato innegabilmente a Gnome.
      • un altro passante scrive:
        Re: ABBANDONARE Java
        - Scritto da: hermanhesse
        Ti do ragione, ma tutto il mondo (compresi i seri
        professionisti IT di questo sito) ce l'ha con
        Microsoft.

        C# non è di Microsoft, è un linguaggio
        certificato. E Mono è un esempio di quello che ci
        si può fare.Cioe' un progetto diviso a causa dei brevetti microsoft, da cui si vuole stare lontani: la parte che implementa lo standard ECMA e le estensioni Microsoft-compatibili.
        C'è una sola cosa a mio parere da fare: creare un
        editor QT per le UI, integrabile con il framework
        Mono, perchè GTK# IMHO ha troppe
        limitazioni.Non si puo' senza infrangere una serie di brevett, Semplicemente Redmond si e' creata un mercato: quelli che vogliono migrare le loro applicazioni .Net che fanno uso di ADO.NET, Winforms e ASP.NET dovranno pagare la licenza per i brevetti (oppure usare Novell Suse).
        Una volta fatto questo, Mono / Monodevelop &
        parenti potrebbero tranquillamente competere con
        VS.NET e (ovviamente, mi sembra banale) anche la
        portabilità delle applicazioni sarebbe
        ok.
        C#, è innegabile, è sintatticamente migliore di
        JAVA. Inoltre scrivi meno e fai di più... non sto
        parlando di "wizards" o scorciatoie dell'IDE,
        parlo proprio del fatto che con meno righe si
        fanno le stesse cose.

        Inoltre vedo molto bene Vala... anche se
        ritorniamo sul fatto che è legato innegabilmente
        a
        Gnome.
        • hermanhesse scrive:
          Re: ABBANDONARE Java
          - Scritto da: un altro passante
          - Scritto da: hermanhesse

          Ti do ragione, ma tutto il mondo (compresi i
          seri

          professionisti IT di questo sito) ce l'ha con

          Microsoft.



          C# non è di Microsoft, è un linguaggio

          certificato. E Mono è un esempio di quello che
          ci

          si può fare.

          Cioe' un progetto diviso a causa dei brevetti
          microsoft, da cui si vuole stare lontani: la
          parte che implementa lo standard ECMA e le
          estensioni
          Microsoft-compatibili.Infatti: e non vedo quale sia il problema se non Stallman che sentenzia le solite XXXXXXXte (e lo dico da suo vecchio fans... ).Leggi BENE:http://it.wikipedia.org/wiki/Mono_(progetto)#Mono_e_i_brevetti_della_Microsoft


          C'è una sola cosa a mio parere da fare: creare
          un

          editor QT per le UI, integrabile con il
          framework

          Mono, perchè GTK# IMHO ha troppe

          limitazioni.

          Non si puo' senza infrangere una serie di
          brevett, Non è assolutamente vero, sei rimasto indietro con le notizie.
          Semplicemente Redmond si e' creata un
          mercato: quelli che vogliono migrare le loro
          applicazioni .Net che fanno uso di ADO.NET,
          Winforms e ASP.NET dovranno pagare la licenza per
          i brevetti (oppure usare Novell
          Suse).Quindi lo dici tu stesso!!!Allora: ADO.NET è reimplementabile con qualcosa di analogo (se è un brevetto vorrei capire come mai QUALUNQUE linguaggio ha librerie che offrono praticamente le stesse funzionalità in modi pressochè analoghi).Winforms? E chi se ne frega di winforms se uso QT! E' una cosa completamente a parte!Rimane ASP.NET, per il quale non ho informazioni per risponderti.IMHO ASP.NET ha dei pro nell'integrazione con il resto scritto in C#, ma a mio parere ci sono framework migliori per sviluppare su web e che sono (tramite ad esempio i webservices ed i server socket) riusabili su altre applicazioni.Ad ogni modo ripeto che questo:http://it.wikipedia.org/wiki/Mono_(progetto)#Mono_e_i_brevetti_della_MicrosoftE' più che accettabile.


          Una volta fatto questo, Mono / Monodevelop &

          parenti potrebbero tranquillamente competere con

          VS.NET e (ovviamente, mi sembra banale) anche la

          portabilità delle applicazioni sarebbe

          ok.


