Italia, oscuramenti a pioggia

La Guardia di Finanza di Agropoli ordina l'inibizione di tutti gli accessi dall'Italia ai popolari tracker Torrentreactor e Torrents. Parte la caccia ai responsabili, in Svezia e Ucraina
La Guardia di Finanza di Agropoli ordina l'inibizione di tutti gli accessi dall'Italia ai popolari tracker Torrentreactor e Torrents. Parte la caccia ai responsabili, in Svezia e Ucraina

Una nuova operazione delle Fiamme Gialle di Agropoli, coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Vallo della Lucania per l’oscuramento dei noti tracker Torrentreactor.net e Torrents.net . Ai principali provider italiani è così arrivato l’ordine d’inibizione di tutti gli accessi da parte degli utenti tricolore.

Tra la fine del 2011 e i primi mesi del 2012, la Guardia di Finanza campana avviava le indagini contro il network Italianshare , descritto come “uno dei più importanti supermercati del multimediale pirata”. Il suo primo gestore, con il nickname Tex Willer, veniva arrestato per le attività di indexing a materiale protetto dal copyright.

Nell’inchiesta su Islafenice.net – resurrezione digitale di Italianshare per la distribuzione di link a contenuti ospitati su siti terzi – le Fiamme Gialle di Agropoli hanno ordinato l’immediata chiusura degli accessi a Torrentreactor e Torrents . Il primo, localizzato in Ucraina, risulterebbe tra i 200 siti più visitati in Italia, con 600mila accessi unici.

“Le opere coperte da diritto d’autore illecitamente accessibili sono state quantificate in quasi 1,7 milioni – si legge nel comunicato della Guardia di Finanza – ed è stato stimato che siano stati percepiti oltre 4.700 dollari al giorno, grazie alla pubblicità, con l’incameramento di una somma complessiva pari a 5,2 milioni di dollari statunitensi”.

Più modesti i proventi illeciti del tracker Torrents.net , con circa 320mila accessi unici dall’Italia e oltre 3 milioni di pagine visitate ogni mese . Localizzato in Svezia, il portale BitTorrent guadagnerebbe 3,200 dollari al giorno sotto forma di proventi pubblicitari, “con l’incameramento di una somma complessiva pari a 3,5 milioni di dollari statunitensi”.

Soddisfatti i vertici della Federazione dell’Industria Musicale Italiana (FIMI), che aveva segnalato i due tracker in prossimità delle festività natalizie. “Sapevamo che nelle prossime ore i siti torrent sarebbero stati invasi dalle novità discografiche in classifica, tra le quali anche Italia Loves Emilia , i cui proventi delle vendite fisiche e digitali andranno a favore delle popolazioni colpite dal sisma”, ha dichiarato il presidente di FIMI Enzo Mazza.

“L’operazione della Guardia di Finanza ha colpito piattaforme criminali che lucrano a danno di artisti e imprese italiane, come confermano i dati sui ricavi dei siti – ha continuato Mazza – Ora andrebbero sanzionati anche gli investitori pubblicitari che sostengono le attività illegali”. Le indagini di Agropoli andranno ora a concentrarsi “sull’identificazione dei soggetti esteri che hanno partecipato alla gestione dei siti pirata, passibili di severe sanzioni di carattere penale nel nostro paese”.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

04 12 2012
Link copiato negli appunti