          C#, è innegabile, è sintatticamente migliore di

          JAVA. Inoltre scrivi meno e fai di più... non
          sto

          parlando di "wizards" o scorciatoie dell'IDE,

          parlo proprio del fatto che con meno righe si

          fanno le stesse cose.



          Inoltre vedo molto bene Vala... anche se

          ritorniamo sul fatto che è legato innegabilmente

          a

          Gnome.
  • nome cognome scrive:
    mmm
    haha (per i commenti da bambini ovviamente).come se il business si fa con la filantropia.. dai crescete o svegliatevi... in fin dei conti google è a scopo ìdi lucro ma perché velo dico, tanto voi siete fan
    • Appl scrive:
      Re: mmm
      - Scritto da: nome cognome
      haha (per i commenti da bambini ovviamente).come
      se il business si fa con la filantropia.. dai
      crescete o svegliatevi... in fin dei conti google
      è a scopo ìdi lucro ma perché velo dico, tanto
      voi siete
      fanfino ad oggi ho utilizzato gratuitamente tutto cio che google mi ha messo a disposizione, puoi dire lo stesso di altre aziende con scopo di lucro?non sono certo un fan di google ma la tua è una trollata flamante come poche
    • PinguinoCattivo scrive:
      Re: mmm
      - Scritto da: nome cognome
      haha (per i commenti da bambini ovviamente).come
      se il business si fa con la filantropia.. dai
      crescete o svegliatevi... in fin dei conti google
      è a scopo ìdi lucro ma perché velo dico, tanto
      voi siete
      fanSbagli candeggio: non è di Google che si parla, ma dell'uso che sta facendo oracle delle tecnologie acquisite da Sun. Un approccio diametralmente opposto a quello che ha ispirato Sun stessa quando quelle stesse tecnologie le ha sviluppate e le ha date al mondo....E se Oracle si comporta in questo modo con Java, cosa ne sarà di MySQL? E anche di NFS, di RPC e di tutte le altre tecnologie sviluppate da Sun e "date al mondo" ?
      • MacGeek scrive:
        Re: mmm
        - Scritto da: PinguinoCattivo
        Sbagli candeggio: non è di Google che si parla,
        ma dell'uso che sta facendo oracle delle
        tecnologie acquisite da Sun. Un approccio
        diametralmente opposto a quello che ha ispirato
        Sun stessa quando quelle stesse tecnologie le ha
        sviluppate e le ha date al mondo.Infatti SUN è fallita... Oracle no.
        ...E se Oracle si comporta in questo modo con
        Java, cosa ne sarà di MySQL? E anche di NFS, di
        RPC e di tutte le altre tecnologie sviluppate da
        Sun e "date al mondo"
        ?Io direi che è tempo di guardare PostgreSQL, che tra l'altro sembra anche meglio di MySQL...
        • the_m scrive:
          Re: mmm
          - Scritto da: MacGeek
          Infatti SUN è fallita... Oracle no.Come no... Sun è stata VENDUTA per 7,4 MILIARDI DI DOLLARI ad oracle
          Io direi che è tempo di guardare PostgreSQL, che
          tra l'altro sembra anche meglio di MySQL...Il problema è che, vista la licenza e la grande correttezza e coerenza della ex MySQL AB e di Sun, milioni di server (soprattutto web) usano già MySQL.Adesso che sono arrivati i maiali Oracle, è giusto guardare in altre direzioni ma tutti i server già implementati e funzionanti se ne stanno lì...
          • MacGeek scrive:
            Re: mmm
            - Scritto da: the_m
            - Scritto da: MacGeek

            Infatti SUN è fallita... Oracle no.

            Come no... Sun è stata VENDUTA per 7,4 MILIARDI
            DI DOLLARI ad oracleEra in una spirale mortale. Se poi pensi che la banale Skype è stata venduta da 8,4 miliardi! Direi che SUN orami si era un bel po' deprezzata. E pensa che solo 10 anni fà per pochissimo non comprava la Apple (che in quel momento anche lei era in una spirale mortale, prima che tornasse Jobs e invertisse la tendenza).
        • sunfan scrive:
          Re: mmm
          - Scritto da: MacGeek[...]

          Infatti SUN è fallita... Oracle no.Bel modo di fallire: 7 miliardi e mezzo di dollari!Potessi fallire anche io così...[...]
          Io direi che è tempo di guardare PostgreSQL, che
          tra l'altro sembra anche meglio di
          MySQL...Forse ti sfugge che anche postgresql era di Sun (e oggi di Oracle...)
          • filoberto scrive:
            Re: mmm
            - Scritto da: sunfan
            Forse ti sfugge che anche postgresql era di Sun
            (e oggi di
            Oracle...)Non mi risulta proprio: http://www.postgresql.org/about/historyo ne sai di più?
          • sunfan scrive:
            Re: mmm
            - Scritto da: filoberto
            - Scritto da: sunfan

            Forse ti sfugge che anche postgresql era di Sun

            (e oggi di

            Oracle...)

            Non mi risulta proprio:
            http://www.postgresql.org/about/history
            o ne sai di più?Ho controllato: hai ragione.C'era stato un maldestro tentativo con Sun Postgres ma niente di più.http://it.toolbox.com/blogs/database-soup/sun-and-postgresql-6599:)
  • harvey scrive:
    Brava google
    Cosi' imparano a fidarsi di tecnologie proprietarie.Se partivano da altre fonti sicuramente facevano un lavoro migliore, altro che java
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Brava google
      - Scritto da: harvey
      Cosi' imparano a fidarsi di tecnologie
      proprietarie.e da quando google è open source?
      • PinguinoCattivo scrive:
        Re: Brava google
        - Scritto da: Nome e cognome
        - Scritto da: harvey

        Cosi' imparano a fidarsi di tecnologie

        proprietarie.

        e da quando google è open source?Da mai. Android invece (più o meno...) da sempre.E guarda caso è proprio da Android che oracle cerca di battere cassa.
  • Enjoy with Us scrive:
    Ecco un patent trol doc!
    Brava Oracle, acquisire Sun con il solo scopo di imbastire cause giudiziarie... spero faccia la fine del suo predeXXXXXre... il fallimento!
  • sunfan scrive:
    la vera natura di oracle
    Oracle manifesta la propria, vera natura !!Comprare sun per fagocitare le tecnologie che riteneva monetizzabili, affossare i progetti open che Sun aveva sponsorizzato e spremere come limoni i cosidetti "violatori" dei "suoi" copyright.In poche parole: che tristezza :(
    • Valeren scrive:
      Re: la vera natura di oracle
      La cosa l'avevano ipotizzata in parecchi persino qui su PI.Gli unici caduti dalle nuvole paiono essere quelli dell'antitrust.Un peccato vedere oracle decadere a patent troll.
      • Rover scrive:
        Re: la vera natura di oracle
        Le barche costano, e quelle della coppa america ancora di più.
        • collione scrive:
          Re: la vera natura di oracle
          adesso capisco perchè pure Bill si è dato al patent trolling :D[img]http://farm3.static.flickr.com/2152/2410515215_9ed7b5b0df.jpg[/img]
    • shevathas scrive:
      Re: la vera natura di oracle
      - Scritto da: sunfan
      Oracle manifesta la propria, vera natura !!

      Comprare sun per fagocitare le tecnologie che
      riteneva monetizzabili, affossare i progetti open
      che Sun aveva sponsorizzato e spremere come
      limoni i cosidetti "violatori" dei "suoi"
      copyright.
      pensavi fossero le dame di san vincenzo ?
    • un utente scrive:
      Re: la vera natura di oracle
      - Scritto da: sunfan
      Oracle manifesta la propria, vera natura !!

      Comprare sun per fagocitare le tecnologie che
      riteneva monetizzabili, affossare i progetti open
      che Sun aveva sponsorizzato e spremere come
      limoni i cosidetti "violatori" dei "suoi"
      copyright.

      In poche parole: che tristezza :(beh, è una azienda e deve fare soldi.Non vedo dov'è il problema e perchè deve essere triste.
      • the_m scrive:
        Re: la vera natura di oracle
        - Scritto da: un utente
        beh, è una azienda e deve fare soldi.
        Non vedo dov'è il problema e perchè deve essere
        triste.E' così difficile? E' triste perchè questo comportamento va tutto a danno dei consumatori finali, che da poco tempo a questa parte con 100 euro possono avere in tasca uno smartphone.E' triste perchè tutto il concetto che sta dietro i "brevetti software" è completamente insensato e stupido. Google ha sviluppato TUTTO IN CASA SUA, dovrebbe essere oracle a pagare Google perchè è l'unica a tenere ancora in vita Java al di fuori di qualche sperduta nicchia lato server o app multipiattaforma.E' triste perchè le aziende-carrozzoni vecchi dinosauri come oracle se non innovano e non stanno al passo coi tempi dovrebbero fallire anzichè fare i parassiti e monetizzare sul lavoro altrui (di Google, del mondo open source,...)Ma del resto, si parla di un'azienda (ORACLE) che fino a poco tempo non permetteva agli utenti neanche di pubblicare test comparativi tra il suo "SUPER POTENTISSIMO" dbms vs. gli altri dbms.Forse perchè sapeva che il suo "SUPER POTENTISSIMO" dbms è certamente SUPER COSTOSO ma potentissimo.. chissà
        • un utente scrive:
          Re: la vera natura di oracle
          Un azienda fa i proprio interessi e non quelli del consumatore quindi ripeto va bene cosi'.
          • mavala scrive:
            Re: la vera natura di oracle
            - Scritto da: un utente
            Un azienda fa i proprio interessi e non quelli
            del consumatore quindi ripeto va bene
            cosi'.Se una azienda non fa gli interessi del consumatore, perde il consumatore e chiude baracca e burattini. Quindi, va bene così?
          • un utente scrive:
            Re: la vera natura di oracle
            - Scritto da: mavala
            - Scritto da: un utente

            Un azienda fa i proprio interessi e non quelli

            del consumatore quindi ripeto va bene

            cosi'.

            Se una azienda non fa gli interessi del
            consumatore, perde il consumatore e chiude
            baracca e burattini. Quindi, va bene
            così?Assolutamente si, che va bene cosi'.Siamo noi consumatori che decidiamo quindi vedremmo se realmente vogliamo che questa azienda chiuda o meno.
          • hermanhesse scrive:
            Re: la vera natura di oracle
            Il problema è che in informatica le novità sono tante e parecchie cose cambiano velocemente... salvo gli ERP aziendali.Nel mondo ci sono multinazionali che stanno ancora con le ACG (nemmeno quelle "web") super personalizzate che parlano con le filiali estere che hanno qualchealtrosoftware sempre su AS/400...SAP R/3 è vecchio già da anni e chiunque onesto lo sa. Le alternative ci sono ma non si può "cambiare" così dal giorno alla notte, senza reali motivi.Allo stesso modo chi all'epoca aveva oracle Db o comunque soluzioni ERP Oracle (la seconda al mondo, dopo SAP R/3 e prima di SAGE Erp) si tiene quella: fra trent'anni vedremo aziende migrare verso altri ERP (a sua volta probabilmente già vecchi, perchè "consolidati").Quindi le cose si muovono su due velocità: non è detto che quello che Oracle è oggi non si rispecchi su questa fra una decina d'anni: una volta persa la faccia difficile anche con l'innovazione riprendersi la fiducia del cliente.
          • MatteoDC scrive:
            Re: la vera natura di oracle
            Beh, è senza dubbio vero che le grandi aziende hanno la tendenza a mantenere ERP "consolidati" anche se di vecchia concezione e a non rischiare l'avventura con gestionali magari più performanti ma ritenurti di nuova concezione; però penso che questa sia una delle tendenze che stanno scomparendo col tempo.Ormai gli ERP si stanno muovendo verso nuove frontiere (come la mobilità e la fruizione remota - è sufficiente guardare qui in italia, per trovare software come questo http://www.panthera.it/ , che a mio parere è di ottimo livello e si può usare tramite iPad, ma ce ne sono anche altri validi all'estero).Logicamente software di rilevanza internazionale hanno tempi di sviluppo e conversione più lunghi, ma per competere penso che dovranno adeguarsi a questi ritmi frenetici ;)
          • Appl scrive:
            Re: la vera natura di oracle
            - Scritto da: un utente
            - Scritto da: mavala

            - Scritto da: un utente


            Un azienda fa i proprio interessi e non quelli


            del consumatore quindi ripeto va bene


            cosi'.



            Se una azienda non fa gli interessi del

            consumatore, perde il consumatore e chiude

            baracca e burattini. Quindi, va bene

            così?

            Assolutamente si, che va bene cosi'.
            Siamo noi consumatori che decidiamo quindi
            vedremmo se realmente vogliamo che questa azienda
            chiuda o
            meno.io voglio che chiuda, quand'è che dovrebbe succedere questa magia?
Chiudi i commenti